"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

Il miliardario terrorista Soros sta preparando un nuovo attacco alla Russia?

Il famoso speculatore finanziario George Soros ha consegnato 18 miliardi di dollari alla Fondazione Open Society, inclusa nell’elenco di organizzazioni che minacciano la sicurezza nazionale della Russia.

Il Wall Street Journal riferisce che Soros non utilizzerà questi fondi per speculazioni o investimenti sul mercato, in quanto dispone di fondi personali nel fondo Soros per questo fine.

La stessa Fondazione sostiene che tali apporti di capitale sono necessari per garantire il funzionamento della attività della Fondazione nel lungo periodo.

Soros è il fondatore e capo del fondo “Hedge Soros Fund Management” ed è tra le persone più ricche del mondo. Forbes stima la sua fortuna a 25 miliardi di dollari. Allo stesso tempo, più di 100.000 persone negli Stati Uniti, secondo i sondaggi, lo riconoscono come un terrorista a causa delle sue attività di sovversione.

Come detto, la Fondazione è inclusa nell’elenco delle organizzazioni le cui attività minacciano la sicurezza nazionale della Russia. Questa lista è comparsa nel 2015, con la prima organizzazione nell’elenco costituita dalla ” National Endowment for Democracy”, creata dal Congresso degli Stati Uniti. Allo stesso tempo, la Fondazione “Open Society” è stata estromessa dalla Russia nel 2015, in quanto considerata una ONG che svolge attività “indesiderate”.

Soros usa tradizionalmente i soldi rcavati dalla speculazione finanziaria e dagli investimenti per “sostenere la democrazia” nei paesi di tutto il mondo. In particolare per finanziare le operazion i di sovversione e di” regime change” nei paesi presi di mira da Soros.
Allo stesso tempo, molti politici sostengono che Soros stia complottando contro le autorità di alcuni paesi, anche se in alcuni casi questo è più simile a semplice tentativi i di demonizzazione.

Ma esistono anche molte prove reale delle interferenze da parte di Soros. I senatori americani hanno in precedenza inviato una lettera ufficiale al segretario di Stato, il signor Tillerson, in cui hanno dichiarato di avere informazioni circa il trasferimento di fondi dall’Agenzia statunitense per lo sviluppo internazionale (USAID), controllata dal Dipartimento di Stato, ad un certo numero di fondazioni dello scandaloso miliardario.

Soros ha utilizzato questi fondi per intervenire nelle elezioni in diversi paesi d’Europa, Africa e America Latina attraverso il finanziamento di determinati partiti politici, nonché in altri modi.

In particolare, i tentativi di influenzare il corso delle elezioni sono stati registrati in Albania e in Macedonia attraverso la Fondazione Open Society.

L’assegnazione di una tale quantità di denaro appena qualche mese prima delle elezioni presidenziali in Russia sembra sospetta. Dato che la Fondazione non ha alcuna presenza in Russia stessa, è ancora utile per i media e gli altri rappresentanti del servizio di sicurezza pubblica tenere traccia delle attività svolte dallo speculatore finanziario.

Fonte: Fort Russ

Traduzione: Alejandro Sanchez

*

code

  1. Aldus 2 settimane fa

    Ormai non andrà più tanto lontano, vista la sua giovanissima età e il decadimento inevitabile in agguato e la grande attesa nel suo Di Là, ove i diavoli stanno rivoltando montagne di tizzoni rossi per ben rosolarlo, in trepida attesa e pronti a cantargli la ninna nanna. E poi ci sono tutti quelli che ha rovinato e fatto morire: pure loro non vedono l’ora di cominciare chi ad addentarlo, chi a menarlo, chi a suonarlo come un materasso. Ho capito perché questi vecchiacci ricchi e fetenti campano così a lungo: cercano di rimandare il più possibile quello che sanno che li attende una volta tirate le cuoia.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Annibale55 2 settimane fa

    Mi domando se questi sono ricchi di suo o mooolto più semplicemente intercettano le derive del Q.E.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Eugenio Orso 2 settimane fa

    Terrorismo e grande capitale finanziario procedono a braccetto.
    Niente di strano che l’ebreo ungherese Soros sia uno dei “grandi vecchi” – sicuramente il più noto ed esposto, ma non certo l’unico – del terrorismo neocapitalista.
    Con il fondo hedge e la fondazione open society tesse le sue trame stragiste, distanziando l’isis di qualche lunghezza.
    Infatti, l’isis sta perdendo il controllo del territorio, in Medio Oriente, ma Soros non perde la sua pericolosità e aggressività di “miliardario democratico” … pronto a colpire in ogni parte del mondo (altro che il mitico Carlos!).
    Questo perché l’isis è solo uno strumento, che potrà essere dismesso o trasformato o sostituito da altri peggiori, mentre Soros è uno dei decisori globali, uno dei dominanti, un aristocratico del capitalismo che ha messo il turbo ed è mutato rinforzandosi.
    Una caratteristica del neocapitalismo globale del XXI secolo, a vocazione finanziaria, è che la crisi endemica, la guerra e la destabilizzazione sono diventate elemento strutturale irrinunciabile.
    Questo capitalismo non può riprodursi in assenza di crisi economiche, protratte nel tempo, e di guerre sanguinose, perché solo così può produrre quel “cambiamento” (l’anelato change!) necessario a consolidarsi come modo storico di produzione sociale.
    In pratica, devasta le società umane, oltre che l’ecosistema (altro che protocolli di Kyoto!), distrugge il vecchio ordine sociale, sottomette le entità statali ereditate dal secondo millennio, per imporre la sua “lex de imperio”.
    Soros è uno degli agenti strategici – non certo l’unica anima nera! – di questo capitalismo, con il prefisso neo per distinguerlo da quello produttivo, più fragile e meno “strutturato”, del secondo millennio.
    Oggi, l’arma finanziaria (spread, speculazione borsistica, derivati) si fonde con quella terrorista inestricabilmente, essendo gli stessi i dominanti-manovratori, così come l’economia formalmente legale, ma nella sostanza illegale, procede a braccetto con quella illegale, o sommersa.
    Accanto ai risparmiatori truffati, prima con i bond argentini, poi con le obbligazioni speciali, ci sono le vittime delle guerre combattute con le armi economiche – gli africani che muoiono nel Mediterraneo, per raggiungere l’Europa – e le armi da fuoco, come il mezzo milione di siriani sterminati dall’isis, da al-qaeda e dai “ribelli moderati” di Obama.
    Gli americani chiamano questo potere, interamente nelle mani degli agenti strategici neocapitalisti (come Soros, appunto), sbrigativamente Deep State, ossia stato profondo che si fa un baffo delle “regole democratiche” e decide per tutti, fuori controllo.
    Veramente sovrano è chi decide dello stato di eccezione … Soros, assieme a qualche migliaio di dominanti finanziari globali, è veramente sovrano, mentre noi, ai loro occhi, siamo soltanto bestiame sacrificabile.

    Cari saluti

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Tania 2 settimane fa

      Questo è.

      Ma rimango sempre della mia idea, Soros, assieme a qualche migliaio di dominanti finanziari globali, è veramente sovrano, ma solo perché noi, la massa, siamo come lui/loro.
      Se noi non fossimo come loro, “essi” nemmeno esisterebbero, è per questo che il sistema sociale ricchi/poveri è lo stesso da quando nel primo villaggio di palafitte uno se le prese tutte, avendo messo in piedi un gioco di cui solo lui sapeva la soluzione, e quelli del villaggio si giocarono tutto, pensando di essere più furbi di lui, quando sarebbe bastato essere diversi da lui.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Tania 2 settimane fa

      Anche questo commento di E.Orso è correttissimo, tanto è vero che ho scritto : Questo è. Punto.
      Questo che dice, è.
      Io credo che geneticamente ci siano due gruppi principali, uno positivo e l’altro negativo, non è che quelli del gruppo negativo non sanno le cose, che le sanno addirittura più dell’altro gruppo, è che devono essere negativi secondo loro natura,ecco!
      E’ come per i bugiardi ed i sinceri, tutti sanno, i sinceri si risparmiano la fatica di dover ricordare le bugie, i bugiardi in fin dei conti hanno doppio lavoro da dover svolgere, sotto certi aspetti, come per i negativi, alla fine devono essere più creativi degli altri…
      Io che sono mooolto pigra infatti sono sincera e positiva…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Renè 2 settimane fa

    “più di 100.000 persone negli Stati Uniti, secondo i sondaggi, lo riconoscono come un terrorista” Dunque ben lo 0,033% della popolazione ammerikana ha questo sospetto… è una notizia.
    In Italia invece nominarono il suo complice, il ladro corrotto Ciampi, Presidente della Repubblica ed anche la Bonino vorrebbe essere ricompensata con la stessa carica.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Tania 2 settimane fa

    Come si riesce a bloccare Satana?
    Cioè, in condizioni ideali, potremmo essere tutti positivi?

    Ci hanno sempre detto la storiella “sai che noia essere tutti uguali”, peccato che chi lo ha sempre detto poi vuole essere uguale ai pari suoi, che non esiste un ricco che stia con un povero, il ricco non si annoia mai di stare con i ricchi, e questo da millenni…
    Stì beccamorti!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Tania 2 settimane fa

      Scusatemi, sono talmente pigra che tendo a semplificare al massimo per risparmiarmi, sorvolando così sul fatto che dal bianco candido al nero pece si deve passare per una gamma infinita di tonalità. lo so.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Manente 2 settimane fa

    La super-lobby della finanza anglo-sionista ed il “deep state” finora hanno potuto agire indisturbati grazie alla cortina di “invisibilità” che sono riusciti a costruire intorno alla loro identità. Dopo svariati decenni, il muro di “segretezza” si sta finalmente sgretolando ed è ormai evidente che Soros con le sue Ong altro non sono che il braccio armato della “cabala” dei Rothschild & Co., la cupola criminale da cui predono ordini Obama, Clinton, Prodi, Napolitano, Bonino, Gentiloni e l’intero Pd. Essendo Soros un terrorista alla stregua dei suoi sodali Bin Laden ed Al Bagdadi, la sola conclusione che se trae è che i cittadini hanno tutto il diritto di pretendere che i loro governi riservino a Soros lo stesso trattamento che è stato riservato a criminali della calibro di Bin Laden ed Al Bagdadi. Il fatto che l’orrido Prodi abbia fatto concedere dalla Università di Bologna la “laurea honoris causa” a Soros ed il fatto che lo smidollato Gentiloni abbia riservato una accoglienza da capo di stato ad un terrorista pluri-pregiudicato e pluri-ricercato come Soros, dà la misura della abiezione morale di un partito come il Pd e degli scherani del “progressismo” come Saviano, Scalfari, Gruber e miserabili simili che hanno financo la incredibile pretesa di ergersi a “custodi della pubblica morale” in Italia !!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Tania 2 settimane fa

      Mi piace, mi piace, mi piace, mi piace, posso dare 1000 Mi piace a questo commento di Manente?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Eugenio Orso 2 settimane fa

        Soros è super protetto e ricevuto come un capo di stato, anche dalla mozzarella Duca/Conte Paolo Gentiloni Silveri nobile di Filottrano, Cingoli e Macerata.
        Al-Baghdadi, per l’anagrafe Ibrāhīm al-Badrī, credo che sia sotto protezione della Cia e/o del Pentagono e quando è stato ferito, l’hanno trasportato probabilmente in Turchia per amorevoli cure mediche … L’hanno rimesso in piedi e poi “rispedito al fronte”, a combattere per gli al-Saud e anche per Soros.
        Non ci vedo niente di strano che vili collaborazionisti come uno scialbo Gentiloni o un serpentesco Obama si prostrino davanti ai veri “capi di stato”, che decidono delle sorti del mondo in base ai loro interessi privati!

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Anonimo 2 settimane fa

    Che faccia da rettiliano ragazzi!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Mardunolbo 2 settimane fa

    Luridi vecchi legati a Satana e che mantengono capacità e potere sia per il patto diabolico, sia per le trasfusioni di estratti fetali di aborti ottenuti con le loro società he finanziano nel mondo aborti a gogò !
    E’ un’ipotesi la mia, ma è accertato che i feti abortiti entrano nel giro cosmetico e di creme rivitalizzanti.
    E’ questo l’abominio totale che grida vendetta davanti a Dio !

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Eugenio Orso 2 settimane fa

    Per caso ho trovato questo, sempre su Soros:

    http://www.dagospia.com/rubrica-3/politica/soros-fatto-maglie-oltre-complottismo-svelata-lista-226-159870.htm

    SVELATA LA LISTA DEI 226 PARLAMENTARI EUROPEI CONSIDERATI ‘AFFIDABILI’ DAL MILIARDARIO. GLI ITALIANI SONO 14, DI CUI 13 DEL PD, E NESSUN GRILLINO O DI FORZA ITALIA – IL GOVERNO UNGHERESE, GRAN NEMICO DI SOROS, USERÀ QUESTI ‘LEAK’ NELLA SUA FURIBONDA BATTAGLIA CONTRO I PROGETTI DELLA OPEN SOCIETY DI RIEMPIRE DI PROFUGHI E DI IMMIGRATI TUTTI I PAESI EUROPEI.

    Interessanti rivelazioni, a riguardo dei collaborazionisti sub-politici dell’élite.

    Cari saluti

    Rispondi Mi piace Non mi piace