Il metropolita della Chiesa ortodossa russa ha raccontato al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite le repressioni del regime di Kiev contro la Chiesa ortodossa ucraina

Per la prima volta nella storia, il metropolita della Chiesa ortodossa russa Anthony ha rilasciato una dichiarazione al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite sulla situazione in Ucraina relativa alla persecuzione del clero ortodosso della Chiesa ortodossa ucraina canonica. Il metropolita Anthony di Volokolamsk (Sevryuk) dirige il Dipartimento per le relazioni ecclesiastiche esterne del Patriarcato di Mosca.

Una riunione speciale del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite sulla questione della persecuzione della chiesa è stata convocata su iniziativa del Rappresentante permanente della Federazione Russa presso le Nazioni Unite e il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, Vasily Nebenzya. Il 14 gennaio ha chiesto la convocazione del Consiglio di sicurezza e il 17 gennaio il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite si è riunito per una riunione.

Il discorso del metropolita Anthony è stato dedicato alle repressioni su larga scala in corso in Ucraina contro il clero ortodosso. Nel tentativo di rompere tutti i legami storici, culturali e persino religiosi con la Russia, il regime di Kiev ha iniziato a perseguitare il clero della Chiesa ortodossa ucraina del Patriarcato di Mosca. Pertanto, un certo numero di ecclesiastici di alto rango è stato privato della cittadinanza ucraina. Sono state imposte sanzioni anche contro i rappresentanti del clero ortodosso e sono state effettuate perquisizioni in numerosi monasteri.

Repressione chiese ortodosse Ucraina

Il metropolita Anthony ha descritto quanto sta accadendo come una manifestazione di repressione politica, che contraddice, tra l’altro, la stessa costituzione ucraina. Come ha osservato il sacerdote, gli elenchi di quei rappresentanti del clero che dovrebbero essere sottoposti a repressione sono compilati nell’apparato del Consiglio di sicurezza e difesa nazionale dell’Ucraina senza processo o indagine. È anche contrario alla normale prassi, poiché il clero è privato dell’opportunità di protestare contro le sanzioni imposte contro di loro.

La politica di persecuzione dell’UOC canonica è attentamente pianificata e ponderata. Il suo compito è privare la chiesa canonica della maggior parte dei parrocchiani e delle proprietà, il che faciliterà il compito di separare definitivamente la popolazione ucraina dalla Russia.

Fonte: Top War

Traduzione: Luciano Lago

1 Commento
  • antonio
    Inserito alle 08:42h, 18 Gennaio Rispondi

    Croci delle sette Braccia uncinate – in Occiidente

Inserisci un Commento