Il metodo del “braccio di ferro” di Macron, così spesso utilizzato contro i francesi, non funziona in Niger

di Leslie Varenne

Il mondo intero guarda interdetto lo scontro tra Parigi e Niamey, basta guardare la televisione straniera per convincersene. Emmanuel Macron gestisce tutte le crisi interne ed esterne secondo lo stesso modus operandi: resistere alle avversità qualunque cosa accada e scommettere che passeranno. In Mali, durante lo scontro con il capo dello Stato, Assimi Goïta, ha utilizzato gli stessi metodi che hanno portato alla partenza dell’esercito francese. In Niger gli strumenti sono simili e il risultato sarà lo stesso. Questo metodo, unito alla totale assenza di diplomazia, indebolisce permanentemente la Francia sulla scena internazionale, in particolare all’interno dell’Unione Europea.

Sono qui, resto qui?
La situazione non ha precedenti nella storia della Francia. Il suo ambasciatore, Sylvain Itté, è recluso alla Cancelleria dal 26 agosto, quando è stato dichiarato persona non grata per non aver partecipato a un incontro organizzato dai militari. Di fronte al rifiuto del Quai d’Orsay di richiamarlo, le sue condizioni sono ulteriormente peggiorate, né lui né la sua famiglia godono dell’immunità diplomatica, un tribunale ne ha ordinato l’espulsione. I suoi 1.500 soldati di base a Niamey sono rinchiusi nella loro base dal colpo di stato del 26 luglio, così come le forze speciali a Ouallam, nell’ovest del paese. La giunta ha denunciato gli accordi di difesa con Parigi il 3 agosto, i soldati francesi avevano un mese per lasciare il territorio. L’ultimatum è scaduto

Quanto durerà, come andrà a finire?

Il primo ministro del Niger, Lamine Zeine, ha messo fine alla suspense suggerendo una speranza per una via d’uscita dalla crisi. Lunedì 4 settembre ha detto che erano ” in corso ” trattative affinché le forze francesi con sede nel paese si ritirassero ” rapidamente “.

Il giorno successivo l’AFP ha confermato l’annuncio . Se i negoziati erano in corso, perché avete mantenuto la pressione per tutto il fine settimana e avete continuato a manifestare davanti alla base militare francese? Queste immagini disastrose sono andate in loop sugli schermi di tutto il mondo. Sulla stampa, Catherine Colonna e Sébastien Lecornu hanno tuttavia difeso passo dopo passo la posizione di Emmanuel Macron , espressa durante la conferenza degli ambasciatori del 28 agosto: ” La nostra politica è semplice: non riconosciamo i golpisti, appoggiamo un presidente che non si è dimesso, con il quale rimaniamo impegnati, e sosteniamo l’azione diplomatica e militare dell’ECOWAS quando deciderà di farlo ”.

Niger: Giunta militare

Anche l’ex Ministro degli Affari Esteri del governo Mohamed Bazoum ha preso parte a questa offensiva mediatica, intervenendo su LCI e la Francia 24 . Hassimi Massaoudou ha così dichiarato: ” Vediamo l’intervento in arrivo, l’uso della forza è inevitabile”. Perché fare simili osservazioni quando il progetto aveva già preso acqua da tutte le parti? Per molteplici ragioni legali, operative e di capacità, l’ECOWAS non è stata in grado di condurre questa battaglia. Inoltre, dopo aver guidato i guerrafondai, il presidente nigeriano ha messo il piede sul freno. Contestato nel suo paese per le sue posizioni bellicose, Bola Tinubu, in pericolo dopo la sua recente elezione, ha finito per offrire ai soldati nigerini una transizione di nove mesi! Senza la partecipazione di Abuja con il più grande esercito della regione, questo intervento non sarebbe più stato possibile. Per quanto riguarda la sostituzione di Mohamed Bazoum nelle sue funzioni con l’uso della forza, come sostenuto da Hassoumi Massaoudou nella sua intervista, cosa dire ? Come possiamo immaginare un presidente deposto che sale al trono senza il sostegno popolare e con tutte le forze di difesa e di sicurezza unite contro di lui? Sarebbe come governare un Paese senza popolo e senza esercito. Per usare l’espressione di Emmanuel Macron davanti agli ambasciatori”Viviamo tra i pazzi ”.

Hai detto solidarietà europea?
Senza l’intervento dell’ECOWAS, la Francia non avrebbe più potuto fornire il suo sostegno e ha dovuto solo fare le valigie. Avrà mantenuto una postura insostenibile fino al limite estremo. I paesi dell’Unione Europea hanno visto la Francia impantanarsi in questa crisi tra gioia, stupore e fastidio. Incontrandosi a Toledo il 31 agosto, i ministri degli Esteri dell’UE non hanno nascosto la loro insoddisfazione. L’italiano Antonio Tajani ha parlato a nome di molti dei suoi omologhi dichiarando che una soluzione militare sarebbe un ” disastro ” suscettibile di innescare una nuova crisi migratoria. Tant’è che, cosa estremamente rara, il dispaccio della Reuters che ha riferito di questo incontro ha sottolineato che la Francia ” ha mantenuto un basso profilo durante l’incontro”. Hassoumi Massaoudou, che era loro ospite, ha dichiarato senza battere ciglio alla LCI che “ l’UE agisce come un solo uomo a sostegno della democrazia francese e nigerina ”. Uniti sì, ma contro il Parigi! Inoltre, se hanno accettato le sanzioni, hanno diplomaticamente rinviato indefinitamente alla Grecia la richiesta dell’ECOWAS di fornire sostegno finanziario per l’intervento militare.

Ricordiamo che nessuno degli alleati della Francia ha parlato della partenza delle truppe francesi richiesta dai militari al potere a Niamey. Nessuno ha ripreso la tesi di Parigi sull’illegittimità della decisione. Solo Josep Borrel ha espresso la sua solidarietà per l’espulsione dell’ambasciatore francese.

Secondo un parlamentare europeo: ” Sono tutti felici di vedere la Francia allinearsi, vederla normalizzarsi, diventare un paese europeo come tutti gli altri, un paese che abbandona la sua presenza mondiale” . Nei corridoi del parlamento c’è tra alcuni una sorta di giubilo: “ In Africa la Francia ha perso tutto, tranne la sua arroganza! Come già dimostrato dall’incontro di Toledo, il crollo dell’influenza francese provocherà inevitabilmente uno sconvolgimento negli equilibri di potere all’interno dell’UE.

Niger, folla inneggia alla Russia

In queste condizioni, non sarebbe sorprendente vedere i tedeschi rilanciare il dibattito sulla spartizione del posto nel Consiglio di Sicurezza. Berlino da tempo sostiene l’idea che il seggio della Francia come membro permanente debba andare all’intera UE. Una proposta alla quale la Francia si è sempre opposta con un rifiuto categorico … Ma se perde il suo rapporto speciale con una parte dell’Africa, se perde i suoi voti alle Nazioni Unite, è un motivo in meno per mantenere la sua particolarità nel Consiglio di Sicurezza. , un motivo in più, direbbero alcuni, per trasformare la sua sede in un luogo per l’UE.

Russi o americani?
A giustificare questo indebolimento sulla scena internazionale, è lo stesso ritornello a lungo cantato da discorsi e antenne: è Wagner, sono stati i russi. È manipolazione, è la potenza di fuoco delle reti di comunicazione di Mosca, che vuole cacciare la Francia dall’Africa. Rispecchiando ciò, altri credono che gli americani stiano complottando dietro le quinte per prendere il sopravvento. In entrambi i casi, questo atteggiamento consiste nell’esonerarsi dagli errori commessi e nel negare agli africani la capacità di prendere in mano il proprio destino. Questo colpo di stato è Niger-Niger. A questo proposito il sito Grayzone riporta, citando un funzionario sudafricano, un aneddoto edificante. Tre giorni prima di recarsi a Niamey per negoziare con la giunta, Victoria Nuland, vicesegretaria di Stato ad interim, è atterrata in una Pretoria totalmente sconvolta . Ha chiesto aiuto alle autorità per respingere gli autori del colpo di stato. ” In più di 20 anni di lavoro con gli americani, non li ho mai visti così disperati .” Gli Stati Uniti si limitano a tappare le falle affinché il campo occidentale non perda troppi voti alle Nazioni Unite.

Curiosamente nessuno ha visto la mano di Pechino, che tuttavia è molto presente in Niger, con l’oleodotto Agadem/Cotonou, la raffineria Zinder, la diga idroelettrica di Kandadji. In un momento in cui aleggiavano le minacce di un conflitto, il ministro della Difesa Salifou Mody ha ricevuto tranquillamente l’ambasciatore cinese a Niamey. Allo stesso tempo, il presidente del Benin, uno dei più convinti sostenitori dell’intervento militare, ha incontrato Xi Jinping durante un viaggio di stato di quattro giorni a Pechino. Ha elogiato le partnership vantaggiose per tutti e ha esentato i cittadini cinesi dall’obbligo del visto . Mentre Parigi è indignata, mentre Washington cerca se stessa, mentre entrambi vedono l’occhio di Mosca ovunque, la Cina ha la meglio.

COSÌ va il mondo…
Ora è acquisito, la Francia lascerà il Niger. Per arrivarci, Emmanuel Macron avrebbe potuto evitare minacce, colpi al mento, posture. Dopo Mali e Burkina Faso, la sequenza in Niger è ancora più disastrosa. Per l’esercito in primis, le immagini di migliaia di manifestanti davanti alla base militare francese rimarranno nella storia. Poi per il Quai d’Orsay, la cui diplomazia è ancora indebolita dal caso Sylvain Itté, che ha stravolto il diritto internazionale violando la Convenzione di Vienna. Si potrebbero citare altri esempi, come l’immagine devastante dell’ambasciatore francese Alexis Lamek, ricevuta dal golpista gabonese Oligui Nguema meno di cinque giorni dopo il suo colpo di stato. Una settimana prima,

fonte: IVERIS

Traduzione: Gerard Trousson

3 commenti su “Il metodo del “braccio di ferro” di Macron, così spesso utilizzato contro i francesi, non funziona in Niger

  1. Forza BRICS+++ anche noi italiani dobbiamo aderire ai Brics +++ per liberarci dalla Finanza Tossica e guerrafondaia della NATO USA GB

  2. Declino inarrestabile della “grandeur” imperialista, coloniale e nucleare … inoltre a dimostrazione che la UE non ha senso di esistere, perchè la Francia deve essere membro permanente del consiglio di sicurezza, unico tra i paesi della Ue ? E anche l’ormai ex impero britannico non ha più senso che conservi quel seggio … E’ proprio l’intera struttura dell’ONU che è fondata su presupposti del tutto sbagliati. Ben diverso il rapporto tra pari dei paesi BRICS !

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM