Il messaggio della piattaforma unificata per l’Asse della Resistenza nella Giornata Internazionale di Gerusalemme



In occasione della Giornata internazionale di Gerusalemme, che cade l’ultimo venerdì del mese benedetto del Ramadan, la piattaforma unificata dell’Asse della Resistenza invia un messaggio al mondo, confermando la sua adesione alla difesa della causa palestinese di fronte alle aggressioni dell’occupazione israeliana.

In occasione della Giornata internazionale di Gerusalemme, il Segretario generale di Hezbollah, Sayyed Hassan Nasrallah, ha affermato che l’incontro, di nuovo nell’unico podio, arriva per esprimere “il nostro impegno e la nostra fede nella causa palestinese “.

Nel suo discorso sulla piattaforma unificata dell’Asse della Resistenza, in occasione della Giornata internazionale di Gerusalemme, Sayyed Nasrallah ha invitato tutti a “una maggiore partecipazione e un’espressione appropriata della posizione sincera e fedele”, rilevando che “ci sono una serie di fattori che confermano la grandezza dell’impegno e la crescente responsabilità su tutti noi “.

Ha anche sottolineato che “la rivolta di Gerusalemme nelle ultime settimane, e l’interazione del popolo della Cisgiordania con questa e la Striscia di Gaza e il suo ingresso militare, sebbene in modo limitato e ponderato per sostenere Gerusalemme, in un tentativo di creare nuove equazioni, questo è uno sviluppo molto importante per le nostre mani “.

Al Aqsa Moschea a Gerusalemme, luogo sacro per i mussulmani

Nasrallah ha ritenuto che questi recenti eventi confermino l’adesione del popolo palestinese ai propri diritti e che non ne abbandoneranno alcuno, e “questo è importante”.

Nasrallah ha detto che il palcoscenico dell’ex presidente Donald Trump e quello dei pilastri di Trump “è caduto nella regione e gettato nella spazzatura della storia, e con esso l’accordo del secolo”, rilevando che tra i fattori che richiedono una crescente responsabilità “, la stabilità dell’asse di resistenza e superare la fase più pericolosa essendo presa di mira la sua presenza ed entità nella regione e a livello esistenziale “.
Allo stesso modo, Nasrallah riteneva che le profonde crisi sociali, politiche e morali all’interno dell’entità sionista “iniziassero ad apparire in superficie chiaramente e fortemente”, e molti esperti sionisti “iniziarono a parlare della loro preoccupazione per la sopravvivenza di questa entità alla luce di questi crisi profonde “.

Hassan Nasrallah


L’arcivescovo cristiano, greco-ortodosso mons. Atallah Hanna: Gerusalemme è il nostro orizzonte più sacro

Monsignor Atallah: Non siamo neutrali riguardo alla questione palestinese
Dalla Gerusalemme occupata, l’arcivescovo di Sebastia, l’arcivescovo greco-ortodosso Atallah Hanna, ha detto: “Gerusalemme è presa di mira in tutto, e nulla è escluso da questo. Così come vengono prese di mira le santità e le dotazioni islamiche, così sono sotto attacco anche le nostre dotazioni cristiane. e santità “.

Atallah Hanna ha affermato che “proprio come i musulmani che vanno alla moschea di Al-Aqsa vengono attaccati, così anche i cristiani vengono attaccati quando vanno alla chiesa del Santo Sepolcro, ed è quello che è successo di recente quando i cristiani hanno celebrato la gloriosa festa della Resurrezione . “

Vescovo di Gerusalemme Mons. Atallah Hanna

Ha continuato: “Non siamo neutrali riguardo alla questione palestinese, e riguardo a Gerusalemme in particolare, difendiamo questa causa, e difendiamo Gerusalemme, perché quando difendiamo questa giusta causa e quando difendiamo Gerusalemme, stiamo difendendo la nostra la storia, la nostra fede, le nostre radici “Sull’originalità della nostra presenza in questa … parte sacra del mondo”.

Ha anche sottolineato che la questione palestinese è “una questione che ci unisce come figli del popolo palestinese, cristiani e musulmani”, così come è “la questione di tutte le persone libere nel nostro mondo, indipendentemente dalle loro affiliazioni religiose o etniche. o antepassato culturale “.

E il vescovo ha detto: “Ogni persona che ha valori e principi morali e umanitari deve difendere la causa palestinese”.

Fonte: Al-Mayadeen Net

Traduzione: Fadi Haddad

1 Commento
  • antonio
    Inserito alle 17:57h, 08 Maggio Rispondi

    Gerusalemme città aperta, fuori israele da Gerusalemme !
    dovrebbe uscire pure dalla Palestiina, se gli ebrei vogliono stare in Palestina pacificamente e docilmente saranno sempre rispettatii come è sempre stato in Medioriente

Inserisci un Commento