Il martirio di Soleimani ha fatto rinsaldare l’Asse della Resistenza molto più di quanto il generale sperava da vivo


di Elijah J. Magnier

Più di quaranta giorni fa, un drone americano ha assassinato il maggiore generale Qassem Soleimani , leader del Corpo iraniano della guardia rivoluzionaria (IRGC) – della Brigata Quds e leader dell ‘”Asse della Resistenza”. È stato ucciso dopo mezzanotte all’aeroporto di Baghdad tra il 2 e il 3 di gennaio insieme ai suoi compagni. Forse l’Asse della Resistenza ” è stato indebolito da questo evento, e cosa hanno ottenuto USA/Israele da allora?

Sul fronte siriano, con un notevole guadagno, l’esercito siriano (SAA) insieme ai suoi alleati della brigata Zoul-fi-Qar e altri partner hanno liberato per la prima volta la strada Damasco-Aleppo di 432 km da quando è stata bloccata nel 2012. La SAA ha ampliato il perimetro di sicurezza sul fianco occidentale. Le città strategiche di Saraqeb, Rashedeen, Khan al-Asal sono state liberate insieme a El-Eiss hil, un luogo che il Maggiore Generale Soleimani ha sempre voluto liberare. Hezbollah ha perso 23 ufficiali sepolti sulla collina e vuole recuperarli per riportarli a casa.

Con il comando russo, l ‘”Asse della resistenza” è seduto in una sala operativa di Aleppo che si sta coordinando con gli altri a Damasco e nella base russa di Hmaymeem. Questi stanno guidando l’avanzamento della battaglia contro gli jihadisti e offrono l’intelligence e il supporto aereo necessari. L’esercito siriano è riuscito a creare un vasto perimetro di sicurezza lungo la strada M5 (Damasco-Aleppo) quella che la Turchia aveva promesso – ma non era riuscita – a garantire dall’ottobre 2018. Questo progresso indica un percorso strategico che si basa su obiettivi e nessun leader specifico.
L’obiettivo in Siria, un membro essenziale del “Asse della Resistenza”, è quello di liberare l’intero paese, indipendentemente da quali leader vengano uccisi su questa strada. Molti eminenti generali siriani sono stati uccisi durante questi nove anni di guerra, ma la Siria continua a essere liberata.

L’Iran e la Russia stanno parlando con la Turchia per mantenere un dialogo con la Siria, nonostante le conseguenze della battaglia in corso. La perdita del maggiore generale Soleimani non cambierà né modificherà i loro obiettivi.

In Iraq, il Maggiore Generale Soleimani non poteva quasi sognare una decisione politica che chiedesse agli Stati Uniti e a tutte le forze straniere di lasciare il Paese. Questa è stata una decisione significativa che l’Iraq ha adottato, trasformando lo status giuridico delle forze statunitensi in una forza di occupazione perché il programma e la procedura di partenza concordati non sono rispettati.

L’Iraq deve tenere un piccolo numero di truppe NATO nel paese allo scopo di addestrare e assicurare pezzi di ricambio perché l’Iraq ha acquistato molte armi dai paesi NATO. Tuttavia, il governo di Baghdad non può ora offrire alcuna garanzia di sicurezza a questi ufficiali della NATO, a causa dell’odio popolare che gli Stati Uniti hanno incitato uccidendo il comandante iracheno di alto rango e popolare, Abu Mahdi al-Muhandes, nell’illegale attacco di assassinio degli Stati Uniti sull’aeroporto di Baghdad.
Il neoeletto Primo Ministro dovrebbe formare un governo con il programma per la partenza delle truppe degli Stati Uniti in cima ai suoi piani prioritari.

Inoltre, mai nella storia dell’Iraq dall’occupazione del 2003 la resistenza irachena è stata unita sotto un unico leader. La richiesta di Moqtada al-Sadr di manifestare in strada contro gli Stati Uniti gli ha portato grande popolarità. Tutti i gruppi, nonostante il disaccordo iniziale di Nuri al-Maliki e Sayyed Ammar al-Hakim, hanno accettato la scelta di Allawi di Allawi come Primo Ministro. Moqtada al-Sadr era fonte di preoccupazione quando il maggiore generale Soleimani era nei paraggi. Il generale iraniano non era d’accordo con i continui cambiamenti di posizione politica di Moqtada.
Inoltre, il leader al-Sadr era contro l’Hashd al-Shaabi (anche se ha una sua brigata, la 313 brigata), e aveva chiesto il disarmo di tutti i gruppi iracheni appartenenti all’Asse della Resistenza. Moqtada adesso sta lavorando fianco a fianco con questi gruppi, un risultato insperato in precedenza.

Milizie sciite dell’Hashd al-Shaabi

In Libano, un nuovo governo è stato formato sotto Hassan Diab, senza i più stretti alleati degli Stati Uniti in Libano. L ‘”Asse della Resistenza” è riuscito a portare avanti la formazione del governo e ha supportato Diab nel risolvere molti problemi nel suo percorso di formazione del governo attuale. Diab ha accettato i suggerimenti dell ‘”Asse della Resistenza” nel formare il suo governo, garantendo la legittimità di Hezbollah per difendere il paese da qualsiasi aggressione straniera.

Il parlamento libanese ha dato al sig. Diab la fiducia di cui aveva bisogno per iniziare il suo mandato. L ‘”Asse della Resistenza” è riuscito a prevenire un vuoto di potere o la diffusione del caos in Libano. Oggi molti paesi stanno contattando il Primo Ministro per sostenerlo nel suo difficile compito di far uscire il paese dalla sua crisi economica più critica dall’indipendenza del 1945. In Libano oggi i militanti Hezbollah continuano a ricevere il loro intero stipendio, in dollari USA, nonostante il ” massima pressione “sull’Iran e le dure sanzioni contro Hezbollah.

Hezbollah Reparto

In Palestina, le masse palestinesi sono unite contro l ‘”affare del secolo” presentato dall’amministrazione americana. Tutti lo hanno respinto, incluso il presidente Mahmoud Abbas, che aveva in effetti concluso l’accordo di Oslo e tutte le forme di cooperazione in materia di sicurezza con Israele e gli Stati Uniti. I palestinesi di ogni estrazione sociale insistono sul loro diritto di tornare a casa e hanno respinto l ‘”accordo” che porta via tutte le risorse di acqua dolce, l’accesso al Mar Morto e il 30% delle terre nella Cisgiordania. Era raro vedere una simile unità tra tutti i gruppi palestinesi contro una causa. Questa adesso è stata raggiunta.

In Afghanistan, gli Stati Uniti hanno riconosciuto l’insolita attività dei talebani dall’inizio dell’anno. Il generale Franck McKenzie, il comandante di tutte le forze statunitensi in Medio Oriente, ha riconosciuto che “c’è stato un aumento dell’attività iraniana in Afghanistan che rappresenta un rischio per le truppe americane e di coalizione in questo paese. L’Iran vede forse un’opportunità per prendersi cura di noi e della coalizione qui attraverso i loro delegati ”.
McKenzie vede una “preoccupante tendenza della cattiva interferenza iraniana”. I talebani hanno abbattuto un aereo americano usato dalla CIA. Il Pentagono riconosce la morte di due ufficiali a bordo ma si astiene dal condividere ulteriori informazioni.

In Yemen, il portavoce delle forze armate yemenite, il generale Yahya Saree, ha rivelato i dettagli dell’operazione militare più audace contro la coalizione a guida saudita a Naham, Ma’reb sotto il nome di “Buniyan al-Marsus”. Ha affermato che 17 brigate sono state attaccate e le forze yemenite sono riuscite a controllare una vasta area della provincia. Inoltre, lo Yemen sta sviluppando le sue capacità militari più che mai, colpendo in profondità l’Arabia Saudita e le sue risorse petrolifere.

Il percorso dell ‘”Asse della Resistenza” sembra inarrestabile nonostante l’assassinio del Maggiore Generale Soleimani. La nascita di una nuova resistenza nel nord-est della Siria, nella provincia di al Hasaka, indica un nuovo approccio spontaneo su cui l'”Asse della Resistenza” può costruire. Il terreno fertile nel villaggio siriano di Khirbet Ammo ha favorito una nuova ondata di resistenza in altre comunità contro le forze di occupazione statunitensi il cui obiettivo è rubare il petrolio siriano, come ha annunciato sfacciatamente il presidente Donald Trump.
Uomini disarmati stavano in piedi contro un convoglio americano completamente armato, chiedendo loro di non tornare. Questa è una mentalità e un obiettivo che è stato coltivato in tutti questi anni ed è diventato fortemente integrato tra i membri dell ‘”Asse della Resistenza”.

Questi eventi mostrano che i singoli leader sono irrilevanti; i migliori leader sanno che verranno uccisi su questa strada. Il martire Qassem Soleimani sta ottenendo risultati ancora maggiori di quelli ottenuti dal maggiore generale.

https://ahtribune.com/world/north-africa-south-west-asia/3895-martyr-qassem-soleimani-achieves-even-more.html

Fonte: American Herald Tribune

Traduzione: Luciano Lago

9 Commenti

  • Manente
    18 Febbraio 2020

    Chi lavora per fare del male ad altri, cadrà in male simile… Chi scava la fossa per gli altri, vi cadrà dentro !

  • Max Dewa
    19 Febbraio 2020

    E’ sempre LA Giudaglia che comanda gli Ameri- Cani Giudaglia che comanda pure tutte le nazioni Europee che oramai sono diventate gli Stati Uniti D’Europa , nessuna autonomia di scelta libera ci e’ concessa , pena LA fame diventare come LA grecia , I nostri governi di Traditori piccoli Giuda meschini come Conte Salvini Renzi da suicidio non hanno fatto e pensato ad altro dal 1945 che farci diventare scimmie bianche depravate Basta vedere I nostri Giovani che vanno vestiti come straccioni colorati rap Americani , agghindati come degli infermi mentali , LA vergogna delle vergogne ! LA testa del Serpente pervertitore saccheggiatore truffatore corruttore son Gli Ebrei o che si schiaccia LA testa a quel serpente che con le Sue Banche e I Suoi Media Bugiardi avvolge tutti I popoli oppure non si fara’ mai niente di niente non si risolvera’ mai niente , guradate solo San remo con benigni quell’agente degli ebrei mandato sul palco per difemdere i l diritto di depravazione di pornografia e poi come viene pagato bene altroche’ , o Fiorello che dissacra LA chiesa con quell’inizio ad hoc xche’ mai non si scelgono gli ebrei o I musulmani come oggetto del loro dileggio !

  • Mardunolbo
    19 Febbraio 2020

    Max Dewa, hai ragione ! Ma gli italiani un po’ di memoria l’hanno, anche se scarsa e da dopo la guerra triste, con sconfitta, preferiscono dedicarsi a seguire dove va il pallone alla domenica o mangiare al ristorante di sabato. Alcuni, definitesi “duo-siciliani” se ne vanno a troiette tunisine per sentirsi uomini, dopo aver apostatato dal cristianesimo. Insomma è la ovvia reazione sentendo dentro di sè che non puoi fare nulla dopo che persino una guerra, non voluta, ma spinta dalle centrali economiche mondiali per devastare ancora l’Europa che stava risorgendo dopo la prima devastante guerra mondiale e l’epidemia di “spagnola”….Altra bastonata a chi si opponeva alla gestione mondiale dell’economia…Ora stanno sorgendo due nazioni antiUsa, che si sono coalizzate per resistere alla solita gestione uniproprietaria. Fino alla prossima guerra ? Non sappiamo, ma gli indizi ci sono. Ma se Cina e Russia vinceranno ,l’ateismo cinese non lascierà certo tranquilli i cristiani europei, che dopo le schifezze gay vedranno la limiazione della libertà religiosa in modo drastico. Insomma brutti tempi comunque !
    Per ora mi ralegro delle vittorie di Iran,Hezbollah e Siria contro i ratti mercenari !

    • atlas
      19 Febbraio 2020

      io non mi definisco, io SONO DUO SICILIANO. Il Cameratismo Fascista è improponibile oggi, non c’è alcuna fratellanza, solo il rispetto e, perchè no, l’amicizia per chi se lo merita, di stranieri buoni e cattivi, di colti e ignoranti, di educati e maleducati ce ne sono in tutto il mondo. Anche se nessuno di noi dimentica che c’è stata una guerra di aggressione contro le Due Sicilie, non dichiarata e alla quale parteciparono mercenari garibaldini da tutti i vostri regni al servizio della massoneria inglese e giudea dei Rothchild. Erano l’isis di oggi e i partigiani di ieri. Italiano ? Ma ve le vedete le vostre città, piene zeppe di medaglie contro il Fascismo ? Italiano vuol dire democratico e massone, alla larga

      e, come scrive max di quei giovani ributtanti, essi sono presenti più da voi che da noi, questione di sangue anglosassone, di razza diversa. Con tutto lo schifo che purtroppo c’è credo che noi ancora possiamo salvare il salvabile, voi…è molto difficile

      LE TROIE ? Non le conosci, a pettegolare come una portinaia di Porto Ceresio commetti cristianamente un peccato di gola

      (a volte si dovrebbe guardare a casa propria)

      (la trave che si ha nel culo)

    • Kaius
      19 Febbraio 2020

      Meglio i satanisti piuttosto che la feccia pedo omofila zoofila incestuosa targata lgbtaiap.
      Perfino ai demoni fanno schifo quei mostri contro natura,abominevoli aberrazioni pervertiti psico o sessualmente malate comunemente chiamate “ricchioni”.

  • Max Dewa
    19 Febbraio 2020

    Beh ma mardunolbo io mi son sentito umiliato come italiano a vedere LA stazione di Parma uguale ad una statzone dei treni Afrikana o Islamica piena di negri marocchini tunisini ispanici ecc con certe facce da galera …spettacolo allucinante , l’ignominia cadra’ su tutti noi e voi potete starne certi , Qui e’ questione di vigliaccheria e di codardia ,escludendo LA fascia che va dai 65 in su di eta ‘ il resto Della popolazione Italian a maschile deve fare e prendere in considerazione Seriamente l’idea del suicidio collettivo non si puo’ stare a vedere sta gente senza dire niente fare niente ripeto da suicidio all’arma bianca molto piu dignitoso che starsene cosi anestetizzati ipnotizzati di coglioneria , non voglio tirare in ballo I’ll sud ma visto che atlas ci prova a discolpare i l sud vorrei far presente all’apostata che tutti gli sbarchi di Clandestini avviene nei porti del Sud Italia mica arrivano a riccione o Venezia o Genova percio’ meglio lasciar perdere I paragoni , poi su chi sia peggio tra LA gioventu del Sud e quella del Nord digitate” il tramite film completo” I Giovani giu son messi anche peggio causa malavita !

    • atlas
      19 Febbraio 2020

      arrivano anche via terra, dalla Francia, a Trieste, dalla Svizzera che li rimanda indietro

      e poi io divise non ne ho più, lo so benissimo che quelle milizie sono i peggiori nemici e traditori, gentaglia che si vende per 2000€ al mese

      cmq le anime candide delle ONG sono la maggior parte italiane, non Duo Siciliane. Noi subiamo le politiche di Roma e Milano, avessimo indietro la nostra Nazione non entrerebbe nessuno, loro pensano di averci annullati, ma noi il Fascismo ce l’abbiamo nel sangue, perchè siamo di razza Mediterranea. Quando esploderemo noi non si salverà nessuno

  • Mardunolbo
    20 Febbraio 2020

    Il sud non esploderà mai , innanzitutto perchè i primi traditori del loro popolo furono i generali borbonici che vendettero persino il pisello ai soldi (falsi del regno Savoia. Poi vi fu emigrazione massiccia dei coraggiosi che vollero ricostruirsi la vita.
    Con il fascismo vi fu un po’ di contenimento delle lagne meridionali tipiche con personaggi di spicco , tipo colonnello Castagna che organizzò la difesa di Giarabub in modo egregio e che morì nella sua Sicilia dove nacque.
    Ma con l’arrivo degli americani e dei loro alleati mafiosi, la Sicilia ritornò nel potere massonico/mafioso come non mai. E non si libererà più ! La rivolta di Reggio Calabria con Cicciomessere (mezzo mafioso) fu l’ultima rivolta come si deve di un popolo. Poi il silenzio di tomba rotto dai gargarismi di apostati…
    Almeno il Nord aveva dei piemontesi che andavano in guerra contro l’Impero Austro-Ungarico che è come se la Svizzera facesse guerra agli Usa ….un bel coraggio di Carlo Alberto !
    Con tutto quel che segue di storia e con le ombre luride dell’attacco a Regno di Borbone, prima e poi al regno del Papato (bersaglio ovvio della massoneria anglosassone).
    Beh cerchiamo di vivere stando in piedi senza cercare di volteggiare nell’aria come il piccolo diavolo di benigni il versipelle-leccaku.

    • atlas
      20 Febbraio 2020

      lo sappiamo che nelle Due Sicilie c’è la massoneria. E la vinceremo. E non fu cosa nostra, ma importata dai giudeo-piemontesi. Il Regno con i Borbone era più cattolico anche del vaticano. Certo, i traditori ci stanno in tutto il mondo, i vostri partigiani te li sei dimenticati ?

      cicciomessere o Ciccio Franco ? Ognuno spara le sue cartucce come vuole, Benigni compreso

      e compreso l’intervistato. Io sono MOLTO più Duo Siciliano di lui, la parola ‘italia’ mi causa vera e propria nausea. Sono stato sempre così, ne ah ne bah, nessun compromesso sui valori fondamentali. Cosa ne sarà del tutto ? Si vedrà, ma tanto comincia a crescere anche da noi. Nulla che si possa scrivere su una sorta di forum pubblico che legge tutto il mondo com’è questo sito

      https://www.youtube.com/watch?v=FxlXCLyquns

Inserisci un Commento

*

code