Il Mar Nero nuovo teatro di provocazioni della NATO e dell’Ucraina contro la Russia

L’Ucraina sta per espandere il suo controllo sul Mar Nero – la legge in questione è stata approvata dal Verkhovna Rada (Parlamento Ucraino). Kiev chiama l’iniziativa la necessità di combattere il traffico di contrabbando, ma Mosca indica un chiaro orientamento anti-russo della legge e prevede un prossimo scontro nel Mar Nero.

Nella prima lettura, la Verkhovna Rada ha adottato il progetto di legge “Sulla zona adiacente dell’Ucraina” (una sezione di spazio marittimo), che prevede l’estensione del territorio controllato da Kiev al mare di ulteriori 12 miglia nautiche per contrastare il traffico di contrabbando nel Mar Nero.

“L’Ucraina ha perso la capacità di controllare efficacemente le spedizioni all’interno dell’area marittima, che, secondo la legge e la legislazione dell’Ucraina, consente la detenzione e l’ispezione di navi sospettate di pirateria, trasporto illegale di armi, droga, traffico di esseri umani, contrabbando”, afferma il testo documento.

“L’adozione della legge consentirà l’espansione del territorio controllato via mare a 12 miglia nautiche (fino a 24 miglia), questo creerà motivi per una significativa riduzione del traffico di contrabbando nel Mar Nero, preverrà le violazioni del confine di stato, influenzerà positivamente la sicurezza nella regione e garantirà la sovranità economica dell’Ucraina”, – recita la nota esplicativa sul conto.

Per fare questo, gli autori dell’iniziativa propongono di regolare lo status della cosiddetta zona adiacente, riferisce RIA Novosti .

Mosca ha indicato che il disegno di legge, contrariamente all’obiettivo ufficiale dichiarato, è in realtà diretto contro la Russia.

Incrociatore russo

Trasmesso da RT . Questo comunicato è stato fatto dal primo vice presidente della commissione per gli affari della CSI, l’integrazione eurasiatica e le relazioni con i compatrioti della Duma di Stato Konstantin Zatulin .

“Tutte le leggi recentemente adottate dalla Verkhovna Rada (Parlamento Ucraino), che sono state lanciate dal presidente o dai suoi concorrenti in un ambiente intriso di russofobia, mirano a interrompere al massimo i contatti con la Russia e a creare ulteriore tensione in varie questioni. Tutto quelo che l’Ucraina fa prima delle elezioni di marzo è diretto proprio a questo “, ha sottolineato il parlamentare.

Secondo lui, l’iniziativa si concentra principalmente sui cittadini ucraini, con un atteggiamento negativo nei confronti della Russia.

“Dal punto di vista della politica interna, questo si spiega con il desiderio di ottenere il sostegno degli autori di varie iniziative e della voce della minoranza russofoba dell’Ucraina. Il fatto è che questa minoranza nazionalista è estremamente attiva e la sua attività impedisce qualsiasi tentativo di appellarsi al buon senso, men che meno di sostenere l’idea di mantenere rapporti normali con la Russia “, ha spiegato il vice.

Mappa mar nero

Il politico ha espresso la previsione che tali azioni dell’Ucraina porteranno presto ad uno scontro con la Russia nel Mar Nero.

“L’adozione di questo disegno di legge comporterà la creazione di ulteriori opportunità di provocazioni nel Mar Nero con il pretesto di proteggere le acque territoriali dichiarate unilateralmente o le zone economiche esclusive. A mio parere, la Russia non riconoscerà nulla del genere, ma deve essere pronta per il fatto che si inizierà un “tiro alla fune” e che gli ucraini tenteranno di stabilire le loro richieste unilaterali in un attimo “, ha detto Zatulin.

“Permettetemi di ricordarvi che il Mar Nero è il mare europeo e non vogliamo essere testimoni del prossimo conflitto militare nella nostra regione vicina”, ha affermato il politico europeo, Mogherini.

Ha anche aggiunto che la militarizzazione del Mar d’Azov potrebbe trasformarsi in una destabilizzazione della situazione nell’intera regione del Mar Nero.

Da parte sua, il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg ha affermato che i paesi dell’alleanza hanno espresso preoccupazione per il rafforzamento della presenza militare della Russia nel Mar Nero. Secondo lui, la regione del Mar Nero è una delle priorità per l’ alleanza del Nord Atlantico e per la Georgia.

Nel luglio di quest’anno, la fregata della Royal Dutch Navy De Ruyter, la fregata Fatih, la fregata delle forze navali della Romania, Regele Ferdinand, sono arrivate a Odessa. Inoltre, nel Mar Nero erano presenti il gruppo navale anti-mine permanente del NATO Rhein, i dragamine della marina turca Anamur e l’IS della Romania, Lupu Dinescu.

Le navi della NATO, insieme alle forze armate ucraine, hanno condotto esercitazioni di tipo Passex nel Mar Nero (manovre mediante le quali navi di diversi paesi elaborano la loro interazione in caso di rapido ingresso in reali operazioni militari congiunte contro una terza parte o per un’operazione umanitaria).

Rispondendo a quello che sta accadendo, il senatore russo Franz Klintsevich ha detto:

Esercizi congiunti della Marina degli Stati Uniti e dell’Ucraina nel Mar Nero possono creare un ‘”illusione di permissività” a Kiev.

“Gli esercizi peggiorano indubbiamente la situazione politico-militare complessiva della regione, provocando a Kiev azioni avventate, creando l’illusione di una certa permissività in questo”, ha affermato il parlamentare.

Ha anche osservato che le esercitazioni sono sotto stretto controllo dell’esercito russo e ha sottolineato che non rappresentano alcuna minaccia per la Russia. Allo stesso tempo, ha detto, la parte russa può solo considerarle negativamente come una provocazione dell’Ucraina e della NATO.

Fonti: Fort Russ    RT News

Traduzione: Sergei Leonov

Inserisci un Commento

*

code