Il male è l’impero

di Vladimir Castillo Soto

Il 2 aprile è commemorato nella Repubblica Argentina come il Giorno dei Veterani e dei Caduti della Guerra delle Falkland. In questo giorno si svolgono solitamente molteplici attività, alcune delle quali non hanno potuto essere svolte quest’anno a causa della visita del Comandante del Comando Sud degli Stati Uniti d’America. Gli fu chiesto di cambiare la data, ma la richiesta fu respinta, evidenziando due cose: in primo luogo, l’arroganza imperiale degli Stati Uniti e in secondo luogo, la docilità e l’estrema sottomissione del governo argentino.

Va ricordato che durante la Guerra delle Falkland, gli Stati Uniti tradirono il Trattato di Assistenza Reciproca delle Americhe (TIAR) e quindi l’Argentina, sostenendo apertamente il Regno Unito con servizi logistici e di intelligence fondamentali per la sconfitta del paese del sud in 1982.

Ogni visita del Generale Laura Richardson nella regione conferma che la Dottrina Monroe resta lo strumento guida delle relazioni neocoloniali americane con la Nostra America. Le sue dichiarazioni in diversi contesti lo espongono direttamente e senza alcuna vergogna, ad esempio, quando parla delle diverse e abbondanti risorse presenti nei nostri paesi: “ Perché questa regione è importante? Con tutte le sue ricche risorse e gli elementi delle terre rare, abbiamo il triangolo del litio, necessario per la tecnologia odierna. Il 60% del litio mondiale si trova nel triangolo del litio: Argentina, Bolivia, Cile… In questa regione abbiamo il 31% dell’acqua dolce mondiale… Con questo inventario, c’è ancora molto da fare per gli Stati Uniti , questa regione è importante perché ha molto a che fare con la sicurezza nazionale e dobbiamo iniziare il nostro gioco… Abbiamo anche le più grandi riserve di petrolio, compreso il petrolio greggio leggero e dolce. Hanno anche le risorse del Venezuela, con petrolio, rame, oro, e c’è l’importanza dell’Amazzonia come polmone del mondo ”.

Una posizione rafforzata da altri funzionari come, ad esempio, il deputato repubblicano della Camera dei Rappresentanti, Carlos Giménez, che dice con sincerità: ” Penso che per troppo tempo abbiamo ignorato il nostro cortile e abbiamo permesso” Russia, Cina e Iran, avversari degli Stati Uniti, vogliono fare grandi brecce nella nostra regione .” Senza dubbio, la semplice e pura Dottrina Monroe: “ L’America per i (nord)americani ”.

Cuba, Nicaragua e Venezuela sono accusati dalla Richardson di sviluppare attività destabilizzanti e di partecipare ad “ attività maligne nella regione ”. Senza alcun argomento valido, lancia l’accusa con l’unico scopo di essere ripetuta dai media servili e cartellizzati dell’emisfero e del mondo.

Quello che è ampiamente evidente è il comportamento espropriativo e criminale degli Stati Uniti nei confronti dell’America Latina, fin quasi dalla sua formazione. Con ragioni ben fondate, nel 1829 il Libertador Simón Bolívar pronunciò la sua preveggente frase “… gli Stati Uniti sembrano destinati dalla Provvidenza a infliggere miseria all’America in nome della libertà ”.

Come esempi di questo miserabile comportamento possiamo ricordare che hanno rubato milioni di miglia quadrate al Messico, mantenuto Porto Rico come colonia, rovesciato dozzine di governi legittimi imponendo dittature crudeli e sanguinarie e sostenuto governi democratici servili ai loro interessi, destabilizzando e attaccando qualsiasi governo rivoluzionario, patriottico o progressista nel continente e nel mondo. D’altra parte, proprio contro i popoli liberi e sovrani di Cuba, Venezuela e Nicaragua, il famigerato impero e i suoi partner minori dell’Unione Europea hanno imposto blocchi e misure coercitive unilaterali ingiuste, illegali e disumane, che violano impunemente i principi della Carta delle Nazioni Unite e che attentano direttamente alla vita, alla salute, all’alimentazione, al diritto a prosperare e a vivere in pace dei nostri popoli.

Interventi del Comando Sur de America Latina

Si parla di “ cattiva influenza di Cina, Russia e Iran ” e coloro che hanno costellato il pianeta di basi militari sono proprio loro, più di 800 sparse in tutto il mondo e più di 76 in America Latina. Ce ne sono 12 a Panama, 12 a Porto Rico, 7 in Colombia, 8 in Perù e altri in Messico, Costa Rica, Honduras, Guatemala, El Salvador, Brasile, Argentina, Paraguay, Uruguay, Ecuador, Repubblica Dominicana, Cuba (Guantanamo) e in crescita, poiché un’altra base è in costruzione, con l’approvazione del presidente Petro e del suo governo, in Colombia, sull’isola di Gorgona, un parco nazionale, situato in un punto chiave del Pacifico che permetterà agli Stati Uniti di controllare il immenso golfo formato dall’America centrale e meridionale e da tutti i territori circostanti. Inoltre, secondo le recenti dichiarazioni del presidente Maduro, ci sono basi segrete del Comando Sud e cellule della CIA in Guyana Esequiba, che tendono ad aumentare con i frequenti viaggi del capo del Comando Sud in queste regioni.

Sono queste attività maligne, signora Richardson, si guardi allo specchio e vedrà il volto orribile dei genocidi delle popolazioni indigene del Nord America, degli schiavisti disumani e dei loro discendenti razzisti e segregazionisti, degli assassini di milioni di persone a Hiroshima e Nagasaki, Vietnam, Jugoslavia, Iraq, Afghanistan, Libia, Siria, Somalia, Yemen, Ucraina, Palestina e tante altre vittime del collettivo occidentale.

Molto intelligenti sono coloro che, di fronte al genocidio televisivo dei palestinesi, inviano bombe, missili e molto altro materiale militare ai sionisti assassini, diventando così complici diretti di crimini di guerra e crimini contro l’umanità.

Sono cattivi coloro che spendono più di 1.500 miliardi di dollari all’anno in armi, mentre il capitalismo continua a generare povertà in tutto il mondo.

Cattivi sono coloro che cercano di coinvolgere diversi paesi della regione in un conflitto militare chiedendo loro di vendere attrezzature militari sovietiche o russe per un successivo utilizzo in Ucraina.

Proteste contro Imperialismo USA in Venezuela

Cattivi sono coloro che corrompono leader e soldati in modo da tradire e vendere la sovranità della propria patria e regalare gratuitamente le risorse appartenenti ai propri cittadini e… mi fermo qui.

I popoli latinoamericani devono lottare per una seconda indipendenza e trovare il modo di ristabilire la loro sovranità, devono onorare i loro eroi e liberatori che, 200 anni fa, sconfissero e cacciarono l’impero spagnolo da queste terre, dimostrando che l’interesse nazionale è superiore. all’interesse personale. Insieme a Bolívar e ai leader patriottici, dobbiamo costruire l’unione che ci renderà grandi, che ci renderà un polo di potere nel mondo e, insieme nella CELAC, lottiamo per mantenere “l’ America Latina e i Caraibi come una zona di pace sul rispetto dei principi e delle norme del diritto internazionale, compresi gli strumenti internazionali di cui gli Stati membri fanno parte, e dei principi e delle finalità della Carta delle Nazioni Unite ” e stabilire così relazioni giuste, rispettose e vantaggiose con il resto del mondo .

Fonte: Reseau International

Traduzione: Luciano Lago

6 commenti su “Il male è l’impero

  1. Bene fanno Russia e Cina ad attaccare ‘ il cancro del mondo’ con investimenti, commerci e lavoro in quello che i gringos considerano il ”cortile di casa” ,l’America latina”

  2. Durante la Guerra delle Malvine l’URSS offrì assistenza satellitare di spionaggio all’Argentina sulle forze inglesi. La giunta Argentina rifiutò. E poi come l’articolo spiega, l’America si comportò male, favorendo l’Inghilterra. La Guerra fu vinta per disperazione dagli inglesi – un colonnello disse che se gli Argentini resistevano una settimana ancora, vincevano – . E qui è l’errore, l’unico, da parte Argentina, cioè aver mandato un corpo di spedizione nelle isole limitato. La flotta inglese fu distrutta, rottamata, affondata al 50% e al suolo i bombardieri Argentini fecero bombardamenti a tappeto sugli inglesi, e morirono come insetti.
    Come al solito, le perdite anglosassoni dichiarate furono comiche, 200 morti se ben ricordo. La portaerei Invincible fu affondata – colpita da un missile Exocet e 6 bombe da 250 kg – (i morti solo qui sono stati circa 1000). Durante lo sbarco la Sir Galahad e la Sir Tristan furono colpite ed incendiate con migliaia di militari a bordo……………. anche qui una potenza terrestre gliele ha suonate alla potenza talassocratica.

  3. Il mondo libero si sta’ delineando e contrapponendo all’ impero sionista. Benché appartenga alla parte sbagliata, il mio supporto morale è con voi.

  4. Da oltre 200 anni cioè da sempre tutti i Stati Sudamericani sono divisi perciò sono molto deboli nel combattere contro l” Impero Coloniale USA che fa Cacao Meravigliao delle suo colonie Sudiste latine !
    L” unica nazione Sud Americana Latina che si oppone veramente agli USA e ai paesi NATO è la piccola Isola di Cuba !
    Altre nazioni Sud Americane molto più grosse di Cuba (Veneuela -Brasile- Mexico -Argentina-Eccetera ) si mettono a 90 gradi con le mutande calate e si fanno inchiappettare dagli USA !
    Simon Bolivar starà rigirandosi nella sua Tomba schifato !

  5. Solidarietà ai popoli latino americani oppressi, uccisi, derubati e tiranneggiati dal capitale nord americano ! Ma nel 1959 con la rivoluzione cubana è apparsa la prima spina nel fianco degli imperialisti USA, seguita poi nel 1979 dalla rivoluzione Sandinista in Nicaragua e dalla ascesa di Chavez in Venezuela ! Ora sono tre le spine nel fianco degli USA, senza contare che hanno di che preoccuparsi anche di Bolivia, Messico, Brasile e altri paesi, sempre meno disposti a fargli da zerbino ! Il “cortile di casa” è innesorabilmente in via di restringimento, e prima o poi sparirà del tutto !

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM