APPELLO RACCOLTA FONDI! MANTIENI IN VITA UNA VOCE LIBERA!

Il macabro assassinio del giornalista saudita rompe la maschera del principe “riformatore” della Monarchia Saudita

di  Finian Cunningham

La macabra scomparsa del giornalista saudita Khashoggi infrange l’illusione del principe ereditario ‘riformatore’ alimentata dai media occidentali
Il riferito episodio del raccapricciante omicidio di un noto, rispettato giornalista saudita durante la visita il consolato dell’Arabia Saudita a Istanbul ha inviato onde d’urto sui i media occidentali.

Il caso macabro non solo sottolinea la natura dispotica del regime saudita. Distrugge anche le illusioni sul giovane principe ereditario regnante della monarchia petrolifera saudita che i media occidentali hanno indicato come “riformatore”.

La scorsa settimana, Jamal Khashoggi è entrato nel consolato saudita martedì 2 ottobre, in Turchia, su appuntamento, al fine di ottenere un documento ufficiale relativo a un matrimonio programmato. Erano circa le 13:00. La sua fidanzata lo stava aspettando fuori. Ma non è mai uscito. Quattro ore dopo, la sua preoccupata fidanzata ha telefonato alle autorità turche, cosa che Khashoggi le aveva precedentemente consigliato di fare, preoccupato che potesse essere detenuto dalle autorità saudite all’interno del palazzo del consolato.

Khashoggi è un commentatore di alto profilo per il Washington Post e la BBC ,tra gli altri giornali occidentali. La sua apparente scomparsa ha fatto scalpore come notizia internazionale la scorsa settimana. Le autorità saudite hanno escluso qualsiasi coinvolgimento malevolo, insistendo sul fatto che Khashoggi avrebbe lasciato il consolato.

Stranamente però, il principe ereditario dell’Arabia Saudita, Mohammed bin Salman, il governatore di fatto del regno al posto del suo vecchio padre, è entrato nella mischia pubblica dichiarando all’agenzia Bloomberg che la scomparsa del giornalista non era responsabilità dei funzionari del suo stato. Sembra strano, infatti, che il principe ereditario si sentisse obbligato a fare commenti pubblici sull’argomento.

Quattro giorni dopo, tuttavia, l’atto di sparizione ha preso una piega sconvolgente.

Si dice che Khashoggi sia stato assassinato all’interno del consolato saudita da uno squadrone della morte inviato dall’Arabia Saudita per l’omicidio. Ancora più raccapriccianti sono i rapporti delle fonti della polizia turca secondo cui i 15 membri della squadra di assassini hanno torturato il loro prigioniero e smembrato il suo cadavere, presumibilmente per trasportare i suoi resti con discrezione dai locali sotto l’immunità diplomatica.

Le autorità saudite continuano a sostenere la loro innocenza, ribadendo che Khashoggi ha lasciato il consolato lo stesso giorno in cui è arrivato il 2 ottobre. Ma quella versione degli eventi è chiaramente contraddetta dalla fidanzata di Khashoggi la quale per ore lo ha aspettato fuori.

Inoltre, l’edificio del consolato è punteggiato da telecamere di sicurezza CCTV, ma i sauditi si sono rifiutati di rilasciare filmati che potrebbero mostrare il giornalista che si allontana dai locali.

Secondo quanto riferito, la polizia turca ha aperto un’indagine penale sull’ipotesi che si sia verificato un delitto all’interno del complesso saudita. Come notato in precedenza, fonti non confermate della polizia turca ritengono che Khashoggi sia stato brutalmente assassinato dagli agenti sauditi.

Quello che è particolarmente scioccante riguardo alle presunte uccisioni è che Jamal Khashoggi è internazionalmente conosciuto come un giornalista rispettato. Dall’ascesa al potere lo scorso anno in Arabia Saudita dal principe ereditario Mohammed Bin Salman, Khashoggi era diventato sempre più critico nei confronti di colui che considerava un autocrate ribelle.

Le sue critiche furono tanto più dannose perché Khashoggi era stato visto come un insider alla corte reale della Casata di Saud. Un tempo era stato consigliere dei media del principe Turki al Faisal, ex ambasciatore negli Stati Uniti e in Gran Bretagna.

Khashoggi era andato in esilio autoimposto nel settembre 2017 quando il principe ereditario Mohammed aveva lanciato una radicale epurazione contro altri membri anziani della Casa di Saud. Tra le centinaia di persone arrestate e torturate durante la detenzione vi era stato l’investitore multimilionario e magnate dei media Prince Alwaleed bin Talal, che aveva nominato Khashoggi come redattore capo della sua organizzazione Arab News.

Mentre era in esilio, Khashoggi iniziò a scrivere articoli sempre più critici sul putsch de facto del principe ereditario Mohammed Bin Salman. Aveva pubblicato periodicamente colonne dal Washington Post in cui sottolineava la disastrosa guerra guidata dai sauditi nello Yemen, con la strage di civili, come anche l’inutile blocco nello stato limitrofo del Golfo Persico, il Qatar. Il giornalista anche avvertito che il fascino delle “riforme” sotto il Principe ereditario, esaltato dai media occidentali, era più illusorio che reale.

Significativamente, il giornalista stava dando una prospettiva molto diversa sui cambiamenti in atto in Arabia Saudita rispetto alla copertura generalmente positiva e celebrativa data dai media occidentali, tra cui il Washington Post.

Da quando è salito al potere dietro il trono, i media occidentali hanno avuto la tendenza a qualificare il trentacinquenne principe ereditario Mohammed come ” illuminato e riformatore”. La sua repressione contro gli avversari è stata descritta come una purga a lungo rimossa contro la corruzione e il clientelismo, invece della spiegazione più realistica della notte dei “lunghi coltelli” per consolidare il proprio potere.

Nonostante le colonne critiche di Khashoggi, il Washington Post, il New York Times, la BBC e i governi occidentali hanno cercato di proiettare il giovane sovrano come una rinfrescante ripartenza dall’immagine “vecchia, conservatrice” della monarchia saudita.

Il principe ereditario è stato abbracciato con entusiasmo dal presidente degli Stati Uniti Donald Trump, così come dal presidente della Francia Emmanuel Macron e dalla Theresa May, primo ministro del Regno Unito.

Bin Salman con Theresa May

I suoi decreti regi per porre fine a un divieto saudita alle donne che guidano auto nel regno fondamentalista wahhabita, e la sua apertura di sale cinematografiche erano state salutate come “grande esempio” di quanto il principe ereditario si stesse dedicando a “modernizzare” il paese.

Si sospetta che il vero fascino per del principe per Trump, per Macron, per il ministro britannico May e per il canadese Trudeau sia stata la enorme spesa del sovrano saudita per acquisti di nuovi contratti di armamenti diretti ad alimentare la sua guerra nello Yemen. Nessuno scrupolo si sono fatti i governi occidentali per l’utilizzo di quelle armi nel genocidio della popolazione yemenita portato avanti dal principe saudita e dalla sua aviazione (supportata da USA e GB).

Ciononostante, i critici più astuti consideravano le “riforme” come semplici segnali di pubbliche relazioni. Mentre venivano attuati piccoli cambiamenti, il regime saudita stava intensificando la repressione contro la sua minoranza sciita nella provincia orientale saudita, oltre a continuare il massacro e il blocco genocida dello Yemen. Il regime stava anche continuando ad arrestare donne e altri attivisti per i diritti umani. Alcune di quelle donne arrestate, come Israa al Ghamgham, sono ora in attesa di esecuzione per decapitazione.

Al suo attivo, Khashoggi stava “alzando la voce”, come diceva lui, per coloro che non hanno voce e vengono scaricati in prigioni e centri di tortura in Arabia Saudita.

Trump con principe saudita

In tal modo, il giornalista 59enne sapeva di mettersi a rischio. Si dice che abbia rifiutato di tornare in Arabia Saudita nonostante le suppliche della Casa saudita e le “garanzie” della sua sicurezza.

Ciò spiegherebbe perché Khashoggi andò al consolato saudita a Istanbul per ottenere i documenti di divorzio necessari per il suo nuovo matrimonio programmato. Andò al consolato il 28 settembre e gli fu detto di tornare nei locali il 2 ottobre per ritirare i documenti.

Sembra che abbia concesso ai governanti sauditi il ​​tempo sufficiente per preparare la trappola mortale. Secondo quanto riferito, un gruppo di morte di 15 membri dei servizi è stato organizzato per intercettare Khashoggi il 2 ottobre.

È un segno triste dei tempi in cui viviamo, tempi in cui i giornalisti di alto profilo non sono nemmeno al sicuro quando visitano gli edifici dei consolati. È anche un segnale fosco di quanto sia forte il disprezzo per il diritto internazionale da parte degli attuali sovrani sauditi (e dai loro protettori occidentali).

Il principe ereditario Mohammed Bin Salman, senza dubbio, sente di avere una certa immunità per fare qualsiasi cosa desideri dal suo despotico desiderio a causa della pudica indulgenza dei leader occidentali come i presidenti Trump e Macron. Quel senso di immunità e impunità è stato favorito anche dai mezzi di informazione occidentali, che hanno chiuso gli occhi sui crimini sauditi, presentando l’assurda illusione di un “principe azzurro” riformatore, occultandone i crimini.

Bene, ora gli stessi prostituiti media occidentali sono in stato di shock perché uno dei loro stessi collaboratori, Jamal Khashoggi, sembra essere stato brutalmente assassinato per ordine della “riformatrice” Casa dei Saud.

È un risveglio maleducato. I media occidentali che mentono sull’Arabia Saudita non solo sono stati distrutti. Quelle menzogne ​​li rendono complici nell’ultimo crimine saudita, in quanto sono stati anche complici di tanti altri prima, a causa del modo in cui i media occidentali hanno incoraggiato il dispotico regime saudita ad agire in qualsiasi modo spregevole in cui esso ha voluto.

Fonte: Strategic Culture

Traduzione: Luciano Lago

 

*

code

  1. Mardunolbo 1 settimana fa

    Altro crimine vergognoso di cui sono, appunto, complici i governi europei. Bemn ha fatto la ministra Tria, pur non godendo la mia stima, a fare interpellanza per chiarire se è vero che aerei venduti ai sauditi passino per la Sardegna, come alcuni tipi di bombe d’aereo !
    E’ ora di finirla con l’ipocrisia governativa, dato che ora i pidioti non sono più al governo !

    Rispondi Mi piace Non mi piace