Il Libano chiede alla Russia di proteggerlo dalle incursioni israeliane, gli attacchi aerei

Nota dell’editore: questo rapporto proviene da DEBKA, una pubblicazione della destra militante israeliana. È anche a volte accusato di essere uno sbocco per l’intelligence israeliana. In quanto tali, alcuni dei suoi rapporti potrebbero non riflettere la realtà, o persino ciò che gli editori di DEBKA credono sia o possa essere la realtà – ma semplicemente quali informazioni gli ubeller-falchi israeliani vogliono far arrivare fuori. Nondimeno, la teoria presentata è interessante e non del tutto incomprensibile.

La Russia ha promesso di aiutare a difendere lo spazio aereo siriano dalla potenza aerea israeliana, ma i jet israeliani possono ancora lanciare missili in Siria dal Libano (e addirittura dallo stesso Israele). Estendere la garanzia al Libano, anche se politicamente costosa e ingarbugliata per la Russia, darebbe un senso militare di base.

Il presidente libanese Michel Aoun ha chiesto a Mosca di mettere lo spazio aereo libanese sotto la protezione del sistema di difesa aerea russo schierato in Siria, lo rivelano le fonti militari e di intelligence del DEBKAfile. Il presidente Vladimir Putin non ha ancora risposto alla richiesta che Aoun ha pubblicato attraverso i canali secondari. Ma nessuno dei due ha finora rifiutato. Per ora, è in discussione ai più alti livelli del ministero della Difesa russo, che tendono a raccomandare l’approvazione.

Secondo le nostre fonti, l’idea della richiesta di Beirut è passata attraverso diverse bozze con l’aiuto dell’amico e alleato del presidente Aoun, il leader di Hezbollah, Hassan Nasrallah, fino a quando non l’ha approvato, cioè fino a quando Teheran l’ha approvato. Se Putin deciderà di aderire alla richiesta libanese per la copertura del Libano da parte della difesa aerea russa, Israele affronterà un’ulteriore limitazione russa sulle operazioni della sua aviazione nel Mediterraneo orientale, al di là del potente sistema di difesa aerea russo che si trova nelle ultime fasi di dispiegamento in Siria . Questo sistema è composto da missili di difesa aerea S-300, S-400 e Pantsir-S1E, potenziati da strati di batterie anti-aria a medio e corto raggio e da una rete di guerra elettronica avanzata.

L’adesione di Putin alla richiesta libanese fornirebbe a Hezbollah, il movimento appoggiato dall’ Iran, per la prima volta un ombrello di copertura da una potenza mondiale contro un potenziale attacco aereo israeliano.

Domenica, 18 novembre, la dichiarazione del primo ministro Binyamin Netanyahu alla Commissione Affari Esteri e Sicurezza della Knesset, secondo cui l’aeronautica israeliana non ha restrizioni sulle sue operazioni sulla Siria, è tutt’altro che realistica alla luce delle contromisure della Russia. Per quanto riguarda la sua affermazione secondo cui l’aviazione ha rallentato quelle operazioni perché l’Iran aveva ridotto le sue consegne di armi a quel paese, l’esercito e l’intelligence di DEBKAfile compongono questo quadro.

L’Iran ha infatti completato le sue attuali spedizioni di materiale bellico a Hezbollah e ha potuto farlo durante la pausa in attacchi aerei israeliani. L’elemento più allarmante che raggiungeva i terroristi libanesi erano componenti per l’aggiornamento dei razzi di superficie di Hezbollah con il GPS per guida di precisione. Questo aggiornamento è andato avanti in decine di piccoli laboratori distribuiti in tutto il Libano e in parte della Siria.
Le autorità israeliane sono estremamente preoccupate per la possibile fine dell’impunità a cui le forze israeliane sono abituate quando colpiscono obiettivi in Siria ed in Libano.

Fonte: Debka

Traduzione: Luciano Lago

6 Commenti

  • Orazioc
    27 Novembre 2018

    Se non hai potere aereo, devi andare per via terra… Dubito che ci penserebbero due volte a farlo.

  • Sed Vaste
    28 Novembre 2018

    Digitate:” codoh .com Putin protegge le menzogne ebree” ci sta Putin con LA kippah circondato da rabbini ,se vi fidate di uno cosi’

    • atlas
      28 Novembre 2018

      se la tua intenzione è quella di fare chiudere i commenti alla redazione come da Blondet, ci stai riuscendo benissimo

  • Sed Vaste
    28 Novembre 2018

    Ma insomma io riporto Le foto Che son su internet accessibility a tutti ci sta Putin con la presina da forno in testa ( LA kippah) circondato dai rabbini e ci sta Putin con tanto di cero che accende LA menorah I’ll candelabro simbolo degli ebrei , piu di cosi cosa deve fare altro che nemico questo e’ fratello degli Ebrei

  • Monks
    30 Novembre 2018

    Putin è ‘amico’ di tutti e nessuno, è il suo stile da raffinato stratega, non credo proprio che quelle foto possano dipingerlo come un collaborazionista dei sionisti, fa buon viso a cattivo gioco. E’ un figlio e’ ndrocchia, a buon intenditor…

    • atlas
      30 Novembre 2018

      ma ti credi che sed non lo sappia ? E’ solo che collaborando (lui sì) coi juden deve per forza scrivere la sua controtesi del menga. Anzi, meno male che questa volta non ci ha scritto di digitare pornhub.bum. Lo facesse lui, almeno si toglie da su i coglioni …

      una piattola, peggio di quell’altro dei cessi vatic ani che non c’è più, che almeno mi faceva ridere

Inserisci un Commento

*

code