Il leader di Hezbollah crede che la guerra con Israele sia altamente possibile questa estate


BEIRUT, LIBANO – Il segretario generale di Hezbollah, Sayyed Hassan Ansarallah, ha riferito ai suoi comandanti in una riunione della scorsa notte che la guerra con Israele è altamente possibile.

Questo incontro è stato rivelato dal giornalista veterano Elijah Magnier; il quale ha rilasciato i dettagli di questa conversazione in un articolo di sabato.

“La notte scorsa, durante un incontro privato con i principali comandanti, il leader di #Hezbollah, Sayyed Hassan Nasrallah, ha riferto di ritenere che le possibilità di guerra con Israele siano molto alte per quest’estate”, ha twittato Magnier .

Giovedì, il nuovo comandante del comando generale delle forze di difesa israeliane (IDF), Yoel Strick, aveva dichiarato alla Ynet News che le sue truppe distruggeranno Hezbollah se queste tenteranno di infiltrarsi in Israele.

“No. Hezbollah mantiene ancora questi piani. Noi, ovviamente, non permetteremo che ciò accada. Noi sventeremo quei piani. Questa non è solo una minaccia per noi, ma anche un’opportunità, dal momento che hanno deviato i loro migliori combattenti verso sud. Li affronteremo e non ho dubbi sul risultato “, ha detto a Ynet.
Il generale israeliano ha aggiunto che “Israele” potrebbe soffrire una sanguinosa guerra con Hezbollah che ha preparato un vasto arsenale di missili con oltre 100 mila missili, compresi quelli ultra-precisi.

Strik ha anche sottolineato che Hezbollah ha migliorato la prontezza delle sue unità navali e accumulato esperienza nelle guerre informatiche, aggiungendo che il suo intervento militare in Siria ha contribuito alle sue capacità potenziate.

Comandante israeliano Strick

Strick ha anche notato che l’evacuazione degli insediamenti del nord sionista durante la guerra imminente sarebbe dura, sottolineando che Hezbollah rappresenta una minaccia distruttiva per Israele e le forze di occupazione.
Strick ha aggiunto che se Hezbollah dovesse attaccare, Israele porterebbe tutto il Libano in guerra come punizione per ospitare il gruppo all’interno del paese.

L’ultima volta che Israele e Hezbollah sono entrati in guerra è stato nell’estate del 2006; da allora Israele ha evitato del tutto di entrare in una nuova guerra con il Libano.

Fonti: Al Masdar News Al Manar

Traduzione: Luciano Lago

3 Commenti

  • eusebio
    21 Aprile 2019

    Bisogna considerare che la Russia ha intenzione di eliminare la sacca di Idlib al più presto, in considerazione di possibili negativi sviluppi in Crimea, considerando che i neocons ammassano forze NATO nei paesi baltici, in quanto l’Ucraina è passibile di ogni evoluzione della situazione e quindi potrebbe impegnare la Russia la quale non vuole lasciare decine di migliaia di jihadisti liberi di attaccare verso Damasco o peggio trasferirsi nel Caucaso o in Asia centrale.
    Anche la Cina vuole evitare che gli uiguri dell’Wsercito del Turkestan di stanza a Idlib tornino nello Xinjiang e quindi li vuole sterminare, quindi potrebbe inviare le sue forze speciali..
    Come notato la Cina ha necessità di assicurare i suoi rifornimenti di petrolio da Iran e Venezuela e quindi potrebbe essere obbligata ad azioni militari coercitive verso i sempre più deboli USA, mentre l’Iran cerca di ristabilire l’arteria terrestre verso Damasco e Beirut per portare petrolio, rifornimenti e armi alla Siria ed Hezbollah.
    Di fronte a questo scenario pericoloso Israele potre fare la prima mossa prima che il quadro geostrategico per lui diventi insostenibile.

  • atlas
    22 Aprile 2019

    Salvini che dice, sarà contento ?

  • atlas
    22 Aprile 2019

    Per lui chi provoca terrore contro i giudei sono Hezbollah, mentre tutti i gruppi salafiti e wahhabiti sono liberi di associarsi in tutta Europa e nel mondo e nessuno fa nulla. BASTA.

Inserisci un Commento

*

code