Il Gruppo dei Sette ha tenuto un vertice di guerra de facto a Hiroshima, proprio in un luogo che è sinonimo dell’orrore e del male della guerra.

La cabala del “Gruppo dei Sette” guidata dagli Stati Uniti ha tenuto uno dei suoi “jamborees” sempre più insignificanti questo fine settimana nella città giapponese di Hiroshima. L’atteggiamento solenne di queste élite guerrafondaie, in un luogo che rappresenta la massima barbarie dell’imperialismo americano, non è solo disgustoso nella sua ipocrisia e volgarità. L’evidente mancanza di consapevolezza e vergogna di questi ciarlatani è un segno sicuro che la loro farsa storica privilegiata sta volgendo al termine.

Il presidente americano Joe Biden si è preso una pausa dal collasso dell’economia della sua nazione e dagli scandali sulla sua dilagante corruzione familiare per partecipare al vertice del G7 in Giappone. È stato raggiunto dai cosiddetti leader di Gran Bretagna, Francia, Germania, Italia e Canada, nonché dal premier della nazione ospitante, Fumio Kishida. Ad unirsi ai lacchè c’era la principale bambola ventriloqua dell’Unione Europea, Ursula von der Leyen, e il comico ucraino diventato commerciante d’armi, alias “presidente”, Vladimir Zelensky.

I lavori sono iniziati con una cinica e falsa “dedica” all’Hiroshima Peace Park, il cui fulcro è il Genbaku Dome, l’iconica rovina spettrale causata dal bombardamento atomico degli Stati Uniti nel 1945. Lo stesso raduno di leader in questo luogo sacro è costituito dalle stesse persone che stanno sospingendo criminalmente il mondo verso un’altra conflagrazione.

Biden e i suoi compari hanno presto rinunciato a discorsi vuoti su “pace” e “disarmo nucleare” per fare del vertice del G7 un appello per una maggiore ostilità verso Russia e Cina. C’erano piani per una maggiore guerra economica (sanzioni) contro Mosca, che è stata denigrata come al solito per “aggressione non provocata” contro l’Ucraina. Ci sono stati impegni a fornire più armi alla polveriera che gli Stati Uniti ed i loro partner della NATO hanno creato in Ucraina. Ci sono stati licenziamenti arroganti degli sforzi diplomatici internazionali per risolvere il conflitto, che sono stati proposti dalla Cina e dalle nazioni latinoamericane e africane.

La camarilla del G7 guidata dagli Stati Uniti ha anche trasformato la sua festa dell’odio in un forum per aumentare l’ostilità nei confronti della Cina, accusando Pechino di costruire armi nucleari e minacciare il mondo.

In breve, il Gruppo dei Sette ha tenuto un vertice di guerra de facto a Hiroshima, un luogo che è sinonimo dell’orrore e del male della guerra.

Settantotto anni fa, la mattina del 6 agosto 1945, alle 8:15, il bombardiere Enola Gay B-29 della US Air Force sganciò la bomba atomica sulla città. Il bilancio delle vittime risultante sarebbe di 140.000, principalmente civili, molti dei quali inceneriti all’istante, altri morti per ustioni orribili e avvelenamento da radiazioni. Una seconda bomba fu sganciata su Nagasaki tre giorni dopo.

La storia ha dimostrato che non vi era alcuna necessità militare di utilizzare tali armi di distruzione di massa. Il ragionamento ufficiale americano apparentemente sull’accelerare la fine della guerra del Pacifico può ora essere visto come una bugia flagrante. Le bombe sono state deliberatamente utilizzate dagli Stati Uniti in una dimostrazione di terrorismo di stato diretta in particolare contro il suo alleato in tempo di guerra, l’Unione Sovietica. Probabilmente, questi grotteschi crimini di genocidio hanno segnato l’inizio della Guerra Fredda. Questa orribile demarcazione era il modo in cui il sistema imperialista occidentale guidato dagli Stati Uniti avrebbe cercato di controllare il mondo del dopoguerra.

La stessa deplorevole e criminale mentalità da Guerra Fredda persiste tra i governanti statunitensi ed i loro tirapiedi occidentali. Washington ha bisogno di guerre e conflitti per mantenere le sue insostenibili ambizioni egemoniche insieme ai suoi satrapi occidentali che ne sono ugualmente complici. La barbara struttura di potere può essere sostenuta solo da “proiezioni ideologiche” che designano “nemici” e “minacce” che, a loro volta, forniscono copertura alla barbarie e al guerrafondaio altrimenti inaccettabili. L’Unione Sovietica era il “nemico”, poi il nemico sono diventati i “terroristi islamici”, e ora sono la Russia e la Cina.

La proiezione ideologica proietta anche un’immagine narcisistica dell’America e dei suoi alleati occidentali come benevoli, amanti della pace, democratici, rispettosi della legge e così via. È un’impresa quasi incredibile di “gaslighting” globale e inversione della realtà; reso possibile in gran parte dalla disinformazione di massa attraverso il sistema di propaganda/media corporativi occidentali. Per fortuna, anche quella sciarada sta diventando logora.

Un indicatore di questa settimana è stato uno studio del rispettato progetto Cost of War della Brown University, che ha stimato a 4,5 milioni il numero di morti negli ultimi due decenni a causa delle guerre guidate dagli Stati Uniti. Tutto sommato, dalla fine della seconda guerra mondiale le stime dei morti per le guerre di aggressione americane in tutto il mondo sono dell’ordine di 20-30 milioni. Nessun’altra nazione nella storia si avvicina alla distruttività del potere degli Stati Uniti, che si dichiara in modo ridicolo il “leader del mondo libero”, il “sostenitore democratico dell’ordine basato sulle regole”.

Gli Stati Uniti si sono trasformati in un mostruoso stato canaglia imperialista dipendente dalla guerra, dai conflitti, dalle uccisioni di massa e persino dalle minacce di annientamento per sostenere la loro economia capitalista corporativa. Il suo record accumulato di $ 31 trilioni di debito nazionale parla della malattia cronica e della sua moribonda ancora di salvezza in dollari.

Tuttavia, le pretese ideologiche di Washington – sostenute e promulgate da un servile sistema di media/propaganda corporativa – hanno l’assurda audacia di dipingere la Russia, la Cina e altre nazioni come “minacce” alla pace internazionale.

La guerra in Ucraina dura da almeno nove anni. Persino il capo della NATO Jens Stoltenberg ammette sfacciatamente la preparazione della guerra contro la Russia dopo il colpo di stato sostenuto dalla CIA a Kiev nel 2014. La guerra si sta svolgendo ora in un modo che manifesta vividamente la logica psicopatica dei governanti statunitensi e dei loro lacchè occidentali. La Gran Bretagna è emersa come il braccio destro dello zio Sam per aver provocato l’escalation, l’ultima provocazione alla Russia è stata la fornitura di missili da crociera Storm Shadow a lungo raggio in grado di colpire la Crimea. I civili russi sono già stati vittime di queste munizioni britanniche. È come la seconda parte della follia del massacro della carica britannica della brigata leggera nella guerra di Crimea (1853-56). Il primo ministro britannico Rishi Sunak è un’altra figura spregevole della diversità. Imbecilli come lui, Biden, Scholz, Trudeau, Macron, Giorgia Meloni e Von der Leyen dovrebbero marciare sul banco degli imputati per crimini di guerra.

L’implacabile logica della guerra costretta dalle ambizioni egemoniche americane significa che il mondo viene nuovamente spinto sull’orlo della guerra mondiale. Le stesse tendenze imperialiste che hanno creato due precedenti guerre mondiali stanno raggiungendo di nuovo il culmine.

Hiroshima è un osceno promemoria della guerra e in particolare della guerra guidata dagli Stati Uniti. È davvero inquietante che un presidente americano e i suoi tirapiedi dell’élite occidentale rendano omaggio alle vittime di un olocausto atomico mentre allo stesso tempo pianificavano follemente di intensificare l’aggressione contro Russia e Cina.

I leaders del G7 all’Hiroshima Peace Park

Gli arroganti governanti americani non hanno mai nemmeno offerto scuse per Hiroshima e Nagasaki. In effetti, persistono nel rivendicare la giustizia. Biden durante il fine settimana ha aggiunto la beffa alla farsa quando ha dichiarato che al Giappone sarebbe stata offerta “protezione” dall'”ombrello nucleare” americano contro il presunto espansionismo cinese. Lo afferma il leader di una nazione che sta accerchiando la Cina con basi militari, sistemi missilistici, potenza di fuoco navale e bombardieri con capacità nucleare. L’abietto premier giapponese Fumio Kishida ha effettivamente ringraziato Biden e ha dichiarato che gli Stati Uniti sono una forza per la pace nel mondo.

In ogni caso, il G7 sta diventando un’irrilevanza globale. È una reliquia dell’ex potere imperiale americano. Il “club dei ricchi” comandava metà dell’economia mondiale, ora è sceso al 30% e sta crollando. Il mondo multipolare emergente guidato da Cina, Russia, il Sud del mondo e molti altri, BRICS, ASEAN, ALBA, EEA, SCO, sono tutti testimoni del declino dell’Impero americano e del suo dominio del dollaro in rapido declino. Il G7 non pretende nemmeno di aiutare l’economia globale e lo sviluppo. È diventato un veicolo bellicoso che emette segnali guerrafondai disperati da parte di un sistema egemonico fatiscente.

Solo nel regno fiabesco dei media/propaganda occidentali si poteva proiettare una sciarada così vile a Hiroshima. Per il resto del mondo, è assolutamente disgustoso.

Fonte: Strategic culture

Traduzione: Luciano Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM