Il grano gratis della Russia in Somalia: la Russia lancia cibo dove gli Stati Uniti lanciano bombe

La Somalia come manifestazione del modello di sviluppo americano è un evidente fallimento.

La Russia ha iniziato la consegna gratuita di grano alla Somalia, il primo paese in cui gli Stati Uniti attuarono il modello che la presenza dell’URSS gli aveva impedito di tentare. Il risultato di questo modello di interferenza durato 34 anni è evidente nella povertà e nell’insicurezza alimentare non solo in Somalia ma in altri paesi con basi statunitensi e alleate.

La consegna della Russia sarà seguita da simili aiuti gratuiti ad altri paesi, compresi quelli in cui gli Stati Uniti hanno basi militari e droni che spiano e distraggono i governi ospitanti dal promuovere la produzione alimentare, arruolandoli invece nella lotta al “terrorismo”. Questa lotta contro cicli infiniti di terrorismo impedisce la produzione e il commercio, ma gli Stati Uniti non hanno proposto consegne di cibo a questi paesi. Invece, li hanno usati come giustificazione per fare pressione sulla Russia affinché apra la Black Sea Grain Initiative e faccia trarre profitto dalle aziende occidentali indirizzando i volumi di grano agli europei per nutrire i loro cari animali da fattoria. Nel frattempo, i “terroristi” che gli Stati Uniti pretendono di combattere si sono sempre più espansi insieme alla presenza militare statunitense, mostrando una relazione causale.

Priorità degli Stati Uniti; Combattere il “terrorismo” creando fame

I destinatari previsti del grano gratuito della Russia sono Burkina Faso, Mali, Repubblica Centrafricana, Somalia, Eritrea e Zimbabwe. Quasi tutti questi paesi mostrano modelli di basi militari statunitensi (o francesi) e recenti attività di “antiterrorismo”, come riportato dall’intercettazione ( qui ). Nel 2019, gli Stati Uniti gestivano una base a Ouagadougou in Burkina Faso, Bamako Mali, mentre i francesi gestivano operazioni nella Repubblica Centrafricana. Gli Stati Uniti e i loro alleati occidentali hanno per decenni preso il controllo di questi governi africani e li hanno distratti dallo sviluppo, reindirizzando al tempo stesso le loro risorse per “combattere i terroristi” nel Sahel, cosa che illustrerò più avanti è collegata agli stessi Stati Uniti. La questione interessa anche la Somalia, dove gli Usa hanno cinque basi a Baledogle, Bosasso, Galcayo, Kismayo e Mogadiscio. Gli Stati Uniti avrebbero potuto eliminare il terrorismo in Somalia, se quello fosse stato il loro obiettivo, affinché i civili tornassero alla produzione e al commercio alimentare, notando che alcune delle loro basi risalgono a decenni fa. Invece, il gruppo terroristico Al Shabaab è nato (nel 2006) e si è espanso nonostante la presenza degli Stati Uniti dagli anni ’90, e l’espansione dopo l’11 settembre, anche secondo Wikipedia influenzata dalla CIA ( qui ). Solo gli sforzi del debole Esercito nazionale somalo (SNA), dei gruppi armati locali e delle forze regionali hanno intaccato Al Shabaab. Il gruppo ha giustificato una maggiore presenza statunitense, il deragliamento, lo sviluppo socioeconomico e l’impedimento dell’integrazione della Somalia con i vicini. Nel frattempo, la popolazione della Somalia soffre di povertà e insicurezza alimentare dal 1991, con il più alto tasso di povertà nell’Africa sub-sahariana pari a circa il 69% . Un caso analogo è quello dell’Afghanistan, dove la guerra degli Stati Uniti e la successiva campagna dei droni hanno soppresso la produzione alimentare e lo sviluppo socioeconomico. I principali media occidentali hanno lanciato l’allarme di una carestia imminente solo pochi mesi dopo il ritiro degli Stati Uniti, fingendo di ignorare il fatto che la capacità di produzione alimentare o adeguate riserve alimentari non avrebbero potuto essere esaurite in pochi mesi. La produzione alimentare nell’Afghanistan occupato dagli Stati Uniti è rimasta bassa, mentre è aumentata la produzione di oppio.

Somalia, Afghanistan, Iraq, Siria e Libia, stremati dalla guerra ed economicamente ridotti alla fame, rappresentano il modello di ciò che l’Impero americano desidera per tutti i paesi con un alto potenziale di sviluppo. Agli Stati Uniti è stato impedito di attuare questo modello solo dalla presenza dell’URSS, tanto che lo hanno adottato volentieri subito dopo la dissoluzione di quest’ultima. La Somalia è stato il primo paese invaso dagli Stati Uniti agli albori del mondo unipolare, e gli Stati Uniti hanno mantenuto l’interferenza e un gruppo terroristico che complica la vita di tutti gli altri al costo di migliaia di vite perse a causa di guerre, malattie e fame .

Fonte del terrore; Terroristi per sostituire gli alleati sovietici

Tutti e 7 i governi che Wesley Clark aveva rivelato che gli Stati Uniti intendevano distruggere ( qui ) hanno sviluppato problemi di terrorismo con Al-Qaeda, ISIS o i loro affiliati locali che operano al loro interno. Wesley Clark, in una rivelazione separata del 1991, descrisse dettagliatamente come Donald Rumsfeld e Paul Wolfowitz rivelarono che gli Stati Uniti stavano progettando di spazzare via tutti i governi alleati sovietici nei paesi in cui i gruppi terroristici erano sorti più tardi, come se fossero stati travolti . Anche i media mainstream oggi rivelano il ruolo degli Stati Uniti nella creazione di gruppi terroristi. Ad esempio, un documentario di KTNnews con il titolo che si traduce in “ La cintura del Sahel non è più vivibile”, creato in swahili per circa 200 milioni di persone che parlano questa lingua nell’Africa orientale, descrive in dettaglio come i principali gruppi terroristici abbiano avuto origine dalle azioni statunitensi in Afghanistan, quando armarono gli arabi. -Estremisti musulmani che combatterono i sovietici durante la guerra sovietico-afghana. Spiega che quei combattenti tornarono a casa dopo la guerra per formare gruppi terroristici, tra cui Al-Qaeda (bandita in Russia) che in seguito si trasformò in ISIS (bandita in Russia), Al Shabaab e quelli del Sahel. Tuttavia, non riesce a spiegare perché questi terroristi perseguono obiettivi unificati, giustificando l’espansione militare statunitense. Gli occidentali potrebbero aver pensato di utilizzare questi gruppi per interrompere la consegna del grano dopo che non sono riusciti a intimidire la Russia attraverso le sanzioni, ma esiste una precedenza; MV Faina.

L’EAC rifiuta di farsi influenzare dalle minacce terroristiche

Un’altra occasione positiva per la Somalia è che è stata ammessa nella Comunità dell’Africa Orientale (EAC) poche settimane fa, in una mossa che segna un nuovo inizio per il paese storicamente ricco che ha dovuto affrontare molte sfide a partire dalla guerra civile del 1991. Questo evento, pur l’incapacità di acquisire importanza nello spazio mediatico nel mezzo del massacro in corso a Gaza e dell’avventura della NATO in Ucraina, offre un’opportunità per riportare il paese sulla via della prosperità; in primo luogo, promuovendo le imprese e gli investimenti nelle aree rurali precedentemente isolate, il che ridurrà la povertà e i conflitti. La povertà e il sottosviluppo causano conflitti, che a loro volta aggravano la povertà, formando un circolo vizioso. La seconda strada attraverso la quale questo passo promuoverà la pace è quella di offuscare le divisioni tra la Somalia e il resto delle regioni, che potrebbero altrimenti essere sfruttate in futuro per guerre “divide et impera” in stile occidentale. Tale divisione è stata finora utilizzata per devastare la Somalia, poiché Al Shabaab è stato impegnato negli sforzi per isolare e devastare la Somalia attraverso le sue incursioni terroristiche in Kenya, compreso l’evento nel centro commerciale Westgate che ha ucciso 68 persone e il Garissa University College che ha ucciso 148 studenti nel giorno di Pasqua, nel fine settimana del 2015. Questi attacchi, tra gli altri, hanno portato il Kenya a chiudere il confine con la Somalia, cosa che ha devastato il commercio tra i due paesi, ma i burattinai del terrorismo hanno guadagnato. Il Kenya ha successivamente firmato numerosi accordi di cooperazione in materia di sicurezza coloniale con il Regno Unito ( qui 2021 e qui 2023) e gli Stati Uniti ( qui ) mentre i terroristi continuano a uccidere persone a Lamu ( qui ). Questi accordi di cooperazione in materia di sicurezza non aiutano. La realtà dei burattinai del terrorismo concentrati sull’isolamento della Somalia è stata vista anche nel 2021, quando la Somalia ha rinnovato la sua domanda di adesione all’EAC e il Kenya si stava preparando ad aprire il confine. Tuttavia, sono aumentati gli attacchi terroristici sporadici. L’ingresso della Somalia nell’EAC rappresenta la possibile presa di coscienza da parte dei paesi dell’Africa orientale che i terroristi sono gestiti dall’estero. Queste nazioni hanno rifiutato di partecipare all’isolamento degli indifesi somali a favore dell’aumento del commercio all’interno della regione e della ricerca di nuovi modi per affrontare le minacce terroristiche. Il futuro della regione in un mondo multipolare è promettente.

*Simon Chege Ndiritu , è un osservatore politico e analista ricercatore africano, in esclusiva per la rivista online “ New Eastern Outlook ”

Fonte: Journal-neo

Traduzione: Luciano Lago

4 commenti su “Il grano gratis della Russia in Somalia: la Russia lancia cibo dove gli Stati Uniti lanciano bombe

    1. Esatto!

      Riflettiamo però su quanto pochi siamo in Italia, in questi tempi bui, a dire la verità … Forse centomila?

      Cari saluti

  1. Questo articolo mi piace perché segna la grande differenza fra l’imperialismo statunitoide-ebreo e la Potenza Russa … Si comprende che la Russia – sempre Santa, soprattutto adesso! – rispetta la sovranità altrui e il diritto internazionale, non solo, ma corre a soccorso dei minacciati dall’imperialismo (Siria, DPR e LPR, supporto al Venezuaela circondato e sanzionato, eccetera) e aiuta i popoli in difficoltà addirittura alimentare … La generosità della Russia si contrappone alla violenza distruttiva dell’impero ed è chiaro, a questo punto, qual’è la vera Potenza Etica nel mondo.

    Cari saluti

  2. La morale che si ricava dall’articolo è che le azioni degli anglo sionisti sono radicalmente opposte a quelle della Russia (e dei paesi dell’asse della resistenza), il che porta il mondo ad una situazione di polarizzazione. Da un lato il “male”, imperialisti, colonialisti, liberisti e globalisti e dall’altro il “bene”, i paesi resistenti, nelle rispettive diversità, che operano secondo principi di sovranità e solidarietà. Si dice che che la realtà non è mai tutta bianca o tutta nera perchè prevalgono le infinite sfumature di grigio. Ma ora queste sfumature di grigio vanno scomparendo davanti alla crudeltà del “polo” imperialista, e si va verso una situazione dove la realtà non può che essere o bianca o nera, senza comode vie di mezzo … il che ci conduce senza dubbio ad una resa dei conti finale !

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by madidus