Il Grande Saccheggio di risorse attuato dalle multinazionali USA a danno degli altri paesi

Le società petrolifere degli Stati Uniti si beneficiano dei crimini che l’Impero commette contro l’umanità in Siria, Iraq e altri luoghi in Medio Oriente, secondo Walt Peretto, uno scrittore e analista socio-politico statunitense a Washington.
Il Pentagono ha minacciato che le forze statunitensi dispiegate nei giacimenti petroliferi siriani usino la “forza militare” contro qualsiasi partito che tenti di sfidare il controllo di Washington su quei siti, anche se sono le forze del governo siriano o i loro alleati russi.
Lunedì, durante una conferenza stampa, il segretario alla Difesa americano Mark Esper ha fatto riferimento alle forze “multiple statali e non statali” in competizione per il controllo del territorio e delle risorse siriane.
L’esercito americano ha annunciato la scorsa settimana che stava rafforzando la sua posizione in Siria con risorse aggiuntive, comprese forze meccanizzate, in una missione che mirava a impedire che i giacimenti petroliferi siriani cadessero sui resti del gruppo terroristico Daesh in Siria, invertendo quella promessa del presidente Donald Trump di un completo ritiro militare dal paese arabo.
Commentando questo, Peretto ha dichiarato: “Gli obiettivi di politica estera degli Stati Uniti e di Israele includono esplicitamente la destabilizzazione della Siria e il cambio di regime a Damasco.

Queste politiche sono spesso accompagnate da opportunità finanziarie per le società private di beneficiare di questi crimini contro l’umanità. I campi petroliferi della Siria settentrionale sono un ottimo esempio. Prima utilizzando il Daesh e altri gruppi terroristici, appoggiati dall’ occidente per prendere il controllo di queste risorse, adesso le truppe statunitensi stanno sostituendo i loro mercenari con il pretesto di espellere i terroristi di Daesh dalla regione. Questa narrazione viene inviata agli spettatori occidentali come una spiegazione logica per saccheggiare le risorse della Siria “.
“Tale modus operandi è stato utilizzato anche durante l’operazione terroristica dell’11 settembre contro il popolo americano da parte di fazioni nel governo degli Stati Uniti con regia israeliana. Gli speculatori sionisti come il magnate immobiliare Larry Silverstein e i suoi associati hanno beneficiato della frode assicurativa come nuovi proprietari del World Trade Center di New York nel 2001. Questa frode, insieme all’uso di informazioni privilegiate, era un’attività secondaria all’obiettivo principale di incolpare il mondo musulmano degli attacchi per giustificare le invasioni dell’Afghanistan e dell’Iraq a breve termine “, ha dichiarato alla Press TV in un’intervista giovedì.
“Il presidente Trump, un altro magnate del settore immobiliare, ha annunciato che le forze armate statunitensi” difenderanno “i giacimenti petroliferi nel nord della Siria contro la Russia e lo stesso governo siriano per garantire che le compagnie petrolifere statunitensi traggano beneficio dall’occupazione imposta in quel paese. Trump ha anche recentemente annunciato una scena dell’omicidio di un leader terrorista di nome Baghdadi per dare l’illusione di una vittoria nella falsa guerra contro il terrorismo radicale “, ha detto.

Istruttori USA in campi di addestramento per terroristi


Queste figure cupe create dal propagandista occidentale vengono portate fuori dall’armadio in momenti strategici per perpetuare la guerra illegale e immorale al terrorismo. Tutto quello che otteniamo è un flusso continuo di menzogne. Uno dei miti imposti dalla psicopatia organizzata è la nozione di ordine al di fuori del caos. Fuori dal caos, questi motori e agitatori patologici creano un ordine soggettivo composto da attività criminali organizzate con guadagni finanziari a breve termine con l’obiettivo di un controllo completo sulle risorse del mondo a lungo termine “, ha affermato.
Un’altra caratteristica della psicopatia è la menzogna patologica. Questi criminali, dai manipolatori israeliani e alle corporations di Trump, allo stesso Trump e ai media controllati, sono bugiardi cronici e sistemici. Praticamente tutto ciò che esce dalla loro bocca sono bugie.

Per combattere questi crimini, i popoli del mondo devono essere consapevoli che i leader politici e finanziari degli Stati Uniti, di Israele e i loro alleati sono guidati da persone patologiche prive di empatia e inclini a mentire. Attraverso questa consapevolezza, è più facile comprendere la realtà sul terreno in Siria. Questo aiuta a spiegare i mezzi e le motivazioni alla base di queste operazioni violente e aiuta a rendersi conto che i loro mezzi controllati non sono altro che un pacchetto di bugie e non dovrebbero essere presi sul serio “, ha detto l’analista.
“Solo attraverso questa consapevolezza, le persone che resistono possono iniziare a formulare strategie che possono essere efficaci contro questi criminali globali. Questi psicopatici impiegano molto tempo e risorse per molte generazioni per commettere ripetutamente questi crimini e presentarli al pubblico in un modo che li descrive come buoni. La soluzione è di pensarci prima eliminando la loro propaganda, abbracciando la realtà, raggiungendo una comprensione funzionale delle loro patologie e infine pensando a loro usando l’empatia come una forza mentre esponendo le loro debolezze “, ha concluso.
Fonte: Press Tv

Traduzione: Luciano Lago

3 Commenti

  • amadeus
    1 Novembre 2019

    Non credo proprio che gli ameri-cani rischiano una guerra di fronte alla ferma determinazione di riappropriarsi legittimamente di quello che é di loro proprietà, magari ci provano fino in fondo, ma di fronte al gioco duro faranno marcia indietro all’ultimo minuto, l’importante nel frattempo non far consolidare le loro posizioni impedendo l’entrata e l’uscita di uomini e mezzi dalla zona interessata, chi la dura la vince non gli conviene scatenare una guerra nella zona, magari troveranno un altra vittima da spolpare. La Syria e dalla parte della ragione di fronte a tutti e il suo operato non può essere condannato, non si puà dire altrettanto dei cani, e poi penso che abbiano più diritto al petrolio i Russi dal momento che hanno aiutato Assad a vincere la guerra.

    • SEPP
      1 Novembre 2019

      In un mondo giusto quello che dici puo’avverarsi, ma rimanendo al nostro secolo, passato e presente, le vittime sono state aiutate ad impiccarsi meglio.
      Capisco che putin e’ fotogenico, pero’ c’era in russia una eletta giornalista che denunciava i crimini di putin e compagnia omettendo di dire che la cerchia dello tzar erano tutti della sua specie. La specie speciale, unica vittima di tutti gli stermini sta in tutti i governi, assad deve fare buon viso a cattiva sorte.

      • atlas
        2 Novembre 2019

        2 Novembre sepp

        non hai qualche morto in famiglia da andare a trovare invece di perdere tempo a scrivere da moribondo ?

Inserisci un Commento

*

code