Il grande giornalista e scrittore di guerra, Jacques-Marie Bourget, a L’Expression: “RSF è uno strumento di propaganda atlantista”


Il grande reporter e scrittore di guerra Jacques-Marie Bourget ritorna in questa intervista alla nebulosa Reporter Senza Frontiere (RSF), sezionandone la genesi e le inferenze. Porta una dura testimonianza a questa “ONG” finanziata dalla CIA e da Israele.
Bourget parla della sua ricchissima esperienza ricordando i progetti di questa “ONG” e di altre la cui missione è servire come braccio secolare gli imperialisti occidentali e i loro alleati. Jacques-Marie Bourget ha fornito la copertura della Guerra dei Sei Giorni, della Guerra del Vietnam, della Guerra del Libano, della Guerra di El Salvador, della Prima e della Seconda Intifada, della Prima Guerra del Golfo, della Guerra del ex Jugoslavia Nel 1985, ha vinto lo Scoop Prize per aver rivelato l’affare di Greenpeace.

-L’Expression: Mentre nell’ottobre 2000 sei stato gravemente ferito al polmone sinistro da un proiettile israeliano, a Ramallah l’organizzazione Reporter Sans Frontières (RSF), la cui ragion d’essere sarebbe la tutela dei diritti, si è però rifiutata di sostenere la tua causa politicamente, diplomaticamente e giudizialmente. Come spiegare un tale rifiuto di difendere un giornalista gravemente ferito?

Jaques-Marie Bourget : Questo episodio molto grave della mia vita mi ha incoraggiato a conoscere la vera natura di RSF. Un’associazione che si dichiara “non governativa” ma che vive essenzialmente di denaro pubblico: francese, americano o altro. Se RSF non mi ha difeso, questo è stato per non offendere lo Stato di Israele, che ha tentato l’assassinio contro di me. Tra il supporto di Tel -Aviv e me, la scelta è stata rapida. Era per Israele.
Da notare che, nella classifica mondiale dei paesi che rispettano in misura maggiore o minore la libertà di stampa, RSF è riuscita a tenere conto solo dei criteri che riguardano Israele “intramurale” (se così si può dire. ‘un paese senza confini). Ad esempio un giornalista di un quotidiano ebraico che sarebbe stato censurato … Tutti i crimini e le violenze contro la stampa palestinese, tutte le atrocità commesse da Israele nella Palestina occupata e colonizzata non contavano. Che Israele assassini un giornalista palestinese … Questo dettaglio non è stato preso in considerazione nella classifica di RSF e, quindi, incredibilmente, il regime coloniale di Tel Aviv si trova regolarmente ai primi posti della classifica delle libetà di stampa.

Jacques Bourget ferito in Palestina dai soldati israeliani (documentava le violenze contro i palestinesi)


Reporter e fotografi potrebbero essere assassinati senza che la valutazione di Israele scenda nella classifica delle libertà di stampa. Il mio caso è stato quindi infilato sotto il tappeto. Immagina se io fossi stato ferito dall’esercito nazionale durante un rapporto in Algeria. Sarei immediatamente salito al grado di eroe. E tutti i conduttori del telegiornale francese si sarebbero mobilitati nel tempo per una foto e denuncia comune.
Il fatto che io citi il ​​mio esempio non vuole essere per esibizionismo, è solo lì per dimostrare che RSF è uno strumento di indignazione selettiva. Uno strumento che agisce per il bene dell’Occidente coloniale o neocoloniale.
Quando un collega spagnolo è stato assassinato dalle forze armate statunitensi a Baghdad nel 2003, abbiamo assistito alla giostra. RSF stava frenando per evitare di sostenere il collega morto. Tanto che la famiglia del nostro amico ha implorato RSF di stare fuori dal caso.

Possiamo credere nella libertà di espressione e nella difesa dei diritti umani quando sappiamo che questa organizzazione mantiene provate inferenze e collegamenti con le forze della finanza internazionale e persino della CIA?

È corretto dire che la NED, “National Endowment for Democracy“, uno strumento creato da Reagan per assistere, sotto il controllo della CIA, ONG amiche, ha sostenuto RSF. Non è un caso e, di conseguenza, questo è strutturalmente uno strumento di propaganda atlantista. Un’altra fonte di finanziamento una volta proveniva da ricchi esiliati cubani, anti-Castro, immigrati in Florida, in realtà un’altra metastasi della CIA.
Assicurati di una cosa, RSF non farà mai nulla per turbare o dispiacere l’elite di potere di Washington. RSF, che paga salari comodi ai suoi dipendenti (presunti attivisti), si è trovata a corto di soldi pochi mesi fa dopo la partenza del suo capo Robert Ménard, che divenne sindaco di Béziers e politico estremo di destra. Un Ménard che ha avuto il coraggio, prima di lasciare RSF, di cercare fondi in Qatar, in nome della difesa della libertà di stampa, mentre ben si sapeva che né la libertà civile né quella di stampa esistono a Doha!


Christophe Deloire, il nuovo capo di RSF, è andato in missione in Gabon e Marocco, mano nella mano con il quotidiano Liberation. Due stati noti per le loro qualità “democratiche”. Meglio, Deloire è andato anche a raggiungere Israele dove ha ricevuto, per la sua “ONG”, una sorta di Premio Nobel israeliano dotato di una pioggia di dollari.
Questa è la lobby che intende designare nel mondo dove si tiene la libertà. Una sorta di premio Nobel israeliano con una pioggia di dollari.
-Gli eventi che portano il nome di “primavera araba” sono stati sezionati dalle vostre pubblicazioni precisando che “la rivolta iniziale e legittima delle popolazioni che vivono in condizioni economiche e di libertà indegne”, è stata rapidamente supervisionata da “ONG” americane ” . Puoi dare maggiori chiarimenti in merito?

Tutto è documentato a questo proposito. C’è l’enorme lavoro di Ahmed Bensaâda che, da bravo scienziato, taglia tutte le fonti di finanziamento delle Ong che hanno sostenuto la “Primavera araba”. Hanno tutti un legame con gli Stati Uniti, Israele o un paese europeo. Sappiamo che un alto funzionario del Dipartimento di Stato americano ha dichiarato al New York Times: “Rovesciare un potere che non ci si addice, mediante le armi, costa miliardi. Se operiamo attraverso la propaganda, l’azione di ONG amiche e Internet, non costa nulla e non versa sangue, è davvero il modello da seguire.
Nasce così il sistema delle “rivoluzioni arancioni”, i macchinari di Otpor e tutta questa cavalleria. Un esempio, una rivolta legittima si esprime per strada, viene “inquadrata” molto rapidamente dagli sponsor americani. Il loro obiettivo, per quanto riguarda i paesi arabi, è istituire un governo dei Fratelli Musulmani. Gli USA sono un Paese religioso e reazionario, i “Fratelli” sono il loro modello nel mondo arabo.

Come qualificare le posizioni dell’Occidente attraverso le sue istituzioni ufficiali che ricorrono alla politica del doppio standard? Soprattutto quando vediamo il pregiudizio di dette istituzioni, ad esempio europee, nei confronti dell’entità sionista. E chi non dice una parola su ciò che sta accadendo in Palestina, nel Sahara occidentale e, o sugli attacchi contro il Venezuela?

Bourget a una presentazione

A Bruxelles, il lobbismo mobilita 40.000 dipendenti. Essendo l’Europa creata da Jean Monet, amico della CIA e Robert Schumann, ex ministro di Pétain, abbiamo quindi un continente che è solo un parco giochi di Washington. Influenzare un numero sufficiente di europei eletti per convincerli a votare sui progetti desiderati dagli Stati Uniti, sia in Algeria, Venezuela, Iran, Cina o altri, è molto facile.
L’ultima battuta, a Bruxelles, è la competenza universale che l’Europa si è appena concessa in materia di diritti umani. Dovrebbe protestare contro la repressione dei neri e la pena di morte negli Stati Uniti, contro il colonialismo galoppante e le uccisioni che sono l’atto di Israele (mentre un bambino di 13 anni è stato appena ucciso senza la minima protesta). Che l’Europa protesti anche contro la violenta repressione delle manifestazioni in Francia. I diritti umani sono un’arma formidabile, Obama è un eroe poiché ha ucciso migliaia di uomini e donne in nome di questi diritti, ma si sta esponendo a contraccolpi. Domani un gruppo di cittadini può esigere che l’Europa condanni Israele o gli Stati Uniti … Sogniamo.

E.-Qual è l’alternativa che può porre fine e fermare questa ondata di ingerenza delle potenze occidentali negli affari dei paesi sovrani?

Maggiore sottigliezza da parte dei leader attaccati da queste ONG. Quando combatti devi conoscere il tuo avversario. Queste offensive da parte delle ONG di Washington o dell’Europa dovrebbero essere bloccate molto presto. Dovresti sapere che in Algeria, la Fondazione Schumann ha pubblicato sulla stampa offerte di servizi per reclutare attivisti a stipendi stravaganti. E nessuno ha sussultato, nè ha drizzato le orecchie. I leader dovrebbero capire che mettere in prigione un blogger insignificante significa consegnare un’arma per farsi picchiare da queste ONG. È per darle grana da macinare, per esporsi per nient’altro che una soddisfazione della politica interna.

E-Esiste uno standard in relazione alla nozione di diritti umani, o piuttosto un approccio eurocentrico, che corrisponda a una logica di dominio delle forze imperialiste occidentali attraverso questa concezione viziosa?

I diritti umani sono la nuova arma di distruzione di massa. Prendiamo l’esempio birmano dove, per anni, Aung San Suu Kyi è stata la musa del “mondo libero”, al punto da darle un Nobel, come Obama o Kissinger. Questa donna era un cannone dell’Ovest puntato contro la giunta di Rangoon, una bomba. Poi è apparsa la sua volontà di potenza. Ha appoggiato il massacro dei Rohingya, la minoranza musulmana. Ora l’arma si è rivoltata contro l’Occidente.
Oggi la Cina deve affrontare un’accusa di “genocidio” degli uiguri. Anche lì una minoranza musulmana, alcuni dei quali si sono ritrovati jihadisti in Siria. Non voglio dire che gli uiguri siano felici in Cina, ma quando vediamo chi sono i propagandisti di questa accusa di “genocidio”, notiamo i profili fatti dalla CIA.

E.-Pensa che la democrazia occidentale sia una “bufala” il cui vero contenuto è altrove nelle sfere occulte della finanza internazionale e nelle farmacie in cui operano sottilmente?

La democrazia occidentale che tratta Julien Assange come sta facendo adesso non può pretendere di essere una democrazia. Il suo modo di trattare le minoranze, di aggravare la povertà per soddisfare la maggiore ricchezza di pochi, non ha nulla a che fare con la democrazia.

La democrazia non è la libertà di pubblicare cartoni animati, è avere un tetto sopra la testa, un lavoro, scuole e ospedali liberi e funzionanti. Ho assistito troppo alla morte di Stati, come l’Iraq, distrutti per il petrolio in nome dei diritti umani.
I diritti umani sono ormai una arma di propaganda di cui si serve l’Occidente per attaccare o rovesciare governi o regimi non graditi a Washington, Londra e Tel Aviv (n.d.r.).

Fonte: L’Expression

Traduzione: Gerard Trousson

16 Commenti

  • Teoclimeno
    21 Dicembre 2020

    Un’autorevole conferma, che le ONG sono molto governative e sono dei cavalli di Troia di USrahell. Carthago delenda est!

    • atlas
      21 Dicembre 2020

      e se io scrivessi in Arabo ? O in Lingua Napolitana ? Non ti sembra che possa bastare con sto latino e anche anglosassonicismi del cazzo ?

  • giorgio
    21 Dicembre 2020

    Dai Atlas, sugli inglesismi hai ragione, sono la lingua dei dominatori, ma la frase latina di Teoclimeno è pur sempre diretta contro gli anglosionisti ….
    apprezzerei senz’altro qualche tuo anatema anti sionista anche in arabo o napoletano ….
    diffondiamo la semplice verità: ONG = CIA

  • antonio
    21 Dicembre 2020

    la persuasione occulta e la propaganda, serve ai ladroni per nascondere i loro comportamenti ed infinocchiare le genti ingenue e di poca cultura, come sempre nella storia è successo e succede anche oggi, grazie al dominio dell’ infirmazione dei ladroni economici attuali in occidente, buttate le televisioni e i giornali mainstreem

    • Teoclimeno
      21 Dicembre 2020

      Egregio Signor ANTONIO, ha detto bene: “infinocchiare le genti ingenue e di poca cultura”. Molti cordiali saluti. TEOCLIMENO

  • Teoclimeno
    21 Dicembre 2020

    Egregio Signor GIORGIO, la ringrazio per la difesa. USraehell è l’acronimo di tre parole: United States, Israele e Inferno. Transeat per gli inglesismi, che detesto di tutto cuore, ma il Latino è la lingua dei padri, e su quella penso che siamo tutti d’accordo. Avrei voluto scrivere “USrahell delenda est”, parafrasando “Carthago delenda est”, un’invettiva di Marco Porcio Catone (Catone il Censore), ma ho ripiegato sulla frase originale, per non urtare la sensibilità del Signor GIULIO. Di questo passo, per una ragione o per l’altra, per non urtare la suscettibilità, a volte pretestuosa di altri, dovrò astenermi dallo scrivere. Se ad alcuno non piace come scrivo, può passare oltre. Per quel che mi riguarda, tutti sono liberi di pensare e scrivere tutto quello che vogliono, pur con l’obbligo della sola decenza e doverosa educazione. Alcuni lettori, pochi per la verità, amano invece comportarsi come i capponi di Renzo, o meglio ancora sono a libro paga. Ci stanno portando al macello e loro non trovano di meglio che scrivere pretestuose amenità. Molti cordiali saluti. TEOCLIMENO

    • atlas
      21 Dicembre 2020

      per quanto riguarda IO ME cerco sempre d’imparare. E benedico chi m’insegna. E di quello che sò cerco di renderne partecipi altri. Se lo vogliono. Posso anche dilungarmi a volte, sul personale o deviare dall’argomento, scherzare pure, ma sempre al fine di sdrammatizzare costruttivamente visto che spesso ci vuole; sono Socialista, socievole dopo tutto non un democratico. E confermo, odio le chiacchiere.

      Ognuno ha i suoi limiti, ritengo fortunato colui che li riconosce da solo auto-criticamente, ma è palese che comunicare prescinde dal farsi comprendere dall’interlocutore (e già ci sono i giuli che non capiscono un cazzo nemmeno se gli scrivi con la lingua della televisione). Se no è come parlare da soli

      • kaius
        21 Dicembre 2020

        Hai ragione Atlas,se non sdrammatizziamo poi ci rimangono solo i giuli.
        Giuli,giuliate
        stronzate a palate
        quando compare
        secchiate di merda gli devi lanciare
        un giulio appeso la su
        un giulio a testa in giu’
        prendi a calci in culo il giulio che vuoi tu!

        • Kaius
          21 Dicembre 2020

          Credo che giulio ne abbia bevuta troppa…..infatti la vomita
          https://m.youtube.com/watch?v=FHy0R9Fhrm8

          • atlas
            21 Dicembre 2020

            buone feste kaius. Devo scrivere che oggi ho riso molto leggendo i commenti un pò di tutti. Non sono nemmeno uscito di casa

            certo domani lo farò, devo prendere qualche regalo. Stiamo allegri finchè possiamo … godiamocela finchè possiamo …

            Io purtroppo sono ossessionato dalla merda, mi sento circondato. Prima andavo in Tunisia, ora, che esco a fare (a Milano). E’ pieno di giuli

            purtroppo quando i giuli verranno a cercarci per il TSO obbligatorio saranno giuli amari perchè tutte le opzioni sono contemplate … capisci a me

          • kaius
            21 Dicembre 2020

            Si Atlas finche’ giulio non decide di spararsi una fucilata nel culo credo che ci faremo grosse e grasse risate!
            Magari ci fosse Sed Vaste,lui l avrebbe smerdato meglio di tutti.
            peccato….

    • Hannibal7
      21 Dicembre 2020

      Egregio sig.Teoclimeno le esprimo la mia ammirazione
      H7

Inserisci un Commento