Il Governo della Cina trasmette films anti-americani a milioni di persone nel mezzo all’aumento della guerra commerciale

di Tyler Durden

Con la guerra commerciale tra Stati Uniti e Cina che è scoppiata improvvisamente dopo un cessate-il-fuoco di 5 mesi, CCTV 6, il canale televisivo della principale emittente televisiva statale cinese, ha trasmesso tre film anti-americani la scorsa settimana, come ha riportato What’s On Weibo .

I tre film sono film di guerra coreani: Heroic Sons and Daughters (1964), Battle on Shangganling Mountain (1954) e Surprise Attack (1960), trasmessi circa una settimana dopo che il presidente Trump aveva alzato una tariffa del 10% su 200 miliardi di dollari Merce cinese al 25%.

Tutta la scorsa settimana, la propaganda antiamericana è fiorita in tutto il paese, con lo slogan “Vogliamo parlare? Parliamo. Vogliamo combattere?” Facciamolo. Vuoi fare il prepotente? Diventando virale su piattaforme di social media cinesi.
CCTV 6 ha trasmesso i film per 500 milioni di persone in 23 province. I film rientrano in una categoria chiamata “Resist America, Aiuta la Corea del Nord”, debuttando per la prima volta alla fine della guerra di Corea (1950-1953).
l primo film è Battle on Shangganling Mountain , tradotto anche come Battle of Shangganling. Raffigura un gruppo di soldati cinesi che combattono contro i soldati americani a Triangle Hill.

Il secondo film è “Heroic Sons and Daughters” racconta la storia di un commissario politico dell’esercito cinese che incontra il figlio e la figlia perduti nella Corea del Nord durante la guerra di Corea. Il film mostra come la Cina e la Corea del Nord erano compagni di battaglia contro gli americani.

Propaganda cinese di guerra

Il terzo film è Surprise Attack che ruota intorno a un’operazione speciale dei soldati cinesi per far saltare in aria Kangping Bridge, tagliando le catene di fornitura di armi americane e permettendo ai cinesi di attaccare.

La CCTV che ha cambiato la sua programmazione originale con tre film anti-americani è diventata una discussione popolare durante il fine settimana sui social media cinesi, con molte persone in tutte le province che hanno elogiato CCTV6 per aver mostrato questi film.

Propaganda cinese anti-USA

Tuttavia, alcuni cinesi hanno detto: “Sembra che non ci siano nuove serie TV o film anti-americani ora, quindi hanno escogitato questi vecchi film per lavarci il cervello”. Altri hanno detto: “Questo tipo di lavaggio del cervello non è utile”.

Gli utenti di Weibo hanno apprezzato questi classici film anti-americani, dicendo “Non fanno più film come questo” e “È bello per le generazioni più giovani vedere anche questi classici”.

What’s on Weibo
@WhatsOnWeibo
“CCTV 6 has gone trending on Chinese social media today for changing its schedule and playing three anti-American movies for three days in a row, sending out a clear anti-US message while the trade war is heating up. Read: https://www.whatsonweibo.com/surprise-attack-cctv6-unexpectedly-airs-anti-american-movies-as-china-us-trade-war-intensifies/ …”

Il governo cinese che trasmette film anti-americani a centinaia di milioni di persone mostra come i funzionari stiano avviando le macchine di propaganda in vista di un potenziale conflitto armato con gli Stati Uniti. Poiché nessuno vince in una guerra commerciale, le tensioni tra i due paesi continueranno ad aumentare e potrebbero portare a uno scontro a fuoco nel Mar Cinese Meridionale.

La Cina è la principale potenza emergente che sfida l’impero globale americano, questo modello distruttivo di stress strutturale è chiamato Trappola di Tucidide. Questo fenomeno risale alla guerra del Peloponneso che ha devastato la Grecia antica, ha spiegato lo storico Tucidide: “È stata l’ascesa di Atene e la paura che questa ha instillato a Sparta che ha reso la guerra inevitabile”.

La storia si gioca davanti ai nostri occhi, e la guerra è inevitabile se le tensioni commerciali continuano ad aumentare, questo ultimo pezzo che condividiamo con i nostri lettori mostra che la Cina sta iniziando a condizionare i propri cittadini in vista di potenziali conflitti, e nel caso si pensasse che fosse ” la “troupe” della teoria della cospirazione, ecco la voce twitter (un) ufficiale della Cina che conferma il condizionamento della guerra proprio stamattina … “Shangganling, and other old films about Korean War are rerun in China’s TV stations. Chinese troops’ win in the 1952 Battle of Shangganling boosted China’s position in negotiations with the US. Enlightenment from this film to Chinese:there’s no equal negotiation without fighting”.


Il messaggio sembra abbastanza chiaro: “Messaggio illuminante da questo film al cinese: non c’è parità di trattativa senza combattere ” .

Fonte: Zero Hedge

Traduzione: Sergei Leonov

5 Commenti

  • La soluzione
    21 Maggio 2019

    Di fronte ad uno stato mafioso e arrogante cosa puoi fare????.
    Gli americani hanno bisogno di una bella lezioncina.

  • kaius
    21 Maggio 2019

    Questi film,anche se considerati dei classici,sono vecchiotti.Ci vorrebbe qualcosa di nuovo,qualcosa che attacchi brutalmente non solo gli Usa ma anche l immigrazione incontrollata,il multiculturalismo,la propaganda pedo/omofila,il 68 ecc. ecc. ecc.
    Per ora ho visto solo un film contro l aborto semi sconosciuto,ma serve fare propaganda,rimettere in funzione il cervello,se non e’ possibile farlo sui media,bisognerebbe utilizzare la rete finquando non ci censurano pure quella!

  • Eugenio Orso
    22 Maggio 2019

    Un po’ di sana propaganda anti-yankee ci vuole, in questo mondo americanizzato e a rischio, ma speriamo che non si tratti di una semplice sostituzione in un quadro finanz-globalista, cioé la Cina al posto degli Usa …

    Cari saluti

  • namelda
    22 Maggio 2019

    è un secolo buono che gli yanqui riscrivono la storia a hollywood,trasformando le batoste in eroiche vittorie,
    non potranno certo lagnarsi se altri paesi usano un approcio” minculpop”

  • eusebio
    23 Maggio 2019

    Speriamo che la guerra economica diventi prestissimo guerra guerreggiata, gli USA devono mordere la polvere.

Inserisci un Commento

*

code