Il giudice tedesco ha dichiarato incostituzionale la mascherina obbligatoria per i bambini. Subito dopo la sua casa è stata perquisita e saccheggiata


Immagino che la satanizzazione da parte del 4 ° ramo del governo (i media) non sia stata abbastanza contro chi non è conforme al nuovo regime sanitario

di Naga Pramod

Riportiamo il caso di un giudice distrettuale tedesco a cui sono stati confiscati i suoi dispositivi elettronici (computer e smartphone) e, la sua residenza, auto e locali privati ​​sono stati perquisiti dalla polizia. Questo è avvenuto dopo che il giudice aveva emesso una istanza con cui chiedeva a due scuole nel distretto di Weimar di astenersi dal far rispettare ai bambini le pratiche obbligatorie di indossare la maschera e di distanziamento sociale

Il giudice del tribunale distrettuale di Weimar Christian Dettmar, dopo aver ascoltato le prove riguardanti l’accuratezza scientifica, la validità e la necessità delle pratiche anti-COVID-19 come le mascherine e l’allontanamento sociale, ha preso la decisione di vietare a due scuole di Weimar di applicare le coperture bocca-naso obbligatorie tra gli studenti.

Vale la pena notare che il caso segna la prima volta che le prove contro le misure anti-COVID-19 comunemente prescritte sono state presentate in un tribunale tedesco, secondo quanto riportato nel 2020.

Il giudice Dettmar, dopo aver preso visione delle prove contro l’uso delle mascherine e delle altre misure anti-COVID-19, ha affermato che il benessere mentale, fisico e spirituale dei bambini venivs messo a repentaglio – sia che si indossassero maschere durante l’orario scolastico o che si tenessero a distanza l’uno dall’altro: i bambini, secondo Dettmar, venivano danneggiati.

Il giudice ha sostenuto che le regole imposte dalle scuole ai bambini, per quanto riguarda le misure anti-COVID-19, hanno violato diversi diritti dei bambini e dei genitori, sia a livello nazionale che internazionale. Dettmar ha affermato che il diritto al libero sviluppo della personalità e dell’integrità fisica, prescritti dall’articolo 2 e dall’articolo 6 della Legge fondamentale della costituzione tedesca è stato violato dall’applicazione obbligatoria delle misure anti-COVID-19 nelle scuole.

I bambini con mascherina e distanziati, le nuove regole…

Subito dopo la decisione, si è manifestata indignazione online.

Quasi 20 giorni dopo la pronuncia della sentenza, la casa, l’ufficio, l’auto e altre proprietà private di Dettmar sono stati perquisite a fondo dalla polizia, e persino i suoi dispositivi elettronici come il suo smatphone sono stati confiscati.

In una dichiarazione, la polizia accusa il giudice di “aver abusato della legge” per prendere tale decisione. L’avvocato del giudice, il massimo difensore Gerhard Strate di Amburgo, ha definito la perquisizione e il sequestro “follia”.

L’ufficio del pubblico ministero ha confermato il sequestro quando interrogato. “Sì, ieri mattina c’è stata una perquisizione. Le prove del rilascio volontario dell’accusato sono state garantite ”, ha affermato il procuratore capo Hannes Grünseisen. “La perquisizione è stata ordinata dal giudice istruttore”. Grünseisen ha rifiutato di commentare tutti i dettagli.

Fonte: Reclaim

Il Giudice tedesco indagato dalla polizia dopo aver dichiarato incostituzionale l’uso di maschere obbligatorie nelle scuole
L’8 aprile 2021, il Tribunale distrettuale per la famiglia di Weimar aveva stabilito ad Amtsgericht Weimar, Beschluss vom 08.04.2021, Az .: 9 F 148/21 ) che a due scuole di Weimar era stato vietato con effetto immediato di richiedere agli alunni di indossare coperture bocca-naso di qualsiasi fattura (maschere particolarmente qualificate come maschere FFP2), per rispettare le distanze minime AHA e / o per partecipare a test rapidi SARS-CoV-2. Allo stesso tempo, il tribunale ha stabilito che l’istruzione in classe deve essere mantenuta.

È la prima volta che vengono ora presentate testimonianze di esperti davanti a un tribunale tedesco sulla ragionevolezza scientifica e la necessità delle prescritte misure anti-Corona: i testimoni esperti sono stati l’igienista Prof. Dr. med Ines Kappstein, lo psicologo Prof. Dr. Christof Kuhbandner e il biologo Prof. Dr. Ulrike Kämmerer sono stati ascoltati. Nel 2020, NewsDe ha pubblicato una sintesi della sentenza , le cui parti salienti sono riportate integralmente di seguito (traduzione di DeepL).

Il motivo per evidenziare questo giudizio in modo così dettagliato è a causa delle conseguenze segnalate dal sito di notizie al giudice della sua decisione. Secondo il NewsDe, “al giudice del tribunale distrettuale di Weimar, Christiaan Dettmar, è sata fatta perquisire la sua casa [il 26 aprile 2021]. Il suo ufficio, i locali privati ​​e la macchina . Il cellulare del giudice è stato sequestrato dalla polizia. Il giudice aveva preso una decisione clamorosa l’8 aprile 2021, il che è stato molto scomodo per la politica del governo sulle misure “. In una nota a margine dei procedimenti con altre parti, continua il NewsDe, “la decisione in questione è stata definita illegale dal tribunale amministrativo di Weimar senza una giustificazione comprensibile”.

Il caso giudiziario era un caso di protezione dei minori ai sensi del § 1666 paragrafi 1 e 4 del codice civile tedesco (BGB), che una madre aveva avviato per i suoi due figli, rispettivamente di 14 e 8 anni, presso il tribunale della famiglia locale. Aveva affermato che i suoi figli subivano danni fisici, psicologici e pedagogici senza alcun beneficio per i bambini o per terzi. Allo stesso tempo, ha affermato che ciò costituiva una violazione di una serie di diritti dei bambini e dei loro genitori ai sensi della legge, della costituzione tedesca (Grundgesetz o Legge fondamentale) e delle convenzioni internazionali.

I procedimenti ai sensi della sezione 1666 del codice civile possono essere avviati d’ ufficio sia su suggerimento di qualsiasi persona che senza tale suggerimento se il tribunale ritiene che l’intervento sia necessario per motivi di interesse superiore del minore (sezione 1697a del codice civile) .

Dopo aver esaminato la situazione fattuale e giuridica e valutato le opinioni degli esperti, il tribunale della famiglia di Weimar ha concluso che le misure proibitive rappresentavano un pericolo attuale per il benessere mentale, fisico o psicologico del bambino a tal punto che si poteva prevedere un danno sostanziale con un alto grado di certezza.

Il giudice tedesco sotto inchiesta

Il giudice ha dichiarato:

Questi sono i rischi. I bambini non solo sono messi in pericolo nel loro benessere mentale, fisico e psicologico dall’obbligo di indossare maschere per il viso durante l’orario scolastico e di tenersi a distanza gli uni dagli altri e dalle altre persone, ma sono anche già danneggiati. Allo stesso tempo, ciò viola numerosi diritti dei bambini e dei loro genitori in base alla legge, alla costituzione e alle convenzioni internazionali. Ciò vale in particolare per il diritto al libero sviluppo della personalità e all’integrità fisica ai sensi dell’articolo 2 della Legge fondamentale, nonché all’educazione e alla cura dei genitori ai sensi dell’articolo 6 della Legge fondamentale….

Con il suo giudizio, il giudice ha confermato la valutazione della madre:

I bambini sono danneggiati fisicamente, psicologicamente e pedagogicamente ei loro diritti sono violati senza alcun beneficio per i bambini stessi o per terzi.

Bambini in scuola tedesca

Secondo il tribunale, gli amministratori scolastici, gli insegnanti e altri non potevano invocare le norme della legge statale su cui si basano le misure, perché sono incostituzionali e quindi nulle, poiché hanno violato il principio di proporzionalità radicato nello Stato di diritto ( Articoli 20, 28 Legge fondamentale).

Secondo questo principio, denominato anche divieto di eccedenza, le misure destinate al raggiungimento di uno scopo legittimo devono essere adeguate, necessarie e proporzionate in senso stretto, vale a dire quando si soppesano i vantaggi contro i loro svantaggi. Le misure che non sono basate sull’evidenza, contrariamente alla Sezione 1 (2) IfSG, sono già inadatte a raggiungere lo scopo fondamentalmente legittimo perseguito con esse, per evitare di sovraccaricare il sistema sanitario o per ridurre l’incidenza di infezione da SARS-CoV- 2 virus. In ogni caso, però, sono sproporzionati in senso stretto, perché i notevoli svantaggi / danni collaterali da essi causati non sono compensati da alcun beneficio riconoscibile per i figli stessi o per terzi

Il giudice ha chiarito che bisognava precisare che non spettava alle parti coinvolte giustificare l’incostituzionalità delle violazioni dei loro diritti, ma al contrario spettava allo Stato Libero di Turingia dimostrare la necessaria evidenza scientifica dell’adeguatezza delle misure da esso prescritte per raggiungere gli scopi previsti e che siano proporzionati, se necessario. Finora, questo non è stato fatto in alcun modo.

Il giudice ha ascoltato la perizia del Prof.Kappstein sulla mancanza di beneficio nell’indossare maschere e nell’osservanza delle regole sulla distanza per i bambini stessi e per terzi

Il Prof. Kappstein, dopo aver valutato tutti i dati internazionali in materia di maschere, ha affermato che l’efficacia delle maschere per persone sane in pubblico non è supportata da prove scientifiche. (…………….)

Seguono i dettagli della sentenza: https://ukhumanrightsblog.com/2021/04/28/german-judge-under-police-surveillance-after-ruling-compulsory-mask-wearing-in-schools-unconstitutional/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM