Il giro del fumo

di Lorenzo Merlo

Lo scontro tra no vax e resto del pensiero unico, non sarebbe avvenuto senza la mala gestione della cosiddetta pandemia, che ha criminalizzato tout court gli scettici dell’intruglio e su altro e poi non ha voluto riconoscere le ragioni profonde di coloro che non si prostravano al canto dei coriferi di governo. C’era dell’inspiegabile, ma ora è tutto chiaro.

Adesso ho capito! Ce n’è voluta, ma ci sono arrivato anche io. Stiamo parlando di Covid e famiglia e ambiente e politica e comunicazione. Nonché della cosiddetta, ­ secondo alcuni,­ pandemenza.

Ecco i fatti illuminanti, che spiegano una volta per tutte come un intero popolo di esperti, di addetti ai lavori, che ha operato in corsia, che ha visto morire, abbia potuto pugnalare alla schiena chiunque che non volesse sottostare al suo stesso pensiero, alla sua stessa acritica sottomissione, senza accorgersi che il primo assassinato è stato un certo Ippocrate. Per non parlare di Paracelso, uno che, secondo quel popolo, non conta nulla, anzi, neppure esiste e, in ogni caso, di cui si può fare certamente a meno. Quindi, pugnalabile anch’egli.
Senza precisare per non infierire che, era stato quello stesso popolo di addetti ai lavori a uccidere – almeno inizialmente – chi poi avrebbe visto morire. E che, dell’aver visto morire si facevano vanto e competenza. Tanto da imporre come gli altri sarebbero stati tenuti a comportarsi, tanto da ritenersi in diritto di augurare le peggiori sorti e maledizioni.
Una supponenza che impediva loro di riconoscere l’arroganza necessaria con cui sostenevano (e sostengono) certe posizioni, ma che godeva dell’appoggio dei giornalisti da lista di proscrizione e menzogne. Quelli salariati se ubbidienti agli ordini di scuderia governativa.

Un atteggiamento con diritti anticostituzionali e di repressione, che impediva loro di mettere al centro del problema non gli odiati astensionisti dall’intruglio ma il terreno, ovvero il gradiente di salute del sistema immunitario dei ricoverati. Sarebbe bastato per discriminare tra chi era opportuno si vaccinasse e chi poteva starne fuori. Per non togliere il pane di bocca a consimili, per evitare il collasso di innumerevoli aziende, per restare rispettabili.

I fatti, sono che quel popolo riesce sempre meno a ignorare le voci contrarie ai suoi dogmi burionici. Nonostante la disparità – che Davide e Golia ben rappresentano – tra la loro messe di comunicazione e quella di chi semplicemente con i puntini che c’erano componeva disegni differenti da quelli vigliaccamente imposti – pena stipendio e posto di lavoro – è per loro sempre più difficile uscire dall’angolo in cui la loro ignavia li ha cacciati.
Così, dopo aver giocato la carta della scienza (che loro posseggono e noi no), dopo quella delle minacce, dopo avere tentato con le censure in senso stretto, dopo non avere esitato a giocarsi quella della criminalizzazione, del discredito, della ridicolizzazione e della derisione, si trovano ora, che quanto hanno taciuto sta emergendo, a vuoto di colpi infamanti.
Che fanno allora?

Non avrei saputo prevedere tanta inettitudine. Cercano di restare in sella al proprio cavallo di carta paventando che i “resistenti” – ultimo guardingo appellativo con cui indicano i critici della gestione della pandemenza – “saranno felici di iniettarsi i nuovi vaccini anticancro,quando questo sarà in loro”. Lasciando perdere il paragone tra cancro e covid, diciamo sproporzionato, sarebbe come a dire che chi non ha voluto farsi inoculare per il covid, chi non ha voluto seguire le minacce di Mattarella, di Draghi, di Speranza, degli esperti, dei virologi, dei giornalisti, necessariamente se lo farà iniettare per il cancro. A significare che i disertori dell’intruglio dovranno ricredersi, e che allora aveva ragione il popolo pandemente. Aiuto.

Dov’è la luce che mi mostra con chi avevamo a che fare? La luce è questa.
Quel popolo non vede, neppure a questo punto, che sono stati i vaccini covid ad alzare le percentuali di patologie varie e dei tumori, con proiezioni da rampa di lancio; che le case farmaceutiche hanno già pronto o quasi il vaccino specifico per la patologia che hanno indotto con quello per il covid.
Se uno ancora non ha capito come gira il fumo con chi e di cosa stiamo parlando?

Il giro del fumo, ai piani alti, in altre parole
Quelle che sono state sempre inascoltate, quando non derise. Quelle per le quali facilmente si poteva – e si potrà – sentire: che cosa vuoi che ne sappia un teatrante? Come altrettanto inascoltate lo sono quelle dei medici che non si sono piegati all’assurdità degli ordini governativi, anche a costo dì essere radiati, dal loro svergognato ordine, primo luogotenente del potere:

  1. https://www.youtube.com/watch?v=bYbJW8VBTgI
  2. https://ilmanifesto.it/salute-il-ministro-schillaci-sceglie-per-consulenti-due-lobbisti-di-big-pharma
  3. https://www.ilfattoquotidiano.it/in-edicola/articoli/2024/02/14/il-consulente-di-big-pharma-si-prende-il-ministero-e-aifa/7445949/

11 commenti su “Il giro del fumo

  1. “L’uomo ha tre nemici: lo Stato, il Demonio, la Tecnica”.

    Nella cospirazione globale denominata Covid 19 sono presenti le ostili entità indicate da N. G. Dávila.

  2. Proprio oggi il dott campbell ha pubblicato un video in cui analizza l eccesso di mortalità. A ogni campagna vaccinale c é un picco di eccessi di mortalità é impressionante.

  3. Imponente articolo, chissà se arriverà alle pandementi ipervaccinate e ai vaccinatori compulsivi in buona fede. Per gli altri non arriverà. Pecunia non olet.

  4. Questo articolo mi ha fatto rivivere il periodo più triste della mia vita per diversi motivi: perdita del lavoro , la malattia di mia moglie che alla fine se l’è portata via. Insomma la mia vita era già, enormemente triste. Oltre a ciò un’orda di aguzzini ripugnanti ansiosi di compiacere l’autorità mi impediva sistematicamente di accedere perfino agli uffici dell’ inps per questioni di assistenza domiciliare cui mia moglie aveva diritto data la sua sfortunata condizione.” Lei non può entrare in questi uffici , si vaccini e poi torni” mi dicevano. oppure”lei è un untore, dovrebbe stare tappato in casa come un topo di fogna!”. Si, davvero un periodo nefasto quello del covid, e non solo perchè con l’inganno hanno scatenato il panico che
    ha indotto le persone a prendere volontariamente un veleno che prima o poi li ucciderà, soprattutto perchè ha distrutto i diritti costituzionalmente riconosciuti con la complicità di tutte le cariche dello stato. Da dove è arrivato questo ordine tanto potente?Così potente da travolgere con ferocia le conquiste sociali di secoli di lotta. E’ sconcertante che nessuno nel governo , nella magistratura, nelle forze dell’ordine, nell’informazione abbia mosso un dito. Traditori. Sono sempre stato una persona corretta e continuerò ad esserlo, ma, non sono un obbediente non mi sono mai vaccinato e , anzi per la precisione, odio gli obbedienti come causa sostanziale della degenerazione della società e non solo per quel che riguarda la covid ….

    1. Un saluto SOLIDALE a LUTHER … sapessi cosa mi è costato rifiutare di vaccinarmi e non sottostare al ricatto, ho rischiato davvero grosso di restare per mesi senza stipendio pur non avendo somme da parte per resistere, ho dato fondo a tutto l’ingegno e combattività di cui sono capace pur di non cedere e nel contempo non privare me e mia moglie di ciò che è necessario per vivere, cibo, bollette ecc., il rischio di finire alla caritas è stato reale, ho cambiato medico di famiglia, mi sono sottoposto a costose quanto inutili analisi cliniche, ho anche conosciuto uno dei rari medici con la M maiuscola, che sconsigliava apertamente il veleno dandomi un aiuto sostanziale ! Forse ho commesso pure dei reati per non cedere e non restare senza stipendio, ma quando è in gioco la sopravvivenza tutto è lecito ! Se non combattiamo per motivi ideologici, combattiamo almeno per istinto di conservazione ! Istinto di auto conservazione che il regime liberista vorrebbe distruggere in tutti noi !

      1. Ti capisco caro Giorgio e sono d’accordo con te . Ed aggiungerei, non so se è capitato anche a te di sentirti solo mentre tutto, intorno, cadeva a pezzi, penso di si perchè un po’ le nostre storie si somigliano, ma prova a domandarti ancora una volta, “ne è valsa la pena?”. Certo che si perchè, come giustamente tu hai scritto, proprio quell’istinto di conservazione ci ha salvati e ci ha conservati dignitosi e liberi. Non è così? Un caro saluto

  5. Conosco una anziana signora che alla seconda dose del Pfizer si è sentita male con impressionanti sbalzi di pressione che mai aveva avuto prima. Ha chiamato la guardia medica, erano pronti ad intervenire ma quando ha detto che la sera prima era stata vaccinata le hanno raccomandato di stare calma e non si sono fatti vedere. La signora si è messa a letto in attesa del peggio e si è stabilizzata dopo circa sei ore: ha avvisato l’AIFA di quanto era successo e l’hanno ringraziata. Dopo un anno ha ricevuto una notifica di apertura di procedimento per la colpa di non avere voluto ricevere altre dosi del pericoloso vaccino. Comunque lei si considera miracolata perché nel corso del 2022 ha perduto ben nove persone amiche: tutta gente che un anno prima stava benissimo ed è morta con un cancro galoppante: alcuni erano anziani e dicono che i processi cancerogeni negli anziani dovrebbero essere lenti. La mia anziana amica non è una immunologa né possiede titoli in arti mediche ma è una scienziata buona osservatrice.

  6. Parole sante Luther, quelli che cita non sono obbedienti, ma ignavi. L’ignavia non paga o meglio sembra pagare nel breve periodo ma, sul lungo, si scontera’ l’averla abbracciata. Coraggio per la Sua penosa vicenda familiare. Un forte abbraccio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM