Il genocidio di Gaza denuncia la frode delle guerre umanitarie della NATO guidata dagli Stati Uniti

di Finian CUNNINGHAM (*)

Venticinque anni fa, gli Stati Uniti e l’alleanza militare NATO lanciarono una guerra illegale contro l’ex Jugoslavia.

Fu un evento spartiacque che portò a una serie di guerre della NATO guidate dagli Stati Uniti in tutto il mondo nel corso del quarto di secolo successivo fino ad oggi, il tutto sulla base di qualche nobile principio di “difesa” dei diritti umani o della democrazia.

Nell’ex Jugoslavia, la campagna di bombardamenti aerei durata 10 settimane, iniziata il 24 marzo 1999, causò centinaia di morti civili e distrusse le infrastrutture di quello che allora era un paese socialista ben sviluppato.

La logica dell’intervento militare è stata dichiarata “umanitaria”, presumibilmente per proteggere i civili in una guerra civile.

L’avvocato e scrittore internazionale Dan Kovalik afferma che il pretesto “umanitario” per il bombardamento della NATO sulla Jugoslavia era una farsa.

Il vero obiettivo, dice, era che gli Stati Uniti e i loro partner imperialisti occidentali creassero un precedente per la violazione sistematica del diritto internazionale.

Kovalik è l’autore del libro “Mai più guerre: come l’Occidente viola il diritto internazionale utilizzando l’intervento umanitario per promuovere interessi economici e strategici”.

Il bombardamento della NATO sull’ex Jugoslavia non aveva l’autorizzazione legale del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite. Si è trattato di un’azione unilaterale definita più accuratamente come un’aggressione illegale – un crimine di guerra.

Kovalik nota che il periodo storico è stato cruciale. Durante gli anni ’90, gli Stati Uniti stavano riconfigurando il proprio potere imperiale nell’era successiva alla Guerra Fredda (1945-90). Con la caduta dell’Unione Sovietica nel 1991, Washington venne proclamata unica superpotenza. Dice che gli Stati Uniti volevano affermare la loro prerogativa nel mondo post-Guerra Fredda di utilizzare la propria potenza militare e quella dei suoi partner NATO ovunque e ogni volta che fosse necessario allo scopo di portare avanti i propri interessi strategici.

L’aggressione guidata dagli Stati Uniti contro la Jugoslavia fu quindi l’apertura verso un nuovo ordine mondiale in cui la potenza militare americana e della NATO poteva essere utilizzata a piacimento in totale spregio del diritto internazionale e della Carta delle Nazioni Unite che era stata redatta nel 1945 per prevenire questo tipo di aggressione. aggressione che la Germania nazista aveva intrapreso.

In breve, è stata una reinvenzione dell’imperialismo vestito con un mantello di virtù.

Dopo la Jugoslavia, balcanizzata a seguito dell’aggressione della NATO, gli Stati Uniti e i loro partner militari si sono imbarcati in un’orgia di guerre illegali e interventi segreti durata 25 anni. Afghanistan, Iraq, Somalia, Libia, Siria e altri luoghi del Medio Oriente e dell’Africa. Guerre infinite che costano trilioni di dollari al pubblico occidentale e fomentano una serie di problemi socio-economici, dall’immigrazione di massa alla povertà di massa – tutte queste guerre sono state intraprese dai successivi presidenti degli Stati Uniti, tra cui il democratico in carica Joe Biden e il suo rivale repubblicano Donald Trump.

L’attuale guerra in Ucraina – la più grande dalla Seconda Guerra Mondiale – può essere attribuita all’incessante espansione della NATO verso i confini della Russia negli ultimi 25 anni. Washington e i suoi partner occidentali affermano di difendere la democrazia, i diritti umani e il diritto internazionale in Ucraina dalla presunta aggressione russa. Questa narrazione occidentale ignora la realtà che gli Stati Uniti e i loro partner NATO hanno militarizzato un regime neonazista in Ucraina per almeno otto anni prima che l’attuale conflitto scoppiasse il 24 febbraio 2022.

Daniel Kovalik conclude con un argomento devastante: se gli Stati Uniti e i loro alleati della NATO sono così preoccupati per i principi umanitari e la democrazia, allora perché non intervengono per fermare il genocidio a Gaza contro i palestinesi? Oltre 30.000 persone – soprattutto donne e bambini – sono state uccise dall’offensiva militare israeliana. Lungi dall’intervenire per proteggere i civili dai massacri e dalla fame israeliani, gli Stati Uniti e i suoi partner della NATO sono pienamente complici nel sostenere i crimini di guerra israeliani – militarmente, politicamente e diplomaticamente.

L’“intervento umanitario” occidentale, così prontamente intrapreso altrove, viene smascherato come una grottesca frode volta a coprire i crimini imperialisti statunitensi.

*Finian CUNNINGHAM
Ex redattore e scrittore per le principali testate giornalistiche. Ha scritto molto sugli affari internazionali, con articoli pubblicati in diverse lingue

Fonte: Strategic Culture

TGraduzione Luciano Lago

5 commenti su “Il genocidio di Gaza denuncia la frode delle guerre umanitarie della NATO guidata dagli Stati Uniti

  1. Ormai all'”intervento umanitario”, dopo tutte le prove contrarie che abbiamo avuto (compresa quella ricordata nell’articolo), non dovrebbe crederci più nessuno, neppure l’ultimo italiota zombificato, eppure c’è una massa di idioti/ zombi che ci crede, plagiata e plasmata dalle puttanelle mediatiche, e saranno in molti quelli che crederanno che l’attentato di Mosca è stato fatto – senza che altri intervengano – dall'”isis-K” (Khorasan), che è l’ultima bufala del mainstream …

    Speriamo che non abbiano pianificato, a breve, “un’operazione di peacekeeping” entrando con truppe nato in ukraina, perché sarebbe il colmo e il massimo del rischio, ma anche in tal caso le puttanelle mediatiche starnazzerebbero “peacekeeping, peacekeeping, peacekeeping”.

    Cari saluti

  2. esportare la democrazia, difendere la democrazia ect ect quante volte lo sentiremo ancora.
    provate a pensare che il termine democrazia sia segretamente un nome in codice e vedrete come la narrativa cambi completamente.
    vi accorgerete che democrazia significhi oggi l’interesse di qualcuno, o meglio, di un gruppo che porta avanti un programma politico ed interessi che hanno poco a vedere con la stessa parola.
    provare per credere

  3. Il crollo finanziario dell’ Urss nei primi anni 90, che la costrinsero a riconoscere varie indipendenze come quella ucraina, ha ingenerato nell’ élite sionista americana un insana euforia. Siamo i padroni del mondo. Quel che e’ successo dopo ci porta ai fatti odierni. Ora scoprono amaramente d’ essersi solo illusi follemente. Il prezzo sarà alto da pagare, dopo tutto il male fatto. Godo.

  4. Eppure ci sono ancora ritardati che appoggiano gli usa, la nato e tutto l’occidente. Ci sono ancora ritardati in Serbia che vogliono entrare in Europa e nella NATO e si schierano apertamente contro la Russia nonostante fosse stata la NATO a distruggere il loro paese. Purtroppo la storia non serve a molto

  5. Anche l’opinione pubblica occidentale, benchè ampiamente zombificata, non potrebbe accettare che un paese (USA o altri) faccia vanto esplicitamente del proprio imperialismo e attacchi chiunque voglia depredare e sottomettere, dichiarandolo apertamente ! Dunque, le parole “imperialismo”, “colonialismo”, “saccheggio delle risorse”, vengono sostituite da “guerra al terrorismo”, “esportazione della democrazia”, “guerra umanitaria contro tiranni sanguinari” ecc. ecc., e il gioco ingannatorio è fatto ! Tutti (i servi di USA-UK-UE-SIONISTI) ad applaudire “rivoluzioni colorate”, “veri o presunti dissidenti vittime del tiranno di turno”, “presunti movimenti indipendentisti”, come in Kosovo o i curdi, “presunte manifestazioni femministe” nei paesi islamici contro “tiranni maschilisti”, ecc. ecc. Ecco perchè l’importanza delle parole può essere forte quanto le armi stesse ! Solo popoli con un forte modello culturale, sociale, economico, anche religioso, hanno la consapevolezza di ciò che è giusto o sbagliato e possono resistere e sconfiggere l’impero del male con sedi a Washington, Londra, Bruxelles e Tel Aviv ! Inutile che elenchi questi paesi, ma sono quelli con principi ideologici, etici, economici e religiosi non barattabili e non in vendita ! E quindi Russia, Bielorussia, Cina, Corea del Nord, Iran, Siria, Hezbollah, Yemen, Palestina, Cuba, Venezuela, Nicaragua e altri ! Tutti paesi con economie e culture diverse, nei quali vi sono consuetudini e tradizioni che tanti di noi forse, comprensibilmente, non condividiamo, ma tutti con una identità e principi ben definiti, che è quello che li preserva dalla distruzione che gli prepara l’occidente !

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM