APPELLO RACCOLTA FONDI! MANTIENI IN VITA UNA VOCE LIBERA!

Il generale russo sollecita Mosca a sparare ed abbattere i jet da combattimento israeliani

TEHERAN (FNA) – L’ex capo del dipartimento principale della cooperazione militare internazionale del ministero della Difesa russo, il generale Leonid Ivashov, ha invitato Mosca a colpire ed abbattere qualsiasi jet da combattimento israeliano che violi lo spazio aereo siriano.
“Mosca dovrebbe espellere l’ambasciatore israeliano in Russia e abbattere gli aerei da combattimento israeliani in caso che questi entrino nello spazio aereo siriano”, ha detto ieri Ivashov, il presidente dell’Accademia delle questioni geopolitiche della Russia.

Ha anche chiesto a Mosca di ridurre il livello di cooperazione con Israele e di bloccare i visti per i cittadini israeliani.

L’esercito russo ha dichiarato che un aereo di sorveglianza elettronico Il-20 è stato colpito a 35 km al largo della costa mediterranea della Siria mentre tornava alla sua base di partenza. Tutti e 15 i membri dell’equipaggio russo sono stati uccisi.

I funzionari della Difesa russi hanno descritto le manovre dei caccia israeliani durante l’incidente come irresponsabili ed “ostili” e hanno affermato di avere il diritto di vendicarsi.

“I piloti israeliani stavano usando l’aereo russo come scudo e lo hanno spinto nella linea di fuoco della difesa siriana”, ha detto ai media statali Igor Konashenkov, portavoce del ministero della Difesa russo.

Un avvertimento ai russi da parte di Israele è stato ricevuto “meno di un minuto prima del bombardamento, che non ha lasciato alcuna possibilità di portare in salvo l’aereo russo”, ha aggiunto Konashenkov.

Aereo russo abbattuto

Lo stesso generale Ivashov, in una intervista alla televisione russa, aveva dichiarato: “…ci sono dei traditori nella leadership della Russia che sono agli ordini di Tel Aviv e non a quelli del presidente Putin.

Questo spiega perchè la Siria non ha ricevuto i sistemi antiaerei avanzati come gli S-300 o gli S-400. Il generale ha chiesto una ridefinizione di Israele come nemico della Russia così come l’annullamento dell’intercambio di intelligence con Israele perchè lo Stato sionista lo sta utilizzando contro la Russia ed i suoi alleati”.

Fonti:   Veterans Today

Almasirah.net

 

Traduzione e sintesi : Luciano Lago

*

code

  1. max duglan 4 settimane fa

    amen

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Fabio Franceschini 4 settimane fa

    C’è del vero in queste dichiarazioni!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Davo 4 settimane fa

    Finalmente un generale russo con gli attributi … ma tanto sono sole parole al vento . Credo purtroppo che in russia ci sia veramente
    una quinta colonna siosista che sta tirando i fili del presidente Puntin . Spero di sbagliarmi .

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. amadeus 4 settimane fa

    Se come tu dici ce una quinta colonna, credo che la Russia sia spacciata quelli sono delinquenti della peggiore specie, i loro interessi vengono prima di ogni cosa e sono amici solo di se stessi, non conoscono altro !!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Manente 4 settimane fa

    Il generale ha ragione e la soluzione non può che essere una: Annientare la quinta colonna all’interno della Russia che trama a favore del nemico ! I gaglioffi al potere negli Usa hanno dovuto organizzare la false-flag delle torri gemelle per convincere la pubblica opinione americana che bombardare l’Afganistan, l’Iraq, la Serbia, la Libia, era una “cosa giusta”. Putin che è fatto di un’altra pasta non ha bisogno di massacrare il suo stesso popolo per convincerlo che rispondere alle provocazioni continuate ed aggravate dell’asse del male usa-israello è non solo giusto, quanto anche assolutamente doveroso in quanto è noto a tutti che il solo linguaggio che i criminali sono in grado di comprendere è quello della forza!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Paolo 4 settimane fa

      Putin, ora come ora, (non tre anni orsono ad es.)
      sta dimostrando di essersi allineato alla quinta
      colonna di stampo sionista/israeliana, minimizzando
      e giustificando i criminali uccisori del suo stesso
      popolo.
      Al di la di un azione armata che potrebbe non essere
      condivisibile per le gravi conseguenze che ne
      deriverebbero, potrebbe almeno risparmiarsi
      certe dichiarazioni, almeno per rispetto dei
      parenti delle vittime di questo vile attentato.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. atlas 4 settimane fa

      MA MAGARI DIO !

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. atlas 4 settimane fa

        e cmq se le conseguenze sono l’intercettazione di cospiratori giudei all’interno della Nazione Russa vuol dire che nulla accade se Il Dio non vuole. Dio è Grande, anche nel grande dolore per la perdita di Militari Russi sacrificati per piano piano definire sempre più una politica di Putin avversa ai giudei. E CHE DIO BENEDICA QUESTO GENERALE IVASHOV, OVUNQUE EGLI SIA.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Paolo 4 settimane fa

    Molto saggio quest’uomo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Eugenio Orso 4 settimane fa

    In occasione dell’ultima azione piratesca aerea dei dannati ebrei, ho criticato il comportamento remissivo di Putin, che comporterà, al più, una risposta politica all’entità sionista che sconvolge il Medio Oriente …
    Tuttavia, sono stato forse troppo frettoloso nel giudizio, perché la vendetta è un piatto che si gusta freddo ed anche perché l’atto terrorista giudeo era una provocazione che, in caso di sanguigna reazione russa all’abbattimento dell’aereo, avrebbe dato occasione agli Usa/Deep State, a Macron e agli inglesi di attaccare.
    Probabilmente Putin, con la sua reazione fin troppo misurata, ha evitato ancora una volta l’innesco di un conflitto su più vasta scala.
    Le provocazioni degli assassini continuano perché il loro scopo è la guerra.

    Cari saluti

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. michele 4 settimane fa

      ma dai la terza guerra mondiale………….basta rispondere con gli stessi sistemi usati da chi provoca
      e se la leadership russa lo volesse avrebbe sicuramente i mezzi per farlo…….
      ma non lo fa mai!!!! ormai si è capito bene che in russia nei centri del potere ci sono pro occidentali….
      e putin? sarà uno di loro alla fin fine?dopotutto è il successore dell’ubriacone eltsin
      simbolo del controllo occidentale sulla russia dopo urss.
      il pensiero delle masse è sempre + manipolato.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Anonimo 4 settimane fa

    Fatto sta che l ambasciatore israeliano a Mosca non e’ stato espulso e che non sono stati abbattuti aerei i sionisti.

    E’ tutto un pour parler, niente di piu’.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. atlas 4 settimane fa

      ma davvero credete che alla Russia sfugga qualche cosa … ?

      Uei Lavrov sta per andare in pensione. Se volete candidarvi a prendere il suo posto scrivetelo chiaramente

      Rispondi Mi piace Non mi piace