Il fronte neoconservatore del denaro oscuro lancia un disperato blitz pubblicitario come sostegno all’Ucraina che sarà per sempre cratere di guerra


ALEXANDER RUBINSTEIN
Un’offensiva di pubbliche relazioni per inondare il pubblico americano con pubblicità di guerra pro-Ucraina durante le elezioni del 2024 è l’ultima iniziativa del falco neoconservatore Bill Kristol. Anche se mirata agli elettori repubblicani, la campagna sembra essere un altro fronte del Partito Democratico.
Difendere la democrazia insieme, un gruppo neoconservatore guidato dallo scriba di professione Bill Kristol, ha lanciato una nuova iniziativa chiamata “Repubblicani per l’Ucraina” per trasformare le elezioni presidenziali del 2024 in un referendum sui finanziamenti statunitensi per la guerra per procura della NATO.

Un altro punto chiave all’ordine del giorno è sollecitare i repubblicani al Congresso a sostenere maggiori finanziamenti per l’Ucraina nella prossima legge sugli stanziamenti.

Kristol si era definito un leader della fazione neoconservatrice del Partito Repubblicano, colpendo figure repubblicane isolazioniste e pacifiste sulle pagine della sua ormai defunta rivista Weekly Standard mentre gettava le basi intellettuali per l’invasione dell’Iraq attraverso il suo Progetto per un Nuovo Secolo Americano.

Modellando il suo “Defending Democracy Together” come bastione del mai trumpismo, Kristol è riuscito a ingraziarsi l’élite democratica desiderosa di alleati repubblicani nella loro battaglia messianica contro il Bad Orange Man. I suoi sforzi anti-Trump alla fine gli sono valsi un imbarazzante tributo alla MSNBC che celebra il neoconservatore impenitente come “Woke Bill Kristol”.

Ora, mentre la controffensiva ucraina fallisce e la maggioranza degli americani dichiara per la prima volta opposizione all’invio di ulteriori aiuti militari all’Ucraina, Kristol sta lanciando un blitz pubblicitario multimilionario per mantenere i carri armati a faticare nel fango del Donbass e il denaro nero che scorre nelle sue tasche e nel conto in banca.

“Le truppe ucraine hanno combattuto al fianco degli americani in Iraq e Afghanistan, e ora combattono per difendere la loro democrazia”, ​​annuncia la campagna di Kristol sul suo sito web. “La cosa più importante è che gli aiuti militari, finanziari e umanitari americani all’Ucraina li hanno aiutati a indebolire la Russia”.

La sua iniziativa ha quindi invocato le debacle militari che hanno portato la base repubblicana fermamente contro il neoconservatorismo e tra le braccia di Trump, presentando la partecipazione dell’Ucraina a queste guerre eterne come giustificazione per una nuova.

E come vedremo, la presunta operazione repubblicana di Kristol è stata finanziata da un importante donatore del Partito Democratico con stretti legami con l’intelligence americana.

Annunci a favore della guerra per una base repubblicana che si oppone fermamente alla guerra per procura della NATO
Per generare contenuto virale per la sua campagna da 2 milioni di dollari “Repubblicani per l’Ucraina”, Defending Democracy Together ha raccolto le testimonianze di 50 elettori repubblicani, attingendo da una base di baby boomer, per lo più colletti bianchi, alienati dalla direzione non interventista della base del partito.

In ciascuna testimonianza , gli intervistati hanno espresso punti di discussione sulla “difesa della democrazia” e sull’opposizione all’autoritarismo che avrebbero potuto facilmente essere prodotti da colleghi senior di qualsiasi think tank finanziato dall’industria degli armamenti sulla K Street di DC.

Il manifesto di “Defending Democracy Together”

Un veterano presente nella campagna afferma di aver passato due decenni a combattere la “minaccia alla libertà dell’Unione Sovietica” e offre la sua speranza che i repubblicani per l’Ucraina “possano fungere da controprogrammazione per i conduttori radiofonici e televisivi conservatori che stanno sfidando ulteriori aiuti all’Ucraina”.

Alcuni annunci mostrano una paranoia geopolitica che va ben oltre la portata dell’elettore americano medio. Teresa Benson del Minnesota, ad esempio , è preoccupata che “se nessuno tenta di fermare [Putin] in Ucraina, il prossimo attaccherà la Moldavia e qualsiasi altro paese non NATO nell’area”.

Gli annunci pubblicitari della campagna andranno in onda “sulla TV via cavo e in rete e in formato digitale su Youtube fino alla fine dell’anno”. Il gruppo ha persino acquistato uno spazio pubblicitario su Fox News durante il primo dibattito delle primarie repubblicane il 23 agosto che si terrà a Milwaukee.

Oltre agli annunci, il gruppo ha anche acquistato 10 cartelloni pubblicitari posizionati strategicamente a Milwaukee, esortando i partecipanti al dibattito a “sostenere l’Ucraina” e “resistere a Putin”. Suggerimenti sulla possibile espansione dell’operazione possono essere trovati all’interno di una cartella Google Drive gestita dalla campagna, intitolata “Cartelloni pubblicitari – Agosto 2023”.

Fonte: Gray Zone

Traduzione: Luciano Lago

11 commenti su “Il fronte neoconservatore del denaro oscuro lancia un disperato blitz pubblicitario come sostegno all’Ucraina che sarà per sempre cratere di guerra

  1. Bruttissima gente sembrano i lettori e gli scribacchini della Lastampa che oggi scriveva che la Russia è sul lastrico causa sanzioni…..ahhh ancora questa bufala distrutta da tutta la stampa occidentale! Poi scriveva che Putin fa lavorare i minorenni…io spero che l’ambasciata Russa provveda con note di biasimo a rochiamare sta gente…

  2. Ma scusate , a parte Trump che chiaramente ha un debole per Putì , ma il resto dei conservatori americani son da sempre dei guerrafondai, hanno da sempre le zampe negli affari militari , ne più ne meno dei cugini dem . Sono solo L altra faccia della stessa medaglia . Come da noi d’altronde. La meloni è praticamente Renzi col pene …o il contrario ? bho !

  3. 5 scemi o deficenti di americani presumo VIP falliti o politici niente facenti fanno uno SPOT pubblicitario negli USA a favore della guerra contro la Russia tramite la fornitura di soldi è armi agli Ucraini !
    Gli americani sono un popolo di ignoranti e di deficenti al cubo !
    Però non sono cosi fessi da farsi sempre fregare dagli SPOT pubblicitari !
    Negli USA quando milioni di americani perdono il lavoro e restano disoccupati ed inoltre pagano tutto il doppio e vengono pure bombardati da nuove tasse governative PRO-GUERRA MONDIALE si incazzano e votano per chi non vuole buttare via soldi in guerre stupide imperialiste USA !
    Non è detto che questo giochetto di pubblicità occulta pro-guerra funzioni negli USA !
    Può funzionare in Italia oppure nella UE questo SPOT USA pro-guerra perché ci sono idioti che non distinguono gli SPOT pubblicitari virtuali dalla realtà !
    Negli USA sono più svezzati poiché da oltre due secoli sono vittime di truffe e di SPOT pubblicitari di ogni tipo !
    Per esempio la Coca Cola veniva spacciata per miracoloso medicinale negli USA di fine ottocento !

    1. Eh si TACABANDA1964 … Il far west pullulava di imbroglioni e truffatori che giravano da un villaggio all’altro vendendo “pozioni miracolose”, e che fuggivano prima che i gonzi scoprissero che nelle boccette c’era solo acqua … alcuni di loro, però, furono raggiunti nei villaggi vicini e finirono per penzolare da una corda !
      La fine che auspichiamo per i personaggi in foto !
      Ma purtroppo qua da noi continuiamo ancora a bere Coca cola, mangiare da McDonalds e a pensare che se studiamo l’inglese siamo più fighi e cosmopoliti …
      Disse il buon Battiato …. “il giorno della fine non ti servirà l’inglese” …

  4. Secondo fonti americane antiglobaliste nel falsa bandiera del 6 gennaio in Campidoglio a Washington erano presenti anche attivisti ucraini, riportando una foto di uno di questi abbracciato all’ormai famoso Sciamano, e mostrandolo poi in divisa da militante di uno dei battaglioni nazionalisti ucraini che tanti civili hanno ucciso in Donbass.
    Ora è abbastanza certo che il falsa bandiera del 6 gennaio come quello dell’11 settembre sono stati opera del mossad, e che attivisti ucraini erano presenti anche nei disordini di Hong Kong di un paio di anni fa.
    Dato che la milizia di Azov è stata arruolata e stipendiata dal magnate ebreo ucraino Kolomoisky, e che una delegazione di questo reggimento, dato peraltro completamente dsistrutto dal comandante della brigata cecena Akhmat Alaudinov, è andata a fine 2022 a celebrare i caduti dell’assedio di Masada durante la Prima Guerra Giudaica, appare chiaro come il regime sionista abbia utilizzato i neocons, ebrei e non, per spingere gli USA a condurre guerre contro i suoi nemici mediorientali e i loro alleati eurasiatici.
    La cosa che più teme il regime sionista è l’esistenza di una Cisgiordania priva di colonie sioniste e di truppe di occupazione, e quindi cerca di colpire sistematicamente le potenze che sostengono questa soluzione secondo il principio del Trattato di Oslo.
    Quindi 400000 coloni sionisti e l’intero esercito, peraltro sempre più usurato, sionista, tengono sotto occupazione 3 milioni di palestinesi, uccidendoli, ferendoli e distruggendo le loro case.
    Una Cisgiordania non occupata e magari governata da Hamas, nonchè armata anche solo di missili artigianali, farebbe scappare in massa la popolazione ebraica rimasta nella Palestina occupata.
    Nei giorni scorsi Iran e Arabia Saudita si sono scambiati gli ambasciatori, e i sauditi hanno nominato il loro ambasciatore in Palestina.
    La diplomazia eurasiatica cerca di promuovere la soluzione dei due stati, e il regime sionista si oppone con le guerre dei neocons.

  5. Stanno grattando il fondo del barile.
    Si odono le unghie graffiare gli specchi.
    Prenderanno due belle facciate anziché una sola.
    Plutone è contro di loro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM