Il Freedom Convoy (Convoglio della Libertà) è arrivato all’Arco di Trionfo di Parigi sabato 12 febbraio 2022.


La manifestazione di rifiuto delle misure del Pass Covid (Green Pass in Italia) iniziata in Canada si sta diffondendo in Europa.
La repressione dello Stato di Polizia di Macron non ha mancato di farsi sentire in forma pesante e sproporzionata.
Come è stato soppresso questo pacifico e gioioso convoglio a Parigi dallo Stato francese?
Il prefetto di polizia di Parigi ha emesso, giovedì 10 febbraio 2022, un’ordinanza che vietava la ” manifestazione sommersa ” prevista all’arrivo, venerdì 11 febbraio 20223 .
Allo stesso modo, “ le autorità belghe hanno annunciato giovedì 10 febbraio [2022] che al “convoglio della libertà ” sarà vietato l’ingresso a Bruxelles ”4 .

In merito al decreto del Prefetto di Parigi, l’avvocato Juan Branco ha scritto sulla sua pagina Facebook il 10 febbraio 2022: ” Didier Lallement [il Prefetto di Parigi] ha bandito, per quattro giorni, in tutta Parigi, qualsiasi manifestazione che sarebbe assimilata alla Libertà di Convoglio, a partire da domani. Si tratta ovviamente di un’aberrazione delirante, che consentirà alla polizia di arrestare praticamente qualsiasi persona che viaggia in auto o in moto per tutta la città di Parigi, per quattro giorni interi. Ho quindi presentato urgentemente una richiesta sommaria di libertà e ottenuto un’udienza domani alle 14:30 presso il Tribunale amministrativo di Parigi .

Per l’avvocato Maître Di Vizio questo decreto ” è una merda ” in particolare perché il Freedom Convoy non è una manifestazione .
Le autoblinde “Warrior” sono state posizionate dallo Stato a Parigi. Alcune sembrano carri armati da guerra. Sembra di trovarsi in un paese in stato d’assedio. “ La mobilitazione delle forze di polizia di Macron è totale ed include, oltre alle autoblindate, attrezzature speciali” (trattori antibarricate, autogru, carro attrezzi) per impedire ai manifestanti di bloccare Parigi ”.

Quello stesso giorno, Rémi Monde ha lanciato un appello nazionale a convergere in tutte le principali città dei dipartimenti della Francia, nel pacifismo. Questo appello è per tutti coloro che non hanno potuto unirsi al convoglio. Rémi argomenta così: “ Moltiplicando i punti di raccolta, ci sono buone probabilità che non riescano ad intervenire ”. Quella sera Rémi dice che arrivano convogli da tutte le parti senza specificare dove si trovi.

Lo scorso venerdì sera, a Parigi, la polizia aveva bloccato le strade e impedito il traffico in alcuni luoghi . Con umorismo si leggeva su un messaggio Facebook dell’account The Freedom Convoy 2.0: “I Blues [la polizia] circondano Parigi, bloccheranno loro stessi la capitale; grazie per l’aiuto”.
SABATO 12 FEBBRAIO
Sabato 12 febbraio Rémi Monde fa il punto della situazione: “ La maggior parte del convoglio è già a Parigi ”. Spiega che il convoglio si è ” separato ” ” spaccato ” e che i partecipanti hanno rimosso tutti i segni distintivi. ” Stanno aspettando .” Aggiunge che altri convogli si uniranno alla capitale ” in modo disperso o meno.
L’arrivo del Freedom Convoy all’Arco di Trionfo è ripreso dal vivo da RT France . Vediamo il convoglio arrivare rotolando e suonando il clacson. I pedoni in attesa di questo arrivo iniziano improvvisamente a gridare la loro gioia e “ libertà ”. Il Freedom Convoy è quindi riuscito a sventare i posti di blocco della polizia. Il giornalista di RT spiega che poi le forze di sicurezza hanno scacciato i manifestanti e questi sono stati fortemente “gasati” con lacrimogeni .

https://www.facebook.com/2.0LEDECALE/videos/688262005664812/

Questo arrivo è riportato dal quotidiano Le Monde : ” Poco prima delle 14, un “Convoglio della libertà” è riuscito a formarsi attorno all’Arco di Trionfo a Parigi. Diverse decine di auto, camper e motocicli, oltre a gruppi di persone a piedi, hanno interrotto la circolazione su Place Charles-de-Gaulle (ex Place de l’Etoile), al suono dei clacson e delle grida di “Liberty”, accolti dagli applausi dei passanti .18 .

Nei video è possibile vedere che ci sono molte più persone di quelle che scrive questo quotidiano mainstream .

Alle 17 c’è un avviso sull’account Freedom Convoy 2.0:

La questura di Parigi schiera il CRS 8 (FAR) specializzato in violenza urbana sugli Champs [Élysées]. Questa è la prima volta nella storia che questa unità CRS è stata schierata in una dimostrazione. Vogliono fare del male ”.
Non so se questa sia un’informazione corretta, ma il fatto è che i video pubblicati sull’account Freedom Convoy 2.0 il 12 febbraio 2022, mostrano una violenta repressione da parte delle forze dell’ordine nei confronti dei partecipanti o dei manifestanti pedonali che sostengono il convoglio.

In particolare, un video mostra un guidatore fermo al volante della sua auto. Un poliziotto gli parla. L’autista non apre il finestrino. L’ufficiale di polizia rompe il finestrino con uno strumento, crea una rottura potenzialmente pericolosa nel vetro e quindi apre la portiera del veicolo.

Altri video mostrano le forze dell’ordine che lanciano lacrimogeni sulle terrazze dei ristoranti occupate da clienti come questo: https://www.facebook.com/2.0LEDECALE/videos/688262005664812/
Le Monde scrive: “ Le forze di sicurezza hanno sparato lacrimogeni per disperdere i piccoli gruppi di manifestanti sparsi per il viale ” [18] . Questa gassazione a volte è così intensa da creare nuvole di fumo.

Un video mostra un manifestante steso a terra tra la vita e la morte, a quanto pare. Il medico di strada cerca di aiutarlo. Nessuno dei due riuscendoci, una persona grida di chiamare il Samu. Altri manifestanti iniziano a urlare ” assassini ” in direzione della polizia e chiariscono che se muore non servirà alle elezioni di E. Macron.
Oliv Oliv esasperato, ha fatto notare, a fine giornata, che gli automobilisti del Freedom Convoy o i manifestanti non avevano causato nessun disordine materiale: “ Hai visto un incendio di spazzatura […] un solo degrado […] un’auto bruciata […] una finestra rotta […]? “Avverte chi lo ascolta: ” Mantieni la massima calma. Stanno aspettando il disordine per incriminarti […] Tutti i cittadini che hanno fatto questo convoglio non hanno fatto nulla. Hanno appena sfilato in protesta pacifica. E veniamo arrestati perché sul nostro mezzo mettiamo un’etichetta con la scritta “Libertà ”.Normalmente, in un Paese di libertà e di diritto, purché non ostacoli la circolazione e non faccia casino, hai il diritto di muoverti liberamente ” .

Intorno alle 21:30 un partecipante del convoglio pubblica un video in cui dice che un convoglio di camion sta arrivando e libererà Parigi. Le informazioni scorrono in tutte le direzioni e non sempre è possibile sapere quanto valgono.
Domenica 13 Febbraio
In mattinata il Freedom Convoy, rimasto a Fontainebleau, è partito per Lille, ultima tappa prima di Bruxelles.23 .

La prefettura di polizia di Parigi annuncia su Twitter dell’ufficiale di polizia che ha puntato la sua arma di servizio contro un autista: ” Il prefetto di polizia sta conducendo un’indagine amministrativa interna “24 .

Rémi è in diretta sul suo account Facebook anche se dice di non essersi ancora ripreso. Riassume cosa pensa di quello che è successo il 12 febbraio a Parigi. In particolare dice: “ Una volta arrivati ​​a Parigi […] ovviamente la gente si è radunata in un punto di raccolta proibito. Ma è un modo per loro di manifestare la loro disobbedienza. Legittima disobbedienza contro un governo che abusa del proprio potere ”. “ Il governo, la risposta che dà a un movimento pacifico, è violenza ”. “ Io non sono un organizzatore […] sono un informatore ”. “ Stiamo dimostrando che siamo su una nuova forma di dimostrazione, è la dimostrazione 2.0 ”. “Devi dimostrare che sei infelice tutto il tempo, ogni giorno .

Perché il presidente Macron ha represso violentemente il Peace Convoy of Freedom? Perché non ha cercato di aprire un dialogo con questo convoglio?

Inutile porsi questi interrogativi: il potere ha dato alla testa a questo allievo e figlioccio dei Rothschild: lui, come altri della sua corte, si credono onnipotenti ed al di sopra delle regole di uno Stato democratico divenuto ormai arbitrario ed assolutista.

Candice Vacle

Traduzione e sintesi: Gerard Trousson

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by madidus