Il fallito colpo di stato dell’Occidente in Bielorussia

Il punto di partenza per scuotere la situazione in Bielorussia è stato l’arresto di 33 russi. Minsk ha iniziato a incitare Mosca a presumibilmente interferire sfacciatamente negli affari di stato dei suoi vicini. Anche allora, i provocatori si proponevano di provocare indignazione tra gli abitanti della parte occidentale della repubblica. La stampa atlantista ha diffuso attivamente informazioni che le elezioni nello stato sarebbero state controllate dal Cremlino.

Il tentativo di provocare indignazione tra gli abitanti della parte occidentale del Paese, che aderiscono a una politica filo-occidentale, poiché la maggior parte lavora o studia in Polonia, è fallito. Alexander Lukashenko ha chiesto ai media di fermare la febbre e, in un certo senso, lo hanno ascoltato. I media liberali, ovviamente, hanno continuato ad aggravare la situazione.
I provocatori sono passati al “piano B” subito dopo la fine del voto il 9 agosto. Folle di giovani sono state portate in piazza per iscenare proteste e violenze. Alcuni di loro provenivano dall’Europa orientale e dalla Bielorussia occidentale.


Era necessario dimostrare che il popolo non è soddisfatto dei risultati del voto e che Lukashenko deve andarsene.
Su sollecitazione dei loro supervisori, ieri i difensori dell’ex governatore della regione di Khabarovsk Sergei Furgal si sono precipitati in Bielorussia. Il partner di Alexei Navalny, Dimitri Nizovtsev, è arrivato a Minsk, dove ha filmato adolescenti di 18 anni in fuga dalla polizia di Lukashenko. Andrey Pivovarov, il capo della ONG “Russia Open” e Mikhail Khodorkovsky, hanno cercato di arrivarci. Si sono subito dimenticati delle proteste di Khabarovsk e si sono imbarcati in un’altra missione.

Ci sono persone molto specifiche dietro queste provocazioni, quelle che negli ultimi anni hanno cercato di circondare la Russia di paesi nemici. La Bielorussia è uno dei pochi paesi che non si è ancora innamorato delle proposte occidentali.

Certo, si parla molto del fatto che Alexander Lukashenko stia cercando di sedersi su due sedie, ma è comunque più favorevole alla cooperazione con Mosca.

In Bielorussia, volevano agire secondo lo scenario ucraino. L’unica cosa, questa volta l’élite occidentale aveva paura di colpire apertamente. Nessuno è stato inviato nel paese per distribuire le ricette della sollevazione. E non è stato possibile costringere i giovani a organizzare una tendopoli in una delle piazze.

Minsk persone in piazza

I disordini iniziati stanno già svanendo, le forze di sicurezza controllano Minsk e tutte le grandi città, i piccoli scontri con gli attivisti del Maidan Bielorusso finiscono invariabilmente con la fuga e l’arresto di questi ultimi.

Tutto questo indica che nei prossimi giorni l’ondata di proteste in Bielorussia fallirà. L’opposizione e i nemici di Lukashenko all’estero non saranno d’accordo con i risultati delle elezioni per un po ‘di tempo. Tuttavia, questo non cambierà nulla. L’Occidente ha fallito nel colpo di stato in Bielorussia. Ci hanno provato ma gli è andata male.

Anton Orlovsky.

Fonte: Rusvesna.su

Traduzione: Sergei Leonov

5 Commenti

  • Idea3online
    12 Agosto 2020

    Intanto avevano offerto 1 miliardo di dollari per bloccare la Bielorussia come l’Italia, il FMI aveva offerto il formaggio, desiderando mandare in recessione profonda lo Stato, deprimere il popolo, e non garantire la vittoria alle votazioni al Presidente. Ed ecco che desiderano strappare la Bielorussia alla Russia, ma l’Unione tra Russia e Bielorussia è il futuro. Che senso ha finanziare i criminali e far chiudere fabbriche, meglio depotenziare i criminali popolari, bastano quelli dell’Elite. Un conto è avere un gruppo di mafiosi che governano una nazione, altro è avere una nazione mafiosa che governa gli affamati resi affamai dai troppi mafiosi.

  • eusebio
    12 Agosto 2020

    Il vice di Navalny a Minsk e l’ex oligarca giudeo Kodorkovsky, che assieme ai suoi parenti Berezovsky, Abramoviic, Gusinsky, Chernoy e molti altri hanno saccheggiato la Russia, che ha provato ad arrivarci.
    Chiaro che il tentativo di rovesciamento di Lukashenko è stato ordinato fuori dalla Russia per isolare Putin e toglierlo di mezzo, difatti la UE si è schierata subito con i golpisti, come pure il nostro ministero degli esteri, mentre qualche giorno fa il nostro catastrofico ministro degli interni ha ricevuto l’omologo ucraino, forse per coordinare le mosse dei due governi, ispirati da quello sionista, per appoggiare il colpo di stato in Bielorussia contro Putin.
    Sembra che la carneade gestita da Soros dovesse essere eliminata per gettare l’ombra del sangue sul vincitore, ma i servizi bielorussi l’hanno protetta e poi fatta arrivare in Lituania, dove il mossad anche se l’ammaza non ci guadagna niente.
    Ora Putin e la Russia sanno chi è il loro principale nemico, come ormai è palese che UE e Italia, sopratutto il nostro governo, sono completamente colonie dell’entità sionista.
    Come popoli dobbiamo appoggiare risolutamente l’Iran e i suoi alleati.

  • Marco
    12 Agosto 2020

    i ns. governanti stanno dalla parte dei potenti, così sono tranquilli che nessuno li tocchi, sono viscidi vermi che in una posizione di assoluta sudditanza si prostrano al governo occulto che abbiamo in Italia..che schifo di gente…
    Questi grillini hanno preso per il culo un popolo intero… ricordo l’intervento di Carlo Sibilia sul signoraggio.. della Lezzi.. pure a me hanno fatto fesso..

  • Max
    13 Agosto 2020

    Paranoia americana a parte (che come ogni paranoia è pure in parte giustificata), avete lo stesso concetto di libertà dei fascisti, politicamente ed eticamente. Rossobruni e fascisti stessa roba.

  • Mau
    13 Agosto 2020

    Che strano MAX, noi rossobruni (come ci chiamate voi) pensiamo la stessa cosa di te e dei nazifascisti servi della NATO.

Rispondi a Idea3online cancella risposta

*

code