Il fallimento delle sanzioni mostra un cambiamento epocale nell’economia mondiale


di Umberto Mazzei
Il fallimento delle sanzioni contro la Russia, che presumibilmente, secondo gli strateghi di Washington, Londra e Bruxelles, dovrebbe distruggere le loro entrate dalla Russia come potenza economica, la cui ricchezza si basa sull’estrazione e l’esportazione di energia fossile, mostra quanto sia sbagliato l’Occidente nel considerare il suo potere.
Nel G-7 sembrano ignorare che i loro 7 paesi non sono più il mercato più importante per l’energia nel suo complesso o che hanno inghiottito la loro storia sui loro progressi nella sostituzione delle fonti energetiche.

Si è verificato un evento della massima importanza. Un’importante indicazione di un cambio di epoca si è verificata se il consumo di energia è assunto come indicatore della crescita economica. Una crescita economica sostenuta si verifica al di fuori del regno economico del G-7.

La Cina, dopo aver abbandonato il maoismo come politica e aver strappato miliardi di cinesi alla miseria in cui era precipitato il comunismo nella sua versione maoista, ha scalzato gli Stati Uniti come mercato principale per quasi tutti i paesi esportatori.
L’operazione militare russa in Ucraina è servita a dimostrare la mancanza di realismo dei motori dell’economia del mondo occidentale. Così come accade per ragioni di movimento planetario, accade anche da tempo immemorabile con la crescita economica e la prosperità, quando l’economia mondiale nasce in Oriente e si consolida in Occidente.
La Cina e l’India sono ormai i maggiori mercati mondiali e anche i maggiori consumatori di energia, e l’Eurasia è lo spazio il cui destino sembra essere quello di diventare l’area a più alta crescita economica mondiale.

Petrolio India

Il 5 febbraio è entrato in vigore il divieto aggiuntivo dell’UE sui prodotti petroliferi russi, in particolare sul diesel. Allo stesso tempo, il G7 ha decretato un limite globale al suo prezzo: $ 100 sui prodotti petroliferi premium come il diesel e un prezzo di $ 45 sui prodotti meno raffinati come l’olio combustibile.

L’obiettivo dichiarato alla base di queste nuove sanzioni è lo stesso: privare la Russia di una delle sue più importanti fonti di reddito al fine di soffocare la sua capacità di finanziare il conflitto sponsorizzato dagli Stati Uniti in Ucraina. Questo sta seguendo il modello di successo che ha causato il collasso economico dell’Unione Sovietica con la guerra in Afghanistan alimentata dagli Stati Uniti negli anni 80. Ecco perché nella NATO alimentano l’assurdo mito che Zelenskyj possa vincere la guerra che ha provocato. Ciò che si cerca con questo è di allungarla come hanno fatto prima contro i sovietici in Afghanistan.

Ma l’economia della Federazione Russa non è uguale a quella dell’Unione Sovietica, né Vladimir Putin è un uomo negoziabile come Mihail Gorbaciov.

Da tempo analisti seri come Stiglitz mettono in dubbio l’efficacia delle sanzioni e prevedono che la Russia semplicemente reindirizzerà le sue forniture come ha già fatto con il greggio.

Il divieto occidentale sui prodotti raffinati potrebbe persino aumentare le forniture di greggio russo alla Cina, già di per sé un’enorme raffineria, e trasformarle in un’altra fonte di influencer per le esportazioni nell’area del Pacifico poco servita, perché gli Stati Uniti possono produrre combustibili fossili solo utilizzando l’oneroso tecnica del fracking e la produzione dell’Arabia Saudita sta già mostrando segni di esaurimento e sta venendo assorbita dai mercati già consolidati. La Cina venderà sicuramente in yuan: sarà un vero colpo per il dollaro.

A inizio marzo Hillary Clinton ha visitato l’India, personaggio per la sua capacità di seminare discordia e morte. Il suo probabile obiettivo era quello di seminare discordia tra India e Cina. Proprio in questi giorni visiterà Pechino Ignazio Lulla da Silva che, per la sua esperienza di sindacalista, è un grande conciliatore. Lula è tra i presidenti fondatori dei BRICS e conosce personalmente sia Modi che Xijaoping. Per consolidare questa alleanza, ha appena proposto con successo Dilma Rouseff, suo successore a Brasilia come Presidente della BRICS Investment Bank. Un’alleanza che si allarga con l’adesione di paesi ex clienti del G-7, come l’Arabia Saudita e l’Egitto.

Principe Saudita con premier cinese

In Medio Oriente sanno già da che parte soffia il vento della prosperità.

Il prezzo massimo come sanzione contro la Russia potrebbe rivelarsi, se la Russia non lo accetta, più dirompente per le nazioni dell’Europa occidentale, che dipendevano dalla Russia per circa il 40% delle loro importazioni di prodotti raffinati.

Il fatto più significativo è che la limitazione all’acquisto di diesel russo ha compensato un deficit nella propria produzione per fornire carburante alla sua flotta di moderni veicoli corazzati di ultima generazione, tipo Navy, in modo che la sanzione non ne indebolisca il potenziale bellico ed è direi che lo rafforza.

Il diesel viene utilizzato principalmente per autotrasporti, trasporto di spedizioni di massa ai consumatori e funzionamento di macchine agricole. Creare una penuria artificiale con sanzioni stimola solo l’inflazione nei paesi occidentali che è vicina al 25%

L’UE ha deliberatamente chiuso più di 1 milione di barili al giorno di capacità di raffinazione negli ultimi anni a causa della pandemia di Covid-19. Le preoccupazioni per il cambiamento climatico globale hanno già ridotto la produzione di cui ha bisogno.

Resta da vedere come il blocco sostituirà quasi 500.000 barili al giorno, che venivano importati dalla Russia. Non sarà proprio con l’onerosa fornitura di GNL nordamericano. Le alte rendite prodotte in Turchia dal petrolio russo. Il Diesel che la Turchia vende viene dal petrolio russo in modo che i soldi che pagano alla Turchia eludano le sanzioni e alla fine finiscono come un contributo alle casse dell’Arcidiavolo Vladimir di Russia che il G-7 vuole rovinare. L’obiettivo dichiarato di queste nuove sanzioni è sempre lo stesso: privare la Russia di una delle sue più importanti fonti di reddito nel tentativo di soffocare la sua capacità di finanziare il conflitto in Ucraina.Una guerra provocata e prolungata dagli anglosassoni già nel 2014 con un golpe contro il governo legittimo di Yanukovich.

Pertanto, l’Europa è in rovina e l’Ucraina sta sanguinando a vantaggio degli esportatori di GNL statunitensi con i quali Hunter Biden, il figlio prediletto del presidente Joe Biden, ha notoriamente legami. Come ben detto, nel gennaio 1925, il presidente degli Stati Uniti Calvin Coolidge, nel gennaio 1925. Gli affari dell’America sono affari (gli affari degli Stati Uniti sono affari). A Washington è sempre stato così. Fa parte della sua etica puritana.

Fonte: Aporrea

Traduzione: Luciano Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM