Il doppio standard dell’Occidente nel raffronto fra due sparizioni simili

Due sparizioni e due risposte molto diverse da parte dei governi occidentali, sono quelli che illustrano il livello della loro ipocrisia.

di William Enghdal

Quando l’ex spia russa Sergei Skripal è scomparsa in Inghilterra all’inizio di quest’anno, vi è stata un’azione punitiva quasi immediata da parte del governo britannico e dei suoi alleati NATO contro Mosca. Al contrario, i governi occidentali si sono adoperati con estrema moderazione nei confronti dell’Arabia Saudita per il caso più scioccante e dimostrabile del giornalista assassinato Jamal Khashoggi.

La protesta dei governi occidentali e dei media sull’affare Skripal è stata assordante e ha portato la  Gran Bretagna, gli Stati Uniti e  altri 28 paesi dell’area atlantica ad espellere dozzine di diplomatici russi sulla scia di affermazioni britanniche infondate secondo le quali  il Cremlino ha tentato di assassinare una spia in esilio con un agente nervino mortale . L’amministrazione Trump ha ulteriormente rafforzato le sanzioni citando l’incidente di Skripal.

Il caso di Londra  utilizzato contro Mosca è stato caratterizzato da speculazioni selvagge e basse insinuazioni. Nessuna prova verificabile di quello  che è effettivamente accaduto a Sergei Skripal (67) e sua figlia Yulia è stata presentata dalle autorità britanniche . La loro affermazione secondo cui il presidente Vladimir Putin avrebbe organizzato una squadra d’assalto armata con veleno nervino si basa su una pura congettura non dimostrata.

Tutto quello che sappiamo per certo è che gli Skripal sono scomparsi dal contatto con il pubblico da parte delle autorità britanniche per più di sette mesi , dal momento del misterioso incidente avvenuto nel presunto avvelenamento a Salisbury il 4 marzo.

Le autorità inglesi e i parenti della  famiglia hanno costantemente rifiutato qualsiasi contatto di Mosca con la coppia Skripal, nonostante più di 60 richieste ufficiali da Mosca in conformità con il diritto internazionale e nonostante il fatto che Yulia sia un cittadino della Federazione Russa con diritti consolari.

È un oltraggio basato su un sottile strato di “prove”, con cui gli inglesi hanno costruito un edificio di censura contro Mosca, mobilitando una campagna internazionale di ulteriori sanzioni e espulsioni diplomatiche.

Ora contrastiamo quella reazione faticosa, anzi l’iper-reazione eccessiva, con il modo in cui la Gran Bretagna, gli Stati Uniti, la Francia, il Canada e altri governi occidentali stanno sempre così lentamente reagendo all’Arabia Saudita per il caso Khashoggi.

Dopo quasi due settimane, da quando Jamal Khashoggi è entrato nel consolato saudita a Istanbul, in Turchia, il regime saudita soltanto questa settimana ha finalmente ammesso  eche il giornalista è stato assassinato nei loro locali – anche se, loro sostengono, in un “pasticcio d’interrogatorio”.

I servizi segreti turchi e americani avevano in precedenza affermato che Khashoggi è stato torturato e ucciso nei locali del consolato saudita  da una squadra di 15 membri inviata appositamente  da Riyadh.

Ancora in modo più raccapricciante, si afferma che il corpo di Khashoggi sia stato fatto a pezzi con una sega per ossa  dagli assassini, i suoi resti sono stati espulsi dall’edificio del consolato in scatole e trasportati in Arabia Saudita a bordo di due jet privati ​​collegati alla famiglia reale saudita.

Inoltre, i turchi e gli americani sostengono che l’intero barbaro complotto per uccidere Khashoggi era stato fatto su ordine di alti governanti sauditi, implicando il principe ereditario Mohammed bin Salman. L’ultimo colpo di scena di Riyadh, è un tentativo di presentare come capro espiatorio  alcuni  “assassini canagliae di esonerare la Casa di Saudi dalla colpevolezza.

Il fatto che il 59enne Khashoggi fosse un residente legale negli Stati Uniti e un editorialista del Washington Post ha senza dubbio dato al suo caso una copertura così prominente nei media occidentali. Migliaia di altre vittime della vendetta saudita erano state  regolarmente ignorate in Occidente.

Tuttavia, nonostante il caso orribile e schiacciante contro la monarchia saudita, la risposta dell’amministrazione Trump  della Gran Bretagna e di altri paesi occidentali, è stata quanto meno abietta.

Il presidente Trump ha dichiarato che “ci saranno gravi conseguenze” per il regime saudita se sarà provato colpevole nell’omicidio di Khashoggi. Trump si è rapidamente qualificato, affermando che le forniture di armi da miliardi di dollari, che sono destinate al regno ricco di petrolio, non saranno cancellate. Ora Trump sembra essersi unito a una manovra di  insabbiamento facendo girare la storia che l’omicidio di Khashoggi sarebbe  stato fatto da “assassini canaglia” ovvero da “cani sciolti”.

Gran Bretagna, Francia e Germania hanno rilasciato questa settimana una dichiarazione congiunta che chiede “un’indagine credibile” sulla scomparsa. Ma, a parte la retorica “dall’aspetto duro”, non uno degli stati europei ha indicato sanzioni specifiche, come i contratti di armi revocati o espulsioni diplomatiche.

Il primo ministro canadese Justin Trudeau ha detto di essere “preoccupato” dalle raccapriccianti affermazioni sull’omicidio di Khashoggi, ma ha ribadito che Ottawa non avrebbe cancellato una vendita di $ 15 miliardi di veicoli da combattimento a Riyadh.

I governanti sauditi hanno persino minacciato misure di rappresaglia se le sanzioni  dovessero essere imposte  dai governi occidentali.

Caso Khasshoggi giornalista ucciso nel consolato saudita

Le smentite saudite della colpevolezza ufficiale sembrano essere una sfacciata e insopportabile manovra diversiva per occultare tutte le ragioni e prove circostanziali che dimostano  come Khashoggi sia stato effettivamente assassinato nell’edificio del consolato su alti ordini sauditi.

Questa settimana una sfarzosa conferenza degli investitori internazionali in Arabia Saudita è stata boicottata da figure di spicco del mondo, tra cui il capo della Banca Mondiale, Jim Yong Kim, il CEO di JP Morgan, Jamie Dimon, e il venture capitalist britannico ,Richard Branson. Aziende globali come Ford e Uber ne sono uscite, così come vari sponsor dei media, come la CNN, il New York Times e il Financial Times. Il ritiro dall’evento è stato in risposta all’affare Khashoggi.

Un crescente coro bipartisan di senatori statunitensi, tra cui Bob Corker, Marco Rubio, Lindsey Graham e Chris Murphy, ha chiesto la cancellazione delle vendite di armi americane in Arabia Saudita, nonché una revisione della partnership strategica tra i due paesi.

Eppure, Trump ha respinto le richieste di risposta punitiva. Ha detto che i posti di lavoro e i profitti americani dipendono dal mercato delle armi saudite. Si stima che circa il 20% di tutte le vendite di armi statunitensi vada alla Casa dei Saud.

Il New York Times ha sottolineato questa settimana: “Nell’affare saudita di Trump, la linea di fondo spicca orgogliosamente”.

La Casa Bianca di Trump sarà rappresentata alla conferenza di investimento in Arabia Saudita questa settimana – soprannominata “Davos in the Desert” dal Segretario del Tesoro Steven Mnuchin. Ha detto che stava andando ad assistere all’evento,  nonostante le gravi accuse contro i governanti sauditi.

Sicuramente il punto qui è l’indecente indulgenza dei governi occidentali  verso l’Arabia Saudita e per il suo cosiddetto principe ereditario “riformatore”. È notevole quanta credulità Washington, Londra, Parigi, Ottawa e altri stiano offrendo ai despoti sauditi che, molto probabilmente, sono stati colti in flagrante in un barbaro omicidio.

Eppure, quando si parla di Russia e dei bizzarri, non provati reclami che il Cremlino abbia realizzato uno strambo  piano di assassinii velenosi, tutti questi stessi governi occidentali abbandonano ogni ragione e decoro per associarsi in  sanzioni contro la Russia sulla base di una lurida e vuota speculazione. La sfacciata ipocrisia demolisce ogni pretesa di principio o integrità morale.

Ecco un’altra connessione tra gli affari di Skripal e Khashoggi. I sauditi hanno senza dubbio preso atto del modo in cui i governanti della Gran Bretagna hanno mostrato assoluto disprezzo e non considerazione per il diritto internazionale nel loro rapimento di fatto di Sergei e Yulia Skripal. Se gli inglesi riuscissero a farla franca, allora i sauditi probabilmente pensavano che a nessuno sarebbe importato troppo se fossero scomparsi personaggi come Jamal Khashoggi.

Il modo in cui le cose stanno prendendo forma risulta  talmente grottesco in termini di ipocrita mancanza di azione da parte degli americani, degli inglesi e di altri paesi nei confronti dei despoti sauditi,  che questi ultimi potrebbero  farla franca con l’omicidio. Non così con la Russia. Ai russi non è permesso uscirsene  da una assurda fantasia di complotto .

Fonte: Strategic Culture

Traduzione: Luciano Lago

3 Commenti

  • Monk
    20 ottobre 2018

    Quando Putin deciderà di spaccare le ossa a questi pezzi di merda, noi inclusi, sarà troppo tardi.

    • atlas
      21 ottobre 2018

      ben scritto monk ! Alla fine che senso hanno questi art.li ? Giudei che criticano un loro stato che non esiste…ameri cani che sono in dissenso con il loro stesso paese…gente che si sente occidentale che critica l’occidente…machissenefrega, IO TIRO DRITTO PER LA MIA STRADA. Ma io prego Dio ogni giorno che gli mandi solo disgrazie ! Per me giudei e usa sono il male assoluto e non scendo a compromessi col male, col nemico. Occidente vuol dire massoneria, il partito di satana. Io sto col Partito di Dio, con la Russia, con l’Eurasia, con l’Europa delle Nazioni, col Nazional Socialismo Europeo e Arabo

      ma date voce piuttosto a gente nostrana come Ouday, Tilgher, Fiore, Claudio Mutti, Freda, Borgognone … persone valide ci sono

      se no fate capire di avere il piede in 2 scarpe, solita democrazia…

      fate che siano loro a costruire acriticamente la NOSTRA idea, che se messa in pratica automaticamente disintegra il sistema degli altri o ci impermeabilizza ad esso. O SI STA DA UNA PARTE O DALL’ALTRA.

      • atlas
        21 ottobre 2018

        non capisco cosa ci si aspetta di buono ‘dall’occidente’…o dalla massoneria. O dai giudei, o dagli ameri cani…MAH

Inserisci un Commento

*

code