Il discorso di Xi Jinping al Forum Boao e le relazioni distorte sull’argomento

di Moon of Alabama.

Un articolo di Reuters su un discorso del presidente cinese Xi Jinping rivela come i rapporti “occidentali” distorcano la visione delle questioni globali:

Il presidente cinese Xi Jinping chiede un ordine mondiale più giusto mentre la rivalità con gli Stati Uniti si intensifica “
Il presidente cinese Xi Jinping martedì ha chiesto il rifiuto delle strutture di potere egemoniche nella governance globale, tra le crescenti tensioni tra Washington e Pechino su una gamma crescente di questioni, comprese le presunte violazioni dei diritti umani. Uomo …

Parlando all’annuale Forum Boao per l’Asia, Xi ha criticato gli sforzi di alcuni paesi per “costruire barriere” e “disaccoppiare”, che secondo lui danneggerebbe tutti e non andrebbe a vantaggio di nessuno …

“La Cina ha chiesto da tempo la riforma del sistema della governance globale per riflettere meglio una gamma più ampia di prospettive e valori della comunità internazionale , compresa la propria, piuttosto che quelli di poche grandi nazioni”.

La frase riportata sopra non è corretta. La Cina non ha chiesto “la riforma del sistema della governance globale”, ma un ritorno al sistema di governance globale esistente, che “l’Occidente” ha teso a ignorare negli ultimi anni.

Ecco la sezione pertinente del suo discorso :

“Dobbiamo consultarci su un piano di parità per creare un futuro di vantaggi condivisi. La governance globale deve riflettere il mutevole panorama politico ed economico nel mondo, conformarsi alla tendenza storica di pace, sviluppo e cooperazione vantaggiosa per tutti e affrontare le esigenze reali per affrontare le sfide globali. Dobbiamo seguire i principi di ampia consultazione, contributo congiunto e vantaggio condiviso, sostenere il vero multilateralismo e rendere il sistema di governance globale più giusto ed equo. Dobbiamo salvaguardare il sistema internazionale incentrato sulle Nazioni Unite, preservare l’ordine internazionale basato sul diritto internazionale e difendere il sistema commerciale multilaterale con al centro l’Organizzazione mondiale del commercio.. Gli affari globali devono essere affrontati attraverso un’ampia consultazione e il futuro del mondo deve essere deciso da tutti i paesi che lavorano insieme ”.

La “salvaguardia”, “conservazione” e “mantenimento” delle leggi e delle organizzazioni esistenti non è un “appello alla riforma” del sistema di governance globale, ma un richiamo a un ritorno alle sue fondamenta, che sono state stabilite in seguito. . L’autore della Reuters afferma, come alcuni politici “occidentali”, che queste basi non esistono più.

L’articolo di Reuters continua così:

“[La Cina] si è anche scontrata in diverse occasioni con attori chiave della governance globale, in particolare gli Stati Uniti, su una serie di questioni che vanno dai diritti umani all’influenza economica della Cina su altri paesi …

Il mondo vuole giustizia, non egemonia “, Xi ha detto nelle osservazioni rilasciate durante il forum …

“Un grande paese dovrebbe apparire come un grande paese dimostrando che ci vuole più responsabilità”, ha aggiunto …

Sebbene Xi non abbia nominato un paese nelle sue osservazioni, i funzionari cinesi hanno recentemente fatto riferimento all ‘”egemonia” degli Stati Uniti nella loro critica pubblica alla proiezione globale del potere di Washington in materia di commercio e geopolitica ”.

Chi sono, per favore, i “principali attori della governance globale”? Se gli Stati Uniti sono forse un “grande attore”, la Cina lo è molto di più in termini di popolazione e potere economico. E chi sono gli altri “grandi attori” oltre agli Stati Uniti? Potrebbero venire in mente India e Russia, ma questi due paesi hanno espresso le stesse critiche che la Cina ha nei confronti di un sistema incentrato sull’Occidente.

L’estratto di Reuters sopra omette anche la citazione più importante dal discorso di Xi:

“ Non dobbiamo permettere che le regole stabilite da uno o pochi Paesi vengano imposte ad altri, né permettere che l’unilateralismo di alcuni Paesi dia il tono al mondo intero. Ciò di cui abbiamo bisogno nel mondo di oggi è la giustizia, non l’egemonia . I grandi paesi devono comportarsi in un modo che corrisponda al loro status e mostrare un maggiore senso di responsabilità ”.

Reuters trasforma questo passaggio come segue:

“Mentre l’amministrazione Biden raduna altri alleati democratici per rafforzare la loro posizione sulla Cina, Pechino cerca di rafforzare i legami con i suoi partner autocratici e vicini economicamente dipendenti nel sud-est asiatico”.

Si tratta di un gioco di prestigio retorico volto a mettere gli Stati Uniti dalla parte della “democrazia” e ad associare la Cina a “partner autocratici”.

Da un lato, molti dei “partner” americani, specialmente in Medio Oriente, sono “partner autocratici”, se non peggiori. La stessa Cina è una democrazia :

Forum Boao

“Le elezioni in Cina si basano su un sistema elettorale gerarchico, in cui vengono eletti direttamente i Congressi popolari locali. Tutti i livelli superiori delle assemblee popolari, fino all’Assemblea nazionale del popolo (APN), l’organo legislativo nazionale, sono eletti indirettamente dall’assemblea popolare del livello immediatamente inferiore ”.

Il forum Boao non è cinese, è internazionale. È stato avviato dagli ex governanti di Filippine, Australia e Giappone, tutte e tre le democrazie. I 26 paesi fondatori della “risposta asiatica a Davos” sono per lo più democrazie.

Nel suo discorso, Xi Jinping cita la democrazia come un “valore comune dell’umanità“:

“Dobbiamo sostenere la pace, lo sviluppo, l’equità, la giustizia, la democrazia e la libertà, che sono valori comuni dell’umanità, e incoraggiare gli scambi e l’apprendimento reciproco tra le civiltà per promuovere il progresso della civiltà umana”.

L’obiettivo del forum Boao non è quello di sollecitare gli autocrati. Tranne, ovviamente, se si considerano gli uomini d’affari americani di alto profilo che vi partecipano in quanto tali:

“Un gran numero di leader aziendali statunitensi parteciperà alla conferenza, tra cui Tim Cook (Apple Inc.), Elon Musk (Tesla Inc.), Stephen Schwarzman (Blackstone Group Inc.) e Ray Dalio (Bridgewater Associates)”.

In sintesi: l’articolo della Reuters sul discorso di Xi a Boao è incorniciato da una mentalità “occidentale” e colorato dall’ideologia egemonica “occidentale”. Tralascia la parte principale del discorso, poi aggiunge elementi che fanno credere al lettore che questo evento internazionale di alto livello sia esclusivamente cinese, il che ne trasforma il contesto.

Questo articolo non informa, è propaganda.

fonte: https://www.moonofalabama.org

Traduzione: Luciano Lago

3 Commenti
  • mario
    Inserito alle 22:09h, 22 Aprile Rispondi

    l ” impero del male ebreo ashkenazi —americano e” in via di estinzione……….
    ancora per poco ………………………………………………………….
    w cina w russia

  • Evia
    Inserito alle 22:31h, 22 Aprile Rispondi

    La Cina una democrazia? Come dire che la religione ebraica riconosce più di un Dio.

  • Fulvio
    Inserito alle 10:13h, 23 Aprile Rispondi

    Meritorio apporto di Controinformazione.
    Avevo capito l’opposto sulla base della notizia diffusa giorni addietro. Avevo visto aumentare lo scoramento.
    Trovo conferma della diverosita’ di un mio contributo…….

Inserisci un Commento