Il discorso di Sayyed Nasrallah: il nervosismo di Netanyahu


La recente intervista di Sayyed Hassan Nasrallah al canale televisivo Al Manar ha provocato il panico degli israeliani. È un panico che ha provocato l’insolita reazione del primo ministro Netanyahu che ha minacciato gli Hezbollah libanesi con una “risposta fulminante”.

“Perché Netanyahu, il primo ministro israeliano stava reagendo in modo scomposto alle dichiarazioni del segretario generale di Hezbollah?” Il direttore del giornale “Rai Al Youm”, Abdel Bari Atwan, se lo è chiesto, in un articolo pubblicato il Lunedi 15 luglio.

“Dal momento che dopo la scomparsa dell’ex presidente egiziano Gamal Abdel Nasser, da quasi 40 anni, l’opinione pubblica araba non aveva acceso il televisore per ascoltare il discorso di un altro leader arabo, ecco che accade che oggi il segretario generale del Hezbollah libanesi, Sayyed Hassan Nasrallah, il leader arabo che è venuto a rompere questa tendenza. Non solo perché è il re della retorica e offre discorsi coerentemente rafforzati da analisi basate sull’evidenza, ma anche, e soprattutto, perché gode di grande credibilità. Nasrallah si concentra sulla preoccupazione principale del mondo arabo, che è quella della liberazione delle terre sante dei palestinesi e la lotta contro i piani umilianti degli USA diretti contro il mondo arabo e islamico “.

Secondo il regista di Rai al Youm, l’ultima intervista di Nasrallah alla televisione Al Manar ha attirato l’attenzione dei suoi sostenitori e oppositori, così come degli stessi israeliani e dei loro leader politici e militari. I giornali e i canali televisivi israeliani sono stati vietati di dire una sola parola o di fare un’analisi, per quanto breve, di queste affermazioni. La censura si applica su quanto dice Nasrallah. “Qualsiasi analisi da parte dei soldati in pensione o generali israeliani esperti del discorso di Nasrallah, si teme che possa aumentare le preocupazioni sull’opinione pubblica israeliana in tutta l’area della entità sionista, dal lato nord al lato sud”, scrive Abdel Bari Atwan.

“E ‘vero che il signor Nasrallah ha parlato dell’incredibile capacità dei missili ad alta precisione e dei notevoli progressi compiuti in questo settore da parte delle forze di Hezbollah e ha evocato l’esperienza acquisita durante la guerra in Siria. Tuttavia, il punto più importante di questa intervista è che Hezbollah non ha bisogno di bombe nucleari o chimiche. Un singolo missile sarebbe sufficiente per attaccare le riserve israeliane di ammoniaca tossica nel porto di Haifa, che potrebbe distruggere “Israele”, provocando dozzine o addirittura centinaia di migliaia di vittime. “

“Quando Nasrallah minaccia di” Israele “di tornare all’età della pietra, anche se, ovviamente,” Israele “non ha mai conosciuto questo periodo a causa della sua breve storia, lui ribatte infatti alla retorica di Netanyahu e degli altri leader israeliani che utilizzano esattamente questo metodo e questo argomento. “

Hezbollah postazione nel sud del Libano

Il giornale allude a parte delle dichiarazioni di Nasralá, dove afferma che spera di condurre una preghiera collettiva nella Moschea di Al Aqsa a Gerusalemme:

“È un sogno legittimo che non si realizzerà se non dopo la completa liberazione dei territori palestinesi e ciò sembra perfettamente plausibile. Sarebbe utile qui citare un rapporto del direttore degli affari internazionali della BBC, John Simpson, sul mezzo anniversario della creazione del fittizio regime israeliano. Esitante, John Simpson si poneva la seguente domanda: “Potrebbe” Israele “celebrare il suo centenario all’ombra delle dispute interne e a causa delle mutevoli circostanze?”

Inefficace la riflessione, considerando le minacce di Netanyahu contro il Libano e Hezbollah, Rai al Youm scrive che né Hezbollah né “Israele” vogliono la guerra. “Tuttavia, questa guerra potrebbe avvenire”, dice il giornalista arabo che aggiunge:

“La domanda più importante è se gli israeliani riprenderanno la loro vita normale sotto una pioggia di missili, che cadrà a migliaia in tutta l’area , e questo mentre l’esercito americano e le sue tecnologie all’avanguardia si dubita che siano in grado di difendere il regime israeliano”.

“Nel suo discorso volto a placare la preoccupazione dell’opinione pubblica israeliana oltre le dichiarazioni di Nasrallah, Netanyahu non ha trovato niente di meglio per impressionare l’evocazione israeliana della presunta distruzione di 7.000 presunti gallerie scavate per molti decenni da Hezbollah al confine tra il Libano e la Palestina occupata. Questa è un’arma che ha perso tutta la sua efficacia e Netanyahu sembra aver dimenticato che i missili ad alta precisione e droni Resistenza possono ora neutralizzare tutte le minacce israeliane e dei suoi avanzati sistemi anti-aerei e seriamente sfidare la supremazia aerea di Israele, quello che è stato un fattore importante nei conflitti contro gli eserciti nazionali arabi in passato “.

Atwan ricorda lo stato di panico di Netanyahu quando i movimenti di resistenza palestinesi hanno minacciato di vendicare la morte del martire Mahmud al Adham, ucciso a colpi d’arma da fuoco da soldati israeliani nella parte settentrionale della Striscia di Gaza. “L’arrogante Netanyahu è stato costretto a chiedere scusa e dire che è stato un errore e non un attacco intenzionale. Ha anche chiesto la mediazione al Cairo per evitare possibili rappresaglie da parte della resistenza palestinese “.

Sostenitori di Hezbollah

I discorsi di Hassan Nasralá sono diventati l’incubo degli israeliani perché diffondono una cultura di fiducia in se stessi che emana da una fede e una fiducia evidenti nella forza della Resistenza. Questa fiducia in sé ha ormai superato i confini geografici e si è diffusa anche tra le forze della Resistenza non solo in Libano, ma anche in Iraq, Siria e nella striscia di Gaza. È lo stesso spirito che ha creato un equilibrio di dissuasione senza precedenti. La situazione è cambiata ed è ora “Israele” che trema di paura alla semplice idea di una nuova guerra. “

Tratto da AL Manar

Traduzione: Luciano Lago

3 Commenti

  • atlas
    17 Luglio 2019

    io mi auguro che Hizbullah risolva la questione DEFINITIVAMENTE

    ma bisogna essere anche chiari e pratici. Certo in 10 anni dall’ultima guerra si sono molto meglio armati, lo spero, la Russia è lì e tiene sotto tiro di armi nucleari tutta l’area da Tel Aviv a Haifa

    ma io non dimentico la miriade di missili katiuscia lanciati per ordine di Nasrallah che sembravano fuochi d’artificio di una festa paesana. Missili che hanno un costo. E di cui dovrà rendere conto

    sono ottimista (devo esserlo), sono sicuro che oggi saranno più efficaci

  • Stelian
    17 Luglio 2019

    Mi viene da ridere .. In primis la Russsia e a guida ebraica e non farà mai una cosa terribile contro il popolo di Israele e poi quei camel Libanesi Irakeni Siriani Iraniani verrano schiacciati in due secondi VIVA ISRAELE E IL SUO BELLISSIMO POPOLO !! Amore per Israele

    • atlas
      18 Luglio 2019

      mi viene da piangere

      di gioia

Inserisci un Commento

*

code