Il direttore della CIA arriva in Colombia per guidare una “missione di sicurezza sensibile” – Venezuela in allerta

Il più alto funzionario della Central Intelligence Agency (CIA) degli Stati Uniti, William Burns , è arrivato in Colombia per partecipare a una missione “delicata” in termini di sicurezza, nell’ambito della “cooperazione” tra i due Paesi.

L’ambasciatore colombiano a Washington, Francisco Santos , ha riferito dell’arrivo del direttore della CIA, ma Santos non ha voluto fornire ulteriori dettagli sulla visita di Burns a Bogotá.

“Preferisco non dirvi che è una missione delicata, una missione importante in termini di intelligence, che siamo riusciti a coordinare”, ha risposto Santos in modo obliquo quando gli è stato chiesto della missione.

Questa visita arriva dopo la prima conversazione telefonica del presidente degli Stati Uniti Joe Biden con il suo omologo colombiano Iván Duque. Il governo colombiano, seguendo le indicazioni del regime statunitense, cerca da anni senza successo di rovesciare il governo legittimo del presidente Nicolas Maduro in Venezuela, accusandolo di violazioni dei diritti umani, quando in realtà è in Colombia che le violazioni dei diritti umani sono tristemente parte della vita quotidiana della popolazione civile.

Il giorno prima della visita ha segnato due mesi dall’inizio della sanguinosa repressione colombiana dello sciopero nazionale e delle manifestazioni che rifiutano la politica di Duque e chiedono che vengano prese misure nel campo dei diritti umani in particolare, a causa della violenza e della repressione perpetrate da suo governo.

Santos ha spiegato che la visita del più alto funzionario della CIA in Colombia è avvenuta tramite un contatto, dopo aver già tenuto tre incontri con l’organizzazione.

Santos ha spiegato che in quegli incontri era stato detto loro dove stavano andando e cosa sta succedendo, quindi considerano questa visita “molto importante”. “Quel contatto è stato stabilito, capisci”, ha detto Santos. “Abbiamo lavorato con quell’agenzia. Abbiamo fatto tre incontri”.

William Burns è diventato direttore della CIA il 18 marzo di quest’anno, come parte dei cambiamenti che Biden ha apportato dopo il suo insediamento.

Cosa c’è dietro la visita della CIA in Colombia?

La Colombia sta vivendo una delicata situazione interna a causa delle manifestazioni. Il comitato di sciopero e i manifestanti non intendono cessare fino a quando le loro richieste non saranno ascoltate dal governo.

Proteste in Colombia

Queste manifestazioni hanno rivelato al mondo la struttura maligna delle organizzazioni di sicurezza colombiane e il modo repressivo con cui il governo risponde alle proteste pacifiche. Oltre 250 persone uccise fra cui oppositori e leader sindacali nel corso della repressione attuata dalla polizia e dai paramilitari addestrati dagli USA.

Inoltre, la visita segue il presunto attacco contro il presidente colombiano venerdì scorso, in cui il suo elicottero sarebbe stato colpito da sei proiettili. Ore dopo hanno tentato di ritenere responsabile il governo del Venezuela.

Le accuse sono sorte dopo il presunto ritrovamento di armi recanti i segni identificativi della Forza armata nazionale bolivariana (FANB).

A ciò si aggiunge la denuncia avanzata di recente dal governo venezuelano secondo cui il governo della Colombia e degli Stati Uniti sponsorizzano bande criminali per commettere crimini al confine con il Venezuela e persino in alcuni barrios di Caracas.

Ivan Duque con Mike Pompeo

“È imperativo ricordare alla comunità internazionale che questi gruppi irregolari hanno il patrocinio del governo colombiano e della Central Intelligence Agency (CIA), motivo per cui le loro incursioni in territorio venezuelano dovrebbero essere considerate un’aggressione sponsorizzata da Iván Duque, poiché egli fornisce loro supporto logistico-finanziario”, ha avvertito il ministro della Difesa venezuelano, Vladimir Padrino López.

La violenza promossa nello stato di Apure dalle bande paramilitari colombiane del narcotraffico ha tolto la vita a più di dieci ufficiali dell’esercito venezuelano quest’anno e ha seminato il panico tra la popolazione venezuelana.


Fonte: Global Research

Traduzione: Luciano Lago
*

3 Commenti
  • antonio
    Inserito alle 10:55h, 02 Luglio Rispondi

    yankee-jew go home

  • Giorgio
    Inserito alle 13:52h, 02 Luglio Rispondi

    Il capo dei sicari della cia ……. visita il cortile di casa …..
    quello che era l’ampio cortile …….. a partire dagli anni 60 ha iniziato a perdere pezzi ….. e si sta restringendo sempre più ……

  • salvatore ricciardini
    Inserito alle 14:05h, 02 Luglio Rispondi

    Mi pare di aver sentito che in Bolivia o Colombia hanno trovato terre rare e il litio ,: quindi gli americani pensano di impossessarsene senza pagare nulla al popolo di queste nazioni.Gli americani avrebbero bisogno di una decina di bombe sulla testa, in modo di cambiare strategie.

Inserisci un Commento