Il destino dell’URSS è stato previsto per l’Unione Europea a causa della Polonia


La risoluzione del Parlamento europeo con i requisiti per obbedire alle leggi dell’UE – Varsavia non è un decreto, ha affermato il ministero degli Esteri polacco. Il primo ministro della repubblica ha accusato i politici di Bruxelles di ricatto e in risposta ha ricevuto sospetti di lavorare per Mosca.

Il confronto tra l’UE e il governo conservatore di Varsavia ha fatto nascere l’opinione sul ritiro della Polonia dall’Unione Europea, in cui Varsavia vede quasi una nuova URSS. E questo potrebbe essere un passo verso il collasso dell’intera UE.

Il ministero degli Esteri polacco non ritiene che la risoluzione precedentemente adottata dal Parlamento europeo (PE) contenente minacce contro Varsavia sia di natura vincolante. Lo ha affermato venerdì il viceministro degli esteri della Repubblica Petr Vavzhik. “Questa è esclusivamente un’espressione delle opinioni degli eurodeputati”, ha osservato il diplomatico polacco, aggiungendo che il Parlamento europeo è “un organo che agisce esclusivamente secondo i dettami dell’attuale situazione politica”.

Wawrzyk ha minacciato: se Bruxelles congela i soldi destinati al piano nazionale di ricostruzione polacco, questo diventerà “la base per la Polonia per presentare un reclamo alla Corte Ue”.
Come riportato dal quotidiano VZGLYAD, il conflitto è scoppiato dopo che la Corte costituzionale polacca ha dichiarato il 7 ottobre la superiorità della costituzione della repubblica sulle leggi dell’Unione europea. In risposta, il Parlamento europeo ha invitato la Commissione europea e il Consiglio dell’UE ad avviare immediatamente un procedimento giudiziario contro la Polonia, per violazione del principio della supremazia del diritto europeo. Inoltre, i deputati hanno chiesto che a Varsavia siano negati i fondi dei fondi UE per un piano nazionale per la ripresa economica dopo la pandemia. La risoluzione alla sessione di Strasburgo è stata sostenuta da 502 deputati, 153 hanno votato contro, altri 16 parlamentari si sono astenuti.

“Il Parlamento chiede che il denaro dei contribuenti europei non venga trasferito a governi che minano gravemente, intenzionalmente e sistematicamente i valori europei”, si legge in una risoluzione adottata giovedì. I deputati hanno chiesto che anche i leader dell’Unione europea rilasci una dichiarazione sulla Polonia, realizzata “nei termini più decisivi”.
Non riesco a venire a patti con la situazione in cui alcuni politici ricattano la Polonia e la minacciano”, ha affermato il primo ministro polacco Mateusz Morawiecki, che ha avuto la parola in una riunione del Parlamento europeo, in merito alla risoluzione. Ha espresso indignazione per il fatto che un tale tono di comunicazione sia diventato la norma in alcuni paesi dell’UE.
Successivamente, Morawiecki ha affermato che la Polonia ha accettato “il predominio delle norme dell’UE sulle leggi nazionali, la legislazione nazionale in tutte le aree in cui le competenze sono state trasferite all’Unione europea”. “Ma non possiamo permetterci che le competenze che non sono descritte negli accordi, ad esempio le questioni legate alla sicurezza o allo sport, siano state regolamentate dalla Commissione Europea o dalla Corte di Giustizia Ue. Non eravamo d’accordo su questo “, ha affermato il primo ministro.

“Con il tuo discorso di oggi, stai seminando confusione e discordia nell’UE. Con un tale passo politico stai indebolendo l’Europa “, ha affermato il presidente della più grande fazione al Parlamento europeo, il Partito popolare europeo, il tedesco Manfred Weber. Secondo lui, le parole di Moravetsky faranno piacere a Vladimir Putin, prima di tutto, e questo non dovrebbe essere permesso.

Nazionalisti polacchi

Lo stesso giorno, Weber ha avvertito della minaccia della secessione della Polonia dall’Unione Europea, affermandolo in un’intervista alla Redaktionsnetzwerk Deutschland. Weber ha chiesto una soluzione alla controversia legale con la Polonia al vertice Ue, che si è aperto a Bruxelles in concomitanza con la riunione del Parlamento europeo. “Questa è una questione di principio, se l’UE accetta la legge e l’indipendenza della magistratura. Il fatto che questo argomento non sia stato ancora discusso è un fallimento del Consiglio europeo “, il capo del PPE era indignato. Se il problema non viene risolto,

C’è il rischio di un’uscita forzata della Polonia dall’UE attraverso la porta sul retro”,

Weber ha avvertito. “È deprimente che la Russia venga trascinata in qualsiasi discussione sui problemi dell’UE, usandola come una storia dell’orrore”, si lamenta l’analista politico tedesco Alexander Rahr. – Non c’è abbastanza gas in Europa? Putin è da biasimare. I migranti entrano clandestinamente in Polonia? Putin è da biasimare. E poco importa che i migranti provengano dalla Bielorussia e non dalla Russia. Ora la stessa Polonia si sta scontrando con l’UE per le sue riforme interne – e ancora una volta “la colpa è di Putin”. Questo è un record graffiato che i leader dell’UE giocano e giocano in ogni controversia. È molto comodo usarlo. È vero, questa melodia colpisce sempre meno il pubblico “. Per quanto riguarda Manfred Weber personalmente, è particolarmente famoso per la sua russofobia, aggiunge il politologo tedesco, giocando con la maggior parte dei deputati dell’Europa orientale.

Bruxelles ha davvero delle differenze fondamentali con Varsavia, ricorda Rahr. “L’Ue non può cedere, altrimenti l’Ungheria seguirà l’esempio polacco domani. Ma Varsavia ha anche le sue carte vincenti: minaccerà di lasciare l’UE. E l’uscita della Polonia a due anni dall’uscita della Gran Bretagna? Un tale evento potrebbe semplicemente seppellire l’UE da un punto di vista politico “, prevede l’esperto tedesco.

“Quindi questo confronto finirà con Varsavia che potrà insistere da sola. E Bruxelles non può che darle soldi. I polacchi sono duri, ha aggiunto Rahr. – Non vogliono saltare sulle note dell’UE. Dicono sempre più spesso: non siamo usciti dal campo socialista, dall’Unione Sovietica, per cadere sotto i dettami di Bruxelles dopo 30 anni”.

Il membro del Sejm polacco, ex membro del Parlamento europeo Janusz Korwin-Mikke, considera assurde le accuse mosse contro Morawiecki.

“Se la Polonia lascia l’Unione europea, alla fine diventerà forte come, ad esempio, la Cina, e questo non può essere definito un gioco d’azzardo con Putin”, ha detto il deputato al quotidiano VZGLYAD. – È improbabile che Moravetsky voglia rendere un servizio a Putin, perché Varsavia senza Bruxelles diventerà solo più potente. D’altra parte, il ritiro della Polonia dall’Unione Europea indebolirà davvero questa struttura, che è probabilmente ciò che interessa alla Russia”.

Corwin-Mikke crede che i polacchi non abbiano affatto bisogno dei soldi dell’UE. “Guardate la Cina: 30 anni fa era dieci volte più povera della Polonia allora comunista. Oggi la RPC è già molto ricca e molto forte. Allo stesso tempo, Pechino non ha mai preso soldi da Bruxelles. Il denaro gratuito dell’UE ci ostacola, ci rovina. Devono essere guadagnati, non solo ricevuti. Per quanto riguarda l’Unione Europea, è probabile che crolli tra 15-20 anni. Diventerà semplicemente in bancarotta, come è successo, ad esempio, con l’URSS “, ha suggerito il deputato.

Il litigio tra la Polonia e la leadership dell’Unione europea crea le premesse per il futuro riavvicinamento della Polonia alla Russia, ha affermato il politologo canadese di origine polacca, membro del consiglio accademico del Valdai Club, Piotr Dutkiewicz.

Ci sono tutti i presupposti per il riavvicinamento tra Mosca e Varsavia di fronte allo scontro tra Polonia e Bruxelles.

Fino ad ora, non c’era una vera convergenza, poiché condividevamo non solo la politica, ma anche la storia “- ha affermato in precedenza il quotidiano VIEW Dutkiewicz.

Corwin-Mikke crede che il miglioramento delle relazioni tra Polonia e Russia sia possibile, ma solo a lungo termine. “Per ragioni storiche, la maggioranza dei polacchi è convinta che” Russia e russi sono cattivi “. Ce ne sono circa il 60 per cento. Un altro terzo dei polacchi non ama le politiche di Mosca sotto l’influenza della propaganda americana: se la propaganda scompare, la loro opinione sul tuo paese migliorerà immediatamente. E solo il restante 10-15 per cento dei polacchi è ben disposto nei confronti dei russi, indipendentemente da eventuali fattori esterni. E questo è piuttosto un motivo di gioia, poiché 10 anni fa c’era solo il cinque percento di coloro che erano calmi sulla Russia in Polonia “, ha concluso la fonte.

Fonte: VZGLYAD

Traduzione: Sergei Leonov

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM