IL DESTINO DELLA LIBIA: CI SARÀ UNA “TRAPUNTA”?


di Sofya Metelkina

C’è stato un conflitto tra Turchia e Libia: gli attacchi aerei dell’esercito del generale Khalifa Haftar sui rifugiati illegali in Libia (nella regione di Tadjur, a est di Tripoli) hanno ucciso più di 44 persone. Secondo il ministero degli Esteri turco, Ankara considera questo come un crimine contro l’umanità. Tutto questo accade come parte di un tentativo di Haftar di assaltare Tripoli da sud.

Sulle cause del conflitto e le possibili conseguenze in un’intervista con Geopolitika.ru ha detto al presidente della Società per l’amicizia e la cooperazione commerciale con i paesi arabi Vyacheslav Matuzov .

Arriverà ad un conflitto militare?

Secondo Matuzov, è improbabile che questo sarà un conflitto militare diretto. “La Turchia è ancora una potenza regionale, ha abbastanza problemi nel nord della Siria. Se la Turchia parteciperà, quindi in guerre per procura, ci sono alleati della Turchia, che hanno ricevuto e ricevuto da lei aiuti militari, finanziamenti dal Qatar “.

Allo stesso tempo, la Turchia ha la possibilità di impedire la vittoria di Haftar, secondo Matuzov, a determinate condizioni.

Radici nell’ideologia

Per molti versi, le cause del conflitto sono nella politica estera turca, basata sull’ideologia dell’Islam con una impostazione ottomana, sostiene Matuzov. “In questo senso, i turchi, realizzando la loro politica estera, affrontano il mondo arabo – sia con l’Arabia Saudita, sia con gli Emirati Arabi Uniti, e con la leadership siriana”.

In particolare, nel caso della Siria, la leadership può essere definita laica, poiché costruisce una politica basata sul socialismo arabo – con il partito Baath alla testa. “Pertanto, i turchi hanno una dura opposizione sia in relazione alla Siria che in relazione agli stati sunniti che affermano di avere un ruolo di primo piano nel mondo arabo”, ha spiegato l’arabo.

Per quanto riguarda la Libia, lo stesso problema si pone, continua l’esperto. Vale la pena notare che ai tempi di Gheddafi, i turchi giocarono un ruolo enorme nello sviluppo dell’economia del paese e parteciparono attivamente a programmi di investimento.

Fattore “Fratellanza Musulmana”

Allo stesso tempo, è importante tenere in considerazione il fattore dell’ideologia islamica per comprendere la situazione, ha aggiunto Matuzov. “La Turchia, come paese ideologizzato, sostiene i Fratelli Musulmani, anche questo non deve essere dimenticato. I Fratelli Musulmani sono ora percepiti con ostilità nei paesi del Golfo Persico, e in Siria sono i principali creatori di disordini. E in Egitto, che si trovò faccia a faccia con loro – il loro esercito era impegnato con loro per un breve periodo, Muhammad Mursi fu messo in prigione, dove morì non molto tempo fa. Ciò ha causato profonda tristezza in Erdogan, dove si sono svolti molti eventi di lutto. Tutte queste circostanze spingono i leader turchi a sostenere i loro fratelli ideologici “, ha detto l’arabista.

“Ora, quando il consolidamento è in corso in Libia, un tentativo di ricreare strutture statali, ovviamente, la Turchia sta cercando di consolidare i suoi interessi, le sue posizioni e ideologia lì. Pertanto, ha partecipato attivamente alla lotta contro la Siria con le mani degli stessi Fratelli Musulmani, ha detto Matuzov.

Sta diventando sempre più difficile aiutare apertamente i Fratelli Musulmani e altri gruppi islamici in connessione con l’agenda internazionale, ma Ankara continua ad assisterli (ad esempio, nel trasferimento di forze, dato che la Turchia in Libia ha il suo trampolino a est e ad ovest di Tripoli, e anche in parte a Tripoli stessa).

Truppe libiche

Stati Uniti e Libia

Nello scenario politico interno, è importante considerare quali forze esterne sono supportate dall’attore principale.

Pertanto, il governo di Faiz Saraj è riconosciuto dall’Occidente: l’ONU, gli Stati Uniti, ecc. – così come la Russia. Sebbene, se seguiamo rigorosamente la legislazione libica, egli possa essere considerato il Primo Ministro solo dopo il riconoscimento del Parlamento (e ha respinto la sua candidatura tre volte), ha ricordato l’esperto.

Haftar è considerato l’incaricato del Parlamento. Con lui lui – Egitto, Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti, Francia. Parzialmente e in Russia.

“Ma il fatto è che Haftar da solo non è in grado di resistere a tutti gli sforzi degli occidentali e della Turchia, ecc. Queste contraddizioni hanno bloccato la cattura di Tripoli. Inoltre, la fornitura di armi dalla Turchia ai gruppi su cui si basa il Primo Ministro gli ha permesso di ritardare l’offensiva. Ora questa è una condizione che richiede un qualche tipo di permesso – incluso, nel quadro dell’ONU, il Consiglio di sicurezza “.

Allo stesso tempo, secondo Matuzov, l’unificazione delle forze politiche nella stessa Libia è largamente ostacolata dagli Stati Uniti. “A mio parere, gli americani non sono interessati a ricostruire la Libia come stato unico. Il loro compito è rafforzare le posizioni di vari gruppi su base bilaterale e manipolare le loro relazioni ostili, non permettere che la Libia sia ripristinata nel formato che esisteva sotto Muammar Kaddaf “.

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump, con il quale è possibile negoziare, a quanto pare, difficilmente ha interesse a sconfiggere la Libia, ma i servizi di intelligence e il Pentagono, a giudicare dall’attività degli ultimi tre anni, sono seri. Una figura politica indipendente (o ostile) al potere non è redditizia per loro, ha spiegato Matuzov. Ricordiamo che l’omicidio di Muammar Gheddafi – fu un lavoro degli Stati Uniti, così come la sconfitta dello stato libico. Secondo l’esperto, gli Stati Uniti e ulteriori piani per giocare la carta libica. Per un certo numero di segnali, è ora più vantaggioso per loro garantire l’autonomia di un certo numero di regioni libiche (in un formato confederale, forse), al fine di controllare i territori e le risorse petrolifere.

“Ora c’è una lotta, una tendenza che vincerà: o sarà la tendenza a creare uno stato unitario unito libico, o ci sarà una trapunta patchwork”, ha sottolineato l’arabo.

Senza un accordo fondamentale tra Putin e Trump su argomenti libici, la situazione non è risolta, perché le forze lì, come mostrato nelle battaglie per Tripoli, sono uguali. È possibile portare questo a livello generale non a livello regionale, ma a livello globale “, ha concluso Matuzov.

Fonte: Geopolitica.Ru

Traduzione : Sergei Leonov

1 commento

  • atlas
    6 Luglio 2019

    c’è qualcuno che crede che i giudei ameri cani stiano con Haftar ?

    C’è qualcuno che crede che i fratelli giudeo salafiti di merdogan non ricevano armi dagli usa (quindi dalla nato) ?

    Eppure c’è qualcuno che stando a Roma a fare il ministro degli interni non dice nulla sulla UCOI, la più grande associazione transnazionale di fratellanza salafita, qui e in tutta Europa

Inserisci un Commento

*

code