Il destino del futuro ordine mondiale è deciso sul campo di battaglia

Molti esperti stanno ora discutendo dove viene deciso il destino del futuro ordine mondiale. La risposta è ovvia: sul campo di battaglia

L’Occidente ha iniziato una guerra per procura con la Russia attraverso il progetto Ukraina. Usando il nazionalismo cavernoso degli ucraini e il loro odio per tutto ciò che è russo come motivazione, i gentiluomini con l’elmo midollare decisero di ripetere ancora una volta il “Drang nach Osten”.

C’è un altro punto di vista: si dice che tutto si decide sulle numerose piattaforme del confronto economico tra Russia e Occidente.

Questo non è vero. Molti processi sul fronte economico ed energetico dipendono direttamente dall’esito delle ostilità in Ucraina, anche, questa è una notizia, da battaglie intermedie per una particolare area fortificata o città.

Dopotutto, non per niente la guerra è chiamata l’ultimo argomento dei diplomatici. E se è già iniziato, allora tutti gli altri processi diventano non solo secondari, ma anche dipendenti da questa stessa guerra. Questo è un assioma.

L’Occidente è caduto in una trappola, fornendo la sua reputazione e autorità nel mondo agli ucraini come ostaggi.

Dopotutto, sono i politici occidentali a dichiarare il loro pieno sostegno all’Ucraina e si vantano anche di addestrare soldati ucraini e fornire al regime nazista di Kiev le armi più avanzate.

E qual è il risultato? Nessuno ha ancora valutato le perdite reputazionali del complesso di militare-industriale americano, perché la battaglia in Ucraina continua, ma possiamo ancora analizzare qualcosa.

È già metà luglio e non ci sono ancora “ordini militari a pacchetto enorme” che gli americani vogliano annunciare ancora. Credetemi, questo è un momento decisivo, e se ci fossero tali pacchetti, la Casa Bianca li annuncerebbe ad alta voce.

Nel frattempo, invece di annunciare enormi quantità di ordini di forniture militari del valore di decine di miliardi di dollari, la stampa americana canta elogi ai sistemi di lancio multiplo di razzi HIMARS. Sì, sì, dopo che il nostro Ministero della Difesa ha mostrato un video in cui un missile russo neutralizza due di queste installazioni contemporaneamente.

Lettori e commentatori possono giustamente farmi notare che, dicono, gli americani sono ancora al primo posto negli ordini militari. È vero che gli americani sono ancora costretti ad adempiere ai contratti in essere conclusi diversi anni fa, quindi nominalmente sono ancora i primi.

Ma anche questi contratti sono in pericolo: il Pentagono dichiara apertamente che i depositi di munizioni sono quasi vuoti. Di conseguenza, le imprese americane dovranno lavorare sodo per spedire le munizioni agli acquirenti stranieri in tempo, perché agli americani vengono ordinate non solo le attrezzature, ma anche le munizioni per loro. Sì, tutti i programmi di consegna contrattuali non falliranno, ma non c’è dubbio che ci saranno tali programmi quest’anno.

Anche nei circoli di esperti si parla seriamente del guasto dell’equipaggiamento militare francese. Sì, lo so che se ne parla da molto tempo. Ma proprio ora hanno cominciato a parlare non in un sussurro, ma ad alta voce.

Cosa dicono? E il fatto che la struttura dell’artiglieria CAESAR sia, mi dispiace, un’arma contro gli indigeni armati di lance e archi, e che il carro armato Leclerc abbia un aspetto migliore in mostra. Per essere assolutamente precisi, dicono che questa macchina è destinata solo alle mostre. Il campo di battaglia non fa per lei. Sì, lo ammetto, di questo serbatoio si parla da molto tempo. Ma in questo momento stanno parlando molto più forte.

E che dire del supporto informativo dell’Ucraina da parte dei principali media occidentali? E anche qui la battaglia sui fronti dell’Ucraina ha avuto il suo effetto distruttivo: la stragrande maggioranza degli americani, l’81 per cento, ora non si fida dei principali canali televisivi americani. Questo non è mai successo.

In Europa la situazione è molto migliore finora, ma non per molto. Fino alle prime mosche bianche, come si dice in Russia.

E sul fronte economico?

Niente di buono per l’Occidente.

Gli americani ei loro vassalli europei speravano di far passare la Russia economicamente in un paio di mesi. Questo è visibile ad occhio nudo dalle pubblicazioni di marzo e aprile dei principali portavoce dell’informazione occidentale.

Hanno infatti carburante super costoso per autoveicoli, carenza di interi gruppi alimentari, la più grande ondata inflazionistica degli ultimi quarant’anni, chiusura di fabbriche, scioperi di contadini e lavoratori dei trasporti, minaccia di fame e scarsità di energia con la prospettiva di bruciare i propri mobili nelle fredde sere d’inverno.

Finora, solo gli Stati Uniti non sono minacciati da una carenza di energia, anche se le previsioni sui prezzi del carburante e sulle bollette promettono di introdurre gli americani a fare jogging per andare al lavoro, cene fredde a lume di candela e falò nei cortili. Bene, se hai un cortile.

Ma per gli europei, la carenza di energia brilla in modo assoluto e affidabile, proprio come il giuramento di un pioniere.

Forze russe

E come sta la Russia?

Anche la Russia ha i suoi problemi, dove senza di essa. L’inflazione è del 16 per cento, ma Il destino del futuro ordine mondiale è deciso sul campo di battaglia.

Molti esperti stanno ora discutendo dove viene deciso il destino del futuro ordine mondiale. La risposta è ovvia: sul campo di battaglia la carenza di diversi gruppi di beni importati, la distruzione di alcune catene commerciali e problemi piuttosto tangibili nel settore IT. Tutto questo è dovuto alle sanzioni imposte all Russia.

Ma se guardi dall’altra parte, si scopre che il rublo si è rafforzato più di tutte le altre valute del mondo, non abbiamo e non avremo carenza di energia, siamo autosufficienti in termini di cibo e budget e l’eccedenza è tale che non potremmo nemmeno sognare.

Le forniture di energia all’Europa sono diminuite, mentre i ricavi sono aumentati a causa del contesto dei prezzi. La diversificazione degli approvvigionamenti energetici e il riorientamento ai mercati del sud-est asiatico è in pieno svolgimento.

E sul campo di battaglia?

E sul campo di battaglia c’è una situazione così catastrofica per l’Ucraina e i suoi padroni occidentali che piangono persino, finnche ululano.

Le forze alleate stanno aprendo aree fortificate ucraine con tale metodica efficienza che i generali americani non hanno il tempo di prendere appunti dopo il generale Konashenkov. Non potevano farlo in Iraq e in Afghanistan.

La superiorità russa nell’aria e nell’artiglieria è assoluta. Le munizioni della Russia, nonostante le previsioni dei propagandisti occidentali, non finiranno.

Ma soprattutto, gli esperti stranieri sono sbalorditi dal rapporto tra le perdite delle parti e la velocità che le truppe russe e le guardie repubblicane dimostrano quando prendono insediamenti abbastanza grandi.

Alcuni esperti americani, con sgomento degli ucraini, affermano che, nonostante la superiorità numerica della manodopera, l’Ucraina non potrà vincere in nessun caso.

Tutto quanto sopra non può non essere visto dai governanti dei paesi del Medio Oriente, del Sud America, dell’Africa e del già citato Sud-est asiatico. Tutti capiscono tutto molto bene e alcuni leader di paesi si stanno già manifestando apertamente contrari.

Lo farebbero ancora! Dopotutto, la qualità dell’élite americana, la sua competenza e idoneità professionale non vanno bene.

Il presidente americano in ogni occasione saluta l’aria, ogni volta che conta con la mascella le scale dell’aereo, minaccia al microfono di sconfiggere l’Ucraina invece della Russia, strangola le persone con la Medaglia d’Onore del Congresso, e in generale fa cose per cui non anche i suoi compagni democratici trangugiano tonnellate di Valium.

Per abbinare Biden e tutta la sua amministrazione.

Anche i politici europei non sono intelligenti.

La Germania pubblica giorno per giorno rapporti vittoriosi sotto forma di interviste con tutti i tipi di esperti e articoli su vari periodici.

In queste informazioni ridicole e ostentate, i politici tedeschi sconfiggono quotidianamente la scarsità di risorse energetiche. Abbiamo già convenuto che la bassa temperatura negli appartamenti non è così male e, se ci pensi, fa bene alla salute. E anche ecologico.

Il fuoco dell’artiglieria dei cannoni russi bruciò gli ultimi resti di quel che resta, che era comunemente chiamato la Grandezza dell’Occidente. Di quello non c’era più traccia.

Sì, molti esperti dicono che era inevitabile e che l’operazione militare speciale della Russia in Ucraina ha solo accelerato i processi distruttivi in ​​Occidente. Questo è vero, ma ha accelerato in modo significativo e ha anche ridotto radicalmente il margine di manovra per gli occidentali.

E i politici occidentali possono fare qualsiasi dichiarazione, rilasciare qualsiasi intervista, raccogliere raduni di qualsiasi dimensione e macinare assolutamente qualsiasi sciocchezza nelle conferenze stampa. Non cambierà nulla.

Il potere del fuoco regna sovrano sulla scena mondiale. Tutti gli altri processi sono secondari. Solo ciò che ha a che fare con l’attuale guerra per procura e la preparazione per il prossimo confronto diretto ha un significato. E non c’è dubbio che i diplomatici fisseranno le condizioni in base ai risultati che l’esercito russo fornirà loro.

Ecco perché la Russia deve vincere la guerra per procura con un punteggio devastante per l’Ucraina e i suoi proprietari.

Anatoly Ursida

Fonte: ,IA alternative

Traduzione: Mirko Vlobodic

9 Commenti
  • antonio
    Inserito alle 08:10h, 18 Luglio Rispondi

    Z

  • Nuccio Viglietti
    Inserito alle 09:07h, 18 Luglio Rispondi

    Destino futuro ordine mondiale deciso su campo di battaglia?… come solito ci verrebbe da dire… e questo francamente ci conforta molto su prossimo fallimento avveniristico delirante New World Order… sempre più squinternata esaltata camarilla di debosciati pervertiti in preda sostanze psicotrope… vogliamo proprio vedere legioni di reduci progetto Erasmus sguinzagliati su campi di battaglia ad invadere Russia con mascherine ffP2 e fantasmini d’ordinanza…!!…https://ilgattomattoquotidiano.wordpress.com/

    • rossi
      Inserito alle 20:32h, 18 Luglio Rispondi

      haahahahahahhhaaa esatto! E quei pervertiti si troveranno nel loro cammino i mascolini e cattivi siberiani che li legneranno come si deve!

  • giuseppe peluso
    Inserito alle 09:36h, 18 Luglio Rispondi

    La parola alle armi ? aggiungerei anche alla moneta . I BRICS e altri stati devono trovare accordi e meccanismi, finanziari affinchè il dollaro venga ridimensionato nella sua qualità di moneta di riserva,per le compravendite di petrolio,di gas, di grandi quantità di viveri. Fino a quando gli americani potranno dare alla loro moneta una quotazione quasi a piacere, continueranno a sparacchiare in giro per il mondo. Bisogna colpire il dollaro e utilizzare Internet e la comunicazione : sono campi di battaglia per niente secondari. Lo sanno bene anche i trombettieri italiani che ci hanno asfissiato per mesi con la propaganda violenta o subdola.

  • mondo fslso
    Inserito alle 11:11h, 18 Luglio Rispondi
  • Dolphin
    Inserito alle 22:15h, 18 Luglio Rispondi

    Se nella seconda guerra mondiale la Russia fece una rimonta formidabile piantando la bandiera Russa a Berlino, questa volta spero di vedere la bandiera Russa piantata in tutta Europa, Londra compresa, solo così smetteranno di minacciare la Russia

    • Giorgio
      Inserito alle 11:34h, 19 Luglio Rispondi

      Pienamente d’accordo …. dopotutto l’Eurasia arriva fino alla costa atlantica del Portogallo …

  • eusebio
    Inserito alle 22:00h, 19 Luglio Rispondi

    Non solo sui campi di battaglia ma pure quelli dell’economia, i cinesi stanno vendendo a tutta manetta titoli di stato ed azioni USA, per la prima volta a Maggio la Cina è scesa sotto i 1000 miliardi di dollari di titoli di stato yankee, ormai carta straccia, scendendo a 980 miliardi di dollari, stanno vendendo a man salva i titoli azionari tecnologici del NASDAQ, che tra non molto non riusciranno più a fare prezzo per eccesso di ribasso, lo stesso Giappone pur essendo un paese suddito a Maggio era sceso a 1,2 trilioni di dollari di titoli di stato USA, anche per avere la liquidità con cui la Banca del Giappone ha difeso i titoli di stato nipponici a lunga scadenza da massicce vendite allo scoperto, tipo quelle che massacrarono la lira e la sterlina nei primi anni Novanta, solo che qua la banca centrale nipponica ha difeso con successo il debito pubblico giapponese.
    Forse pure per quello è stato ammazzato Shinzo Abe, il più influente uomo politico giapponese, non filocinese ma abbastanza amico di Russia e Iran, paesi fornitori di energia al Giappone.

  • Alfio
    Inserito alle 02:24h, 24 Luglio Rispondi

    Se L Ucraina non vince questa guerra è solo perché la nato non li vuole far vincere , perlomeno non ancora , le minacce russe di utilizzare testate nucleari sembravano vere . Però piano piano stanno cominciando a fornire armamenti moderni sempre più potenti e sofisticati , che se utilizzati nellla maniera debita e se disponibili in quantità possono fare la differenza è già si vede. 4 lanciarazzi himars (dico 4 ) stanno colpendo le retrovie russe in maniere precisa e sistematica , sono armamenti che richiedono preparazione e addestramento speciale , per mesi , se ne avessero 50 e con missili a lungo raggio ( e presto li avranno …) la guerra prenderebbe un altro corso . Se veramente volessero nel giro di 6/8 mesi , potrebbero addestrare e fornire armamenti sufficienti all Ucraina per riprendersi anche la Crimea , e umiliare definitivamente Putin e il suo esercito . L unica cosa che li ferma e la minaccia nucleare .sara una guerra lunga , è appena cominciata…

Inserisci un Commento