Il degrado dell’élite occidentale è un serio pericolo per il mondo internazionale

placeholder

di Veniamin Popov(*)

Gli ultimi anni hanno dato luogo a molte prove che gli attuali governi di alcune nazioni occidentali hanno smesso di tenere conto delle regole fondamentali del diritto internazionale e stanno violando accordi precedentemente presi. Le loro pratiche includono vere e proprie bugie e inganni; non esitano a spacciare il nero per bianco e procedono ad atti aperti di saccheggio e furto.

In palese violazione delle note regole di Vienna sulle relazioni internazionali, gli americani si stanno impadronendo di edifici che appartengono alla missione diplomatica russa, e ora i polacchi ne hanno seguito l’esempio.

L’acclamato giornalista americano Seymour Hersh, vincitore del premio Pulitzer, ha descritto in dettaglio come le agenzie di intelligence statunitensi hanno fatto saltare in aria i gasdotti Nord Stream 1 e Nord Stream 2. Tuttavia, gli Stati Uniti hanno fatto finta di non notare la sua indagine, nonostante il fatto che se fosse stata falsa, avrebbero potuto denunciarlo.

Ora che i paesi occidentali sono abituati a fare riferimento a un “nuovo ordine mondiale basato su regole”, non hanno remore a sequestrare i 300 miliardi di dollari che appartengono di diritto alla Russia e finiscono nelle loro istituzioni finanziarie.

Attualmente in servizio come leader in alcune nazioni occidentali ci sono individui che hanno una storia di attività criminale, sono principalmente motivati ​​da guadagni personali e non hanno praticamente alcuna visione strategica.

Personaggi della Elite occidentale

L’esempio più eclatante di ciò è l’ex primo ministro britannico Boris Johnson. Ha organizzato allegre feste durante la lotta alla pandemia, quando tutti gli eventi di questo tipo erano stati vietati dalle sue stesse istruzioni, ma questi regolamenti, come riportato dalla stampa britannica, si applicano solo alla gente comune in Gran Bretagna ma non si applicano a chi è al potere . Quando questi fatti sono diventati pubblici, Johnson è stato costretto a dimettersi da primo ministro. Tuttavia, recentemente è emerso che ha mentito anche a una commissione parlamentare composta da membri del suo partito, e quindi deve rinunciare al suo mandato di membro della Camera dei Comuni. Vale la pena notare che diversi giornali britannici hanno definito Boris Johnson un ciarlatano.

Anche il primo ministro britannico David Cameron, che sette anni fa indisse un referendum sull’uscita dall’UE, si dimostrò molto miope poiché sperava che Londra rimanesse nell’Unione europea. I successivi primi ministri sono stati uno peggiore dell’altro.

Di recente, uno degli entusiasti della BREXIT, Nigel Farage, ha dichiarato: “La Brexit è fallita…, non abbiamo realizzato la Brexit”. Come sottolineano i giornali londinesi, i successivi capi di gabinetto “non sono riusciti a sfruttare quelle che considerano significative libertà legate alla Brexit”: tra queste la possibilità di deviare dall’Unione Europea in ambiti come la tassazione per ottenere un vantaggio competitivo.

Recenti sondaggi sulla popolazione britannica mostrano che il 56% dei britannici pensa che la Brexit sia stata un errore.

E Johnson era uno zelante sostenitore degli aiuti all’Ucraina e ha orchestrato una campagna di attacchi alla Russia. Lui e altri leader delle potenze occidentali ci hanno ripetutamente istruito su come comportarci e su come costruire le nostre politiche. Il Parlamento europeo è stato particolarmente vivo nell’ammonire il nostro Paese (la Russia) ad aderire ai valori europei. I suoi membri sono i più affezionati a tenere conferenze in diversi paesi: alcuni mesi fa, diversi membri del Parlamento europeo, noti per i loro “valori morali”, sono stati arrestati per corruzione, tra cui il vicepresidente del Parlamento europeo.

L’ex primo ministro italiano Berlusconi, recentemente scomparso e che ha dimostrato di essere la stella più brillante sulla scena politica europea, ha definito il cancelliere tedesco Scholz “un politico mediocre”. Il rating del presidente francese Macron è sceso al minimo storico negli ultimi anni: i francesi non sono contenti della riforma delle pensioni che ha elaborato.

La rivolta di Parigi all’inizio di luglio ha dimostrato che l’attuale presidente non è in grado di far fronte ai problemi urgenti del Paese. (Gran parte della popolazione non ha ascoltato gli appelli di Macron, ma quello della nonna del giovane assassinato.)

Il presidente degli Stati Uniti Biden è oggetto di crescenti critiche, anche per aver tentato di proteggere suo figlio, lo scandaloso lobbista Hunter Biden. I repubblicani stanno cercando vigorosamente di indagare non solo sulle macchinazioni di Hunter, ma sull’intera famiglia Biden, minacciando apertamente l’impeachment.

Alcuni dei leader di oggi, ha detto Putin il 16 giugno, non hanno nemmeno un’istruzione superiore, ma questa è la specificità del sistema politico in alcuni paesi; lancia verso l’alto persone con, diciamo così, scarse basi educative e di livello culturale. Putin ha anche detto che Jacques Chirac, quando gli è stato chiesto perché la leadership americana si comporta in alcuni casi in modo così aggressivo e miope, ha risposto: “perché sono incolti”.

Il 25% delle 100 persone più ricche del mondo non ha una laurea e la maggior parte di coloro che hanno una laurea (68%) possiede attività non correlate alle proprie qualifiche.

Il famoso filosofo Michael Sandel ha notato l’incredibile disparità di accesso all’istruzione, che è in gran parte dovuta all’eredità e all’apprezzamento dei donatori.

Tutto ciò dimostra l’ignoranza di un processo di sviluppo oggettivo.

Premier polacco con Zelensky

Forse l’esempio più eloquente dell’inadeguatezza di alcuni leader occidentali è l’affermazione rilasciata dal premier polacco Mateusz Morawiecki a un quotidiano italiano nel febbraio di quest’anno: “La sconfitta della Russia è diventata la raison d’être della Polonia”, non il miglioramento del benessere del popolo polacco, né il rafforzamento della posizione internazionale di Varsavia, ma l’annientamento dello Stato moscovita.

Tutto ciò è divertente, ma dato che questi uomini sono a capo di nazioni potenti e alcuni di loro hanno accesso ad armi nucleari, molte persone sono più consapevoli del pericolo imminente.

All’inizio di luglio di quest’anno, Harper’s Magazine ha sottolineato che gli Stati Uniti hanno commesso un errore fatale non avendo paura di sconvolgere il “delicato equilibrio del terrore” e smettendo di trattare la Russia come un paese da non sottovalutare. Secondo l’autore dell’articolo, le politiche di Washington hanno portato il mondo sull’orlo di una guerra nucleare: gli Stati Uniti hanno creato confini di insicurezza in continua espansione “espandendo senza tante cerimonie i propri impegni di sicurezza nucleare”. Inoltre, la parte statunitense lo ha fatto sapendo che la Russia è un paese con un proprio arsenale nucleare e avversione al suo assorbimento nell’ordine globale alle condizioni degli Stati Uniti.

*Veniamin Popov, Direttore del “Centro per il partenariato delle civiltà” in MGIMO (U) MFA della Russia, Candidato di scienze storiche, in esclusiva per la rivista online ” New Eastern Outlook “.

Fonte: New Eastern Outlook

Traduzione: Luciano Lago

12 commenti su “Il degrado dell’élite occidentale è un serio pericolo per il mondo internazionale

  1. Il personale politico europeo è scadentissimo, costituito da gente che sa solo prendere ordini da pochi ricchissimi con tecnici complici al seguito ; capaci solo di spargere guerre, miseria e infelicità ; autorevolezza zero.

  2. Inghilterra e Germania che ha sfruttato il lebensraum a spese di russia e Bielorussia la loro Africa come diceva Bismarck credo che non l’avranno più il dado è tratto.

  3. Il ponte di kerch opera di alta ingegneria bello e serve alla crimea l’attacco alla diga ora i cittadini di crimea non hanno acqua gli attentati e sabotaggio devono pagarla molto cara.

  4. Basta con questi figuri: biden il demente, zelensky il fantoccio e poi con la combriccola nato. Nella loro incoscienza psicotica sono pericolosi e possono portare il pianeta ad un punto di non ritorno. Bisogna mettere in atto azioni decise e risolutive.

  5. Degrado delle Elite? Sarei proprio curioso di vedere i loro conti in “banca” degli ultimi 30 anni. Il vero degrado sta nella testa dei sudditi…

  6. benedetto smettila di fare disinformazione il ponte è stato danneggiato parzialemnte in un verso , informati sui social alternativi e vedrai immagini inequivocabili , che ne sai della gente di Crimea se blateri idiozie dalla stanzetta in aria condizionata? suvvia , serio!

  7. Gli Ucraini Nazisti di merda possono emettere ON-LINE condanne a morte anche contro cittadini stranieri Pro-Russia Occidentali !
    La Russia e tutti i cittadini occidentali Pro-Russia devono anche loro emettere condanne a Morte contro gli Ucraini Nazisti e contro i cittadini Occidentali criminali Pro-USA -Pro-Guerra !

  8. Uno non lo vorrebbe dire perchè poi passa per antisemita, ma se le classi politiche occidentali sono così scadenti probabilmente è perchè dall’inizio degli anni Novanta vengono selezionate dal mossad.
    A proposito dell’Italia, lo stesso Berlusconi venne probabilmente obbligato a creare Forza Italia usando le sue televisioni per sostituire la vecchia DC troppo indipendente, dissolta da una operazione Mani Pulite chiaramente orchestrata dai servizi atlantici.
    Molti politici DC filoarabi come Aldo Moro vennero liquidati anche prima, all”ENI il filoarabo Mattei venne eliminato negli anni Sessanta e sostituito con il filosionista Cefis.
    Molti politici italiani di presunta destra di adesso sono stati selezionati da agenti sionisti come Fiamma Nirenstein, che oggi vive in Israele ed aveva un passato di militanza nelle file del PCI.
    La sinistra italiana già negli anni Ottanta di nome era filoaraba e filopalestinese ma di fatto era già gestita da personaggi di origine ebraica, anche parziale.
    Lo stesso mondo ebraico oggi difetta di figure di spicco, i politici dell’entità sionista sono estremamente screditati, e tutto il mondo ebraico in generale non ha figure credibili, il Global Times riporta la notizia della visita di Henry Kissinger in Cina, hanno dovuto mandare un centenario per cercare di riportare alla sudditanza la grande potenza cinese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM