IL DECLINO DELL’EUROPA È SENTITO PIÙ ACUTAMENTE


Soros e Macron – testimoni della crisi dell’ideologia occidentale

Nel maggio 2019 si terranno le elezioni per il Parlamento europeo. Saranno eletti 705 deputati, rappresentanti quasi 500 milioni di cittadini di 27 stati membri dell’Unione europea. Molti politici e personaggi pubblici ora dedicano i loro discorsi alle prospettive di queste elezioni. Compreso il presidente francese Emmanuel Macron e il famoso speculatore finanziario George Soros. Abbiamo riunito queste due figure dissimili appartenenti a generazioni diverse perché riuniscono i loro atteggiamenti di panico nei confronti del presente e del futuro dell’Europa.

L’ex Soros europeo, soprannominato “l’uomo che ha rotto la Bank of England”, non può contenere le sue paure. Portando una lista delle loro rivendicazioni in Europa al loro nemico personale, Viktor Orban, lo speculatore finanziario di 88 anni insiste sul fatto che “tutto è superato”: “Purtroppo, in queste elezioni [al Parlamento europeo nel maggio 2019. – I.Sh.] le forze antieuropee avranno un vantaggio comparativo. Ci sono diverse ragioni per questo … In Germania, l’alleanza CDU-CSU ha funzionato bene fino a quando c’è stato un partito significativo a destra … La situazione è cambiata dopo l’ascesa degli Alternative estremisti per la Germania (AfD) … In Gran Bretagna, la struttura obsoleta del partito impedisce la genuina espressione della volontà popolare. Lavoro e conservatori sono divisi internamente, mentre i loro leader – Jeremy Corbin e Teresa May, rispettivamente – sono così determinati a tenere Brexit, che dovevano cooperare per quello.

In Italia, l’elettorato che ha sostenuto l’Europa e l’immigrazione è caduto nelle mani di politici antieuropei: la Lega e le cinque stelle … Alleanze europee sono completamente subordinate agli interessi acquisiti della leadership del partito … È difficile immaginare come i partiti europeisti possano vincere le elezioni di maggio se non mettono gli interessi dell’Europa al di sopra dei propri “.

Macron in crisi

A differenza dell’anziano Soros, il 41enne Macron nel suo Appello ai francesi e agli europei, pubblicato su Le Parisien il 4 marzo, ha lanciato lo slogan “Per il Rinascimento europeo!”. Tuttavia, nella valutazione dell’odierna Europa (“tutto è sorpassato”), convergono Macron e Soros. “Mai prima d’ora”, dice Macron, “l’Europa non era in così grande pericolo. Il simbolo di questo era Brexit. Simboleggia la crisi dell’Europa, che non è stata in grado di rispondere al bisogno dei suoi popoli di proteggersi dai grandi sconvolgimenti del mondo moderno. Simboleggia anche la trappola europea … La trappola sta nelle bugie e nell’irresponsabilità, che potrebbe distruggere l’Unione europea … Chi ha detto agli inglesi la verità sul loro futuro dopo la Brexit? Chi ha parlato con loro della perdita di accesso al mercato europeo? Chi ha menzionato i rischi per la pace in Irlanda dopo il restauro dell’ex confine? … E questa trappola minaccia tutta l’Europa … “

Sia Soros che Macron identificano entrambi il ritiro della Gran Bretagna dall’Unione Europea, questo progetto sovranazionale (globalista) per l’Europa occidentale, con il trionfo delle forze “anti-europee”. Entrambi stanno cercando di ridurre la diversità delle culture e dei popoli europei all’uniformità del sistema di gestione non nazionale. Solo la vita europea respinge questi tentativi.

Macron, elencando nel suo lungo “Appello ai francesi e agli europei” problemi politici e sociali di attualità, non è mai riuscito a menzionare il movimento dei “giubbotti gialli”, come se facesse rumore da diversi studenti delle scuole superiori o da tifosi di calcio. Nel frattempo, in questo movimento, le forze si stanno unendo, chiedendo solo una rinascita (rinascita) dell’Europa. In questo movimento, la Francia dice no al potere dei banchieri globali. In uno dei più grandi paesi europei è scoppiata una tempesta sociale, che i francesi non hanno visto, forse dal 1968. Secondo il noto psicanalista francese Roland Gori, il movimento dei “giubbotti gialli” aprì gli occhi della società francese alla politica del “tecno-fascismo neoliberale” condotto dal governo, che diede parte della sovranità nazionale a strutture di autorità sovranazionale cosmopolita.

Il decrepito non è l’Europa. Il complesso ideologico neoliberale imposto dai “padroni del discorso” divenne decrepito, la mitologia della democrazia, degenerata nella tecnologia della manipolazione dalla coscienza pubblica nel XXI secolo, divenne decrepita.

Nei secoli XIV-XVI, il Rinascimento dell’Europa fu associato al risveglio delle forze nazionali, spingendo i “uniti” e anche decrepiti papi europei alla periferia della vita europea. In politica, il Rinascimento ha segnato il movimento verso la sovranità delle nazioni, e questo si è concluso con la pace di Westfalia nel 1648, con l’approvazione del “sistema westfaliano” degli stati sovrani. Prima di questo, solo i monarchi erano sudditi in Europa, e la piramide dei loro titoli convergeva al tributo dei re e dell’imperatore del Sacro Romano Impero da parte dei papi …

Il neoliberismo occidentale, in mancanza di pretese di verità universale, stanco delle “crociate” nei Balcani, in Afghanistan, Iraq, Siria, Libia, troverà il suo posto tra le altre ideologie moderne? Oppure il rifiuto delle rivendicazioni sul dominio universale nel mondo delle idee e nella “governance globale” implicherebbe il declino della civiltà occidentale (postcapitalista) in quanto tale?

Igor Shumeyko, FSK

Traduzione: Sergei Leonov

3 Commenti

  • atlas
    10 Marzo 2019

    esiste un’ ” ideologia occidentale ” ? Ma allora è massoneria. Non mi appartiene.

  • nicholas
    11 Marzo 2019

    Spero che al più presto crolli questa europa.

  • Kaius
    11 Marzo 2019

    Maledette bestie sataniche europee.
    Le loro sporche ideologie alla fine hanno inzozzato anche la bella Italia

Inserisci un Commento

*

code