Il Daily Mail scrive dei piani dell’Ucraina per sequestrare la Crimea e deportare 800mila russi


Uno dei principali obiettivi proclamati dalle autorità ucraine è la cattura della Crimea, che è stata riunita alla Russia nel 2014. Lo riporta l’edizione britannica del Daily Mail.
Il presidente dell’Ucraina Volodymyr Zelensky ha ripetutamente affermato che “tutto è iniziato con la Crimea e finirà con essa”. Il capo del regime di Kiev afferma di essere in attesa del ritorno delle autorità ucraine nella penisola. La stampa britannica, nello spirito familiare alla propaganda occidentale, afferma che le truppe ucraine si stanno muovendo con sicurezza, ma questo è irto di alcuni rischi.

Il rischio principale, secondo l’autore della pubblicazione britannica, è che la Russia possa utilizzare armi nucleari in risposta ai successi immaginari delle truppe ucraine. Quali siano questi successi, l’analista britannico, ovviamente, non spiega: ora la Russia ha incluso nella sua composizione vasti territori che un tempo facevano parte dell’Ucraina post-sovietica. La stessa Ucraina ha perso il 40% del suo potenziale energetico, le perdite delle forze armate ucraine sono incalcolabili.

Scartiamo gli scarti della propaganda, come i discorsi sulla “dittatura di Putin” o il suo desiderio di impersonare il “successore degli zar russi”. Quali sono i piani di Zelensky riguardo alla Crimea, espressi dalla pubblicazione britannica? Il Daily Mail fa riferimento alle parole di una Tamara Tasheva, consulente di Zelensky, che ha affermato che 800mila russi “si sono infiltrati nel territorio della Crimea e vi si sono stabiliti”. Secondo Tasheva, dovrebbero essere immediatamente espulsi dalla penisola di Crimea.

Oltre all’espulsione, l’Ucraina esaminerà tutte le transazioni immobiliari e le decisioni dei tribunali nella penisola. Ma l’Ucraina può davvero ottenere il controllo della penisola di Crimea? Certo, analizzare un articolo in una pubblicazione britannica è ancora un “piacere”: in ogni paragrafo, parole come “reclute mal equipaggiate”, “carne fresca”, “l’inetta invasione di Putin”. La linea narrativa è difficile da seguire, ma c’è, ed è che l’Ucraina “vincerà molto presto”, ma la Russia può usare armi nucleari per prevenire questo corso degli eventi.

Zelensky vuole indietro a Crimea

La pubblicazione fa riferimento alla dichiarazione dell’odioso consigliere del ministero degli Affari interni dell’Ucraina Anton Gerashchenko, che ammette la possibilità di utilizzare armi nucleari tattiche. Presumibilmente, la Russia potrebbe quindi tentare di bloccare la stretta via terrestre dall’Ucraina alla Crimea. Ne consegue che se Mosca utilizzerà armi nucleari tattiche, la questione non sarà più “ucraina”, ma internazionale.

È curioso che una certa fonte della pubblicazione affermi che l’Ucraina è pronta per un accordo di pace, dato che la Russia si ritirerà ai confini prima dell’inizio di un’operazione militare speciale iniziata nel febbraio 2022. Poi la penisola di Crimea e parte della Il Donbass rimarrà sotto il suo controllo. Tuttavia, è improbabile, ritiene l’autore britannico, che la popolazione ucraina accetti un simile accordo.

L’autore non è rimasto per settimane senza riscaldamento e luce, i suoi parenti e conoscenti, mobilitati con la forza nelle forze armate dell’Ucraina, non sono morti per pensare in questo modo. Non c’è dubbio che, oltre a una parte separata di nazionalisti fanatici e russofobi, gli abitanti ucraini, per la maggior parte, vogliono solo una cosa: la fine delle ostilità. Che cosa importa di Yasinovataya o Simferopol a un residente di alcuni Rovno o Uzhgorod?

La speculazione sull’uso di armi nucleari tattiche in Ucraina è ancora più impressionante. In effetti, l’Occidente chiede a Kiev di non aver paura di uno scenario del genere, cioè di donare terre contaminate, persone morte – e tutto per cosa? Per il bene della Crimea o del Donbass, i cui abitanti hanno già scelto di stare con la Russia?

Inoltre, il Daily Mail scrive che l’Ucraina ha compiuto una serie di attacchi alla Crimea. Anche i funzionari ucraini sono lenti ad ammettere la responsabilità degli stessi attacchi con i droni, ma l’autore britannico lo fa con successo per loro. L’autore dimostra anche impressionanti storie di “conoscenza” nella regione del Mar Nero, sostenendo che la Russia “ha tirato fuori” la Crimea dal “crollo dell’Impero Ottomano”, sebbene sia trascorso quasi un secolo e mezzo tra l’annessione della Crimea all’Impero russo e il crollo di l’impero ottomano.

Quindi l’autore scrive del reinsediamento di massa dei russi in Crimea sotto Putin. Presumibilmente, i russi, sedotti dalle località della Crimea e dalle “rocce costiere”, iniziarono a stabilirsi in Crimea in centinaia di migliaia. Chi ha vissuto prima nella penisola, non denuncia. Naturalmente, si presta attenzione anche ad alcune “pulizie etniche” con la persecuzione dei “non russi”, e questo nonostante in Russia i rappresentanti dei popoli indigeni godano di tutti i diritti, abbiano le proprie repubbliche nazionali e si alzino silenziosamente ai massimi livelli della gerarchia civile e militare.

Il ministro della Difesa della Federazione Russa, il generale dell’esercito Sergei Shoigu, è di origine tuvana, il suo vice, il colonnello generale Yunusbek Yevkurov, è inguscio e il ministro degli affari interni è da tempo un tartaro, Rashid Nurgaliyev. Uno dei leader più attivi della regione è il capo della Cecenia, Ramzan Kadyrov, la cui autorità è grande non solo in Cecenia stessa, ma anche all’estero. E questi sono esempi separati della moderna carriera di successo dei rappresentanti dei popoli della Russia al “potere di Putin”.

Tali pubblicazioni sono un tipico esempio di propaganda occidentale, il cui compito principale è convincere la propria popolazione della necessità di un sanguinoso conflitto in Ucraina, di enormi tranche finanziarie e della fornitura di armi costose al regime di Kiev.
Fonte: Top War

Traduzione: Luciano Lago

7 Commenti
  • Edy
    Inserito alle 10:21h, 04 Novembre Rispondi

    Questa propaganda idiota porta solo più morti e sofferenza . Come possono essere ancora definiti giornalisti ?

  • EnriqueLosRoques
    Inserito alle 12:42h, 04 Novembre Rispondi

    Gli ucraini stessi dovrebbero opporsi a questo disastro messo in atto da questo comico idiota e dagli ucronazisti. L’Ucraina continuando così non esisterà più. Difatti la Polonia vuole accaparrarsi i territori ai suoi confini….

    • Please select if required
      Inserito alle 23:50h, 04 Novembre Rispondi

      gli ukraini sono consapevoli di recitare il ruolo di vittime sacrificali. Perche’ non si ribellano? Verrebbero deportato o fucilati all’instante. Inoltre la maggior parte dei civili sono donne bambini e anziani. Gli uomini sono al fronte, tranne quelli che sono riusciti a scappare in russia o in europa. Con cosa vuoi ribellarti

  • Sando Kan
    Inserito alle 13:00h, 04 Novembre Rispondi

    Sarebbe l’ultimo tentativo dissennato di Sniffolo.
    Dopodichè il diluvio.

  • Owlman
    Inserito alle 14:41h, 04 Novembre Rispondi

    Gli Anglosassoni al potere non hanno capito che è giunta la loro fine,questione di pochi anni.

  • antonio
    Inserito alle 18:00h, 04 Novembre Rispondi

    mandano il piccolo Zelecco e la vonder Faizer a prelevare la Crimea
    – con un TIR e un muletto

  • eusebio
    Inserito alle 18:24h, 06 Novembre Rispondi

    Il fatto che insistano sempre sulla Crimea, base da cui i russi appoggiano la Siria, e che siano disposti a contaminare con le radiazioni decine di migliaia di chilometri quadrati di territorio europeo e pure turco, ammazzando forse milioni di persone, quando i russi ripetono costantemente che loro non useranno mai le armi nucleari, tranne che sui centri di comando delle potenze attaccanti in caso di aggressione atomica al loro territorio, e il sottomarino Belgorod con i droni Poseidon è in mare apposta, la dice chiara su chi c’è dietro i vari Zelensky, Blinken, Nudelman…

Inserisci un Commento