IL CYBER ​​COMMAND STATUNITENSE RIVELA I PIANI PER ATTACCARE CINA E RUSSIA IN MEZZO ALL’ISTERIA DEI MEDIA

Il Cyber ​​Command degli Stati Uniti si prepara a reagire contro presunti attacchi informatici russi e / o cinesi.
Questo, secondo il New York Times, avverrà in diverse mosse importanti.
“La prima mossa importante è attesa nelle prossime tre settimane, hanno detto i funzionari, con una serie di azioni clandestine attraverso le reti russe che dovrebbero essere evidenti al presidente Vladimir V. Putin e ai suoi servizi di intelligence e militari, ma non al resto del mondo. “

Come al solito, nulla di ciò che gli Stati Uniti fanno a livello internazionale arriva senza sanzioni, quindi ci saranno anche sanzioni economiche.
Un’altra cosa che ci si aspetta è un ordine esecutivo da parte di Biden per accelerare l’irrigidimento delle reti del governo federale dopo il presunto hacking russo, che è rimasto inosservato per mesi fino a quando non è stato scoperto da una società di sicurezza informatica privata (come sostiene il Cybe Command USA con 0 prove ).

Inoltre, c’è stato un altro attacco informatico. È stata denunciata una grave violazione nei sistemi di posta elettronica Microsoft utilizzati da piccole imprese, governi locali e, da alcuni account, importanti appaltatori militari.
Microsoft ha identificato gli intrusi come un gruppo cinese sponsorizzato dallo stato e si è affrettata a rilasciare una patch per consentire agli utenti del suo software di eliminare la vulnerabilità.
Il governo degli Stati Uniti non ha reso pubblica alcuna determinazione formale su chi fosse responsabile dell’hacking, ma alla Casa Bianca e nel campus di Microsoft a Redmond, nello stato di Washington, il timore è che lo spionaggio e il furto possano essere un preludio ad attività molto più distruttive , come la modifica dei dati o la loro cancellazione.

Uffici per la guerra cybernetica negli USA


La Casa Bianca ha sottolineato la gravità della situazione in un comunicato domenica del Consiglio di sicurezza nazionale.
“La Casa Bianca sta intraprendendo un’intera risposta del governo per valutare e affrontare l’impatto” dell’intrusione di Microsoft, afferma il comunicato. Ha detto che la risposta è stata guidata da Anne Neuberger, un ex alto funzionario dell’Agenzia per la sicurezza nazionale che è il primo occupante di un posto di nuova creazione: vice consigliere per la sicurezza nazionale per le tecnologie informatiche e emergenti.

Jake Sullivan con la Clinton

Jake Sullivan, consigliere per la sicurezza nazionale di Biden, ha detto su Twitter il 4 marzo ° che la Casa Bianca era “seguire da vicino” i rapporti che le vulnerabilità in Microsoft Exchange venivano utilizzati in “potenziali nostri account compromessi e si pensa carri armati e gli enti di difesa base industriale.”

Un mix di sanzioni pubbliche e azioni private è la combinazione più probabile per forzare una “ampia discussione strategica con i russi”, ha detto Sullivan in un’intervista, prima che la portata del presunto attacco cinese fosse chiara.
“In realtà credo che una serie di misure che sono comprese dai russi, ma potrebbero non essere visibili al mondo più ampio, siano in realtà le misure più efficaci in termini di chiarimento di ciò che gli Stati Uniti ritengono siano nei limiti e fuori limiti e cosa siamo pronti a fare in risposta “, ha aggiunto.

Non c’è dubbio che questi siano russi e cinesi, nessuna prova viene mai presentata, ma chi ne avrebbe bisogno, in ogni caso ?

“Come i russi, gli aggressori cinesi hanno avviato la loro campagna contro Microsoft da server di computer – essenzialmente servizi cloud – che ( secondo i servizi USA) hanno affittato con identità assunte negli Stati Uniti. Entrambi i paesi sanno che la legge americana vieta alle agenzie di intelligence di cercare nei sistemi con sede negli Stati Uniti e stanno sfruttando tale restrizione legale “.

“Il presunto responsabile cinese, a quanto pare, ha trascorso il tempo a ricercare le autorità legali e ha riconosciuto come poter operare dall’interno degli Stati Uniti, alcuni dei migliori cacciatori di minacce del governo sarebbero fuori dal campo”, come riferisce Tom Burt, il dirigente di Microsoft che sovrintende alle indagini .
Gli Stati Uniti si stanno preparando a ritorsioni a qualsiasi attacco informatico, reale o meno, e sarà accompagnato da pesanti sanzioni e altro ancora.


Nota: Un unico grido si leva dai media mainstram statunitensi: “E’ stato Putin, e’ lui, Putin, il male assoluto, il nemico dell’America, il “nuovo Hitler”. Questo grido trova eco anche in Europa e Bruxelles si prepara, su direttiva di Washington, a bloccare l’arrivo del vaccino russo Sputnik. E’ il vaccino di Putin, un “cavallo di Troia” dei russi, tuonano i media statunitensi. La psicosi della “minaccia russa” dilaga in Occidente.

Fonte: South Front

Traduzione e nota: Luciano Lago

6 Commenti
  • Eugenio Orso
    Inserito alle 18:08h, 08 Marzo Rispondi

    Gli stati uniti ammerika, il più grande stato-canaglia del mondo … e ovviamente anche la più grande demokrazia, perché le due cose vanno a braccetto.

    Cari saluti

  • Farouq
    Inserito alle 18:32h, 08 Marzo Rispondi

    Il cyber command è formato praticamente da animali parlanti ed addestrati

    E dato che non accade niente di così grave nel mondo a livello informatico allora vengono inventate le minacce per tenere allenate le bestie e soprattutto per non dare loro da mangiare gratis

    Analogamente hanno inventato Bin Laden il feroce Saddam, il dittatore Gheddafi, il terrorismo, la bomba iraniana, il micidiale Covid ecc..

    Il tutto viene attentamente studiato e pianificato negli allevamenti di animali parlanti

    Forse ho capito la mentalità americana, l’individuo viene istruito, formato, rispettato, divertito ma in seguito dovrà obbedire ciecamente senza fare domande

    Maestri del debito

  • Giorgio
    Inserito alle 19:25h, 08 Marzo Rispondi

    Totale sintonia con i commenti precedenti …… morte all’america …….

  • eusebio
    Inserito alle 19:37h, 08 Marzo Rispondi

    Come al solito ha stato Putin, con l’ausilio di Xi, gli ammereCani sono all’ultima puntata, mentre la Bielorussia ha incastrato con un video la Tikhanovskaya che partecipava ad una riunione di accoliti della NATO mentre pianificavano l’occupazione di edifici governativi in Bielorussia, e di conseguenza ne ha richiesto l’estradizione alla Lituania, gli anglosionisti l’hanno celebrata come statista promettendo che tra pochi giorni ripartirà alla grande l’operazione per portarla al potere, e magari ci proveranno di nuovo pure a Mosca per portare al potere in Russia la moglie di Navalny.
    Intanto in Armenia va in scena lo scontro tra il capo di stato maggiore filorusso e il premier filosionista, salito al potere con un colpo di stato analogo a quello con cui vorrebbero portare al potere la guaidò bielorussa, con entrambi che chiedono uno le dimissioni dell’altro.
    Tre giorni fa il premier e uno dei capi dell’opposizione si sono incontrati per accordarsi su possibili elezioni, ma non ci sono stati accordi e il segretario di stato USA con la kippah Blinken ha parlato al telefono con il suo sgherro al potere ad Yerevan, dandogli pieno sostegno.
    A questo punto l’esercito armeno potrebbe far incappare il premier in una pallottola vagante.

  • antonio
    Inserito alle 10:40h, 10 Marzo Rispondi

    si cercano la tomba i satanici del tempio, lozar Tito Vespa li disperderà per il mondo liberando le terre sante dai demoni

  • antonio
    Inserito alle 10:43h, 10 Marzo Rispondi

    si cercano la tomba , Zeus li disperderà per il mondo

Inserisci un Commento