"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

Il crollo dell’ISIS significa la sconfitta della politica regionale degli Stati Uniti

Il crollo di Daesh (ISIS) significa sconfitta della politica regionale degli Stati Uniti: capo della difesa dell’Iran.
Il capo della difesa iraniana afferma che la sconfitta del gruppo terroristico Daesh equivale alla sconfitta della politica regionale degli Stati Uniti, e quindi il crollo del gruppo Takfiri potrebbe essere seguito da una nuova ondata di ostilità nella regione alimentata da potenze extra-regionali.

Il generale di brigata Amir Hatami ha fatto le osservazioni in un discorso alla Conferenza di Mosca sulla sicurezza internazionale (MCIS) di mercoledì.


La sconfitta di Daesh significa la sconfitta della politica regionale americana e quindi dovremmo aspettarci che questa sconfitta segnerà probabilmente l’inizio di una nuova era di ostilità e tensioni nella regione”, con potenze regionali ed extra-regionali in competizione per consolidare la loro presenza in conflitto zone, ha aggiunto.

Hatami ha avvertito che nonostante la caduta di Daesh, l’ideologia Takfiri del terrorismo di impronta wahabita/salafita  è ancora viva e rappresenta una minaccia per il mondo.
La minaccia di Daesh, ha aggiunto il ministro, potrebbe ancora riemergere in qualsiasi parte del mondo finché gli Stati Uniti e i governi occidentali continueranno ad armare gli Stati aggressivi della regione con accordi multimilionari e finché Washington rifiuterà di porre fine alle sue ” imprudenti “politiche regionali, che si basano su ” opportunismo ” e volontà egemone..

L’Iran rimane fortemente contraria all’unilateralismo e all’egemonia degli Stati Uniti così come alle politiche distruttive e destabilizzanti del regime sionista che contribuiscono alla diffusione dell’estremismo e della violenza, ha detto Hatami.
Qualsiasi tentativo di interventismo, aggressione e disintegrazione dei paesi è in contrasto con gli interessi delle nazioni e dei governi della regione, ha aggiunto il ministro della Difesa iraniano.

La Repubblica islamica dell’Iran, ha affermato, favorisce un’iniziativa politica comune per risolvere la crisi siriana e accoglie con favore la cooperazione regionale volta a porre fine alle sofferenze della popolazione dello Yemen.

Forze iraniane in Siria

Il ‘Daesh rimane una minaccia globale’

La conferenza si è aperta con una dichiarazione del presidente russo Vladimir Putin, che ha affermato che Daesh è stato completamente sconfitto in Siria, ma il gruppo terroristico Takfiri mantiene ancora il suo “potenziale distruttivo” per colpire diverse regioni in tutto il mondo.
“Nonostante la sua sconfitta militare, questo gruppo terroristico (Daesh) conserva il suo significativo potenziale distruttivo, può cambiare le sue tattiche e lanciare attacchi in diversi paesi e regioni del mondo”, ha detto Putin.

Altre coperture estremiste “rappresentano anche un grande pericolo” per il mondo, ha aggiunto.
Il presidente russo ha inoltre sottolineato la necessità di una cooperazione internazionale per combattere il terrorismo e bloccare il suo sviluppo.
“È necessario pensare insieme a nuove forme di cooperazione multilaterale che ci permettano di consolidare i guadagni realizzati nella lotta contro il terrorismo e di prevenire l’ulteriore diffusione di questa minaccia”, ha affermato.

Daesh aveva iniziato una campagna di terrore in Iraq e in Siria nel 2014, occupando territori nei due paesi arabi e stabilendo nelle zone occupate un “califfato” autoproclamato.
Ben presto, gli eserciti iracheno e siriano si sono galvanizzati per riconquistare il territorio detenuto da Daesh e il gruppo terroristico è stato gradualmente privato di tutta il territorio che aveva occupato nei due paesi arabi.
Su richiesta del governo di Damasco, l’Iran e la Russia hanno assistito la Siria nella sua lotta contro i terroristi (sovvenzionati ed armati da potenze esterne).

Teheran fornisce assistenza militare militare all’esercito siriano, mentre Mosca fornisce copertura aerea alle sue operazioni di terra contro i terroristi.
Anche l’esercito iracheno riceve tale assistenza dall’Iran.

Stati Uniti dopo il petrolio della Siria”

Il vice ministro della Difesa siriano Mahmoud al-Shawa si è inoltre rivolto alla conferenza, affermando che gli Stati Uniti stanno cercando di ottenere il controllo sui giacimenti petroliferi siriani e stanno aiutando Daesh a questo scopo.
Washington ha “deciso di inventare vari pretesti per giustificare il mantenimento della presenza illegale delle loro basi e truppe sul territorio siriano al fine di stabilire il controllo e il dominio sui giacimenti petroliferi al fine di separare la Siria”, ha detto Shawa.

Lo stesso ministro ha anche accusato gli Stati Uniti di aver violato la legge umanitaria durante le loro operazioni militare in Siria, con bombardamenti che hanno fatto migliaia di vittime civili mentre ha salutato la Russia e il contributo dell’Iran “nel porre fine alla guerra di logoramento”.

Fonte: Veterans Today

Traduzione: L.Lago

*

code

  1. atlas 2 settimane fa

    Grande Iran. Quando tutti i giudei non saranno più nelle condizioni di poter nuocere al mondo vivremo tutti in pace e nella giustizia: sciiti, Sunniti, cristiani …

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Walter 2 settimane fa

      Ci credi davvero?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Walter 2 settimane fa

    Ma quali giacimenti petroliferi siriani? La Siria non è particolarmente ricca di petrolio (300 mila barili al giorno contro, per esempio, 4 milioni dell’Iraq e 3 milioni e mezzo dell’Iran); la sua importanza strategica è dovuta alla sua posizione geografica.
    Trump ora ha fretta di lasciare la Siria; il problema è che i militari americani hanno la pretesa di lasciarla da vivi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace