Il crepuscolo di Davos visto da un giornalista russo

diNicola Bonnal

Davos… Questo luogo della Montagna Magica di Thomas Mann (questo libro mefitico annunciava bene il crollo della nostra malata e tossica Europa) è diventato la caverna di Ali Baba di tutti i Blofeld della globalizzazione, i cui eccessi verbali (soprattutto quelli del teschio d’uovo Harari israeliano) sono finiti facendo notizia.

Ma il Davos quest’anno ha paura. L’editorialista russa di Ria.ru (sito molto più interessante e motivato di rt.com ) Irina Alksnis ha scritto ieri:

Sta accadendo qualcosa di misterioso al World Economic Forum (WEF), che sta lavorando questa settimana a Davos, in Svizzera. La parola “fallimento” non suona ancora, ma i media occidentali stanno già parlando apertamente e massicciamente di “problemi profondi”. »

Certo, c’erano molte persone: 2.000 stupidi miliardari su jet inquinanti per chiedere la fine dei nostri viaggi e l’imposizione forzata del campo di concentramento elettronico e lo spopolamento; allo stesso tempo apprendiamo che la Cina o il Giappone si spopolano (sei natalità per mille), che l’Europa si spopola (sette per mille…), che tutto si spopola tranne l’Africa nera. L’immigrazione frenetica e imposta aggiunge consumo di carbonio, specificano gli insolenti, ma a loro non importa. Quello che voglio dire è che non c’era bisogno che un vaccino spopolasse. Il moderno mondo industriale lo fa molto bene da solo, tra due guerre nucleari.

Irina aggiunge:

“ Una settimana fa, Reuters ha scritto sarcasticamente che sullo sfondo dell’assenza dei russi, ci si aspettava una partecipazione molto rappresentativa della Cina … E poi la realtà ha preso il sopravvento. No, al forum è venuta davvero una folla enorme, ma l’importante non è la quantità, ma la qualità dei partecipanti. E poi c’erano evidenti problemi . »

E per ricordare l’assenza di Soros:

“ In primo luogo, la scorsa settimana George Soros ha improvvisamente annunciato la sua assenza dal WEF, per il quale una visita a Davos era stata una parte obbligatoria del programma per molti anni. Il famigerato miliardario e uno dei simboli della multinazionale ha parlato di “insormontabile conflitto di orari” e ha promesso di parlare alla Conferenza sulla sicurezza di Monaco tra un mese. »

Le defezioni si sono moltiplicate:

Poi si è scoperto che, dei capi di Stato del G7, sarebbe venuto in Svizzera solo il Cancelliere tedesco . E domenica, a causa della crisi energetica in corso nel Paese, il presidente del Sudafrica , tra l’altro la più grande economia africana , ha annullato un viaggio al WEF. Ebbene, già lunedì, giorno di apertura dell’evento, è esplosa una bomba informativa da parte di Bloomberg, che ha scoperto che le aziende cinesi non verranno a Davos. La delegazione cinese è guidata dal vice premier Liu He, al suo posto da alcune settimane . »

Non parleremo della defezione di Musk, che ha perso 200 miliardi in borsa da quando ha voluto darci libertà di espressione su Twitter: Mr Fink di Black Rock non è uno spirito da contestare. È lui o K. Schwab il Blofeld di James Bond?

La giornalista russo continua:

“ In generale, la quasi totale assenza di partecipanti al più alto livello nell’attuale forum è così flagrante che nulla può nasconderla. Di certo, al posto dei presidenti e primi ministri delle grandi potenze, quest’anno sono venuti a Davos molti imprenditori: ben 116 miliardari si sono registrati per partecipare al forum, il 40% in più rispetto a dieci anni fa. Bloomberg si è lamentato del fatto che il loro numero sarebbe stato ancora maggiore, ma il calo dei mercati ha trasformato molti miliardari in milionari . »

Arriva la spiegazione – profumo della fine della globalizzazione made in Switzerland:

Gli esperti sottolineano candidamente che questa concentrazione di attività non fa che sottolineare l’apparente calo di rilevanza che sta vivendo il WEF, che riflette la de-globalizzazione che sta investendo il mondo. Beh, semplicemente perché da mezzo secolo lo stesso Forum di Davos è un simbolo della globalizzazione . »

E c’è di peggio:

“ Tuttavia, sembra che le cose vadano anche peggio per Davos e i suoi organizzatori. Cos’è comunque la globalizzazione? Quale formato è stato promosso da teorici e praticanti del globalismo negli ultimi decenni? Si trattava di creare una rete di strutture internazionali, che sarebbero state progressivamente, ma sempre più largamente delegate, poteri che prima erano appannaggio esclusivo dello Stato. Di conseguenza, le aree decisionali più importanti dovevano essere trasferite al livello sovranazionale, il che significherebbe l’eliminazione della sovranità nazionale in quanto tale . »

Siamo andati (lo faremmo, perché tra Macron, Schwab e Leyen…) ​​​​troppo avanti:

E in generale il processo è andato anche in questa direzione. I globalisti con i loro concetti di transumanesimo, controllo delle nascite, accesso a pagamento all’acqua dolce e altre idee altrettanto “attraenti” sono riusciti a trasformarsi in una delle storie dell’orrore più spaventose per l’umanità. E il crescente peso politico di eventi come il WEF, che ha riunito le persone più potenti del mondo, ha solo alimentato i timori dell’opinione pubblica . »

Secondo Irina, il forum ha perso il suo slancio (uso un’espressione divertente di Trump):

“ E ora tutta questa reputazione che è stata costruita nel corso di decenni sta volando via come un pallone solo perché i leader delle grandi potenze non sono venuti a Davos. Nell’era del mondo unipolare, era infatti più facile per il capitale transnazionale rivendicare l’auspicato status di potenza mondiale: era possibile negoziare con certe élite nazionali, convincerne altre, comprare da loro. Tuttavia, ora che il sistema si sta disintegrando, la realtà viene simultaneamente rivelata, dimostrando chi decide davvero il destino di specifici paesi e dell’intero pianeta, e quale posto è nelle danze di salvataggio . »

Soros avrebbe quindi fatto un passo indietro questa volta (NdR: ha 90 anni o più, come molti dei nostri novantenni genocidi che si affidano a Cohn-Bendit e ai suoi boomers) per saltare MENO:

“ In questo senso, la cancellazione da parte di Soros del tradizionale viaggio al forum è estremamente significativa. L’esperto uomo d’affari si rese conto prima di chiunque altro che a Davos semplicemente non ci sarebbe stato nessuno con cui negoziare e prendere le decisioni desiderate, il che significava che non aveva senso andarci solo per perdere tempo . »

Poi una breve e crudele allusione agli scandali sessuali che Zerohedge.com ha fatto eco:

I suoi colleghi più ingenui e inesperti – anche se hanno conti a nove zeri – hanno invaso la località balneare svizzera e hanno fornito la notizia principale del World Economic Forum di quest’anno con la richiesta urgente di ragazze (e ragazzi) che sono arrivate lì per lavorare con ridotta responsabilità sociale …”

Vedremo nei prossimi mesi se oseranno andare oltre. Questo declino potrebbe essere solo temporaneo. Come si sa, gli idioti osano tutto, diceva Audiard, pastiche di San Tommaso d’Aquino.

Nicola Bonnal

• https://ria.ru/2023/01/18/vef-1845540571
• https://www.zerohedge.com/dark-side-davos-revealed-global-elite-bookings-sex-workers-soar
• https https://www.lesalonbeige.fr/michel-audiard-a-plagie-saint-thomas-daquin

Traduzione: Gerard Trousson

7 Commenti
  • Riki
    Inserito alle 06:50h, 20 Gennaio Rispondi

    Se un bibitaro va a davos significa che il prossimo non si farà più. E poi con AI non ci saranno più incontri fisici tra Loro.

    • Natalino
      Inserito alle 14:11h, 20 Gennaio Rispondi

      Non mi tocchi o bibitaro. Ad avercene molti. Lui é stato anche in Angola in cerca di gás. Deve comunque há realizzato lá diferença tra bibite fresche con lê bollicine e bibite a temperatura ambiente. Mi sorprende invece lá non partecipazione der DRAGO de noantri. Come regista degli ultimi fallimentari avvenimenti itagliani, aveva diritto ad un posto d’onore

  • EnriqueLosRoques
    Inserito alle 08:14h, 20 Gennaio Rispondi

    Devono arrestare gli organizzatori e i corruttori psicopatici transumanisti

  • Nuccio Viglietti
    Inserito alle 08:25h, 20 Gennaio Rispondi

    Attendiamo con impazienza irrefutabile schlussgesang!…!!…https://ilgattomattoquotidiano.wordpress.com/

  • andrearossidevrgnano
    Inserito alle 13:30h, 20 Gennaio Rispondi

    in ogni caso, avànti! con la de-globalizzazione (anche) linguistica -> ca.wikipedia.org eml.wikipedia.org lmo.wikipedia.org nap.wikipedia.org oc.wikipedia.org pms.wikipedia.org scn.wikipedia.org …

  • antonio
    Inserito alle 14:11h, 20 Gennaio Rispondi

    the Barbons Finance of Rò Rò – no gold no petrol no iron no silver no gas
    ” no money no play – baby “

  • elled.
    Inserito alle 09:46h, 21 Gennaio Rispondi

    ′′ Lo spettacolo organizza con controllo l’ignoranza di ciò che accade e, subito dopo, l’oblio di ciò che è stato comunque conosciuto. La cosa più importante è quella più nascosta. ′′
    Guy Debord, Commenti sulla società dello spettacolo 1988

Inserisci un Commento