Il Cremlino risponde alle minacce di Erdogan di cacciare l’esercito siriano da Idlib

di Sergei Leonov

Il turco Erdogan ha rinnovato le sue minacce in forma di ultimatum. In una conversazione telefonica con Dmitry Peskov, il portavoce del Cremlino, ha dichiarato che l’Esercito turco è pronto a far sgombrare le forze siriane da Idlib con la forza se queste non aderiranno al suo ultimatum di ritirarsi entro 24 ore.

La Turchia, negli ultimi giorni, ha accumulato notevoli forze ed armamenti nella zona di Idlib, in appoggio ai gruppi terroristi mescolando i propri soldati con questi jihadisti che da tempo occupano la zona.

In pratica Erdogan, il turco, chiede alle forze siriane di abbandonare il territorio siriano di Idlib per lasciare campo libero ai terroristi ed alle forze occupanti turche.

Peskov ha risposto ad Erdogan facendo presente che su Idlib ci sono forze siriane e russe e l’attacco non sarebbe soltanto contro i siriani ma anche contro i militari russi. Non sembra però che Erdogan abbia calcolato le conseguenze.

Dmitri Peskov, portavoce russo

Da un momento all’altro la situazione potrebbe degenerare. Non è ancora chiaro quale sarebbe la reazione dei russi in caso di attacco turco.

Ci sono varie ipotesi su quale sia il gioco di Erdogan e vari analisti suppongono che il turco sia in contatto con il Pentagono e si muova sulla base di garanzie avute da Washington di un possibile intervento degli USA in suo appoggio. La situazione in Siria è in pieno sviluppo.

27 Commenti

  • Eugenio Orso
    15 Febbraio 2020

    I criminali usgiudeinato mandano avnti la bestia turca sanguinaria erdogan per provocare la Russia e attirarla in una trappola bellica …
    Chiaro che l’animale ottomano è sempre stato, fin dall’inizio, in caombutta con gli usnatogiudei.

    Cari saluti

    • atlas
      15 Febbraio 2020

      in ogni caso la Russia non si può ritirare

  • Idea3online
    16 Febbraio 2020

    La situazione è drammatica, molto meglio un gioco delle parti tra Russia e Turchia, nessuno desidera che tutto generi verso la Terza Guerra Mondiale Hard. Ecco che il Virus Corona è un pezzo del Puzzle. Che siamo nella fase spettacolare di una guerra globale, non sembra. Se Erodogan è manipolato dagli USA, e potrebbe causare il Caos in Medio Oriente…….la Russia cosa potrà fare? Sembra tutto molto strano, alla fine Erdogan farà un accordo con Putin, sembra essere la visione più realista. Vero il 2020 è un anno simbolico, ma la Turchia deve pure gestire i sunniti, nel senso anche se Erdogan vorrebbe una “riconciliazione” tra sunniti e sciiti è sempre obbligato a gestire gli animi dei sunniti, alla fine probabilmente Erdogan farà un accordo avendo in cambio dalla Russia e dalla Cina dei vantaggi economico-finanziari.

    • atlas
      16 Febbraio 2020

      in tutto questo la “riconciliazione” tra sunniti e sciiti c’entra come la nutella con gli asparagi lo sai vero ?

  • Fabio Franceschini
    16 Febbraio 2020

    E gli americani fanno una guerra con i russi in piena campagna elettorale per mantenere al qaeda padrona della autostrada m5. ? Ma tutto è possibile davvero però io continuo a non crederci.

  • VUK
    16 Febbraio 2020

    dopo il finto colpo di stato
    dopo la finta guerra con i curdi
    adesso le finte minacce
    turco stai attento che se tiri troppo la corda poi si rompe

  • Idea3online
    16 Febbraio 2020

    La Chiesa Cattolica sta alla Chiesa Ortodossa, come i Sunniti stanno agli Sciiti. Chiesa Cattolica/Chiesa Ortodossa = Sunniti/Sciiti. Sono solo divisioni a fini geopolitici camuffate per religiose. Nel Passato l’Elite per guidare le masse utilizzava le religioni. Perciò essendo entrambe divisioni da unico ceppo religioso non è detto che non avvenga una ricomposizione. Come nel Passato nessuno prevedeva una scissione anche nel Presente nessuno potrà scommettere contro una ricomposizione tra cristiani ed ortodossi e sciiti e sunniti.

    • atlas
      16 Febbraio 2020

      quindi mi confermi che Putin ortodosso e merdogan della fratellanza salafita (religione VIETATA per Legge in Russia) c’entrano proprio come la commistione religione-politica e come la nutella con gli asparagi. A meno che tu non voglia rimarcare che in Cina la maggior parte sono buddisti il che corrobora le visioni che hai in testa. C’entra forse qualcosa il coronavirus ? Hai fatto recentemente viaggi in Cina ? (escludo tue relazioni con donne cinesi al di fuori del ‘matrimonio’, tra te e merdunolbo in fatto di castità avete la cintura come il Formigoni dell’epoca, bel risultato)

      mettere poi a confronto cattolici/ortodossi e sciiti/sunniti come paragone è da verifica psico-attitudinale (meno male che il Lecce ha vinto ieri, sono sceso ad Ancona apposta per guardare la partita in tv. Sono fatti miei, non c’entrano un bellino, ma tanto…)

  • Idea3online
    16 Febbraio 2020

    A volte è meglio ammirare i tuoi commenti e non rispondere, dico ammirare perchè sono perle in molti casi. Ma il Maestro disse pure: non date le perle ai porci,. noi ti ringraziamo dei bellissimi commenti che fai, ma disprezzi con il tuo modo di fare, tendente alla lussuria, tutte le principali religioni monoteiste. Penso che si ai sunniti e sciiti non condividano la tua attrazione morbosa e a volte idolatrica verso le creature di Dio. Offendere chi segue i principi divini è come offendere un sunnita e sciita praticante. Perciò con i commenti sarò fuori di testa, probabilmente hai ragione tu, ma di una cosa devi essere sicuro, sei fuori di testa a parlare di Dio e nello stesso tempo dare la tua vita ai porci, il Maestro disse porci, perchè il maiale era un animale impuro, ed è ancora oggi per ebrei e musulmani. Non mangiare la carne di maiale per rito in onore a Dio, e aspettare come stalloni in calore di consegnare il corpo alle porcelle…….lascio a te la pazzia in cui ti ritrovi, io sicuramente pazzia nei mie commenti tu pazzia nello stile di vita lussurioso. E’ diritto di un credente avvisare le pecorelle smarrite, come sarà tuo diritto un domani avvisare me, se dovessi diventare amante dei piaceri anzichè amante di Dio. Conosco diverse persone ipocrite, quando parlano di Dio sembrano altari con casse a tutto volume, ma quando è il momento che devono praticare il male, diventano i primi della classe. Detto in sincerità provo pena per voi. Tu offendi spesso, dacci la possibilità, non di offenderti, ma di aiutarti a ravvederti, che sii sunnita o sciita poco importa, ma almeno ama prima Dio e dopo le donne(quelle che ti sei sposato),, se sei un buon musulmano.

    • atlas
      16 Febbraio 2020

      ti voglio bene

      ma tornando al tuo primo commento (sulla prima parte tra l’altro concordo): mi spieghi meglio in che modo merdogan debba ‘GESTIRE’ i sunniti (lui che non lo è) ? Io ho i miei limiti

      (senza offesa, l’Islam NON mortifica la carne, faccio l’Orazione 5 volte al giorno e mi astengo durante il mese di Ramadhan, ne ho fatti 7 solo in carcere tra privazioni e stenti che non credo tu possa immaginare; se posso aiuto il mio prossimo, cristiano o buddista che sia, i giudei NO, anche solo ad aiutare signore anziane a mettere la valigia su un treno. Nel mio letto non entra chiunque, ma solo donne a cui voglio bene. Non viviamo in società governate da Leggi Islamiche, se Il Dio mi vorrà fare assaggiare il fuoco solo perchè amo e ho amato tante chi lo potrà fermare ? Spero solo non sia per sempre)

      buona Domenica sfascista

  • Idea3online
    16 Febbraio 2020

    Ripeto, i tuoi commenti sono come perle, perchè esperienza c’è, ognuno di noi arriva per ipotesi analizzando la realtà, dopo leggendo commenti di chi conosce quella realtà, riesce ad avere le idee più chiare.
    Anche io voglio bene i musulmani, quelli praticanti e non integralisti, li considero esempio di amore per Dio, ed anche a tutti quelli cadono ripetutamente, e che si rialzano sino all’ultimo secondo di vita.. Che dopo ognuno di noi commetta peccati e non riesca a vivere pienamente in armonia con Dio, è sotto gli occhi di tutti. Io dico sempre, meglio avere come amico chi ama Dio e pecca, che un non credente che architetta il male da compiere contro il suo prossimo, un vero credente anche se si comporterà male, non arriverà ad organizzare lentamente una cattiva azione contro il suo prossimo specialmente se è semplice. Questa e la differenza che faccio tra un uomo che ama Dio ed uno che non lo ama. Un uomo che non ama Dio non ha freni a compiere il male, un uomo che ama Dio dirà…per adesso basta così.

    • atlas
      16 Febbraio 2020

      d’accordissimo con te caro amico. Rispetto le tue visioni cristiane, (cattoliche o altro che siano…)

      ma, visto che ti sei addentrato nella mia, RIPETO: in che modo merdogan deve gestire i sunniti ? (soprattutto gli ‘animi’, magari rileggiti prego. A questo punto sono curioso)

      guarda che non c’è nulla di male ad ammettere con sincera umiltà cristiana “ho scritto una minkiata”

  • Max Dewa
    16 Febbraio 2020

    Idea3 non dia le perle ai porci ! Questo atlas e’ un giudeo disturbatore finge di essere musulmano x far ricadere l’odio su quel popolo , d’altronde non si capisce xche’ un apostata che disprezza LA propria patria continui a navigare da queste parti dove e’ I’ll solo ad essere musulmano e’ un controsenso e ‘ puro masochismo , vuole mettere zizzania sto bipide dal naso adunco ! Lei sa idea che con LA zizzania tutto il raccolto e’ da buttare ! LA parabola idea 3 non se LA ricorda!

    • atlas
      16 Febbraio 2020

      io amo la mia Patria (non abbiamo la stessa reazione del sentimento su quale sia la propria patria e Nazione; e meno male, lei è stato, è e sempre sarà, uno straniero per i Duo Siciliani. Le do un consiglio, ami la sua patria, l’italia e i suoi simili)

    • Mardunolbo
      16 Febbraio 2020

      Ah,ah,ah, senti Atlas lo sprepuziato apostata come s’invelenisce nella sua ignoranza ! Che si manifesta anche ora parlando del puar Formigoni (nel senso di perseguitato…) ma che non ha certo la cintura di castità. Non dico altro per non suscitare curiosità inutili.
      Max Dewa, “idea ecc.ecc” non è un cattolico, è un multireligioni che bazzica nel cristianesimo forse per eredità famigliare. E’ un auto-analista di Vangelo ed Apocalisse e, come tale fa le sue interpretazioni. Mi ricorda molto i Testimoni di Geova e forse appartiene la gruppo.

      • atlas
        16 Febbraio 2020

        che Formigoni quando apparteneva all’anima peggiore della DC, quella lombarda berlusconiana di comunione e liberazione, abbia dichiarato di fare voto di castità lo disse lui non io

        chi saresti tu poi per dare patenti religiose a chicchessia …

        https://www.youtube.com/watch?v=ASin23FH5JA

  • Idea3online
    16 Febbraio 2020

    I Leader del Pianeta, sono Re che occupano un posto secondo Apocalisse, della Bestia(Satana S.p.A.), con 7 Teste e 10 Corna. Erdogan in questo momento è un Re che occupa il posto di questa struttura Demoniaca. È un corno(tu dirai Erdogan allora è un cornu…)non mi interessa cosa pensi di Erdogan. Torniamo a noi. Chi prende posto a questa struttura non hanno Religione, non hanno Nazione, non hanno gli stessi sentimenti che abbiamo noi. Sono esseri umani che si trovano al Vertice della Piramide. Oppure sono esseri umani che in questo momento si trovano ai Piedi(sono le dita dei piedi della Statua di Nabucodonosor).
    Tutti i Re della Terra, sono rappresentanti di entità invisibili, gli Esseri Invisibili, non sono di nessuna religione, non sono di nessuna Nazione. Al contrario le masse sono entità racchiuse in Nazioni, in Culture, in Religioni. Responsabilità dei Re della Terra e guidare queste masse. Prima dello scisma esisteva solo Maometto, lui era “Capo” di tutti musulmani, prima dello scisma, esisteva Gesù, lui era “Capo” di tutti i cristiani. Putin è sempre un corno della Bestia con 7 teste e 10 corna, ma questa Bestia è una entità unica. Le 7 teste sono unite interconnesse, e le 10 corna sono sullo stesso corpo, ma la Grande Città cavalca la Bestia. Capisci,, non sono 7 teste con 7 diverse bestie, esempio l’entità cristiana, l’entità musulmana, l’entità buddista…..tutte queste ideologie sono un fluido che attraversa la Bestia sono solo specchi a cui si ammirano e si riconoscono le masse. Ed ecco che le masse sono entità separata, sono sulla Terra. Infatti questa Bestia con 7 Teste e 10 corna è il riflesso del Dragone, anche lui con 7 teste e 10 corna, e qui i testi sacri sono chiari, ti fanno capire, che il potere in Terra e un riflesso del potere in cielo. Ecco che dobbiamo distinguere le masse dai Re della Terra, secondo alcune interpretazioni Satana ancora è in cielo. I popoli sono esseri umani come pecore senza pastore, i popoli sono divisi geopoliticamente, facendo una forzatura in 7 continenti e 10 monarchie. E’ solo una forzatura, il punto è che gli USA, la Russia, la Cina, e altre Teste del Pianeta, insieme ad altri corni esempio Iran, Francia, Germania, Turchia e tanti altri Re sono una entità che parla la stessa lingua, ha lo stesso padrone. Però sono divisi solo dalla gestione delle ricchezze della terra, i Re non sono religiosi, sono solo conquistatori di risorse, finchè dividono bene, non ci sono guerre, quando gli accordi non sono equi, iniziano gli scontri. Questa entità potrebbe essere definita la Satana S.p,A, in quanto ha come obiettivo il controllo delle risorse della Terra, e degli esseri umani, nel XXI Secolo, le religioni non hanno più funzione, almeno non come prima, accade quello che leggo in rete e riporto:
    A proposito della fenomenologia di una possibile “morte della democrazia”, è interessante quanto analizza Papa Giovanni Paolo II la cui analisi sembra calzare a proposito di questi tempi specifici e storicamente determinati: “Dopo la caduta, in molti Paesi, delle ideologie che legavano la politica ad una concezione totalitaria del mondo – e prima fra esse il marxismo –, si profila oggi un rischio non meno grave per la negazione dei fondamentali diritti della persona umana e per il riassorbimento nella politica della stessa domanda religiosa che abita nel cuore di ogni essere umano: è il rischio dell’alleanza fra democrazia e relativismo etico, che toglie alla convivenza civile ogni sicuro punto di riferimento morale e la priva, più radicalmente, del riconoscimento della verità […]. Per il relativismo, tutto è ridotto solo a opinione, da cui fatalmente scaturisce il nichilismo (FR 80), che è la filosofia del nulla, per cui non esistono verità e valori oggettivi; mentre per il pragmatismo, il tutto viene giudicato dal punto di vista dell’utile:
    conviene ciò che è utile; una delle sue conseguenze pratiche è una concezione della democrazia senza punti di riferimento a valori fondamentali ed immutabili, per cui ne deriva un comportamento in cui si accetta o rifiuta solo in base al voto di maggioranza o di minoranza del Parlamento (FR 89)
    […] Una democrazia senza valori si converte facilmente in un totalitarismo aperto oppure subdolo, come dimostra la storia”. Così analogamente anche nella lettera enciclica Dives in Misericordia, 11, Giovanni Paolo II 52 osserva che oltre “alla possibilità di un’autodistruzione per via di un conflitto militare, sussiste oggi anche la possibilità di un soggiogamento ‘pacifico’ degli individui, negli ambiti di vita, di società intere e di nazioni”. Nel discorso ai docenti universitari, nel contesto delle celebrazioni giubilari del 2000, il 9 settembre 2000, lo stesso Papa ha ribadito: “È urgente che ci adoperiamo perché il vero senso della democrazia, autentica conquista della cultura, sia pienamente salvaguardato. Su questo tema, infatti, si profilano derive preoccupanti, quando si riduce la democrazia a fatto puramente procedurale, o si pensa che la volontà espressa dalla maggioranza basti tout court a determinare l’accettabilità morale di una legge. In realtà, il valore della democrazia sta o cade con i valori che essa incarna e promuove […]. Alla base di questi valori non possono esservi provvisorie e mutevoli ‘maggioranze’ di opinione, ma solo il riconoscimento
    di una legge morale obiettiva che, in quanto ‘legge naturale’ iscritta nel cuore dell’uomo, è punto di riferimento della legge civile”.

    Il romanziere George Orwell, nella sua opera letteraria dal titolo “1984”, esaminando il “sistema socio-politico dell’Occidente, investito da un fenomeno di degenerazione – lo definisce – democrazia mafiosa – in cui – La guerra è pace, la libertà è schiavitù, l’ignoranza è forza” e
    l’impunità è democraticamente legalizzata! Per altri il sistema democratico odierno è definito con i termini di “democrazia dei corrotti”, e dei “corruttori”, ovvero “la corruzione della democrazia”. Altri autori parlano anche di democrazia ad alto tasso di tossicità e di “Europa tossica”
    dovuti a crisi indotte dal capitalismo, dal debito, dalla politica, dalla stessa democrazia che è inaffidabile (Cfr. Intervento di Gustavo Zegrebelsky alla Biennale Democrazia, 2011, di cui ne è Presidente). Altri ancora, in assenza di valori morali e di verità, la stessa democrazia “assume i caratteri di un vero e proprio totalitarismo della maggioranza”. L’effetto di trascinamento emulativo, in senso negativo ed epidemico, produce effetti scandalosi e devastanti sulle stesse strutture democratiche e nell’inconscio collettivo.

    Primo

    il primo dei quattro esseri viventi che gridava come con voce di tuono: «Vieni». 2 Ed ecco mi apparve un cavallo bianco e colui che lo cavalcava aveva un arco, gli fu data una corona e poi egli uscì vittorioso per vincere ancora.

    Appena il primo suonò la tromba, grandine e fuoco mescolati a sangue scrosciarono sulla terra. Un terzo della terra fu arso, un terzo degli alberi andò bruciato e ogni erba verde si seccò.

    Partì il primo e versò la sua coppa sopra la terra; e scoppiò una piaga dolorosa e maligna sugli uomini che recavano il marchio della bestia e si prostravano davanti alla sua statua.

    Secondo

    il secondo essere vivente che gridava: «Vieni». 4 Allora uscì un altro cavallo, rosso fuoco. A colui che lo cavalcava fu dato potere di togliere la pace dalla terra perché si sgozzassero a vicenda e gli fu consegnata una grande spada.

    Il secondo angelo suonò la tromba: come una gran montagna di fuoco fu scagliata nel mare. Un terzo del mare divenne sangue, 9 un terzo delle creature che vivono nel mare morì e un terzo delle navi andò distrutto.

    Il secondo versò la sua coppa nel mare che diventò sangue come quello di un morto e perì ogni essere vivente che si trovava nel mare.

    Terzo

    Quando l’Agnello aprì il terzo sigillo, udii il terzo essere vivente che gridava: «Vieni». Ed ecco, mi apparve un cavallo nero e colui che lo cavalcava aveva una bilancia in mano. 6 E udii gridare una voce in mezzo ai quattro esseri viventi: «Una misura di grano per un danaro e tre misure d’orzo per un danaro! Olio e vino non siano sprecati».

    Il terzo angelo suonò la tromba e cadde dal cielo una grande stella, ardente come una torcia, e colpì un terzo dei fiumi e le sorgenti delle acque. 11 La stella si chiama Assenzio; un terzo delle acque si mutò in assenzio e molti uomini morirono per quelle acque, perché erano divenute amare.

    Il terzo versò la sua coppa nei fiumi e nelle sorgenti delle acque, e diventarono sangue. 5 Allora udii l’angelo delle acque che diceva:
    «Sei giusto, tu che sei e che eri,
    tu, il Santo,
    poiché così hai giudicato.
    6 Essi hanno versato il sangue di santi e di profeti,
    tu hai dato loro sangue da bere:
    ne sono ben degni!».

    Quarto

    Quando l’Agnello aprì il quarto sigillo, udii la voce del quarto essere vivente che diceva: «Vieni». Ed ecco, mi apparve un cavallo verdastro. Colui che lo cavalcava si chiamava Morte e gli veniva dietro l’Inferno. Fu dato loro potere sopra la quarta parte della terra per sterminare con la spada, con la fame, con la peste e con le fiere della terra.

    Il quarto angelo suonò la tromba e un terzo del sole, un terzo della luna e un terzo degli astri fu colpito e si oscurò: il giorno perse un terzo della sua luce e la notte ugualmente.
    13 Vidi poi e udii un’aquila che volava nell’alto del cielo e gridava a gran voce: «Guai, guai, guai agli abitanti della terra al suono degli ultimi squilli di tromba che i tre angeli stanno per suonare!».

    Il quarto versò la sua coppa sul sole e gli fu concesso di bruciare gli uomini con il fuoco. 9 E gli uomini bruciarono per il terribile calore e bestemmiarono il nome di Dio che ha in suo potere tali flagelli, invece di ravvedersi per rendergli omaggio.

    Nota: Nel quarto squillo di Tromba il Sole viene oscurato, perciò è meno caldo, non causa ustioni agli uomini, mentre con la quarta coppa il sole brucia gli uomini, perciò il sole non è oscurato.

    Quinto

    Quando l’Agnello aprì il quinto sigillo, vidi sotto l’altare le anime di coloro che furono immolati a causa della parola di Dio e della testimonianza che gli avevano resa. 10 E gridarono a gran voce:
    «Fino a quando, Sovrano,
    tu che sei santo e verace,
    non farai giustizia
    e non vendicherai il nostro sangue
    sopra gli abitanti della terra?».
    11 Allora venne data a ciascuno di essi una veste candida e fu detto loro di pazientare ancora un poco, finché fosse completo il numero dei loro compagni di servizio e dei loro fratelli che dovevano essere uccisi come loro.

    Il quinto angelo suonò la tromba e vidi un astro caduto dal cielo sulla terra. Gli fu data la chiave del pozzo dell’Abisso; 2 egli aprì il pozzo dell’Abisso e salì dal pozzo un fumo come il fumo di una grande fornace, che oscurò il sole e l’atmosfera. 3 Dal fumo uscirono cavallette che si sparsero sulla terra e fu dato loro un potere pari a quello degli scorpioni della terra. 4 E fu detto loro di non danneggiare né erba né arbusti né alberi, ma soltanto gli uomini che non avessero il sigillo di Dio sulla fronte. 5 Però non fu concesso loro di ucciderli, ma di tormentarli per cinque mesi, e il tormento è come il tormento dello scorpione quando punge un uomo. 6 In quei giorni gli uomini cercheranno la morte, ma non la troveranno; brameranno morire, ma la morte li fuggirà.
    7 Queste cavallette avevano l’aspetto di cavalli pronti per la guerra. Sulla testa avevano corone che sembravano d’oro e il loro aspetto era come quello degli uomini. 8 Avevano capelli, come capelli di donne, ma i loro denti erano come quelli dei leoni. 9 Avevano il ventre simile a corazze di ferro e il rombo delle loro ali come rombo di carri trainati da molti cavalli lanciati all’assalto. 10 Avevano code come gli scorpioni, e aculei. Nelle loro code il potere di far soffrire gli uomini per cinque mesi. 11 Il loro re era l’angelo dell’Abisso, che in ebraico si chiama Perdizione, in greco Sterminatore.
    12 Il primo «guaio» è passato. Rimangono ancora due «guai» dopo queste cose.

    Il quinto versò la sua coppa sul trono della bestia e il suo regno fu avvolto dalle tenebre. Gli uomini si mordevano la lingua per il dolore e 11 bestemmiarono il Dio del cielo a causa dei dolori e delle piaghe, invece di pentirsi delle loro azioni.

    Sesto

    Quando l’Agnello aprì il sesto sigillo, vidi che vi fu un violento terremoto. Il sole divenne nero come sacco di crine, la luna diventò tutta simile al sangue, 13 le stelle del cielo si abbatterono sopra la terra, come quando un fico, sbattuto dalla bufera, lascia cadere i fichi immaturi. 14 Il cielo si ritirò come un volume che si arrotola e tutti i monti e le isole furono smossi dal loro posto. 15 Allora i re della terra e i grandi, i capitani, i ricchi e i potenti, e infine ogni uomo, schiavo o libero, si nascosero tutti nelle caverne e fra le rupi dei monti; 16 e dicevano ai monti e alle rupi: Cadete sopra di noi e nascondeteci dalla faccia di Colui che siede sul trono e dall’ira dell’Agnello, 17 perché è venuto il gran giorno della loro ira, e chi vi può resistere?

    Il sesto angelo suonò la tromba. Allora udii una voce dai lati dell’altare d’oro che si trova dinanzi a Dio. 14 E diceva al sesto angelo che aveva la tromba: «Sciogli i quattro angeli incatenati sul gran fiume Eufràte». 15 Furono sciolti i quattro angeli pronti per l’ora, il giorno, il mese e l’anno per sterminare un terzo dell’umanità. 16 Il numero delle truppe di cavalleria era duecento milioni; ne intesi il numero. 17 Così mi apparvero i cavalli e i cavalieri: questi avevano corazze di fuoco, di giacinto, di zolfo. Le teste dei cavalli erano come le teste dei leoni e dalla loro bocca usciva fuoco, fumo e zolfo. 18 Da questo triplice flagello, dal fuoco, dal fumo e dallo zolfo che usciva dalla loro bocca, fu ucciso un terzo dell’umanità. 19 La potenza dei cavalli infatti sta nella loro bocca e nelle loro code; le loro code sono simili a serpenti, hanno teste e con esse nuociono.
    20 Il resto dell’umanità che non perì a causa di questi flagelli, non rinunziò alle opere delle sue mani; non cessò di prestar culto ai demòni e agli idoli d’oro, d’argento, di bronzo, di pietra e di legno, che non possono né vedere, né udire, né camminare; 21 non rinunziò nemmeno agli omicidi, né alle stregonerie, né alla fornicazione, né alle ruberie.

    Il sesto versò la sua coppa sopra il gran fiume Eufràte e le sue acque furono prosciugate per preparare il passaggio ai re dell’oriente. 13 Poi dalla bocca del drago e dalla bocca della bestia e dalla bocca del falso profeta vidi uscire tre spiriti immondi, simili a rane: 14 sono infatti spiriti di demòni che operano prodigi e vanno a radunare tutti i re di tutta la terra per la guerra del gran giorno di Dio onnipotente.

    Settimo

    Quando l’Agnello aprì il settimo sigillo, si fece silenzio in cielo per circa mezz’ora. 2 Vidi che ai sette angeli ritti davanti a Dio furono date sette trombe.

    Nei giorni in cui il settimo angelo farà udire la sua voce e suonerà la tromba, allora si compirà il mistero di Dio come egli ha annunziato ai suoi servi, i profeti». Il settimo angelo suonò la tromba e nel cielo echeggiarono voci potenti che dicevano:
    «Il regno del mondo
    appartiene al Signore nostro e al suo Cristo:
    egli regnerà nei secoli dei secoli».
    16 Allora i ventiquattro vegliardi seduti sui loro troni al cospetto di Dio, si prostrarono faccia a terra e adorarono Dio dicendo:
    17 «Noi ti rendiamo grazie,
    Signore Dio onnipotente,
    che sei e che eri,
    perché hai messo mano alla tua grande potenza,
    e hai instaurato il tuo regno.

    Il settimo versò la sua coppa nell’aria e uscì dal tempio, dalla parte del trono, una voce potente che diceva: «È fatto!». 18 Ne seguirono folgori, clamori e tuoni, accompagnati da un grande terremoto, di cui non vi era mai stato l’uguale da quando gli uomini vivono sopra la terra. 19 La grande città si squarciò in tre parti e crollarono le città delle nazioni. Dio si ricordò di Babilonia la grande, per darle da bere la coppa di vino della sua ira ardente. 20 Ogni isola scomparve e i monti si dileguarono. 21 E grandine enorme del peso di mezzo quintale scrosciò dal cielo sopra gli uomini, e gli uomini bestemmiarono Dio a causa del flagello della grandine, poiché era davvero un grande flagello.

    Durante il Quinto Squillo di Tromba:

    Apocalisse 9:12 Il primo «guaio» è passato. Rimangono ancora due «guai» dopo queste cose.

    Durante il Sesto Squillo di Tromba
    Apocalisse 11:14 Il secondo guaio è passato, ma ecco, presto viene il terzo guaio. 11:3 Ma io darò ai miei due testimoni di profetizzare, ed essi profetizzeranno milleduecentosessanta giorni, vestiti di sacco. Probabilmente c’è stata una deviazione volontaria da Dio, oppure una piccola ristrutturazione modificando la posizione di alcuni concetti per alterare il significato. Ricordiamo che la suddivisione in versetti è stato un processo successivo per tutta la Bibbia.

    Perciò abbiamo l’ordine degli eventi che potrebbe indicare questo:

    Apocalisse 13 racconta avvenimenti del 6° squillo di tromba infatti in Apocalisse 13:5 leggiamo: 5 E le fu data una bocca che proferiva cose grandi e bestemmie; e le fu data potestà di operare per quarantadue mesi.

    Nel 6° squillo di tromba i santi vengono uccisi, lo capiamo in base alla scrittura di Apocalisse 11:7 quando indica che durante il secondo guaio muoiono i due testimoni, il secondo guaio sono è la liberazione dei 4 angeli.

    Oppure questo ordine:

    Il capitolo 13 descrive avvenimenti del 6° sigillo, i due testimoni sono presenti durante il 6° sigillo, quando vengono uccisi si verifica un terremoto.

    Però non è facile capire come allineare il 5° sigillo ed il sesto squillo di tromba.

    Capiamo che:
    il primo guaio sono le locuste,
    Che Abaddon non sia l’Anticristo, è chiaro perchè tormenta gli uomini solo per 5 mesi, e non 42 mesi. Gli eventi sono separati, prima l’Anticristo, dopo Abaddon.
    il secondo guaio i 4 angeli e le truppe di cavalleria di duecento milioni,
    capiamo che avviene la persecuzione, abominio e desolazione, però il numero dei segnati non è completo, però quando vengono liberati i 4 angeli, capiamo che il numero dei 144.000 è completo. Gli eletti sono stati scelti. Perciò la prova per selezionare gli eletti dura oltre la prova dei 42 mesi. In quanto Gesù disse non è ancora la Fine quando viene posto l’abominio. Durante gli squilli di tromba vengono radunati gli eletti dalle estremità della Terra, appunto per questo, vengono solo dopo avere raggiunto il numero completo, liberati questi angeli.
    il terzo Satana in terra.

    Ipotesi:

    Prima del primo guaio c’è il marchio 666.
    Prima o durante il secondo guaio muoiono i santi(sempre se non è avvenuta una manipolazione per posizionare diversamente i concetti principali, per depistare il lettore), prima del terzo guaio c’è la guerra in cielo e viene gettato sulla terra Satana. Se il 5° sigillo ed il 5° squillo di tromba non sono la stessa cosa, quanto tempo trascorre dal 5° sigillo sino al quinto squillo di tromba?

    Potremmo scrivere:

    Prima del primo guaio c’è il marchio 666.
    Prima o durante il 6° sigillo non muoiono tutti i santi, dopo il 2° guaio, solo dopo avere completato con il sigillo di Dio sulla fronte il numero degli eletti, prima del terzo guaio c’è la guerra in cielo e viene gettato sulla terra Satana. Se il 5° sigillo ed il 5° squillo di tromba non sono la stessa cosa, quanto tempo trascorre dal 5° sigillo sino al quinto squillo di tromba?

    Se sappiamo che la persecuzione dura 42 mesi, e in base all’Apocalisse la persecuzione inizia al terzo sigillo, e finisce al 5°squillo di tromba, deduciamo che se dovessero essere 42 mesi letterali, il periodo indicato dura 3,5 anni, ed tutta l’Apocalisse 10,5 anni. Oppure il periodo indica l’intera settimana, ed il secondo sigillo la terza guerra mondiale. Se per ipotesi il tempio verrà ricostruito nel 2030, e così il patto dovrebbe iniziare nel 2030. Riflessione importante è sottolineare 7 anni di Regno di Anticristo, ma questo re è presente prima e dopo. Certo la Profezia evidenzia il periodo del Regno di questo Re, ma ha un inizio imprecisato, ed una fine probabilmente al 6° Sigillo. L’inizio del suo Regno profetico è l’uccisione del primo dei 3 Re, periodo indicato nel 1° Sigillo.

    In base a Daniele 11:35, la persecuzione durerà sino al tempo della fine, dovrebbe essere il periodo del 5° squillo di tromba. Infatti Daniele usa Tempo Stabilito, ed in Daniele 11:40 inizia il tempo della fine con una nuova guerra, dovrebbe essere il 6° squillo di tromba.

    Però i 2300 giorni potrebbero terminare circa poco dopo l’inizio del 6° squillo di tromba. e fare terminare i 1335 giorni al 7° squillo di tromba. Oppure fare finire i 2300 giorni al 5° squillo di tromba ed indicare il suggello, ed fare terminare i 1335 giorni al metà del settimo squillo di tromba con il martirio di tutti gli unti.

    Noi potremmo considerare le scritture di Daniele 11:35 che dice:

    E di quei saggi alcuni cadranno per essere affinati, purificati, resi candidi fino al tempo della fine, perché questa non avverrà che al tempo stabilito.

    con Apocalisse 6:9-11 che dice in breve:

    E a ciascuno di essi fu data una veste bianca e fu loro detto che si riposassero ancora un po’ di tempo, finché fosse completo il numero dei loro compagni di servizio e dei loro fratelli, che dovevano essere uccisi come loro.

    Dal confronto di queste scritture capiamo che il martirio inizia e dura per un periodo fino al tempo della Fine.

    Questo tempo quanto dura? Probabilmente non qualche anno. Altrimenti perchè riposare ancora, aspettare, non ha senso separare due momenti vicini ponendo gli stessi in punti lontani nello spazio. Sicuramente dall’inizio del martirio alla tempo della Fine trascorrono diversi anni anche decenni.

  • Idea3online
    16 Febbraio 2020

    Questo è il commento esatto:

    I Leader del Pianeta, sono Re che occupano un posto secondo Apocalisse, della Bestia(Satana S.p.A.), con 7 Teste e 10 Corna. Erdogan in questo momento è un Re che occupa il posto di questa struttura Demoniaca. È un corno(tu dirai Erdogan allora è un cornu…)non mi interessa cosa pensi di Erdogan. Torniamo a noi. Chi prende posto a questa struttura non hanno Religione, non hanno Nazione, non hanno gli stessi sentimenti che abbiamo noi. Sono esseri umani che si trovano al Vertice della Piramide. Oppure sono esseri umani che in questo momento si trovano ai Piedi(sono le dita dei piedi della Statua di Nabucodonosor).
    Tutti i Re della Terra, sono rappresentanti di entità invisibili, gli Esseri Invisibili, non sono di nessuna religione, non sono di nessuna Nazione. Al contrario le masse sono entità racchiuse in Nazioni, in Culture, in Religioni. Responsabilità dei Re della Terra e guidare queste masse. Prima dello scisma esisteva solo Maometto, lui era “Capo” di tutti musulmani, prima dello scisma, esisteva Gesù, lui era “Capo” di tutti i cristiani. Putin è sempre un corno della Bestia con 7 teste e 10 corna, ma questa Bestia è una entità unica. Le 7 teste sono unite interconnesse, e le 10 corna sono sullo stesso corpo, ma la Grande Città cavalca la Bestia. Capisci,, non sono 7 teste con 7 diverse bestie, esempio l’entità cristiana, l’entità musulmana, l’entità buddista…..tutte queste ideologie sono un fluido che attraversa la Bestia sono solo specchi a cui si ammirano e si riconoscono le masse. Ed ecco che le masse sono entità separata, sono sulla Terra. Infatti questa Bestia con 7 Teste e 10 corna è il riflesso del Dragone, anche lui con 7 teste e 10 corna, e qui i testi sacri sono chiari, ti fanno capire, che il potere in Terra e un riflesso del potere in cielo. Ecco che dobbiamo distinguere le masse dai Re della Terra, secondo alcune interpretazioni Satana ancora è in cielo. I popoli sono esseri umani come pecore senza pastore, i popoli sono divisi geopoliticamente, facendo una forzatura in 7 continenti e 10 monarchie. E’ solo una forzatura, il punto è che gli USA, la Russia, la Cina, e altre Teste del Pianeta, insieme ad altri corni esempio Iran, Francia, Germania, Turchia e tanti altri Re sono una entità che parla la stessa lingua, ha lo stesso padrone. Però sono divisi solo dalla gestione delle ricchezze della terra, i Re non sono religiosi, sono solo conquistatori di risorse, finchè dividono bene, non ci sono guerre, quando gli accordi non sono equi, iniziano gli scontri. Questa entità potrebbe essere definita la Satana S.p,A, in quanto ha come obiettivo il controllo delle risorse della Terra, e degli esseri umani, nel XXI Secolo, le religioni non hanno più funzione, almeno non come prima, accade quello che leggo in rete e riporto:
    A proposito della fenomenologia di una possibile “morte della democrazia”, è interessante quanto analizza Papa Giovanni Paolo II la cui analisi sembra calzare a proposito di questi tempi specifici e storicamente determinati: “Dopo la caduta, in molti Paesi, delle ideologie che legavano la politica ad una concezione totalitaria del mondo – e prima fra esse il marxismo –, si profila oggi un rischio non meno grave per la negazione dei fondamentali diritti della persona umana e per il riassorbimento nella politica della stessa domanda religiosa che abita nel cuore di ogni essere umano: è il rischio dell’alleanza fra democrazia e relativismo etico, che toglie alla convivenza civile ogni sicuro punto di riferimento morale e la priva, più radicalmente, del riconoscimento della verità […]. Per il relativismo, tutto è ridotto solo a opinione, da cui fatalmente scaturisce il nichilismo (FR 80), che è la filosofia del nulla, per cui non esistono verità e valori oggettivi; mentre per il pragmatismo, il tutto viene giudicato dal punto di vista dell’utile:
    conviene ciò che è utile; una delle sue conseguenze pratiche è una concezione della democrazia senza punti di riferimento a valori fondamentali ed immutabili, per cui ne deriva un comportamento in cui si accetta o rifiuta solo in base al voto di maggioranza o di minoranza del Parlamento (FR 89)
    […] Una democrazia senza valori si converte facilmente in un totalitarismo aperto oppure subdolo, come dimostra la storia”. Così analogamente anche nella lettera enciclica Dives in Misericordia, 11, Giovanni Paolo II 52 osserva che oltre “alla possibilità di un’autodistruzione per via di un conflitto militare, sussiste oggi anche la possibilità di un soggiogamento ‘pacifico’ degli individui, negli ambiti di vita, di società intere e di nazioni”. Nel discorso ai docenti universitari, nel contesto delle celebrazioni giubilari del 2000, il 9 settembre 2000, lo stesso Papa ha ribadito: “È urgente che ci adoperiamo perché il vero senso della democrazia, autentica conquista della cultura, sia pienamente salvaguardato. Su questo tema, infatti, si profilano derive preoccupanti, quando si riduce la democrazia a fatto puramente procedurale, o si pensa che la volontà espressa dalla maggioranza basti tout court a determinare l’accettabilità morale di una legge. In realtà, il valore della democrazia sta o cade con i valori che essa incarna e promuove […]. Alla base di questi valori non possono esservi provvisorie e mutevoli ‘maggioranze’ di opinione, ma solo il riconoscimento
    di una legge morale obiettiva che, in quanto ‘legge naturale’ iscritta nel cuore dell’uomo, è punto di riferimento della legge civile”.

    Il romanziere George Orwell, nella sua opera letteraria dal titolo “1984”, esaminando il “sistema socio-politico dell’Occidente, investito da un fenomeno di degenerazione – lo definisce – democrazia mafiosa – in cui – La guerra è pace, la libertà è schiavitù, l’ignoranza è forza” e
    l’impunità è democraticamente legalizzata! Per altri il sistema democratico odierno è definito con i termini di “democrazia dei corrotti”, e dei “corruttori”, ovvero “la corruzione della democrazia”. Altri autori parlano anche di democrazia ad alto tasso di tossicità e di “Europa tossica”
    dovuti a crisi indotte dal capitalismo, dal debito, dalla politica, dalla stessa democrazia che è inaffidabile (Cfr. Intervento di Gustavo Zegrebelsky alla Biennale Democrazia, 2011, di cui ne è Presidente). Altri ancora, in assenza di valori morali e di verità, la stessa democrazia “assume i caratteri di un vero e proprio totalitarismo della maggioranza”. L’effetto di trascinamento emulativo, in senso negativo ed epidemico, produce effetti scandalosi e devastanti sulle stesse strutture democratiche e nell’inconscio collettivo.

  • Idea3online
    16 Febbraio 2020

    Vero, tutto il raccolto dovrebbe essere buttato, ma per adesso grano e zizzania insieme. In tutte le religioni convivono grano e zizzania, veri e falsi credenti, è sotto gli occhi di tutti. Che Atlas sia giudeo è un amico, che sia musulmano è sempre un amico. Per adesso capre e pecore insieme, grano e zizzania insieme, probabilmente potrei essere io una zizzania, nel senso predicare bene e razzolare male. Amici i figli di Isacco ed amici i figli di Ismaele.

    • Mardunolbo
      16 Febbraio 2020

      Ecco ! le allucinazioni di “idea ecc.ecc ” sono comparse meglio ! Mi auguro non arrivino commenti insultanti per lui, poichè cercare di analizzare l’Apocalisse e trovare deduzioni e connessioni è un lavoro allucinante e crea allucinazioni….
      Le profezie in genere sono interpretabili e sono sempre delle manifestazioni divine ad una povera mente umana, che ci mette sempre del suo per descriverle.
      Ovvio ! Si aggiungono altri problemi quando sulle profezie altri cercano di interpretare per chiarire ; viene fuori quello che viene chiamato “guazzabuglio”.
      Anche perchè spesso la mente, accesamente desiderosa di trovare la soluzione , si incarta e riavvolge in modo ossessivo.
      Ecco, per me “idea3online” è il risultato di questi continui incartamenti ossessivi. Umiltà sarebbe anche evitare di leggere troppo cose che sono nascoste e di assai difficile interpretazione, o no ?
      P.S. Merdunolbo non mi piace proprio dato l’assonanza con Merdogan, quindi Atla diverrà “At-la-squaw” dato il suo sciogliersi nei corpi femminili…ah,ah,ah !

      • atlas
        16 Febbraio 2020

        cmq sia idea3 non fa male a nessuno, i wahhabiti salafiti invece sì. Ognuno nel suo piccolo è felice; o ricerca una sua dimensione personale di benessere. Lui sogna, io sto bene tra le braccia di belle e soprattutto buone donne a te che ti frega: non è detto che il ridere sia sinonimo di sincera serenità. Anche gli uccelli in gabbia cantano. Ognuno metta il suo uccello in una gabbia lontano dalla mia e siamo tutti felici e contenti

  • atlas
    16 Febbraio 2020

    perdonami idea3, sarai anche una gran brava persona, ma io non riesco a seguirti, nemmeno a leggere tutto il papiro che hai scritto, tra l’altro facendo anche copia/incolla. Abbi pazienza, ma fra corna, guai e s.p.a. il tempo stringe e purtroppo penso anche stiamo andando leggermente fuori argomento. Basta così per oggi, l’unica cosa che ho compreso dato che sono brutto, vecchio e antipatico è che si va verso la distruzione per via di un conflitto militare come detto dal tuo papa; sta giocando il Napoli, la squadra della mia Capitale e preferisco seguire la partita

    a proposito, non ti ho letto mai parlare male di massoneria

    cmq meglio tu del sed, se io sono brutto, vecchio e antipatico lui lo è di più perchè si sente superiore a tutti

    • atlas
      16 Febbraio 2020

      posso darti un consiglio idea3 ? Evita di scrivere di democrazia all’approssimarsi dell’ora di cena. Sarebbe meglio farlo sempre, ma in questo caso si rischia di vomitare, non tutti, come il sottoscritto, hanno lo stomaco di reggere a certe cose (il male assoluto)

  • labibbiaunlibrodistoriaebasta
    16 Febbraio 2020

    a chi parla di religioni, religioni a base bibbia e quindi anche corano, consiglio vivamente di ascoltarsi le conferenze di mauro Biglino disponibili in rete (specie quelle di alcuni anni fa che erano appunto più incentrate sui capisaldi biblici)

  • Max Dewa
    16 Febbraio 2020

    Idea 3 a fare l’esegeta bisogna aver studiato da prete , ora a blondet il tuttologo che ci prova sempre gli si e’ sostituito il melluzzi che ha preso pure la carica farlocca di vescovo ortodosso primate conseguita con LA raccolta delle figurine di mer… In giro per le TV lui e l’altro scemo del villaggio Sgarbi 2 massoni dichiarati gran baciapile Della giudaglia , piuttosto senta qui idea digiti ” don Giulio tam come costruire video”

  • Idea3online
    16 Febbraio 2020

    Il commento non è il papiro, quello è stato un errore. Per i guai ti riferisci all’Apocalisse, non era intenzione di inviare quel testo, non è attinente alla tua domanda. Il testo del Papa e di Orwell riportato continuava con il seguito che non doveva essere inviato perchè non in armonia con il nostro dialogo. Perciò ho risposto alla tua domanda con il secondo commento, quello più breve e che termina:
    L’effetto di trascinamento emulativo, in senso negativo ed epidemico, produce effetti scandalosi e devastanti sulle stesse strutture democratiche e nell’inconscio collettivo.

  • Idea3online
    17 Febbraio 2020

    Che senso ha aggredire un commento essere buddista, musulmano, giudeo, luterano, protestante, cattolico…..chi più ne ha più ne metta…….

    Se parlo bene di Dio e riconosciamo Lui come Creatore, apprezziamo l’aspetto spirituale di un commento, eccole le parole di Gesù, che aiutano a vedere oltre ed apprezzare anche Atlas quando esalta il Creatore come Sommo Giudice.

    Marco 9:40

    Chi non è contro di noi, è per noi.

Inserisci un Commento

*

code