Il corso della Storia procede in avanti e la resa dei conti si avvicina

di Luciano Lago
Mentre i cascami dell’ex Impero britannico cercano di riaffermare il controllo sui mari, per conto del padrone americano, arrivando a provocare la Russia nel suo cortile di casa del Mar Nero, l’Impero USA cerca di barcamenarsi in Medio Oriente contrastando l’asse delle resistenza con ulteriori attacchi fra Siria e Iraq. Non si può cambiare però il corso della Storia e la potenza anglo/USA è arrivata al suo capolinea storico e non è in grado di ripristinare il suo dominio unipolare sul mondo.
L’asse Euroasiatico fra Russia, Cina, sempre più consolidato, mostra all’America di Biden che non si lascerà intimidire ed è pronto a contrastare le operazioni di sobillazione, aggressione e provocazioni che vengono continuamente create da Washington e da Londra. Lo schieramento della flotta Russa nel Mediterraneo a difesa della Siria è una dimostrazione di fermezza.
Con il rinnovo del trattato di amicizia e cooperazione, in questi giorni Mosca e Pechino hanno inviato un segnale di avvertimento all’Occidente collettivo, secondo l’opinione di vari analisti. In precedenza, pochi mesi prima, l’establishment liberale occidentale aveva lanciato una dura offensiva ma poi si è rotto i denti su Mosca e Pechino. Tuttavia, le teste di molti falchi dei circoli di Washington non si sono raffreddate e tenteranno di tutto, provocazioni e falsi rapporti per incrinare questa intesa fra i due giganti euroasiatici.

Putin e Xi Jinping

Questa alleanza euroasiatica è divenuta un polo di attrazione per altri paesi che vogliono sottrarsi alle angherie degli USA e dell’Occidente e trovare un supporto per i propri piani di sviluppo e di infrastrutture senza farsi strozzare dalle pretese neocoloniali di Washington, Londra e Parigi ed evitando il tassi usurai proposti dagli organismi finanziari di marca occidentale, come il FMI, la Banca Mondiale, la Goldman Sachs, ecc..
La Belton Road della Cina offre questo supporto e, al contrario degli USA, non pretende di imporre il proprio sistema politico e la propria cultura ai paesi che si associano al programma di sviluppo della Belton Road. Questo spiega come Pechino sia riuscita a conglobare ben 140 paesi nel suo programma.


Il mondo è ormai multipolare anche se Washington tende a non accettare questa realtà e prova ad occultare il suo inesorabile declino blaterando di “democrazie contro autocrazie”, “diritti umani” ed altre trovate di propaganda che dimostrano l’ipocrisia abissale di coloro che si sono macchiati dei maggiori massacri e genocidi della Storia negli ultimi 50 anni e che ancor oggi hanno la loro corte di seguitori e vassalli fra le peggiori dittature e tiranni dal mondo arabo a quello Latino americano.
L’America ha perso qualsiasi credibilità mentre mantiene le sue carceri speciali come Guantanamo o quelli segreti della CIA, perseguita i suoi oppositori interni, uccide gente inerme con i suoi droni, si dimostra complice del genocidio nello Yemen e a Gaza, arruola terroristi in medio Oriente e mantiene le sue truppe di occupazione illegale, saccheggiando le risorse in paesi dove è stato richiesto il suo ritiro (Iraq e Siria).

Guantanamo carcere speciale


Nonostante gli apparenti tentativi di accordo (vertice fra Biden e Putin), l’Impero diventa sempre più aggressivo, cerca espedienti per mettere un cuneo fra Russia e Cina, inventa presunti genocidi di mussulmani in Cina per scatenare una campagna di diffamazione contro il suo principale rivale economico e utilizza la NATO come suo strumento militare per effettuare provocazioni nelle aree di interesse della Russia e della Cina, dal Mar Nero allo stretto di Taiwan.

Blinken con i leader europei a Roma


I vassalli europei, privi di qualsiasi autonomia politica, accettano tutto salvo, qualche volta, mormorare dietro le spalle, ma non hanno il coraggio di affrontare il padrone USA e tutelare i propri interessi nazionali. Sanno che il gioco diventa sempre più rischioso e che il detonatore in Europa potrebbe essere quello dell’Ucraina a far scatenare un conflitto ma non proferiscono parola. Saranno disposti a far morire i propri cittadini per l’Ucraina?
Siamo sempre più vicini ad una resa dei conti e in questo caso saranno le vittime a presentare il conto ai loro carnefici e a coloro che li hanno sostenuti. Il momento si avvicina ed il corso della Storia procede inesorabile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM