Il coronavirus spinge l’esercito USA fuori dall’ Europa


Gli analisti del influente Consiglio tedesco per le relazioni estere (DGAP) hanno chiesto che la NATO fosse protetta dal coronavirus. Berlino è spaventata dalla possibilità che, con il pretesto di una pandemia, gli Stati Uniti decideranno di ritirare le truppe americane dall’Europa. E poi gli europei dovranno fare una scelta nelle condizioni della crisi economica tra armi o petrolio.
Defence News ha pubblicato un articolo di esperti della DGAP in cui questi esprimono preoccupazione per il fatto che le terribili conseguenze di una pandemia potrebbero spingere i governi europei a chiudere gli occhi sulla sicurezza strategica per favorire un’immediata ripresa economica.
“Se i governi europei decidessero di tagliare le spese per la difesa a seguito dell’attuale crisi, questo sarà il secondo colpo importante in un decennio”, scrivono. – I bilanci della difesa hanno appena iniziato a riprendersi al livello precedente la crisi del 2008, ma non vi è alcuna possibilità che risalgano. Esistono ancora problemi significativi a livello nazionale, nell’UE e nella NATO. Negli ultimi due decenni, gli eserciti europei hanno perso circa un terzo delle loro capacità. Allo stesso tempo, la situazione di minaccia, secondo loro, si è intensificata a causa della Russia apertamente ostile e della crescita della Cina.
La tesi sulla “Russia apertamente ostile e la crescita della Cina” era prima un pretesto falso e ingannevole, e oggi ha bisogno di essere ancora più decodificato. Questo perché può significare cose diverse.

Il Consiglio tedesco per le relazioni estere ha recentemente pubblicato molti materiali in cui vengono accertati i fatti e vengono fatte previsioni sul futuro del mondo, che sta cambiando per effetto del coronavirus. “Ma cosa succede se Pechino offre domani a Italia e Spagna un generoso” Piano Marshall “cinese? – Gli esperti tedeschi si stanno chiedendo. “Abbiamo pensato a cosa succede quando una società dopo l’altra si trova in bancarotta?” Questo non sembra riguardare la difesa, ma in realtà riguarda anche la difesa, solo le minacce sono diverse, i carri armati e i missili da soli non possono farcela.

Nel rapporto DGAP “Deterrenza e protezione ai tempi di COVID-19”, il coronavirus è identificato come il principale nemico, e Mosca e Pechino sono menzionate, piuttosto, per abitudine. Due posizioni sono degne di nota. Primo: “L’Europa non può prendere una posizione dura nei confronti della Russia a est e trascurare il sud”. Secondo: “Gli Stati Uniti rimangono una fonte di incertezza”.
Queste sono due sfide serie. Per fronteggiarle, hai bisogno di soldi, molti soldi. E dove trovarli? Se l’Unione europea decide di non poter più fare affidamento su Washington nel settore della difesa, i paesi europei dovranno – e in ogni caso – aumentare seriamente le proprie spese per la sicurezza. Certo, l’Unione Europea può risparmiare un po ‘. Tuttavia per questo sarà necessario rivedere le priorità della sicurezza strategica.

Il rifiuto dell’UE di percepire la Russia come un pericolo, l’introduzione di un nuovo concetto di cooperazione con Mosca nello spirito delle proposte del presidente francese Emmanuel Macron consentirà di non moltiplicare i gruppi militari, non di predisporre carri armati, missili e aerei europei. A proposito, questo faciliterebbe anche l’onere per il bilancio militare russo. Tuttavia, esiste un secondo componente, che gli esperti del Consiglio tedesco per le relazioni estere hanno identificato come un potenziale “Piano Marshall cinese”. Dovrà essere riflesso già dall’investimento diretto di risorse finanziarie, per cui Berlino, come puoi giudicare, non è pronta oggi e per cosa non è configurata. E sarebbe andato bene solo in Italia o in Spagna. Pechino può iniziare a operare nell’Europa centrale e orientale, usando i paesi della regione come “centri proxy” della sua influenza.
Pertanto, DGAP chiede a tutti i costi di impedire agli Stati Uniti di lasciare l’Europa al fine di prevenire lo scenario “più distruttivo” sia per l’economia che per la sicurezza.
Nel frattempo, l’evacuazione di Washington è reale. Dopotutto, l’idea di riportare a casa le truppe e smettere di pagare per la sicurezza europea era popolare tra gli americani prima della pandemia. Sullo sfondo della lotta contro il coronavirus, in cui gli Stati Uniti sono ora assorbiti, questo otterrà solo simpatia.

Truppe USA nei paesi del Baltico

In che modo questo minaccia l’Europa? Oltre all’onere aggiuntivo per i bilanci, “la perdita dell’ombrello nucleare statunitense sta alimentando il dibattito sulla deterrenza nucleare all’interno dell’Europa”. Vi è una discrepanza tra gli stati europei, alcuni dei quali mantengono le forze militari e l’industria della difesa, mentre altri le stanno tagliando. Di conseguenza, i tentativi non coordinati di mantenere il potenziale “portano a uno spreco di risorse e indeboliscono la capacità dell’Europa di agire ulteriormente”. Di conseguenza, al fine di prevenire qualcosa del genere, dobbiamo cedere gli Stati Uniti e pagarli di più.
Tuttavia, Washington può usare il fattore pandemico per ritirare le truppe americane dall’Europa con questo pretesto e, caricando così il suo bilancio per la difesa, infligge un duro colpo al suo concorrente economico. La NATO può davvero sopravvivere a questo? L’Alleanza morirà o sopravviverà ancora, assumendo qualche altra forma e contenuto? La situazione sta cambiando, ma finora è evidente che le decisioni vengono prese, come si suol dire, in movimento.


Stanislav Stremidlovsky

Fonte: Regnum

Traduzione: Sergei Leonov

17 Commenti

  • Teoclimeno
    12 Aprile 2020

    Pasqua di Resurrezione. Il giorno ideale per parlare di Rapa Nui. Meglio conosciuta come Isola di Pasqua, perché scoperta dall’olandese Jakob Roggeveen la domenica di Pasqua del 1722. Gli abitanti dell’isola quando ebbero esaurito le loro risorse (alberi di cocco), e non potendo migrare altrove, perché l’isola era troppo distante dal continente, iniziarono a farsi la guerra gli uni con gli altri. Arrivando persino a praticare il cannibalismo. Neppure l’antica religione sopravvisse a tanto sfacelo. Le vicende successe a Rapa Nui, sono di grande aiuto, perché ci aiutano a capire meglio il presente periodo storico. Nel 2005 abbiamo raggiunto il Picco del Petrolio. Significa, che la produzione del prezioso liquido è in costante calo. Oggi come allora non abbiamo un altro mondo in cui migrare, e la storia, purtroppo per noi, è destinata a ripetersi. I segnali ci sono tutti, chiari e forti. Siamo arrivati persino a legalizzare l’aborto, vero e proprio assassinio di creature innocenti, ma anche il suicidio e l’eutanasia. Senza parlare della distruzione della famiglia, dell’ ingegneria sociale, e di tutti i programmi malthusiani, tuttora in corso, che per la pochezza dello spazio non citerò. Per quanto riguarda la religione, dirò solo che, l’ultimo Papa cattolico è stato Pio XII.

  • Teoclimeno
    12 Aprile 2020

    Scusate! Ho sbagliato ad inserire il commento, reiterando quello fatto stamattina a commento della ricorrenza Pasquale. A mia parziale giustificazione, anche se a malincuore, devo ammettere che gli arresti domiciliari incominciano a farsi sentire anche per me.

  • Teoclimeno
    12 Aprile 2020

    Per quanto riguarda la possibile dipartita dell’esercito americ-ano dall’Italia e dall’Europa: spero con tutta sincerità, che levino le tende il prima possibile. Nessun rimpianto. Noi con la “Terza Roma”, vogliamo collaborare e non guerreggiare.

  • dolphin
    12 Aprile 2020

    Alleluia, Alleluia, Alleluia anche i mali non sono mai tali al 100% ci sono anche vantaggi se si così fosse, e non di poco!

    • atlas
      13 Aprile 2020

      meno inquinamento

      ripristino naturale di flora e fauna

      tanti stanno capendo cos’è la galera anche se ovattata (certo non deve andare avanti più di tanto, per il mio stesso benessere)

      chi è cretino si viviseziona e si toglie di mezzo; chi è intelligente ne approfitta per riflettere e studiare su chi sono i veri cancri dell’umanità

      rinforzo di anticorpi e selezione naturale: siamo troppi e troppi inutili

      meno stranieri invasori

      odio verso la democrazia e verso leggi, regole e divise: non si ouò tollerare che chi ruba va a casa e chi fa un saluto che ci appartiene (romano) va in galera. Consapevolezza che non ci possono mettere in carcere. Perchè non hanno abbastanza celle d’isolamento e perchè la gente è sempre più pronta ad andarci. Cosa cambia infatti ?

      Rispetto per il cibo. S’impara a rispettare la Provvidenza (di Dio) per chi ne fece spreco (io mai)

      tanti commercianti e imprenditori pusillanimi arricchitisi con l’amico politicante, con l’astuzia, i raggiri e le truffe rimetteranno i piedi per terra. Ogni collettivizzato spersonalizzato dal sistema scoprirà la sua anima e la sua individualità per formare in futuro un corpo sano di società più forte. Chi non ce la fa si suicida, ripeto, selezione naturale

  • adalberto
    12 Aprile 2020

    Alleluia, Alleluia, Alleluia anche i mali non sono mai tali al 100% ci sono anche vantaggi se così fosse, e non di poco!

    • atlas
      13 Aprile 2020

      chi è abituato a vizi, giochi d’azzardo, macchinette, droghe varie imparerà a starne senza

  • deguddu
    12 Aprile 2020

    Ma che se ne andassero via i usa e nato, hanno sempre e solo portato distruzione e sciacallaggio

  • eusebio
    12 Aprile 2020

    Gli USA hanno raggiunto 500000 infetti e sono i primi per numero di morti, hanno già 15 milioni di disoccupati, sono disperatamente a corto di dotazioni sanitarie, hanno due milioni di detenuti a rischio genocidio, intere popolazioni senza acqua corrente o copertura sanitaria, infatti il virus infierisce sopratutto sulla popolazione di colore e sugli autoctoni, insomma tutto hanno da pensare meno che ha proteggere l’Europa dal pericolo russo, assolutamente inesistente per tutti meno che per i sionisti che vogliono punire Russia e Cina per il loro appoggio ai loro nemici tipo Iran e Siria.
    Gli americani sono molto tentati di ritirarsi definitivamente dall’Europa, forse solo Israele potrebbe imporre agli USA di rimanere in Italia perchè ponte naturale tra Israele e USA, per il resto solo l’idea di obbligare i micragnosi tedeschi di dover aumentare esponenzialmente la spesa militare, avendo milioni di turchi in casa che se venissero arruolati in massa farebbero subito un colpo di stato militare, fa godere gli USA.
    L’unica soluzione per l’Europa è consegnarsi militarmente e dal punto di vista dell’energia ai russi, i quali eliminato il regime di Maydan riassorbirebbero l’Ucraina una regione alla volta, oltre alla bielorissia, ritornando ad essere una grande potenza in grado di proteggere il continente fino a Lisbona, sopratutto dal nemico ereditario dell’Europa, la Turchia, la quale dovrebbe essere scomposta con l’indipendenza del Kurdistan.

    • Mardunolbo
      13 Aprile 2020

      Ottime idee di Eusebio, concordo ! Ma ho forti dubbi che gli americojons se ne vadano dalle basi europee ! Voglia il Cielo !
      Riguardo altri commenti che parlano di “selezione naturale” provo disgusto, ma sono coerenti con un demolitore corroso da ira interiore; purtroppo che sparge spesso fiele anche in altri siti. Solo alcune volte è costruttivo, ma cercheremo di non curar e passare avanti

      • atlas
        13 Aprile 2020

        tutto è soggettivo e tu non sei il depositario della verità assoluta. Sei libero di disgustarti tanto quanto io sono libero di scrivere sempre di più: e saranno tanti di più a farlo, proprio perchè non ci possono mettere attualmente in carcere nè in manicomio perchè non ragioniamo come vorrebbero i democratici. E cmq non l’ho voluto io. Io sarei dovuto andare in Tunisia a metà Marzo e poi a Gallipoli. Fra qualche giorno di nuovo in Tunisia per il Ramadan in mezzo anche a più di una femmina, invece sono in una Milano deserta a sperare sempre più nella selezione naturale. Non è che ho molta stima della maggior parte della gentaglia che mi circonda

        • atlas
          13 Aprile 2020

          daltronde quelli come te odiano e godono se muoiono musulmani …

          lo so anche se non lo scrivi (capito il tipo)

          • Mardunolbo
            13 Aprile 2020

            se vai in Tunisia per femmine , vedi di visitare anche il gen. Pappalardo, dato che , tutto sommato, fa parte dei carabbenieri come eri tu. La differenza è che lui si è evoluto ed è diventato un carabiniere in congedo pieno di sapienza e volontà di fare per l’Italia. Tu sei rimasto arcigno livoroso e ,pure, sprepuziato perchè apostata dalla religione di famiglia. Peggio di così ! Ma non puoi rendertene conto ,infoiato come sei con le belle fig..liole. Tira più un pelo di f… che un paio di buoi, specialmente per un islamico apostata.
            Riguardo al godere se muoiono musulmani, è una tua perversa visione ,specchio della tua anima nera che gode della “selezione naturale” su italiani.
            Ognuno qui testimonia quanto sia felice delle vittorie dei soldati siriani (musulmani)+ hezbollah (musulmani al 90%) contro Isis, ratti di fogna mercenari, e turchi appresso. Ma la figa annebbia gli occhi e la mente, si sa bene…

          • atlas
            13 Aprile 2020

            guarda … andare in Tunisia per incontrare pappa lardo è L’ULTIMA cosa che mi possa passare per la mente

            da 22 anni che ci vado sono stato sempre alla larga dai duo siciliani, figurati dagli italiani

            (tranne quando nel 2000 in un grande albergo di Tunisi al mare (strapieno di BELLISSIME ragazze) non riconobbi un napoletano mia vecchia conoscenza di quando avevo la divisa in Piemonte nel 1985. Era in mezzo a dei siciliani che straparlavano di riciclare miliardi con molta semplicità. Eh beh se mi ti metti di traverso, in quel caso dovetti riferire, diglielo all’ex generale, chissà non impari a rendersi veramente utile)

      • adalberto
        13 Aprile 2020

        E’ così sia, amen.

    • adalberto
      13 Aprile 2020

      E’ così sia, amen.

  • Teoclimeno
    13 Aprile 2020

    Vediamo di riassumere molto brevemente, la truffa chiamata Petrodollaro. Il Petrodollaro, non è come potrebbero pensare gli ingenui, e cioè che noi diamo Euro agli ameri-cani, e loro in cambio ci danno dollari. No, non è così. La realtà è molto diversa: noi esportiamo negli Stati Uniti tutto quanto loro hanno bisogno, che a noi è costato lavoro e sacrifici, e loro ci pagano in dollari, che stampano a piacimento. Una vera e propria pacchia. È con questo sistema che si possono permettere il lusso di mantenere più di mille basi attorno al mondo. Solo in Italia se ne contano 113. Loro banchettano a quattro palmenti, e noi paghiamo il conto al ristorante. Adesso che il Petrodollaro sta tramontando, ci chiedono di fare la guerra per loro, e di aumentare le nostre spese militari. E pensare che li abbiamo chiamati liberatori. Ponti d’oro al nemico che fugge.

Inserisci un Commento

*

code