Il conflitto ucraino, un ricatto per la guerra contro la Russia

di Karine B. Kolovko

La situazione in Ucraina continua a deteriorarsi con l’intensificarsi dell’attacco politico alla Russia. Tant’è che, mentre l’artiglieria ucraina riprende il suo fuoco quotidiano, che l’Ucraina violando apertamente gli accordi di Minsk intende che la Russia diventi una parte e non un garante, l’ex ambasciatore ucraino negli Stati Uniti chiama a interrompere tutte le relazioni con la Russia nemica e il clan atlantista all’ONU vuole fare della Russia il paese aggressore. Non è ancora guerra, ma è un ricatto aperto alla guerra contro la Russia, per farla cedere.

La strumentalizzazione del sotto-conflitto ucraino è in pieno svolgimento da quando i Democratici sono saliti al potere negli Stati Uniti. Il fuoco dell’artiglieria riprende come una vendetta e l’esercito ucraino sta mettendo sempre più forze vicino alla linea del fronte (vedi il testo di Erwan Castel su questo argomento qui).

Una tale intensificazione dell’aggressione ucraina contro l’est del paese ha costretto i leader del Donbass a revocare il divieto di sparare ai loro uomini. In primo luogo, il 3 marzo, è stata concessa l’autorizzazione a sparare contro i punti di tiro ucraini a causa della mancanza di reazione internazionale, quindi l’artiglieria è stata autorizzata a rispondere al fuoco dell’artiglieria ucraina. C’è infatti un’escalation del conflitto, che ancora esita a diventare una guerra totale. E i media occidentali coprono con un silenzio schiacciante questa aggressione da parte di un esercito contro il suo popolo.

Forze armate ucraine

Tuttavia, questa guerra interminabile è soprattutto un ricatto politico contro la Russia. E il deplorevole circo che si svolge intorno ai disastrosi accordi di Minsk ne è l’esempio perfetto. Questi accordi nati morti fin dall’inizio furono il frutto dell’idea confusa che l’Ucraina non avrebbe dovuto perdere più della Crimea, né essere completamente lacerata in una guerra civile, e che se la situazione politica fosse migliorata a Kiev, avrebbe dovuto essere in grado di recuperare il Donbass. Ma la situazione continua a deteriorarsi, poiché il conflitto ucraino è un sotto-conflitto, che dipende dallo sviluppo del conflitto globale tra il mondo atlantista e la Russia.

Questi accordi, di cui la Russia è garante, insieme a Francia e Germania, sono diventati per l’Occidente, che copre tutte le violazioni ucraine, un mezzo di pressione sulla Russia, in particolare attraverso le sanzioni. Pertanto, la Russia deve assumersi la responsabilità per la violazione degli accordi di Minsk da parte dell’Ucraina, come se la Russia potesse riformare la costituzione ucraina, adottare la legislazione ucraina o controllare l’esercito ucraino. Ma è anche uno strumento di controllo dell’agenda internazionale e, in questo senso, si mette in atto un doppio movimento: da un lato, per fare della Russia parte degli accordi di Minsk e non più garante, dall’altro , per far ricadere sulle giovani repubbliche tutta la responsabilità della mancata esecuzione di questi accordi inapplicabili.

Così, l’ex presidente ucraino Kravtchuk , che attualmente guida la delegazione ucraina, ha esortato la Russia a ” riconoscere ” il suo status di parte degli accordi di Minsk, in mancanza di ciò, la Russia dimostrando così, nella logica ucraina molto speciosa, la sua mancanza di volontà per la pace, l’Ucraina sarà quindi costretta ad adottare misure radicali e a “cercare la pace” altrove. Se si tiene conto del raggruppamento militare ucraino, sembrerebbe che la strada per la pace passi attraverso il ferro e il sangue. A meno che non ci si fermi solo a livello di dichiarazioni dei media …

Leonid Kravtchuk , ex presidente ucraino

Allo stesso tempo, alle Nazioni Unite, a fine febbraio, l’Ucraina, sostenuta dagli Stati Uniti, ha fatto il suo spettacolo presentando una ” Piattaforma per la Crimea “, ovviamente ” contro l’aggressione russa “:
” La piattaforma per la Crimea è stata particolarmente elogiata dagli Stati Uniti, che speravano che altri Stati membri si unissero a questo sforzo diplomatico che mira a respingere l’aggressione in corso della Federazione Russa. (…)
La vasta maggioranza delle delegazioni ha chiesto la piena attuazione degli accordi di Minsk, ansiosa di trovare una soluzione politica alla controversia. L’Unione Europea in particolare ha chiesto alla Russia di esercitare la notevole influenza che ha sulle formazioni armate affinché diano piena attuazione al cessate il fuoco, ricordando inoltre che la durata delle sanzioni economiche che ‘le impone è legata alla piena attuazione di detti accordi . “
In questo discorso, la Russia è vista molto più come una parte in conflitto che come un garante degli accordi di Minsk. Discorso apertamente pronunciato dalla Germania:

” Un altro membro di questa configurazione, la Germania, è allarmata dal fatto che nell’Ucraina orientale i separatisti abbiano minato l’accordo di cessate il fuoco sin dal primo giorno. (…) Ovviamente, da parte ucraina non tutto è perfetto, ha ammesso, ma non dimentichiamolo che è stata la Russia a invadere l’Ucraina e non il contrario “.
E mentre l’artiglieria ucraina riprendeva e poi intensificava il suo fuoco, mentre l’Ucraina concentrava sempre più forze vicino alla linea del fronte, nell’assoluta ipocrisia che caratterizza il funzionamento di quella che era la diplomazia occidentale, la Russia è tenuta a:
” La Federazione Russa deve anche sollecitare le formazioni armate a riaprire i valichi lungo la linea di contatto”
Far passare l’esercito ucraino? Certamente, da quando l’ex ambasciatore ucraino negli Stati Uniti, Valeriy Chaliy , ha annunciato l’8 marzo che è imperativo per l’Ucraina “recidere tutte le relazioni con l’aggressore”, la Russia – un paese nemico. L’Ucraina, e in particolare il mondo atlantista, ha un imperativo bisogno di portare finalmente il conflitto ucraino fuori dalla guerra civile, per renderlo un conflitto tra Ucraina e Russia, che consentirebbe un intervento “umanitario” e “pacifico” contro la Russia.

Truppe russe in Crimea

La posizione della Russia è semplice e chiara, perfettamente riassunta da questa frase:
” ” La vera occupazione è l’occupazione della vera Ucraina da parte dell’Ucraina del Maidan “, ha ribattuto la Federazione Russa che ha denunciato la” follia nazionalista e anti-russa “di quest’ultima”.
Siamo infatti in presenza di un doppio movimento: un discorso, che dovrebbe ricreare una realtà più comoda per il mondo atlantista, quello di un’Ucraina vittima dell’aggressione russa, accanto a un’azione nella realtà, oggetto di questo discorso, che è quello di un’aggressione nell’est del Paese, di una popolazione che, a forza di essere attaccata da Kiev, non si sente più ucraina.

È soprattutto in questo senso che gli accordi di Minsk sono falliti: l’Ucraina non ha riacquistato il suo spirito e la sua sovranità, è scesa di fronte agli interessi atlantisti e sta perdendo il suo territorio tanto quanto la sua popolazione. Si è persa. Questi accordi sono obsoleti.

Fonte: Russie Politics

Traduzione: Gerard Trousson

Inserisci un Commento