Il conflitto tra Russia e Ucraina si intensifica mentre la riunione della NATO guidata dagli Stati Uniti si concentra sulla fornitura di armi piuttosto che sulla mediazione


DiYang Sheng (Globa Times)
I massimi leader della NATO guidata dagli Stati Uniti terranno incontri di persona da mercoledì a giovedì dopo che i capi militari di Stati Uniti e Ucraina si sono incontrati in Polonia prima dell’incontro. Ciò avviene quando la Russia ha nominato un nuovo comandante della “operazione militare speciale” in Ucraina e ha dichiarato una vittoria militare a Soledar, nell’Ucraina orientale.

Il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov ha dichiarato mercoledì che gli obiettivi della “operazione militare speciale” di Mosca in Ucraina sono “determinati dai fondamentali interessi legittimi della Russia” e saranno raggiunti, hanno riferito i media.

“Non ci devono essere infrastrutture militari in Ucraina che rappresentino una minaccia diretta per il nostro paese”, ha detto Lavrov, aggiungendo che Mosca intende anche assicurarsi che i diritti dei russi etnici in Ucraina siano protetti.

Mercoledì, parlando a una conferenza stampa annuale, Lavrov ha respinto le richieste del presidente ucraino Volodymyr Zelensky di un completo ritiro russo dall’Ucraina. Il ministro ha anche respinto l’insistenza dell’Ucraina sui pagamenti per i danni di guerra e il perseguimento dei criminali di guerra come piattaforma per futuri colloqui, affermando che “non possono esserci colloqui con Zelensky”.

Lavrov ha affermato che “l’Occidente prende tutte le decisioni per l’Ucraina” con l’obiettivo di utilizzare il conflitto per esaurire la Russia. I membri della NATO hanno fornito all’Ucraina sostanziali aiuti militari. Ha detto che la Russia è pronta a “considerare seriamente” qualsiasi iniziativa occidentale per porre fine al conflitto, ma ha aggiunto: “Non abbiamo ancora visto alcuna proposta seria“.

Lavrov ha affermato che gli Stati Uniti stanno tentando di “contenere” sia la Russia che la Cina con l’aiuto di altri paesi, ma siamo stati attenti ai suoi “giochi”, ha riferito Reuters. “L’Occidente sta cercando di seminare discordia nelle nostre relazioni… Noi e la Cina vediamo tutti questi giochi”, ha detto. I legami con Pechino non sono mai stati così forti, ha detto Lavrov.

Gli esperti hanno affermato che il conflitto sarà più intenso poiché i paesi occidentali si concentreranno sulla fornitura di armi piuttosto che sulla mediazione, mentre la Russia sta facendo del suo meglio per porre fine al conflitto entro il 2023, sia in modo militare che diplomatico.

La massima autorità militare della NATO, il Comitato militare, si incontrerà di persona mercoledì e giovedì a Bruxelles, in Belgio. L’ammiraglio Rob Bauer, presidente del Comitato militare, presiederà l’incontro, a cui parteciperanno i capi della difesa alleati e le loro controparti di Finlandia e Svezia invitate, secondo il sito web della NATO mercoledì. L’incontro discuterà del sostegno militare in corso da parte dei membri della NATO all’Ucraina.

In vista della riunione della NATO, martedì il massimo ufficiale militare statunitense, il generale dell’esercito Mark Milley, si è recato in un sito vicino al confine tra Ucraina e Polonia e ha parlato per la prima volta faccia a faccia con la sua controparte ucraina: un incontro che sottolinea i crescenti legami tra i due militari e arrivando in un momento critico mentre la guerra della Russia con l’Ucraina si avvicina al limite di un anno, ha riferito l’AP.

Milley con capo forze ucraine

Milley, presidente del Joint Chiefs of Staff, ha incontrato per un paio d’ore il capo dell’esercito ucraino, il generale Valerii Zaluzhnyi, in una località sconosciuta nel sud-est della Polonia. I due leader hanno parlato spesso delle esigenze militari dell’Ucraina e dello stato della guerra nell’ultimo anno, ma non si erano mai incontrati.

L’incontro arriva mentre la comunità internazionale aumenta l’assistenza militare all’Ucraina, compreso l’ampliamento dell’addestramento delle truppe ucraine da parte degli Stati Uniti e la fornitura di una batteria di missili Patriot, carri armati e una maggiore difesa aerea e altri sistemi d’arma dagli Stati Uniti e una coalizione di europei e altre nazioni.

Da parte russa, l’11 gennaio il capo di stato maggiore generale dell’esercito Valery Gerasimov è stato nominato comandante del gruppo integrato di forze dell’operazione militare speciale in Ucraina.

Esperti militari cinesi hanno affermato che questa nomina significa che Mosca vuole aggiornare l'”operazione militare speciale” a “una guerra” perché ha bisogno del massimo comandante militare del paese per coordinare l’operazione congiunta condotta dalle forze armate nazionali russe, dalle forze militari della Cecenia e appaltatore militare privato il Gruppo Wagner.

Cui Heng, assistente ricercatore presso il Center for Russian Studies presso l’East China Normal University, ha dichiarato mercoledì al Global Times che “dal dicembre 2022, l’Ucraina ha affrontato crescenti difficoltà sul campo di battaglia, poiché le sue truppe stanno subendo crescenti perdite e in conseguenza i paesi europei sono sempre più riluttanti a continuare a fornire costosa assistenza militare”.

Oltre alla difficile situazione sul campo di battaglia, l’Ucraina sta soffrendo anche per la perdita di un alto funzionario e per le vittime civili causate da un incidente in elicottero.

Almeno 15 persone, tra cui il ministro dell’Interno ucraino, altri alti funzionari del ministero e tre bambini, sono rimaste uccise mercoledì mattina quando un elicottero si è schiantato vicino a un asilo nido fuori Kiev, ha riferito Reuters.

In questo momento, Kiev sta affrontando una situazione grave e ha bisogno di una vittoria militare il prima possibile per rafforzare la sua immagine in Occidente, specialmente quando la NATO terrà una riunione per discutere la futura assistenza militare, ha osservato Cui. “Per la parte russa, sotto il comando di Gerasimov, le prestazioni delle truppe russe sono migliorate negli ultimi giorni e la loro potenza di fuoco è stata rafforzata”, ha affermato.

Ritirata ucraina da Soledar

La Russia desidera porre fine all’operazione militare nel 2023 perché le elezioni presidenziali nel 2024 sono molto importanti per il futuro del paese, quindi il Cremlino rafforzerà gli input sul campo di battaglia quando i suoi tentativi di cercare un cessate il fuoco attraverso la diplomazia saranno respinti dall’Ucraina e l’Occidente, hanno detto gli esperti.

Song Zhongping, un esperto militare cinese e commentatore televisivo, ha affermato che “dallo scoppio del conflitto Russia-Ucraina, solo un membro della NATO si sta davvero impegnando nella mediazione: la Turchia. Il resto dei membri della NATO si sta concentrando tutti sulle forniture militari. C’è nessuna possibilità per un cessate il fuoco quando entrambe le parti sono interessate alla diplomazia ed entrambe vogliono ottenere prima una vittoria militare”.

Fonte: Global Times

Traduzione: Gerard Trousson

3 Commenti
  • nicholas
    Inserito alle 20:21h, 18 Gennaio Rispondi

    Nel 2024 ci saranno pure le elezioni negli Usa.
    Già, mi sa, che il risultato sia scontato 🙂

  • Tacabanda1964
    Inserito alle 23:52h, 18 Gennaio Rispondi

    Ennesima sconfitta militare Ucraina simile al Film scemo + scemo !
    Elicottero militare Ucraino con il ministro del ” interno che viene abbattuto dalle ottime batterie missilistiche anti-aeree fornite da USA-UK-UE agli Ucraini di Kiev e che poi si schianta su un asilo Ucraino fuori città !

  • Giorgio
    Inserito alle 08:10h, 19 Gennaio Rispondi

    Fine meritatissima, quella del ministro dell’interno ucro-nato … a volte la giustizia prende vie contorte ma trionfa !
    Speriamo che continuino ad eliminarsi da soli … se continuano cosi ai russi converrà sedersi sulle sponde del fiume e attendere che passi il cadavere del comico, ucciso per sbaglio (o apposta) dai suoi stessi uomini o dai suoi padrini !

Inserisci un Commento