Il conflitto tra Occidente e Oriente è finalmente un colpo “occhio per occhio”

di Phil Butler (*)
Ho esultato in silenzio quando ho letto il titolo su France 24 su Putin russo che afferma che l’accordo sui cereali con l’Ucraina non sarà ripristinato finché l’Occidente non soddisferà le richieste di Mosca sulle sue esportazioni agricole. La Russia deve contrastare le strategie maniacali occidentali con pesanti conseguenze, altrimenti il ​​bagno di sangue in Ucraina continuerà per sempre. Perché i russi dovrebbero cedere un centimetro dopo essere stati spinti all’angolo? Prima il pubblico lo capirà, prima potremo chiedere lo stop.

La Russia ha stabilito il record per il maggior numero di esportazioni di cereali nella sua storia. E i russi dominano incontrastati quando si tratta di coltivare ed esportare il grano. Il paese raccoglie tanto grano quanto gli Stati Uniti e il Canada messi insieme. Allora perché tutti in Occidente sono così preoccupati per i cereali ucraini? Il motivo è semplice: gli oligarchi occidentali hanno molto a che fare con l’agricoltura ucraina, e se non riescono a rifornire gli europei e gli altri consumatori “amichevoli”, perderanno miliardi. La maggior parte delle persone ha ormai capito che la maggior parte dei prodotti agricoli dell’Ucraina va all’UE e non alla popolazione somala che muore di fame.

L’articolo di France 24 di François PICARD cita l’ex ambasciatore americano presso l’Azerbaigian, Matthew Bryza, il quale afferma che “Putin sta usando l’accordo di guadagno come strumento politico”. (Toh! E perché no?) Non è una coincidenza che Bryza faccia parte del think tank della “Jamestown Foundation” e sia direttore regionale e socio amministratore presso la società di lobbying internazionale “Ballard Partners”. L’azienda ha recentemente aperto un nuovo ufficio a Lagos, in Nigeria, per contrastare l’influenza russa e cinese nel paese. Bryza fa anche parte del consiglio di amministrazione di Turcas, una società energetica quotata in borsa, ed è cofondatore e amministratore delegato di “IKAR Energy Group”. Suggerisco agli Sherlock tra voi di approfondire il think tank dell’Istituto IKAR in Austria per trovare nomi e aziende più importanti. Comunque, questo per quanto riguarda il resoconto imparziale di France 24.

Andando avanti, un incontro tra il russo Putin e il nordcoreano Kim Jong Ung è apparso su tutti i canali di propaganda occidentali. Il New York Times sostiene (attraverso informazioni riservate) che Putin mira a scambiare sottomarini nucleari con i nordcoreani in cambio di alcuni missili e altre munizioni per sparare ai nazisti di Zelenskyj (o ciò che ne resta). E anche se la storia è piena di inesattezze, cosa accadrebbe se la Russia acquistasse missili, droni o altri armamenti dalla Corea del Nord? Gli Stati Uniti e i loro alleati hanno armato fino ai denti i nazisti ucraini e pagano gli stipendi dei lavoratori alla giunta di Kiev.

Come si suol dire, “Tutto è lecito in amore e in guerra”. Quindi, se Putin acquista incrociatori da battaglia Klingon con occultamento attivo, è semplicemente un buon leader che protegge gli interessi del suo popolo. Dopotutto, i carri armati russi dell’Armata non si stanno ancora avvicinando al confine tra Messico e Stati Uniti. Quindi non è un grosso problema ciò di cui discutono le altre nazioni, a meno che El Paso o San Diego non siano minacciate.

Infine, non ci sono segnali che gli oligarchi al potere in Occidente permetteranno che la pace arrivi in ​​Ucraina. Un recente rapporto sugli affari esteri dell’ex ambasciatore presso l’OSCE Daniel Baer ha utilizzato il gergo e più della stessa propaganda che ha portato l’Ucraina in questo pasticcio. “Putin corre contro il tempo” è un altro discorso di incoraggiamento a Washington per continuare a incanalare armi e denaro e sfruttare gli alleati per attaccare la Russia. Il fatto che l’Ucraina stia perdendo gravemente questo conflitto e che Zelenskyj non abbia alcuna speranza di riconquistare i territori, è messo da parte dal politico americano apertamente gay. Baer sostiene che un leader russo disperato diventerà “più brutale e sadico”.
La storia si legge come una carrellata di tutte le fantasie neoconservatorie della russofobia mescolate alla rabbia dell’autore secondo cui Putin non è gay. No, sono serio.

L’attuale direttore esecutivo del Dipartimento dell’Istruzione Superiore del Colorado (spaventoso, eh?) ha una o due fobie. Mi scusi, ma comportamento “sadico” è stato definito dalle azioni di Stati Uniti, Gran Bretagna e UE sui campi di sterminio dell’Ucraina. Chi potrebbe trascurare la riservatezza di Putin nel non cancellare Kiev, spegnere Zelenskyj o far esplodere i dignitari occidentali in visita al comico dittatore che sniffa coca? Sadico è quando un leader spinge i bambini, i malati e gli anziani a mettersi in servizio per attaccare una difesa impenetrabile.

L’Ucraina ha perso quasi 500.000 soldati e probabilmente il doppio dei feriti. Le stesse persone hanno lasciato il Paese. Il paese è completamente distrutto, il vincitore dell’Eurovision Song Contest per il 2022. E Putin sarebbe quello sadico che mantiene la linea mentre i boss mafiosi (azionisti delle industrie militari americane) spingono gli ucraini nelle armi, nelle mine e nei missili. Loro guadagnano enormi profitti mentre gli ucraini muoiono in massa.

Militari ucraini

Quando si scriverà la storia della smilitarizzazione dell’Ucraina da parte della Russia, le cause reali, ciò che è accaduto e il motivo per cui il presidente russo è stato costretto a mettere in pratica strategie “occhio per occhio” saranno chiarissimi. Mi chiedo solo chi in Occidente, se qualcuno, sarà ritenuto responsabile del più orribile spargimento di sangue dai tempi della guerra del Vietnam.

*Phil Butler, è un investigatore e analista politico, un politologo ed esperto dell’Europa dell’Est, è autore del recente bestseller “ Putin’s Praetorians ” e di altri libri. Scrive esclusivamente per la rivista online “New Eastern Outlook (Fonte)

Traduzione: Luciano Lago

Un commento su “Il conflitto tra Occidente e Oriente è finalmente un colpo “occhio per occhio”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM