Il conflitto procede inesorabilmente verso il suo esito peggiore, senza tregua o negoziati

placeholder

di Luciano Lago

Come abbiamo sostenuto già da tempo su questo sito, il conflitto con la Russia in Ucraina ha già superato il punto di non ritorno.
Prova ne sia il fatto che la Nato non ha esitato a inviare suoi reparti in Ucraina senza neppure mascherare questi, come avveniva in precedenza, come “mercenari”. Si vedono ormai nelle foto e nei video le mostrine dei reparti USA o polacchi che diventano visibili quando gli acquartieramenti dei reparti Nato vengono colpiti (come da ultimo a Kramatorsk ) e le squadre di soccorso miste intervengono sul posto a recuperare feriti e cadaveri degli ufficiali e soldati colpiti per trasferirli negli ospedali polacchi.
Questa è un’autentica escalation che porta sotto gli occhi di tutti il coinvolgimento della Nato nel conflitto, smentendo tutte assicurazioni in merito.

L’attacco russo su Kramatorsk, dove sono morti molte decine di militanti della Nato, aveva come principale obiettivo quello di annientare gli alti comandanti della 56a brigata ucraina che erano riuniti nello stesso Hotel dove alloggiavano gli ufficiali della Nato. Questo attacco ha portato i circoli degli alti gradi ucraini in uno stato di panico, visto che non esistono rifugi sicuri per loro dove trovare riparo dagli attacchi precisi delle forze aerospaziali russe.
Inutile dire che questi attacchi causano gravi danni alla capacità di combattimento delle forze ucraine e smorza la tracotanza della Nato che contava su un senso di impunità. Non è la prima volta ma altri centri di comando della Nato sono stati già colpiti in precedenza dalle forze russe, anche quando erano realizzati in appositi bunker fortificati.


Isruttori Nato in Ucraina

Intanto la Russia fa le sue mosse e tra queste una di quelle più significative è quella di incorporare le forze della Wagner direttamente nell’esercito russo e questo vale anche per i reparti di questa formazione in Africa, in Siria, in Venezuela e in Bielorussia.

L’altra mossa che sta attuando Mosca è quella di inviare bombardieri russi a Cuba, ripristinando la vecchia base militare che la Russia aveva nell’isola caraibica. Questo si deduce dalla visita del leader cubano a Mosca, a capo di una vasta delegazione militare, ricevuta con tutti gli onori.
La solidarietà del governo cubano è stata già manifestata e si sa che la Russia può contare su Cuba come uno dei suoi migliori alleati e le autorità cubane sanno che l’alleanza russo cubana è una polizza di assicurazione contro eventuali colpi di mano della cricca dei neocon di Washington.


Delegazione di Cuba a mosca

Gli Stati Uniti nel frattempo sono imbrigliati nei loro problemi interni anche se non rinunciano alle loro politiche di aggressione contro i loro antagonisti ed ergersi come i gendarmi del mondo. Tuttavia è difficile mantenere a lungo quel ruolo e giustificare mentre nel loro interno mentre avanza la miseria tra i propri cittadini, la violenza e le migliaia di “homeless” accampati sui marciapiedi delle città statunitensi.
Questo non impedisce all’amministrazione Biden di annunciare l’ennesimo “pacchetto” di aiuti militari all’Ucraina per altri 500 milioni di dollari, vista le necessità di prolungare a tutti i costi il conflitto ed impedire il collasso dell’esercito ucraino che, al momento, sembra avere esaurito anche il suo personale decimato negli inutili tentativi di controffensiva, ordinata da Washington ma che si è rivelata una operazione “tritacarne” per i militari ucraini. Poco importa al presidente Biden a cui serve una vittoria in Ucraina per rivenderla ai suoi fan prima delle prossime elezioni presidenziali.
Ciò nonostante si prospettano decisioni importanti nella prossima riunione dei leader dei paesi della Nato a Vilnius dove si esaminerà la possibilità di inviare altri reparti Nato, in forma ufficiale, a combattere in Ucraina. Si sono già proposti in prima persona i comandanti militari dell’esercito polacco e quelli dell’Estonia ma, potrebbe non mancare anche la Germania a fare la sua parte, vista la dipendenza di Scholz da Biden. Se gli arriverà l’ordine, il tedesco non mancherà di eseguirlo con uno schiocco di tacchi.. Dubbia invece la disponibilità della Francia di Macron, alle prese con i problemi interni, e dell’Italia della Meloni, alle prese con le vacanze estive degli italiani che non sarebbe opportuno turbare con dichiarazioni di guerra

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM