Il conflitto nella Striscia di Gaza e le sue implicazioni geopolitiche

di Viktor Mikhin

Il conflitto tra Israele e Palestina è ora in pieno svolgimento e continuerà per qualche tempo a venire. Ma nonostante l’incertezza del finale, le conseguenze sia a livello regionale che globale sono già visibili adesso, e si può dire che il mondo non sarà più quello di prima. Uno dei fatti più evidenti e chiari potrebbe essere l’ulteriore forte declino dell’egemonia americana nella regione e nel mondo.

Sullo sfondo degli ultimi eventi a Gaza, gli Stati Uniti hanno pienamente dimostrato la loro totale incapacità di svolgere un ruolo egemone, il che allargherà ulteriormente il divario tra gli Stati Uniti e il resto del mondo man mano che crescerà il loro malcontento.

In primo luogo, la crisi amplierà il divario all’interno degli stessi Stati Uniti tra il pubblico americano e i politici. Gli Stati Uniti hanno da tempo forti divergenze e disaccordi riguardo alle loro politiche nei confronti di Israele e del conflitto israelo-palestinese in generale. Mentre la Casa Bianca e il Congresso sostengono fortemente Tel Aviv, intellettuali, accademici e la classe media si oppongono fermamente ai governi americani che spendono incautamente la ricchezza nazionale del paese su questioni irrilevanti per i propri interessi nazionali. John Mearsheimer e Stephen Walt, nel loro famoso libro intitolato The Israel Lobby and US Foreign Policy, hanno ben dimostrato il disaccordo di molti accademici americani con i politici americani.

I recenti contatti tra i politici statunitensi e israeliani, mostrano le prove, porteranno a una spaccatura ancora maggiore tra la società americana ordinaria e la comunità dei decisori politici. La crisi di Gaza ha innescato una risposta immediata della Casa Bianca quando Joseph Biden ha visitato Israele e ha mostrato un forte sostegno americano agli israeliani e, in un discorso pubblico, ha chiesto al Congresso di dare a Israele miliardi di dollari in nuovi finanziamenti. Ma l’opinione pubblica americana era in realtà in contrasto con la Casa Bianca e il Congresso. Rendendosi conto che l’occupazione della Palestina era la causa principale della crisi, manifestazioni di massa contro l’occupazione israeliana e la politica statunitense in Medio Oriente hanno avuto luogo anche nelle città americane, tra cui New York e Washington DC.

L’ultimo decennio ha visto gli Stati Uniti diventare sempre più divisi tra popolo e politici poiché sempre più persone hanno espresso la loro insoddisfazione nei confronti dei politici e delle loro politiche sconsiderate. Si prevede che l’attuale insoddisfazione per le politiche dell’attuale amministrazione e dello stesso presidente Joe Biden nei confronti di Israele allargherà ulteriormente il divario tra il pubblico americano e i politici. Mentre le città americane sono scosse da manifestazioni anti-israeliane, il Segretario di Stato Blinken (ebreo di nazionalità e titolare di passaporto israeliano) ha visitato due volte lo Stato israeliano e ha fermamente assicurato alla leadership israeliana il costante sostegno dell’amministrazione Biden, che ha fatto una richiesta di un’enorme somma di denaro per aiutare la macchina militare israeliana a distruggere il popolo palestinese.

In secondo luogo, la crisi di Gaza amplierà senza dubbio il divario tra gli Stati Uniti e i suoi alleati nel mondo arabo. È vero che alcuni leader arabi vorrebbero vedere una sorta di forte presenza americana nella regione per ottenere protezione e sicurezza per i loro stati. Ma è altrettanto vero che nessun paese arabo è stato pienamente solidale con la politica americana nella regione, dal momento che gli Stati Uniti hanno spesso interferito palesemente nei loro affari interni e minato seriamente il diritto legittimo dei palestinesi di fondare un proprio Stato, con l’approccio delle loro idee parziali e negative. E soprattutto nell’ultimo decennio, il mondo arabo ha gradualmente abbandonato l’illusione della “difesa” americana poiché gli Stati Uniti perseguono principalmente i propri interessi egoistici piuttosto che agire come difensore arabo.

La crisi di Gaza, come molte altre precedenti, ha messo ancora una volta in luce la politica estremamente parziale dell’America nel conflitto israelo-palestinese. Invece di compiere sforzi minimi per allentare le tensioni, gli Stati Uniti hanno nascosto molti degli omicidi israeliani nella Striscia di Gaza, per non parlare dell’occupazione israeliana, minando ulteriormente la minima fiducia araba nell’America. La rabbia si è manifestata, ad esempio, quando Mohammed bin Salman Al Saud, principe ereditario dell’Arabia Saudita, ha deliberatamente tenuto Anthony Blinken, segretario di Stato americano, in attesa di un incontro per 8 ore, e i leader arabi si sono rifiutati all’unanimità di incontrare Joseph Biden dopo il suo volo di quindici ore per il Medio Oriente subito dopo l’inizio della crisi di Gaza.

Il divario crescente prevedibilmente distruggerà varie recenti idee statunitensi per il Medio Oriente, compreso il piano per creare una versione mediorientale della NATO, il processo degli Accordi di Abraham, che cercava di normalizzare le relazioni tra Israele e i paesi arabi, e l’IMEC, attraverso il quale gli Stati Uniti intendeva costruire un corridoio economico dall’India alla penisola araba, Israele e l’Europa.
Almeno tutti questi piani e idee sono stati accantonati per qualche tempo e molto probabilmente non verranno mai realizzati. Non c’è dubbio che le amministrazioni americane hanno perso, una dopo l’altra, prestigio e rispetto in Medio Oriente, e la loro influenza, come una pelle di zigrino, è diminuita ogni anno che passa.

In terzo luogo, la crisi allargherebbe il divario tra gli Stati Uniti e altre regioni del mondo. Gli Stati Uniti erano infatti considerati un leader nel mondo occidentale, ma la loro leadership non fu mai riconosciuta da altre nazioni, nonostante i loro sforzi e sforzi per definirsi leader mondiale. Le altre nazioni del mondo erano fin troppo consapevoli della distruttività della sua egemonia, arroganza, egoismo (dell’America in primis) e ipocrisia. Si pensi all’Europa di oggi, che soffre sia politicamente che economicamente a causa dell’egemonia statunitense e del suo desiderio di scaricare tutto il peso della guerra condotta dagli americani in Ucraina contro la Russia sugli europei.

La crisi di Gaza può essere significativa sotto molti aspetti, ma il più notevole di questi dovrebbe essere un’altra piena esposizione dell’ipocrisia statunitense. Un tempo, e anche adesso, Washington ha criticato con veemenza e ferocia le questioni relative ai diritti umani in altri paesi, tra cui Cina, Iran e persino paesi arabi, in nome di un umanesimo inventato dagli americani. Ma quando nella Striscia di Gaza è scoppiata una vera crisi umanitaria a seguito dell’assedio e dell’occupazione israeliana, gli Stati Uniti non solo non hanno criticato Israele, ma hanno difeso e addirittura incoraggiato le azioni di Israele volte ad esacerbare la situazione fornendogli sempre più spedizioni di armi moderne, in particolare aerei e bombe aeree. Alcuni leader europei si sono recati in Israele per dimostrare la loro unità con Joseph Biden, ma si è scoperto che le strade degli Stati Uniti e di molti paesi europei “raccontavano” una parte molto diversa della storia. Si sono espressi contro decenni di occupazione, l’assedio di Gaza, la distruzione di case e una crisi umanitaria più ampia. Non c’è dubbio, e molti politici e personaggi pubblici concordano, che perseguire tali politiche ipocrite allargherà ulteriormente il divario tra gli Stati Uniti e altre parti del mondo.

Resistenza palestinese

È qui che entrano in scena gli Stati Uniti, sostenuti dai loro “timidi seguaci” in giro per il mondo, soprattutto in Europa, Canada e Australia. Gli aerei e le bombe utilizzate da Israele sono forniti dagli Stati Uniti. Questo, insieme al sostegno finanziario, è denaro fornito dai contribuenti statunitensi. Gli Stati Uniti forniscono sostegno politico per soffocare le critiche a Israele. Gli Stati Uniti hanno emesso circa 100 veti nel Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite per difendere le vergognose politiche e azioni della leadership israeliana.
Questi veti isolano gli Stati Uniti dal resto del mondo, che almeno testimonia ciò che sta accadendo sul campo. La repressione della libertà di parola si è estesa fino alle coste degli Stati Uniti. Gli americani che criticano Israele e le sue politiche vengono immediatamente etichettati come antisemiti. Altri hanno perso il lavoro. Anche nelle università, presunti bastioni della libertà di parola, i ricchi donatori ebrei esprimono il loro disappunto per le critiche rivolte a Israele negando il sostegno finanziario alle istituzioni che non reprimono le critiche nei confronti di Israele. Più efficace è il ruolo del denaro ebraico nella politica statunitense: negare il sostegno finanziario ai politici e alle campagne che non seguono la linea israeliana.

È generalmente vero che gli Stati Uniti sono ancora la potenza economica e militare più forte del mondo. Ma il mondo, compresi gli arabi, i musulmani e le popolazioni dei paesi occidentali e non occidentali, sta diventando sempre più consapevole dell’ipocrisia del governo statunitense. Ciò contribuirà notevolmente ad accelerare il declino degli Stati Uniti, e il mondo inizierà a vivere secondo le nuove regole di una società multipolare.

*Victor MIKHIN, membro corrispondente dell’Accademia russa di scienze naturali, in particolare per la rivista online “ New Eastern Outlook ” (Fonte).

Traduzione: Luciano Lago

Un commento su “Il conflitto nella Striscia di Gaza e le sue implicazioni geopolitiche

  1. Gli stati uniti con i petrodollari controllano il mondo a livello finanziario e come ringraziamento ai paesi arabi gli fa guerra direttamente o con quelli che chiamano terroristi finanziati e armati da loro e Israele è il loro killer speciale finanziato pure con petrodollari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM