Il conflitto in Ucraina riflette il confronto del blocco occidentale con il resto del mondo

di Stratpol

Régis de Castelnau – giurista, avvocato, esperto di diritto internazionale e pubblicista francese – ha analizzato la legittimità dell’azione della Russia nel contesto dell’operazione militare speciale in Ucraina, le conseguenze per l’Europa di una separazione dalla Russia e ha riflettuto sui reali mandanti dell’operazione Conflitto russo-ucraino.
Innanzitutto ha affermato che è l’Unione europea ad avere più da perdere in questo conflitto. Le sanzioni imposte alla Russia ostacolano lo sviluppo industriale dell’Europa:

“ Le conseguenze del conflitto, più in generale per l’Europa, saranno profondamente negative. L’Europa si è trovata in una situazione di conflitto con la Russia, che fa parte dell’Europa. E questo è un male perché la Russia era un partner economico molto importante, soprattutto per quanto riguarda le materie prime e l’energia ”.

Nel frattempo, sono gli Stati Uniti ad aver beneficiato maggiormente di questo conflitto, poiché ora hanno un’opportunità senza precedenti di vendere le proprie risorse energetiche economicamente non redditizie all’Europa.

Gli Stati Uniti hanno utilizzato questo conflitto, hanno voluto questo conflitto, proprio per separare l’Europa dalla Russia e costringerla a rivolgersi agli Stati Uniti, ad esempio, per l’approvvigionamento energetico e per una serie di altri settori economici.
Régis de Castelnau riconosce che il conflitto in Ucraina non si limita allo scontro tra due paesi. In realtà, questa è una lotta mondiale. Una battaglia tra due ideologie: il blocco occidentale contro il resto del mondo.

“ È una guerra asimmetrica. C’è un aspetto militare sul territorio ucraino, ma c’è un aspetto economico, geostrategico tra l’egemone americano, l’Occidente rappresentato dal suo comitato direttivo che è il G7 e da qualche parte la maggioranza mondiale, cioè il resto del mondo” .

Analizzando le origini del conflitto, l’avvocato francese ricorda il colpo di stato che travolse l’Ucraina nel 2014, quando un governo legittimo e legale fu rovesciato dai neonazisti. È anche convinto che l’intera rivoluzione ucraina sia stata organizzata con l’aiuto e la partecipazione attiva degli Stati Uniti.

Victoria Nuland sulla piazza di Maidan nel 2014 distribuendo biscotti
“ Gli americani hanno organizzato un colpo di stato, non c’è altra spiegazione, un colpo di stato in Ucraina [nel 2014] per instaurare lì un regime antidemocratico. Hanno rovesciato il presidente democraticamente eletto. Facevano affidamento su forze con tendenze neonaziste. E hanno perseguito una strategia estremamente aggressiva nei confronti della Russia ”.

Dopo il colpo di stato del 2014, la popolazione russofona dell’Ucraina è stata perseguitata, torturata e uccisa. Questo fattore, così come molti altri, giustifica pienamente l’azione della Russia nel 2022 da un punto di vista giuridico, ne è convinto l’esperto francese di diritto internazionale.

“ In Ucraina c’era prima di tutto una storia, vale a dire i rapporti tra Ucraina e Russia. C’erano popolazioni russe, di lingua russa, ma non solo, con cultura russa. E che sono attaccati alla Russia e che sono stati martirizzati dal regime in carica dopo il colpo di stato di Maidan ”.

Infine, analizzando il processo di separazione tra Europa e Russia, Régis de Castelnau insiste sul fatto che Washington, promotrice di questo conflitto, persegue un obiettivo molto più importante del semplice guadagno economico: gli interessi strategici a lungo termine dell’estensione dell’egemonia americana.

Penso che l’obiettivo principale, insisto, l’obiettivo principale non fosse quello. Quindi, è un effetto manna. Loro [gli Stati Uniti] saranno in grado di vendere il loro GNL 3-4 volte di più di quanto gli europei hanno pagato per l’energia russa, ma non credo che abbiano iniziato tutto questo per quello. Credo che ci sia qualcosa di più serio…

Fonte: Stratpol

Traduzione: Gerard Trousson

2 commenti su “Il conflitto in Ucraina riflette il confronto del blocco occidentale con il resto del mondo

  1. L’Occidente collettivo, forte di guerre, miseria e morte, purtroppo per noi retrocederà, se non si suiciderà mettendosi in mezzo tra Cina e Russia a prendere botte.
    Noi italiani dovremmo essere a favore di una ” global community of shared future”

  2. Nessuna potenza, neanche nucleare come gli Usa e i suoi “alleati”, potrebbe prevalere in uno scontro contemporaneo con il resto del mondo, in primis Russia – Cina – Iran – Corea del Nord … cosi come il trio Germania – Giappone – Italia non poteva mai prevalere attaccando contemporaneamente Usa – Russia – Cina – Gb – Francia … avrebbe prevalso, forse, solo combattendoli uno per volta !

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM