Il conflitto asimmetrico tra Iran e Occidente: l’Iran sarà bombardato?


di Jan Oberg (*)
Il conflitto tra Iran e Occidente è estremamente asimmetrico. È l’Occidente che, storicamente, ha cercato di influenzare, cambiare, minacciare, pretendere obbedienza, punire (con sanzioni e altro), liquidare politici e studiosi di alto livello, abbattere un aereo civile, demonizzare ed escludere l’Iran. Per non parlare di aver dato a Saddam Hussein le armi chimiche e il via libera per la sua guerra all’Iran nel 1980.

L’Iran non ha fatto alcun danno simile all’Occidente.

Le radici del conflitto risalgono al 1953, quando la CIA degli Stati Uniti e l’MI6 del Regno Unito orchestrarono un colpo di stato, o cambio di regime, a Teheran e deposero il primo ministro democraticamente eletto, il dottor Mohammad Mossadegh, installarono lo Scià e resero dell’Iran il paese più militarizzato della regione (e gli ha dato l’energia nucleare).

L’Iran e l’Occidente sono stati in rotta di collisione da allora su varie questioni. La più grande è stata quella se all’Iran dovrebbe essere “consentito” di avere armi nucleari. Oltre alla forte pressione politica occidentale, dal 1987 sono stati imposti sanzioni ed embargo.
Fin dal primo giorno tutta questa faccenda è stata una sorta di teatro dell’assurdo. Qui si trova una serie di potenze nucleari – Stati Uniti, Russia, Regno Unito, Francia e Cina – che per decenni hanno ignorato arrogantemente ogni tentativo di riduzioni nucleari reali, abolizione nucleare e l’obiettivo delle Nazioni Unite di disarmo generale e completo – e la forza attraverso un accordo che dice all’Iran di non acquisire quelle ami di cui loro stessi ovviamente non potrebbero fare senza.

Inoltre, nella porta accanto vi è lo stato con armi nucleari pesantemente armato, Israele , che – a differenza dell’Iran – è diventato uno stato con armi nucleari negli anni ’60 con tutte le benedizioni dell’Occidente, non accetta ispezioni, non è un membro del TNP (il Trattato di non proliferazione) ed è l’unico paese che viola il lavoro normativo delle Nazioni Unite che risale agli anni ’70 per stabilire una zona legalmente vincolante senza armi di distruzione di massa in Medio Oriente .
Dovremmo essere grati che l’Iran lo abbia sopportato e abbia aderito all’accordo nucleare nel 2015, il PACG .

Il presidente Trump ha ritirato gli Stati Uniti da quell’accordo e pochi hanno capito che si trattava di una grave violazione del diritto internazionale perché il JCPOA faceva parte di una risoluzione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite. E oltre agli effetti psicologici dell’abbandono di quello che è stato uno degli accordi più importanti mai negoziati – a mio avviso, l’alternativa all’epoca sarebbe stata la guerra – ha anche rivolto contro l’Iran nuove e soffocanti sanzioni che hanno aumentato ulteriormente le gravissime sofferenza dei cittadini innocenti di quel paese.

Voglio che i miei lettori sappiano che queste sanzioni includono anche gli aiuti umanitari. Nel 2019 e solo come prova, ho provato a donare l’equivalente di 5 dollari americani alla Mezzaluna Rossa iraniana, quando milioni di persone sono state colpite dalle inondazioni. La banca Nordea ha bloccato il trasferimento con un riferimento sfocato alla “sanzione sul paese”. Ho scritto la storia qui e pubblicato la mia lettera aperta al presidente del consiglio di amministrazione di Nordea. Non una parola in risposta.

Iraniani contro le sanzioni

E qual era – ed è – il motivo? È che chiunque effettui transazioni commerciali con l’Iran sarà punito dal Tesoro degli Stati Uniti. Altri paesi come l’UE hanno de facto e de jure accettato che anche le sanzioni americane all’Iran vengano applicate da loro, il che significa che la legge statunitense è applicata in stati altrimenti sovrani. Ecco perché la mia banca Nordea non trasferisce quei 5 dollari americani per aiutare gli iraniani bisognosi. Nessun media tra le poche migliaia a cui ho inviato l’articolo di cui sopra per riprendere quella storia.

L’Iran e i pericoli della guerra nucleare. Il rischio di una guerra preventiva negli Stati Uniti.
.

Persino il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti ha riconosciuto che l’Iran era conforme a ogni aspetto del JCPOA fino a quando gli Stati Uniti non lo hanno demolito. Successivamente, ha aumentato il livello di arricchimento ma, come affermato più volte dal brillante ministro degli Esteri iraniano (e conoscitore dell’Occidente), Javad Zarif , questo verrà nuovamente ridotto immediatamente dopo che le sanzioni che avrebbero dovuto essere revocate dal 2015 saranno finalmente revocate.
Il futuro

Consentitemi di ammettere due cose prima di continuare qui. Primo, abbiamo ascoltato più che a sufficienza la visione e le prospettive generali degli Stati Uniti / Stati occidentali sull’Iran – in politica, media e ricerca. Abbiamo ascoltato troppo poco di cosa tratta il conflitto e quali sono le opinioni dell’Iran sull’Occidente e sul conflitto e quali potrebbero essere i suoi obiettivi futuri.

Due, non credo che nemmeno l’1% delle persone che danno forma e conducono la guerra mediatica e la guerra politica all’Iran abbia mai visitato il paese o abbia un senso più profondo della sua cultura, storia e persone – e del soffocamento del successivo da sanzioni. Se non lo fai, dovresti dimenticarti di trovare una soluzione pacifica.

La differenza tra l’immagine occidentale generalizzata dell’Iran e la realtà che ogni visitatore sperimenterà è, in poche parole, sbalorditiva.

Mentre il team Biden-Blinken afferma che gli Stati Uniti sono tornati e completamente diversi dai giorni di Trump, non c’è nulla di nuovo. Invece, approfitta del ritiro di Trump. Perché quello che dice è questo:

L’Iran deve prima conformarsi all’accordo e poi gli Stati Uniti potrebbero rientrare – a seconda, sembra, anche che l’Iran sia disposto a negoziare un nuovo accordo in cui saranno incluse molte altre questioni non nucleari – come i missili convenzionali e quale influenza può avere in Medio Oriente in generale e in Siria, Iraq e altrove, e con Hezbollah.

E per fare il suo punto e per continuare a rubare il petrolio della Siria, Biden ha autorizzato un attacco militare alle milizie sostenute dall’Iran all’interno della Siria il 25 febbraio 2021 – nessun commento che sottolinei che si trattava di un atto di aggressione o chiedesse perché gli Stati Uniti ne abbiano ancora strutture militari in Iraq e 11 basi in Siria attorno ai principali giacimenti petroliferi e stiano rafforzandole.

A mio avviso, non esiste l’1% di possibilità che uno Stato sovrano accetti o si uniformi ad un tale dettato. Nessuna delle potenze nucleari esistenti ha aspettato una sorta di permesso da qualcuno quando hanno deciso di passare al nucleare; l’hanno appena fatto.

Inoltre, la Guida Suprema religiosa, l’Ayatollah Khamenei, ha ripetutamente affermato che le armi nucleari sono “Haram” – proibito – secondo il Corano. Da una serie di visite in Iran e da conversazioni con vari esperti, studiosi e persone dei media, ho l’impressione che l’Iran non voglia diventare una potenza nucleare. Vedono che ciò significherebbe un’escalation e legittimerebbe automaticamente le attuali fino a 400 armi nucleari di Israele.

L’intero numero ora ha una nuova cornice. A partire dal 22 gennaio 2021, tutte le armi nucleari esistono in violazione del nuovo, veramente storico, Trattato delle Nazioni Unite sulla proibizione delle armi nucleari , TPNW. In altre parole, l’Iran si trova in una posizione giuridicamente corretta, la maggioranza di coloro che si impongono alle sue politiche lo fa da una posizione di illegalità.

Funerali di Soleimani ucciso dagli americani

Come ho detto, non ci si può aspettare che l’Iran accetti tale ingiustizia, tale bullismo in risposta al suo status di Stato non dotato di armi nucleari.
La mia previsione, quindi, è – e spero con tutto il cuore di sbagliarmi e che accada qualche miracolo – che l’amministrazione Biden concluderà che l’Iran non si sta inchinando ai dettami degli Stati Uniti e non accetterà né il suo contenuto né la sua sequenza.

L’Iran non è l’Iraq dove i soldati hanno rapidamente indossato abiti civili e sono fuggiti nel marzo 2003. Ma l’Iran è una potenza militare molto piccola se paragonata a coloro che potrebbero, e probabilmente, si schiererebbero contro di essa: Stati Uniti, Arabia Saudita, Israele, e membri della NATO. E mentre l’Iran sta rapidamente voltando le spalle all’Occidente e il suo volto si avvicina alla Cina e alla Russia, difficilmente queste interverrebbero con l’esercito a sostegno dell’Iran.

L’Iran ha alcuni vantaggi in quell’equazione di potere – come chiudere lo stretto di Hormuz – ma, ancora una volta, la potenza militare degli Stati Uniti probabilmente aumenterebbe così come le sofferenze del popolo iraniano.

Cosa si potrebbe impedire uno scenario militare così terribile? L’unico altro scenario è che le altre parti, Cina e Russia in particolare, al PACG e tutta l’UE con una sola voce dicano a Biden questo: 1) Riunirsi al PACG, 2) revocare le sanzioni contro l’Iran secondo il PACG e le sanzioni secondarie su di noi, 3) dialoghiamo con l’Iran su come raccogliere i pezzi e iniziare vari tipi di interazione civile e 4) troviamo una formula che permetta a tutti noi di discutere un nuovo ordine stabile per la sicurezza e la pace in tutti Medio Oriente.
Con una sola mossa positiva da parte dell’Occidente, sono certo che l’Iran tornerebbe immediatamente a conformarsi a tutte le disposizioni e sarebbe desideroso di cooperare con l’Occidente.

Sarebbe anche ragionevole che gli Stati Uniti pagassero risarcimenti per il danno arrecato all’Iran e alla sua popolazione sofferente. Ricorda, che più persone sono morte per 13 anni di sanzioni in Iraq che per la violenza militare.

Ragazze iraniane

Tuttavia, con mio dispiacere, l’Unione europea si è dimostrata incapace di trattare nulla di importante con l’unica voce stabilita nel trattato di Lisbona. Non ha potuto riunire i suoi atti riguardanti i rifugiati nel 2015; ha accettato le politiche statunitensi nei confronti dell’Iran e ha anche vacillato miseramente quando si è trattato della crisi del Corona. Prevalgono i nazionalismi.
Sotto Trump, gli Stati Uniti hanno minato la propria capacità diplomatica. È una superpotenza in declino che non è seconda a nessuno in un campo: il militare. Gli Stati Uniti non hanno un MIMAC – Complesso Militare-Industriale-Media-Accademico; piuttosto, verso la sua fine, come l’Unione Sovietica alla sua fine, sono loro stessi un MIMAC. Potrebbero esserci alcuni a Washington che vedono una nuova spinta agli armamenti e una nuova guerra come una gradita distrazione / copertura per la profonda crisi interiore che esisteva ed è ora peggiorata a causa della Corona.

Se l’Occidente ei paesi del JCPOA potessero unirsi e offrire all’Iran qualcosa di ragionevole ed equo nella direzione dei quattro punti sopra, eviteremmo una guerra terribile (o alcune brutte azioni militari) con inevitabili conseguenze regionali e globali. E vedremmo il mondo muoversi in una direzione migliore e più equilibrata in cui l’Iran svolge il suo legittimo ruolo come una delle civiltà ininterrotte più antiche del mondo con una storia che risale al 7000 aC.
E la mia visione a lungo termine in una tale prospettiva?
L’Iran per quanto “diverso” com’è, potrebbe diventare una sorta di Svizzera del Medio Oriente e un attore centrale sulle nuove Vie della Seta, un importante raccordo tra l’Estremo, il Medio e il Vicino Oriente e l’Occidente (Venezia, l’Artico , Belgrado e Londra) – e includere anche gli Stati Uniti se dovessero decidere di diventare uno tra pari e cercare una cooperazione permanente invece del confronto permanente.

*Prof. Jan Oberg , Ph.D. è direttore della Fondazione transnazionale per la pace e la ricerca futura, TFF e membro della rete TRANSCEND per l’ambiente di sviluppo della pace . CV: https://transnational.live/jan-oberg
https://transnational.live

Fonte: Global Research

Traduzione: Luciano Lago

5 Commenti

  • Anonimo
    13 Marzo 2021

    Articolo originale, obbiettivo, aderente alla realtà. Semplicemente perfetto!

  • giuseppe sartori
    13 Marzo 2021

    l’articolista dimentica che l’obiettivo delle elites, di cui gli usa sono la mano armata, non è la pace ma il caos permanente e la distruzione delle strutture statali in tutto il medio oriente e nel nord africa.
    tale piano è ben chiaro sia ai russi che ai cinesi; cosa succederà dio solo lo sa.
    noi POPOLI europei, se non vogliamo fare una bruttissima fine, dovremmo ribellarci ai nostri governi che odiano i popoli.
    anda jaleo jaleo…

    • sublime
      14 Marzo 2021

      Hai detto tutto.

  • antonio
    14 Marzo 2021

    papisti, sionisti, evangelici, anglicani, Goldman banchieri, trafficanti di whisky di schiavi ed oppio non demordono nei loro sporchi affari

  • mario
    14 Marzo 2021

    ebrei il male ASSOLUTO

Inserisci un Commento