Il comandante in capo della Marina ucraina ha dichiarato la prontezza ad azioni militari contro la Russia

Ria Novosti. La Marina militare ucraina si sta preparando ad azioni militari su vasta scala contro la Russia, ha dichiarato il contrammiraglio Aleksej Neizhpapa, comandante della Marina, in un’intervista al quotidiano “Dumskaya”. (dumskaya.net/news/komanduyushchiy-aleksey-neizhpapa-o-razvitii-vms-119359/ )
Secondo le sue affermazioni, il paese intende “riottenere” la Crimea e si sta preparando alla guerra.

Neizhpapa ha dichiarato: “Ci saranno molte perdite – sia tra i nostri soldati che tra la popolazione civile”.

Secondo le sue parole, a Kiev si aspettano attacchi dell’esercito russo nella regione di Kherson con l’obiettivo di lasciar passare l’acqua del Dnepr verso la Crimea:
“Le nostre unità si stanno preparando per tali azioni. Non posso rivelare tutti i piani, ma ecco un piccolo fatto: la gittata del sistema missilistico “Nettuno”* consente di usarlo dall’Ucraina continentale in arrivo su Sebastopoli. Ecco vedremo là”. Il segnale per l’inizio dello scontro sarà il tentativo della Russia di ripristinare il canale della Crimea settentrionale sulla penisola, ha aggiunto il contrammiraglio.

In precedenza, dal Dnepr attraverso il canale della Crimea settentrionale, l’Ucraina forniva fino all’85% del fabbisogno di acqua dolce della Crimea. Tuttavia, dopo il 2014, l’approvvigionamento idrico, unilateralmente, è stato completamente interrotto. I politici ucraini con regolarità annunciano “piani” della Russia per impadronirsi del canale; in realtà, ci sono già fonti di acqua dolce nella stessa Repubblica (di Crimea ndr.).

contrammiraglio ucraino Aleksej Neizhpapa


Negli ultimi anni, la Marina ucraina ha avuto seri problemi. Le vecchie navi gradualmente vengono messe fuori servizio ma mancano risorse per quelle nuove. Allo stesso tempo, Kiev sta attivamente acquistando navi dismesse dall’estero. Così, nel settembre dello scorso anno, la Guardia costiera degli Stati Uniti ha consegnato a Kiev due motovedette dismesse: Drummond (WPB-1323) e Cushing (WPB-1321), costruite nel 1988. Gli Stati Uniti hanno anche annunciato la decisione di regalare alla Marina ucraina altre due motovedette dismesse sempre dello stesso tipo.

  • Missile da crociera anti-nave di fabbricazione ucraina, ha una gittata massima di circa 300 km. Il “Nettuno” si basa sul progetto del missile anti-nave sovietico Kh-35, tuttavia i costruttori ucraini hanno sostanzialmente migliorato la gamma di questi missili e la loro elettronica.

Fonte: Ria Novosti ria.ru/
Tradotto da Eliseo Bertolasi

12 Commenti

  • avatar
    6 Luglio 2020

    Allora i russi si arrendono visto”la bodenza di fuoco dei morti di fame ucraini “.

  • Teoclimeno
    6 Luglio 2020

    Il contrammiraglio ucraino Aleksej Neizhpapa, che appare in foto, non sembra essere un uomo di grande intelligenza.

  • Hannibal7
    6 Luglio 2020

    Poveretti sti ucraini
    Io personalmente davanti alla Russia non avrei il coraggio di schierare neanche una fionda….Putin li farà a pezzi

    • giovanni
      6 Luglio 2020

      forse se gli mandiamo Schettino hanno MOLTE più possibilità che le navi riescano perlomeno ad accendere i motori .
      non dico mettere la marcia “avanti” ma perlomeno accendere i motori prima che un diluvio di Kalibr gli arrivino addosso dovrebbero farcela…..

      • Claudio quaglia
        8 Luglio 2020

        Ho un figlio di 24 anni in Ucraina è un pilota militare , il mio cuore è russo ( ho lavorato e vissuto x20 anni la) sono molto angosciato per tutta la situazione ed ho paura , ora se vado a trovare mio figlio in Ucraina ho grossi problemi in Russia ultimamente ho rifatto il passaporto così facendo non ho più prove del mio girovagare tra le due nazioni ,ma ora devo andare sia in Russia che in ukraina e mi trovo costretto a scegliere.

  • Idea3online
    6 Luglio 2020

    Sicuramente Mamma Orso avrà tenera cura dell’orsacchiotto prodigo e dispettoso. Carezze in famiglia.

  • IVANDRAGO
    6 Luglio 2020

    Il contrammiraglio è in cerca di un aumento di stipendio !

  • eusebio
    6 Luglio 2020

    I russi si sono rotti le scatole di essere minacciati dai sionisti al potere a Kiev, probabilmente non attaccano per non far eleggere Biden, dopo le elezioni USA in 48 ore sono a Kiev.

  • Aigsil
    6 Luglio 2020

    negli emendamenti della nuova Costituzione Russa è espressamente vietato a cittadini stranieri con cittadinanza russa accedere a ruoli politici dal singolo ” городок” al governo centrale. Cosa che è successa in Ucraina e Georgia …in Italia non c ‘è bisogno perché i nostri italianissimi sono già venduti

    • ouralphe
      8 Luglio 2020

      C’è una forca, da qualche parte, che attende gli italianissimi venduti.

  • Fabio
    6 Luglio 2020

    siete veramente buffi, comici a pensare che siamo così idioti da credere che un ammiraglio riveli dei piani di guerra segretissimi a voi mettendo a sicura sconfitta qualsiasi operazione militare

  • Marco
    7 Luglio 2020

    Non importa dove, importa che la fune, che ha da spezzarsi, si spezzi.

Inserisci un Commento

*

code