Il colonnello Khatylev ha decifrato il segnale russo con l’installazione dell’ICBM Yars


Ministero della Difesa della Federazione Russa ha riferito che il secondo missile balistico intercontinentale “Yars” di un silo stazionario in due giorni è stato messo in servizio di combattimento. Quale segnale la Russia ha inviato all’Occidente, ha riferito il colonnello di riserva Sergei Khatylev.

“Nella formazione missilistica Kozelsky (regione di Kaluga), un altro missile balistico intercontinentale Yars è stato caricato in un lanciatore di silos”, ha affermato il ministero della Difesa.
Il dipartimento militare ha osservato che la formazione Kozelsk è la prima delle forze missilistiche strategiche, che saranno riequipaggiate con missili balistici intercontinentali Yars stazionari. Il razzo è stato posizionato nella miniera utilizzando un’unità speciale. L’operazione è durata diverse ore.
La Russia sta installando missili balistici intercontinentali in conformità con il programma di riarmo delle forze missilistiche strategiche (RVSN RF) per il 2022. Un tale passo consentirà a Mosca di aumentare il numero di moderni complessi nucleari.

Il piano è stato approvato e si sta realizzando, questa è la caratteristica principale di mettere il missile in servizio di combattimento, ha detto a PolitExpert il colonnello in pensione Sergei Khatylev. Ha decifrato il segnale di Mosca inviato in Occidente.

“Il fatto che il riequipaggiamento delle forze missilistiche strategiche con l’aiuto dell’ICBM Yars abbia coinciso con il momento dell’NVO, questo sta inviando un chiaro segnale all’Occidente. Nonostante i fenomeni politici ed economici nel mondo, l’esercito russo sta chiaramente realizzando il piano di riarmo “, ha affermato l’esperto militare.
Il potenziale dell’ICBM Yars è molto alto. Le capacità di combattimento della Russia con una tale installazione in servizio aumentano di quasi dieci volte, ha affermato Khatylev.

“A differenza degli Stati Uniti, che per molto tempo non hanno cambiato la loro flotta di missili balistici intercontinentali e armi nucleari in generale, stiamo attuando i piani che abbiamo adottato”, ha detto il colonnello della riserva.
Il missile balistico intercontinentale Yars ha una portata massima di volo fino a 11.000 chilometri. L’errore nel colpire un bersaglio è di 150 metri e la potenza è fino a 150 chilotoni. Adottato nel 2009.

L’analogo americano più “nuovo” è Minuteman III. Gli ICBM sono in servizio con le forze armate statunitensi dal 1970. Il missile basato sul silo è l’unico al Pentagono.

La Russia ha lanciato un’operazione speciale il 24 febbraio. Il suo obiettivo è la denazificazione e la smilitarizzazione dell’Ucraina. Il compito principale è proteggere i civili del Donbass dal genocidio del regime di Kiev.

Il caricamento del missile balistico intercontinentale russo Yars in un lanciatore di silo ha già interessato gli analisti del quotidiano britannico Daily Mail.

Fonte: Polit Expert

Traduzione: Sergei Leonov

4 Commenti
  • Giuseppe
    Inserito alle 17:42h, 16 Dicembre Rispondi

    Chissà, forse adesso gli inglesi e gli americani sentiranno l’odore di polvere da sparo.

    • Matteo
      Inserito alle 19:00h, 17 Dicembre Rispondi

      Eh già invece gli americani che spendono 8 volte il budget russo hanno i missili vecchi, si espongono cosi tanto in Ucraina senza sapere di avere il sedere al sicuro?!?hanno basi segrete dove sono 50 anni che investono miliardi per armi ultramoderne come nel sito dell’area 51.. Non sono filo-americano per carità, ma se fossi Russo ci penserei un po sopra prima di sentirmi così invincibile…

  • Carlo Poggi
    Inserito alle 18:39h, 17 Dicembre Rispondi

    Niente altro che una partita a scacchi

  • Pasquale Rizzardo
    Inserito alle 07:23h, 19 Dicembre Rispondi

    Libero arbitrio e predestinazione.
    Chi può intendere intenda… Chi non può si consoli nell’isola che non c’è!!

Inserisci un Commento