Il Collasso dell’Impero USA


Massicce frodi elettorali negli Stati Uniti
Contrariamente a quanto la CNN, il canale di notizie 24 ore su 24 con sede ad Atlanta, afferma che è “impossibile truccare un’elezione americana” e “che non ci sono mai state prove di accuse simili” negli USA, nonostante quattro anni consecutivi di clamore sull’interferenza russa, le elezioni presidenziali statunitensi del 2020 stanno subendo enormi frodi che superano quelle del 2000 (un caso da manuale finora).

Il mondo intero sta assistendo a questo spettacolo molto angosciante e molti osservatori ritengono che il sistema politico degli Stati Uniti arrugginito e obsoleto non abbia mai avuto nemmeno un funzionamento democratico formale. L’utilizzo di nuove tecniche per migliorare la frode e renderla non rilevabile, invece, non ha mai smesso di migliorare, in particolare nella sua sezione relativa all’ingegneria sociale.

È stata accertata la frode del voto postale. Alcuni stati consentono il voto per corrispondenza fino al 12 novembre 2020 in quella che sembra essere una presa in giro della democrazia che ricorda i falsi frammenti di voto dell’antica Grecia (la frode elettorale era già praticata lì a quel tempo). Altri sospendono il conteggio dei voti mentre altri cambiano i minuti all’ultimo minuto come in un paese del Terzo Mondo da cartone animato. Soprattutto, i media hanno interrotto il presidente Donald Trump quando cerca di denunciare queste elezioni fasulle, dimostrando ancora una volta che il presidente degli Stati Uniti d’America è solo un extra rispetto ai potere veri nascosti che non si preoccupano mai di richiamarlo all’ordine, di mostrargli i limiti delle sue prerogative fittizie o addirittura di liquidarlo fisicamente in caso di forza maggiore.

Brogli elettorali negli USA

Gli Stati Uniti non sono una democrazia ma una plutocrazia oligarchica. Il sistema politico bipartisan degli Stati Uniti è chiuso come lo erano i sistemi autocratici più estremi. Qualunque siano i difetti di Trump, non possiamo biasimarlo per aver avuto il merito di aver esposto il sistema per come è realmente e questa realtà è tutt’altro che confortevole.

Gli Stati Uniti sono il centro dell’Impero e quell’impero sta crollando. I neoconservatori ei loro alleati in Europa si sbagliano gravemente se ritengono che la designazione di Biden / Harris e del clan Obama / Clinton alzerà l’asticella o porrà rimedio a una situazione derivante da una dinamica storica irreversibile. Il ritorno al linguaggio ironico e alla dittatura del politicamente corretto non può più sostituire come illusioni una realtà che rischia di essere molto sfortunata: l’Impero crolla e questo crollo rischia di tradursi in un guerra civile di incredibile violenza il cui impatto sul resto del mondo sarà devastante.

La manipolazione del COVID-19 è stata quindi uno degli strumenti di questa feroce lotta al vertice dell’Impero e non è un caso che nei giorni scorsi un nuovo agente patogeno killer avente fastidiose somiglianze con Hong Kong sta seminando il caos in termini di vite umane (tutte le morti sono sistematicamente attribuite a COVID-19).

Proteste per i brogli elettorali

Una delle grandi lezioni di queste elezioni è che senza quella che è nota come la “pandemia” COVID-19, Donald Trump si sarebbe facilmente assicurato la sua rielezione per un secondo mandato.

I media, i mega social di Internet statunitensi come Twitter e persino la ridicola Greta Thunberg (la manipolazione del riscaldamento globale e la frode del CO2) stanno cercando di ricostruire l’Impero delle bugie e l’immagine perfetta di una chimera in mezzo a rovine e detriti fumanti. Il danno è fatto. Le popolazioni non sono più così assonnate come nel 2000. Qualunque sia l’esito di questa mascherata elettorale statunitense, il trumpismo continuerà.

Per le altre potenze cosiddette “revisioniste”, il sistema politico statunitense resta uno dei più marci e corrotti del pianeta terra. I media cinesi sottolineano che lo spettacolo delle elezioni presidenziali americane è sempre stato di un livello paragonabile a quello dei sondaggi dei paesi sottosviluppati afflitti da violenza e corruzione. Da parte di Mosca, non importa chi vince, si comprende che il vero potere o lo stato profondo degli Stati Uniti non cambierà e sarà sempre ostile alla Russia.

Trump furioso

Tuttavia, questo elettroshock avrà conseguenze inaspettate sulle popolazioni degli Stati Uniti. Una parte dell’opinione degli Stati Uniti è già convinta della necessità di lottare contro un sistema predatore e usurpatore per niente americano. La scelta della gerontocrazia (Joe Biden è biologicamente logoro e potrebbe essere sostituito da Kamala Harris, che è previsto) la dice lunga sui piani a breve termine di The Deep State. Ironia della sorte, la CIA e altre agenzie di intelligence statunitensi hanno applicato agli Stati Uniti quello che facevano ad altri paesi classificati come ostili.
Il ritorno di un boomerang che ricorda una lontana maledizione mesopotamica.

Fonte: https://strategika51.org/2020/11/06/fraude-electorale-massive-aux-etats-unis/

Traduzione: Gerard Trousson

27 Commenti

  • atlas
    6 Novembre 2020

    in azione i democratici. Contro i Socialisti. Ora che avranno il sostegno del futuro presidente usa Biden

    https://it.sputniknews.com/italia/202011069753409-bolivia-attentato-contro-il-neopresidente-arce-alla-sede-del-mas/

  • nicholas
    7 Novembre 2020

    MI chiedo quando crollerà tutto sto sistema?
    Sono passati 3 giorni dell’elezioni americane, ma ancora non si sa chi ha vinto. Mi aspettavo che ieri la borsa di New York, andasse giù di brutto.Invece, nulla. Attendiamo sto benedetto crollo…….

  • carmine
    7 Novembre 2020

    Lo sbocco della crisi Usa sarà la guerra. I gangster Usa creeranno avversari esterni. Inizieranno una lunga campagna ideologica che avrà come sbocco la guerra. I fantocci che fanno i presidenti devono seguire gli ordini delle fabbriche delle armi. Il 60% del bilancio Usa è determinato dalla produzione e vendita di armi. Quelle armi non possono restare in magazzino. Quelle armi devono usarsi. I nuovi equilibri mondiali vedono gli Usa in arretramento Gli Usa mai accetteranno di arretrare. Gli Usa sono antropologicamente un paese di predatori. Si apprestano a mettere in crisi apertamente quegli equilibri. I virus studiato per mettere in gioco quegli equilibri. Si apprestano a distruggere il mondo! I fantocci italiani continueranno a baciare le palle agli americani. In Italia le basi americane sono piene di armi letali. L’Italia sarà il paese che pagherà pesantemente e prima degli altri. Se il popolo non sarebbe quel popolino che è da tempo si sarebbe liberata dalla mafia di Stato al soldo dei guerrafondai Usa. Trump estraneo al “sistema” doveva perdere. Lo hanno fatto con brogli che mai saranno accertati. Se non lo facevano fuori con elezioni fallocche lo avrebbero assassinato e la colpa l’avrebbero data agli iraniani.

    • nicholas
      7 Novembre 2020

      Ma speriamo ciò avvenga presto. Mi sono stancato di sto virus fallocco. Almeno, cambiamo argomento.
      Un bel reset economico-finanziario e sociale.
      Mi piacerebbe vedere la gente ,senza internet e cellulari come farà a sopravvivere!!!

  • Teoclimeno
    7 Novembre 2020

    Il padrone ebreo-sionista-americ-ano sta distruggendo la nostra economia, la società, la sanità, l’istruzione. Ci stanno facendo invadere da orde barbariche negridi, e ci costringono a fare la guerra per loro. Come se non bastasse…horribile dictu, ci stanno sfoltendo. Arrivati a questo punto: “Muoia Sansone con tutti i filistei”. Fuck you America!

    • Teoclimeno
      7 Novembre 2020

      Scusate il lapsus calami: “negroidi e non negridi”.

      • atlas
        7 Novembre 2020

        invece nella tua grande testa hai pensato a scrivere bene: dicasi razze Europoidi Europidi e Negroidi Negridi

        • Teoclimeno
          7 Novembre 2020

          Atlas, ma io volevo scrivere negroide e non negride, perché mi sembrava più dispregiativo.

          Il suo è un lavoro a tempo pieno. Il suo lessico è monotono e denuncia chiaramente la sua persona. Un uomo senza dignità e stile, che ha venduto l’anima per trenta denari.

          • atlas
            7 Novembre 2020

            il disprezzare una razza, Negroide in questo caso, è palese di discriminazione razziale non di razzialismo. Sarò anche monotono ,ma in questo siamo distanti, proprio come vuoi tu con la tua grande testa

            se tu te la sei venduta alla fratellanza ariana giudeo-americana, come credo, mi auguro almeno tu non l’abbia fatto per soli 30 denari, manifesterebbe mancanza di dignità e stile, chiaramente non da uno con la tua grande testa

          • atlas
            7 Novembre 2020

            suggeriscoti di stare attento a Mike Tyson, non credo avrebbe pietà a leggerti, neanche per uno colto e dalla grande testa come la tua

            rifletti un pò prima di scrivere, che ci vuole. Fa meglio una goccia di miele che una bottiglia di aceto. Ma credo che la tua grande testa questo lo sappia già

            ricomprati l’anima Teoclimeno, se vuoi i soldi, se non li hai, te li do io

            kè sono 60 dinari per guadagnare un uomo al paradiso. A me piace fare del bene alla gente, so che dal mio Dio avrò tutto da guadagnare

  • Farouq
    7 Novembre 2020

    Per un osservatore esterno, ad esempio un marziano, gli stati uniti sembrano un enorme luna park oppure un circo gestito da criminali

    Tanti divertimenti e cianfrusaglie varie utili per intrattenere il grande allevamento in attesa della morte

    Il mega mega impianto americano è alimentato con il sangue degli altri abitanti del pianeta per poter funzionare, lo hanno già immaginato nei loro filmini cinematografici

  • Teoclimeno
    8 Novembre 2020

    Atlas, noi siamo distanti in tutto. Non vorrei neppure lontanamente che la mia figura venisse in qualche modo associata alla sua. Repetita juvant: lei è un ebreo convertito all’islam. Un apostata mondialista duo siciliano traditore del suo popolo, come traditori lo furono i suoi antenati massoni, che tradirono Ferdinando II. Nihil novi sub Sole, lei è nel solco della tradizione della tribù dei nasi adunchi.

    • atlas
      8 Novembre 2020

      okkio, malocchio, prezzemolo e … finocchio

      • Teoclimeno
        8 Novembre 2020

        Atlas, lei è alla frutta.

        • atlas
          8 Novembre 2020

          puzzi di massoneria lontano 1000 miglia

          • Teoclimeno
            8 Novembre 2020

            Atlas, è ora di tirare l’acqua.

  • Teoclimeno
    8 Novembre 2020

    Atlas, ho cercato nella memoria, se nella letteratura avessi già incontrato un personaggio che mi ricordava la sua squallida persona. Un essere puteolente, che non toccherei neppure con un bastone e l’ho trovato: “Tersite”

    • atlas
      8 Novembre 2020

      giudizi che non merito, ma evidentemente la montagna (la tua grande testa) è riuscita a partorire il … topolino

      cmq tutto questo odio da te mi fa piacere, combatterò il male col bene, Dio è con me

      • Teoclimeno
        8 Novembre 2020

        Atlas, anche i sassi l’hanno capito: il suo compito è distrarre, disarticolare, confondere ed allontanare gli utenti dal sito.

        • atlas
          8 Novembre 2020

          io sono Nazional Socialista di Famiglia, da quando ero in fascio, ce l’ho nel sangue, nella carne, non sarò mai corretto per gente come te e la maggior parte della gentaglia italiana e anche di tantissimi miei connazionali. Puoi scrivere contro i giudei quanto vuoi non mi freghi. Dai tuoi primi commenti me ne sono accorto, sono più da CLUB di forza italia che da CUIB di forza nuova

          • Teoclimeno
            8 Novembre 2020

            Atlas, lei è un perfetto “crétin des Alpes.”

  • atlas
    8 Novembre 2020

    e smettiamola di prenderti per il culo teolomeno. Purtroppo (sempre per te) IO non sono un politicamente corretto, non lo sono mai stato, nemmeno quando da bambino mi pisciavo addosso, se no sarei democratico

    va bene che devo dar retta alla redazione, ma c’è differenza fra l’essere più controllato e meno scurrile e il dover continuamente tollerare un principe di Galles come te, che per me siete stati nella vita sempre degli strofinacci sporchi borghesi nemmeno da mettere più in lavatrice, solo da buttare

    se devo essere scorretto lo so fare anch’io, so essere dolce come il miele con i compagni camerati e ii peggiore delinquente con i dinoccolati damerini. Donna avvisata già mezza chiavata.

    • Teoclimeno
      8 Novembre 2020

      Atlas, lei è un emerito emmerdeur professionnel. Vorrei precisare che io non chiederei di meglio che essere lasciato in pace. Come del resto le ho ripetutamente chiesto, ma lei continua imperterrito ad insolentirmi con le sue flatulenze ano-religiose-duo siciliane. Di cui non me ne potrebbe importare meno. Provo ancora a dirglielo per l’ennesima volta: pensi quello che vuole, creda quello che vuole, scriva quello che vuole, ma mi lasci in pace. Insomma, non mi insolentisca con i suoi commenti.

      • atlas
        8 Novembre 2020

        è evidente che il metterti nudo per quello che sei in realtà ti disturba molto. E’ il mio lavoro, formazione professionale che mi è rimasta. I miei commenti non ti deformano, ti descrivono. E non è un bello spettacolo

        prega il tuo architetto dell’universo che muoia presto perchè sin che sono vivo sarai sempre un sorvegliato nemmeno speciale, ma di bassissimo livello, che più in basso si scava

        • Teoclimeno
          8 Novembre 2020

          Atlas, lei è una macchietta da strapaese, un avversario indegno. D’ora in poi ignorerò completamente i suoi commenti. Non ho tempo da perdere con un infimo plebeo come lei, e rispondere ai suoi commenti insulsi.

          • atlas
            8 Novembre 2020

            eh già, tu c’hai il capo grosso, e chi sei, al CAPOne ? Di dove sei, di città del CAPO ?

            Ma non fare colpi di TESTA

  • MADRE NATURA
    8 Novembre 2020

    Il collasso del impero israhelll
    Il collasso del impero indiano
    Il collasso del impero turco

Inserisci un Commento