Il capo dell’Opposizione Venezuelana, Guaidò, naufraga nel ridicolo, respinto dai suoi ex sostenitori

Questa potrebbe essere la scena finale del reality show dell’impostore Guaido e dei desideri del governo surrealista del Venezuela.

Le cattive abitudini sono difficili da rompere. Avendo provato a prendere la presidenza in un colpo di stato, Guaidó adesso prova a prendere possesso nell’Assemblea nazionale in un altro modo.

Combattimenti di pugni e urla sono scoppiati nell’Assemblea nazionale del Venezuela il 5 gennaio, quando l’organismo legislativo doveva eleggere il suo leader. Ma la rissa ravvicinata non era come descritta dai media corporativi americani.

I combattimenti non sono stati tra i chavisti che sostengono la rivoluzione bolivariana e il presidente Nicolás Maduro da un lato e i membri dell’opposizione dall’altro, ma sono avvenuti tra gli stessi componenti dell’opposizione in competizione fra loro.

L’opposizione è esplosa perché Juan Guaidó, ex presidente dell’Assemblea nazionale e autoproclamato “presidente ad interim” del paese, ha perso la sua campagna per essere rieletto a capo della legislatura.

L’opposizione venezuelana è in uno stato di disastro, come lo è stata dalle prime elezioni dell’ex presidente Hugo Chavez nel 1998. È una coalizione flessibile e in continua evoluzione di una dozzina di partiti politici, con diverse ideologie, strategie e circoscrizioni. Nonostante gli ingenti finanziamenti in dollari ricevuti dagli USA, l’ooposizione non è riuscita a raggiungere alcuno dei suoi obiettivi.

L’estrema destra, che comprende principalmente i partiti della “Voluntad popular” e di “Primero Justicia”, è piena di persone che hanno ricevuto supporto finanziario e logistico dagli Stati Uniti negli ultimi 20 anni.

Nel colpo di stato del 2002 contro l’allora presidente Chavez, l’estrema destra prese il sopravvento ed escludeva l’opposizione più moderata dalle posizioni di potere. I moderati hanno imparato la lezione sbagliata: invece di sfidare il diritto di intromissione sostenuto dagli Stati Uniti, questa è crollata davanti a loro, accedendo ai loro piani di cambio di regime e manovre antidemocratiche.

In ogni caso c’è stata un’importante divisione tra i moderati e gli estremisti durante le elezioni presidenziali di maggio 2018. I moderati hanno ignorato le chiamate dell’estrema destra a un boicottaggio e hanno ottenuto 3 milioni di voti alle elezioni presidenziali, di un elettorato votante di circa 15 milioni di persone (con circa 20 milioni di elettori ammissibili).

Nel settembre 2019, queste figure di opposizione moderata si sono incontrate con l’amministrazione Maduro e hanno raggiunto un ampio accordo che includeva un rifiuto bipartisan delle sanzioni statunitensi e la nomina di nuovi membri del Consiglio elettorale nazionale.

Tra questi, i moderati e i chavisti rappresentano ora oltre 9 milioni di voti, che rappresentano il 60 percento degli elettori probabili e il 45 percento degli elettori ammissibili. Questo dialogo tra due importanti settori della politica elettorale del Venezuela aiuta a spiegare perché settembre, ottobre e novembre sono stati senza dubbio i tre mesi più stabili per il Venezuela nell’ultimo anno. Il dialogo ha portato direttamente agli eventi del 5 gennaio a Caracas.

Un’opposizione mal divisa dà l’addio a Guaidó

Juan Guaidó, dell’estrema destra del Partito Popolare della Volontà, è stato capo dell’Assemblea nazionale dal gennaio 2019. Questa è la posizione che lui e gli Stati Uniti erano soliti giustificare proclamando lui come il presunto “presidente” del paese. Ma il 5 gennaio ha dovuto affrontare una dura nomination per la rielezione.
Mentre entrambe le parti si scambiavano rivendicazioni infondate di influenza sulla corruzione, divenne chiaro all’inizio del giorno che l’opposizione moderata avrebbe unito le forze con Chavismo per sostituire Guaidó.

Con 150 dei 165 membri presenti, l’Assemblea Nazionale ha eletto Luis Parra come nuovo presidente. Parra, del partito di opposizione della Prima Giustizia di destra, è stato eletto con 81 voti. Franklin Duarte, del partito cristiano conservatore COPEI (uno dei due principali partiti politici del Venezuela prima della rivoluzione) è stato eletto vice presidente dell’assemblea.
José Gregorio Goyo Noriega, del Partito Volontario Popolare di Guaidó, è stato eletto come secondo vice presidente dell’Assemblea Nazionale. E Negal Morales, dell’azione democratica neoliberista (l’altro importante partito prima della rivoluzione) è stato eletto segretario dell’organo legislativo.
Le quattro parti sono fermamente in opposizione, negando le affermazioni secondo cui il presidente Maduro ha assunto in qualche modo il potere legislativo.
Almeno 30 membri moderati dell’opposizione si sono uniti ai Chavistas per eleggere due persone di partiti di estrema destra per le posizioni più alte nell’Assemblea Nazionale. Il Venezuela è un paese complicato, con una sua logica che sfida il significato, così come la sua economia. Questa manovra di Chavismo e dei moderati è il prossimo passo per rompere una situazione di stallo politico che ha paralizzato il paese dal 2016.

Primeo Justicia esemplifica al meglio le divisioni all’interno dell’opposizione, poiché è probabilmente il partito politico più diviso nel paese. Contiene Parra, che ha partecipato al dialogo con il governo. In una conferenza stampa dopo aver imprecato, ha detto: “Noi [l’opposizione] non siamo più impegnati nello scontro, la nostra prima e grande sfida è quella di porre fine allo scontro … inizieremo un modo di depolarizzazione del paese e della legislatura. »
Questo partito contiene anche la notoriamente intransigente Julio Borges, che si riferiva alla migrazione venezuelana come una pestilenza (alimentando la xenofobia anti-venezuelana sfrenata e, in alcuni casi, sponsorizzata dallo stato). Borges ha anche chiesto un’opzione militare USA per eliminare Maduro.
Le divisioni della Primero Justicia riflettono quelle che hanno diviso l’opposizione nel suo insieme: un’ala che vuole convivere con il governo contro un’altra che richiede una conquista totale.
L’episodio finale di un surreale reality show?

Quando è divenuto chiaro che stava per perdere la sua rielezione, Guaidó, sempre più ridicolo, presentando l’ultimo episodio del suo parallelo reality show. Ha convinto alcuni dei giornalisti più sfacciati del mondo mentre riferisce che le forze di sicurezza gli hanno fisicamente proibito di entrare nell’Assemblea nazionale. Le prove video mostrano il contrario.

Fonte: News Front.es

Traduzione: Lisandro Alvarado

1 commento

  • Nonickname
    11 Gennaio 2020

    GUAIDOG SERVO STATUNITENSE È POLITICAMENTE MORTO IN VENEZUELA DA ALMENO DEI MESI……

Rispondi a Nonickname cancella risposta

*

code